Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Stop alla caccia dove si avvelenano i cani

| 25 marzo 2010 | 63 Comments

Bocconi avvelenatiNonostante la legge e le campagne di stampa, triplicati i casi di animali uccisi. Proposta di Wwf, Italia Nostra, Lav e Ceda

Vietare la caccia e la raccolta di funghi e tartufi nelle aree in cui siano stati gettati bocconi avvelenati e attivare con procedure rapide la sospensione o revoca dell´autorizzazione alle aziende faunistico-venatorie dove si riscontrino legami con gli avvelenamenti di animali. Sono le proposte di Wwf, Italia Nostra, Lega antivivisezionista (Lav) e Comitato europeo difesa animali (Ceda) per contrastare più efficacemente la barbarie delle esche avvelenate. Un fenomeno sempre più allarmante. Secondo la Polizia Provinciale, nel 2009 in provincia di Firenze gli avvelenamenti sono triplicati rispetto al 2008, con un balzo da 163 a 484 episodi. Nel 2009 sono stati avvelenati 252 piccioni, 100 galline, 97 cani, 19 gatti, un lupo, 2 istrici, 4 scoiattoli. Negli ultimi tre anni nel solo comune di Impruneta sono stati uccisi 15 cani, un gatto, 50 lepri, una volpe. Gli avvelenamenti avvengono anche in città, e le cause sono molteplici. Nelle aree rurali però le indagini hanno accertato la responsabilità di certi ambienti di cacciatori e di aziende faunistico venatorie dove sono state trovate anche trappole, tagliole, lacci e veleni.
FRANCA SELVATICI

Tratto da La Repubblica

Rassegna stampa Provincia di Grosseto
http://www.provincia.grosseto.it

Category: .In Evidenza, Toscana

Comments (63)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. lucas scrive:

    Gli avvelenamenti non c’entrano un tubo con la caccia.
    Le istituzioni che un tempo si occupavando di contenere i nocivi ora non lo fanno più (non lo possono fare, mancando gli strumenti normativi adeguati) la gente, abbandonata a se stessa, si organizza con i metodi del nonno.
    Finché voi animalisti non capirete che esistono delle esigenze prioritarie rispetto al vostro pietismo piagnucoloso, le cose andranno sempre così, anzi, sempre più così.

  2. francobarca scrive:

    ….ma cosa centra stà cosa con la caccia…tutto fa brodo per questi poveri brodi!!!
    saluti.

  3. corradoG scrive:

    perchè secondo coi dove ci sono bocconi avvelenati noi andiamo con i cani a caccia?

  4. claudio di anzio scrive:

    Come direbbe Di Pietro, ma che c’azzecca con i cacciatori. Forse anelano ad uccidere galline ,cani ,gatti ,istrici o scoiattoli per farne cosa? Solo da WWf, Italia Nostra, Lav e Repubblica possono essere dette queste ….. Ma andate a lavorare sul serio per favore

  5. Giulio Usai scrive:

    Che la pratica illegale dei bocconi avvelenati debba essere condannata senza riserve è un fatto su cui nessuno può obbiettare, ma associare questa pratica alla caccia è l’ennesimo esempio di strumentalizzazione contro l’attività venatoria che queste Associazioni non mancano mai di dimostrare, avvalorando ogni volta la loro malafede e il loro pressapochismo.
    Generalizzare, addossando colpe a qualcuno quando si sa che il fenomeno ha sfaccettature e natura diverse e complesse è un sintomo di debolezza che si tenta di nascondere con azioni dagli effetti speciali.
    Vorrei chiedere a questi signori cosa propongono di fare quando questi fatti avvengono – ad esempio nei parchi – dove la caccia è già interdetta e in tutti gli altri casi in cui la pratica di “seminare” bocconi avvelenati viene fatta in tempo di caccia chiusa…
    La pratica del processo sommario e di emettere la sentenza, senza giudice e senza difesa, è tipica di chi è incapace di sostenere in modo credibile le sue accuse.
    È una vergogna che si aggiunge alle tante altre e una macchia in più che insozza ancora di più questo bieco ambiental/animalismo che opera in Italia.

    • Ezio scrive:

      “La pratica del processo sommario e di emettere la sentenza, senza giudice e senza difesa, è tipica di chi è incapace di sostenere in modo credibile le sue accuse.”

      Caro Giulio questa notizia era già “uscita” qui…

      Se lo ritieni opportuno vai a leggere i post di allora, così ti puoi fare un’idea di come siamo bravi a “difenderci” tra di noi.

      E’ più che ovvio che tra i cacciatori ci siano persone non corrette e mi chiedo in quale categoria esistano…

      E sicuramente vanno isolati.

      Ma da li ad esaltare le teorie balzane dei soliti noti e magari fornire NOI stessi e CONTINUAMENTE ai nostri NEMICI VERI conferme degli spropositi …scusa….che dicono e scrivono, mi pare veramente il colmo.

      E che siano spesso spropositi lo si vede anche in questo documento …

      L’avevamo già evidenziato… E ‘sufficiente notare quali animali siano stati colpiti dal fenomeno per capire che i cacciatori c’entrano proprio poco se non nulla.

      Eppure….

      Per parte mia sono orgoglioso della mia setta che comprende Federfauna e Wilderness..

      • Giulio Usai scrive:

        Scusa Ezio leggo solo ora.
        Lo so che ci sono mille contraddizioni anche tra noi, speriamo che ora ci stia avviando nella direzione giusta per evitare di sparaci sui cosiddetti da soli.
        Condivido anche io la tua setta naturalmente.
        Un caro saluto.

  6. Fabrizio Arena scrive:

    E eccoci dove volevano arrivare!! a pensar male…..come diceva qualcuno !!!

  7. stiv scrive:

    Ma come si fa a tirare fuori certe bischerate.
    Con che criterio nel calcolo della superfice da interdire alla caccia in un caso simile si va ad agire?
    Su che basi si ritiene colpevoli i cacciatori di azioni di questo tipo?
    Se hanno delle certezze che presentino nomi e cognomi di chi ha commesso determinati reati e che venga perseguito ma che qualcuno e intendo le ass. Venatorie le diffidi legalmente dall’associare una intera categoria da certi reati !

  8. Giusti Giacomo scrive:

    Ma cosa si commentano a fare quelle bischerate da mentecatti laureati?
    Tutto e`colpa della dei cacciatori,anche gli incendi erano i cacciatori ad appiccarli,ma intanto non e`stato mai preso un cacciatore ad appiccare fuochi,di ambientalisti si.
    Di questo quel giornaletto non ne ha mai parlato.

  9. Rudi4x4 scrive:

    Questi sono alla frutta davvero!!!!
    Ormai non sanno piu’ dove appendersi…..pur di arrivare all’obbiettivo loro………bene cosi’ la gente si renderà conto di che pasta sono gli Animalscrocconi Italiani!
    Dai che se rompono a chi va in cerca di funghi, a chi pesca , agli agricoltori ……a chi fa fuoristrada e altri sport nelle montagne…….si troveranno a votare loro in un eventuale Referendum….

    Pazzesco…….cose da psichiatria!!!!

  10. Ezio scrive:

    Stop anche alla raccolta dei tartufi in quei luoghi…

    Perchè poi non Stop proprio alla detenzione dei cani in genere così si risolve a monte tutta una serie di problematiche.

    Anzi no…aboliamo solo e soltanto la caccia così risolviamo proprio tutti i problemi mondiali.

    Incredibile!! Bisogna proprio avere un bel coraggio!!!

    Qualche giorno fa la figlia di un mio amico è stata aggredita …..ed ha riportato gravi lesioni… da alcuni cani lasciati liberi di gironzolare intorno ad una casa dove abita un …ANTICACCIA!!!

    Ma guarda un po il mondo come gira….

    P.S.:”Wwf, Italia Nostra, Lav e Ceda”…. non mi paiono nomi nuovi….

  11. francescorm scrive:

    Questi saranno pure alla frutta ma dove sono quelli che dovrebbero contestarli e denunciarli e costituirsi parte civile se queste accuse sono infondate e senza prove oggettive?Se a questi dobbiamo dare una lezione questo è il momento,dobbiamo andare a votare e fare terra bruciata intorno alle loro teorie e a chi le sostiena.Non ci sono scuse per disertare le urne con il non voto diamo un vantaggio soltanto a loro che ci andranno in massa,troviamo un candidato vicino al mondo venatorio o partiti che si riconoscono nella caccia e sosteniamoli.Non facciamo il classico ragionamento,castrante solo per noi,:” per far dispetto a mia moglie che mi tradisce mi taglio gli attributi”. Teniamoceli stretti,noi che li abbiamo.

  12. lorenzo scrive:

    ma lasciateli fare sono dei poveracci.

  13. leo scrive:

    Un tipico esempio di come le associazioni che sono sempre contro vogliono dialogare con il mondo venatorio.

    • STW scrive:

      Purtroppo a forza di “lasciarli fare” abbiamo visto dove siamo arrivati: alla più totale e assurda mistificazione della realtà e alla monopolizzazione dell’informazione.
      Invece bisogna combatterli ad oltranza, smentire le enormi puttanate che dicono.
      Poi vorrei capire chi è quel cacciatore che ha avvelenato 100 galline… :roll: :roll: :roll:
      Uno che forse aveva paura che i polli togliessero il cibo ai fagiani? Siamo alla più totale alienazione dalla realtà! 8O

  14. BASTEREBBE COLLOCARE UN BOCCONE AVVELENATO IN OGNI COMUNE D’ITALIA E IL GIOCO E’ FATTO!!!!! SI CHIUDE LA CACCIA IN TUTTO IL PAESE!!! UNA BELLA TROVATA NON C’E’ CHE DIRE!!! SENZA COMMENTI!!!
    DIEGO.

  15. henri (radere igor) scrive:

    Vietare la caccia e la raccolta di funghi e tartufi

    Ci siamo, hanno cominciato anche con le altre categorie dei fruitori dei boschi.
    Che siano fatte le opportune indagini, non vorrei che alla fine risultasse che a seminare bocconi sia magari un loro iscritto.
    Ma il coordinamento per la difesa della cultura rurale, non intende magari intervenire su queste cose? Se non scende in campo per rispondere a queste affermazioni, per cosa è nato?

    Nuovo saluto.
    Vincere…e vinceremo!

  16. Ezio scrive:

    Esatto Leo!!

    Noi chi vuole dialogare con noi e ci chiede magari aiuto già ce lo abbiamo e magari li snobbiamo pure.

    A questi dobbiamo chiedere il permesso di esistere…. :evil:

  17. Mario Bartoccini scrive:

    Resta inteso che gli animalisti non informano i propri “bamboccioni” che è assolutamente vietato far scorazzare i cani sul territorio agrosilvopastorale quando è in corso la riproduzione degli animali selvatici.

    A noi vietano la caccia dal 1° febbraio, perchè tutti gli animali selvatici sono in atteggiamento “nuziale”.
    E noi paghiamo altro danaro per frequentare le Zone Addestramento Cani.

    Contestiamo l’animalismo bugiardo e vigliacco! Altrimenti ci accuseranno di avere avvelenato la “topa nera”!!!!!!!

    Saluti cordiali.

  18. Massimo Paneni scrive:

    SPLENDIDO PASSAGGIO : “… nelle città gli avvelenamenti hanno cause molteplici, nelle campagne, però, la colpa è dei cacciatori….”. Mi raccomando signori delle AA.VV. , NON denunciateli….!!!!

  19. fabrizio scrive:

    proposta semplicemente delirante e frutto di un malcelato malanimo verso chi vive il mono rurale, come cacciatori, pescatori, raccoglirtori di tartufi e di funghi…..

    la caccia o la raccolta di tartufi cosa c’ entrano coi mentecatti che spargono bocconi avvelenati?

    si attaccano a qualsiasi pretesto per proporre rappresaglie contro chi non c’ entra nulla.

    certa gente se ne stia in citta’ , dato che la natura la vive solo o quasi solo alla televisione, e lasci il mondo rurale a chi ci vive…..hanno gia’ fatto anche troppi danni!!!

    Fabrizio

  20. roberto scrive:

    Ecco che all’improvviso le solite sigle ambientaliste hanno trovato la soluzione al dramma degli avvelenamenti.La caccia è la colpevole di tutti i danni ambientali del mondo,noi provochiamo frane,alluvioni,terremoti,avveleniamo terra, mare, cielo, disboschiamo, incendiamo e quant’altro minaccia il pianeta!!!!!!! Ma per cortesia smettetela e mettetevi seriamente a discutere con noi in modo costruttivo per pianificare una giusta legge che ci avvicini veramente alla realtà degli altri paesi europei,dove i vostri colleghi si confrontano in maniera democratica con il mondo venatorio ed insieme cercano di trovare il punto d’intesa fra una caccia sostenibile e un ambiente tutelato.Il vostro fondamentalismo tipico dell’ambientalista italiano,vi ha portato fuori dal parlamento e fuori dal cuore e dalla mente del cittadino medio italiano.RIFLETTETE prima di fare certe dichiarazioni che poi si rivoltano verso di voi,qualcuno potrebbe credere che gli avvelenamenti succitati siano operati per poter chiudere quelle zone all’attività venatoria.
    Roberto C. da carbonia

  21. bosco64 scrive:

    Secondo voi i cacciatori si avvelenano le lepri da soli !!

    Adesso siamo diventati anche masochisti. Mah !!

  22. cialluk scrive:

    A questa gente che delira,consiglio di non fare più colazione con il vino , la mattina,ma di prendere un caffè,forse si renderanno conto,dopo che si saranno tolti i paraocchi,delle baggianate che mettono in giro.

  23. fabrizio scrive:

    Mi pare che l’ esternazione di cui e’ oggetto il post sia diffamatoria, laddove vengono additati molto genericamente (testuale) “….le indagini hanno accertato la responsabilita’ di certi ambienti di cacciatori……”.

    CHI HA SCRITTO QUESTO COMUNICATO forse IGNORA CHE LA RESPONSABILITA’ PENALE E’ PERSONALE, come forse ignora che le indagini penali NON ACCERTANO RESPONSABILITA’ DI “AMBIENTI” MA DI INDIVIDUI BEN PRECISI…….

    In compenso approfitta dei fatti per gettare un’ ombra di colpevolezza sui cacciatori genericamente additati al pubblico come autori dei misfatti.

    Se chi ha formulato tale assurda accusa conosce fatti, nomi e circostanze, che aspetta a parlare e a indicare i responsabili alle autorita’ competenti ?

    altrimenti piu’ bella figura sarebbe tacere ed evitare di denigrare persone che non c’ entrano nulla solo perche’ cacciatori.

    In ogni caso le indagini di polizia giudiziaria sono coperte da segreto istruttorio, almeno fino al rinvio a giudizio………..e allora -se cio’ che scrive l’ autore e’ vero- come fa l’ autore a conoscerne gli esiti ??

    la maggior parte di avvelenamenti di animali avviene nelle citta’, quindi logica vuole che l’ autore chieda anche lo svuotamento delle citta’ dalla presenza umana, per permettere agli animali di viverci indisturbati………come mai due pesi e due misure???

    Fabrizio

  24. renzo scrive:

    Non commento nemmno l’articolo. Ma pensate quanto deve soffrire uno che sta annegando, si attacca anche al possibile salvatore e cerca di mandarlo sotto per stare a galla .
    A proposito se dovessi salvare da annegamento uno di loro….. non so nuotatre ( almeno in quel momento )

  25. renzo scrive:

    non so nuotare — non nuotatre
    scusate

  26. SPRINGER scrive:

    Ci sono delle volte in qui l’ ipocrisia si taglia a fette su questo sito . E questa , assieme a quella scorsa , e’ una di quelle volte .

  27. Giusti Giacomo scrive:

    Tanto per cambiare!!!
    :?: :?: :?: :?:

  28. Ezio scrive:

    “Nel 2009 sono stati avvelenati 252 piccioni, 100 galline, 97 cani, 19 gatti, un lupo, 2 istrici, 4 scoiattoli. Negli ultimi tre anni nel solo comune di Impruneta sono stati uccisi 15 cani, un gatto, 50 lepri, una volpe.”

    “Gli avvelenamenti avvengono anche in città, e le cause sono molteplici. Nelle aree rurali però le indagini hanno accertato la responsabilità di certi ambienti di cacciatori…”

    Caro Springer quando hai ragione hai ragione!! Nulla da eccepire!!!… :D

  29. SPRINGER scrive:

    Lo spessore della” fetta ” adesso e’ aumentato .

  30. Giusti Giacomo scrive:

    Springer :D
    Chi e`stato ad aumentare la”fetta”io o Ezio?
    Tutti e due o io solo?
    Te naturalmente dalla”fetta”tu sei escluso vero? :-)

  31. Ezio scrive:

    Dai Giacomo!!! Pure tu!!!

    Lo sai che Springerone è incondizionatamente dei nostri!!!… :mrgreen: :lol:

    • SPRINGER scrive:

      …… e lo spessore di polvere da nascondere sotto il tappeto e’ alto un dito ….

      • Ezio scrive:

        Il nostro è sicuramente spesso un dito, quegli “altri” che ci vogliono insegnare a vivere… di “rumenta” da nascondere ne hanno a tonnellate e riescono pure a “venderla” come se fosse oro, ovvero “verità assolute ed incontestabili”….

        • SPRINGER scrive:

          Io sono abituato a tener pulita PRIMA casa mia poi semmai dire che e’ sporca quella degli altri . E su questo argomento Ezio , in casa nostra di sporcizia ce ne e’ ancora troppa .
          Poi semmai puoi dirmi , e in questo non ti contraddico , che la nostra non e’ la sola casa che ha bisogno di pulizia visto che muoiono pure i Piccioni e le galline e qualche ” erbivoro ” . Questo non vuol dire comunque che non si debba parlarne . Come non e’ negandolo che si passa per lindi e immacolati . Anche perche’ solo noi crediamo che gli “altri ” non sappiano ( vedi il commento di Gianni ) facendoci pure la figura dei fessacchiotti .

        • Ezio scrive:

          Nessuno nega un bel niente…anche se un po’ di prudenza in più non guasterebbe visto anche l’esempio moooolto sveglio che ha fatto Fabrizio.

          E come al solito, COMUNQUE, questo è un problema nella gestione ambientale e faunistica del tutto MARGINALE e come al solito viene ingigantito dai soliti noti come una marea di altri problemi MARGINALI, come il saturnismo ed altre amenità del genere, per dipingerci dai soliti noti agli occhi della opinione pubblica come dei delinquenti da estirpare.

          Nel frattempo accadono le vicende “Lambro” e disastri ambientali di ogni genere.

          Un po’ come nel “ramo” politica, Si riempiono giornali di vicende “rosa” mentre miliardi di euro vengono dirottati su ciò che fa più comodo e non su ciò che è più utile.

          Io sono abituato a dare importanza alle priorità vere e ce ne sono tante su cui discutere.

          In quanto a Gianni lo sappiamo benissimo come la pensa.

          Però lui non è un cacciatore e può anche permettersi di farsi distrarre dalle sirene.

          Noi no!! Questo lusso non ce lo possiamo proprio permettere!!

          Spero di essere stato chiaro.

          P.S.: Sta sera stesso giro di venerdi scorso e visti 43 caprioli 8O 8O

    • Giusti Giacomo scrive:

      A volte mi lascia un po`perplesso caro Ezio.
      Ma sicuramente sara`dei nostri.!!!!
      Vede troppa polvere e ipocrisia dalla parte dove c’e`sicuramente ma,dall’altra quanta in piu`?
      Pero`giustamente dice il caro Springer,che bisogna guardare prima in casa nostra.
      Mah!!!!!!

  32. Gianni scrive:

    Dai, sapete benissimo che in certe aziende venatorie finita la caccia mettono i bocconi avvelenati per eliminare i “nocivi”, come dite voi. O siete ciechi o c’è un po’ d’ipocrisia.

    Sono di passaggio, quindi chi eventualmente mi risponderà non riceverà risposta, non per maleducazione ma perchè sono di nuovo in partenza. Saluti.

  33. fabrizio scrive:

    c’e’ sempre chi vede la pagliuzza nell’ occhio degli altri ma non la trave nel suo occhio.

    qualcuno potrebbe anche argomentare che i bocconi avvelenati li spargono “certi ambienti anticaccia” cioe’ da certi imprecisati individui che gravitano nell’ area dei nostri nemici, per diffamare i cacciatori e crearsi un’ immagine di difensori dell’ ambiente del tutto usurpata.

    tra i nostri nemici c’ e’ stato anche qualcuno che predisponeva discariche abusive per poi farsi filmare davanti ad esse dalle telecamere e acquisire una facile notorieta’ creando allarmismo……

    naturalmente non crederei ad un’ accusa cosi’ pretestuosa, anche perche’ so distinguere tra chi agisce in buona fede e chi vende fumo !!

    Fabrizio

  34. pluto scrive:

    X Gianni …. Hai detto bene qualche azienda , ma li scommetto che la caccia non la chiudono !! la proposta e valida anche x i tartufai ? adesso i bocconi non vanno piu di moda ,si fanno piani di controllo , si va a volpi in braccata ,e con carabina all’ aspetto ,e le gazze le prendiamo con le trappole ! solo ai topi ci si mette il veleno ,per ora !!

  35. ilio scrive:

    Come circa una decine di anni fa che i nostri “amici” fecero un carico di bossoli su vari tiri a piattello facendoli passare come residui lasciati dai cacciatori sui luoghi di caccia tranne poi essere scoperti e sconfessati con tanto di notizia su giornali e tv, come è successo che di notte scaricavano furgoni di immondizia facendola passare come recuperata lungo le sponde dei fiumi e delle campagne sempre sconfessati da testimonianze, o come incendi appiccati sempre dai soliti “amici”e presi con le mani nel sacco, o bliz per liberare uccelli come pappagalli ecc.. e mammiferi come le nutrie i visoni ecc.. Sono proprio bravi i nostri “amici” soprattutto se trovano terreno fertile anche su qualche cacciatore che gli da man forte, annebbiato e inebriato dalle loro menzogne.

  36. Ezio scrive:

    Ilio, ti offrirei una cena a base di tartufi!!! Bianchi ovviamente!!

    La smania ASSURDA di alcuni di noi 8O 8O (come se gente che ci infanga e ci accusa spesso a gratis non ce ne fosse già abbastanza) di cercare tra i suoi “simili” ed evidenziare a DISMISURA i cattivoni, qui da me ha portato frutti avvelenati che sono solo ad uso e consumo di chi???

    Dei più “deboli”!!

    Ovvero da quei 4 gatti di beccacciai, e migratoristi in genere, che si vedono togliere giorni di caccia dai più forti (cinghialai e lepraioli) che lo fanno, udite! udite! …per proteggere la fauna… 8O :evil:

    E facciamoci del male!!! Dai su!!!

    • ilio scrive:

      Ezio grazie non merito tanto :wink: :wink: :wink: ma la prossimo meeting un caffè me lo devi :lol: :lol: :lol: :lol: :roll: :roll: :oops: :oops: :oops:

      • Ezio scrive:

        eh si un caffe!! peccato che siamo distanti se no ti aggregavi al nostro gruppo che lotta ogni giorno in favore del colesterolo alto, della glicemia ai massimi livelli, e similari…. :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

  37. Ezio scrive:

    Da “La Dea della caccia”… in riferimento a recenti sondaggi che ci hanno massacrato…a gratis…come al solito…

    Possibile che questi “fatti” non siano ancora assodati tra tutti noi??

    “Se il 41% delle persone intervistate, infatti, dichiara apertamente di non essere al corrente degli accadimenti in materia di caccia che si stanno disputando tra Camera e Senato, solo un 28% ne ha sentito parlare e un altro 16% ha seguito superficialmente la vicenda. L’85% del campione, insomma, o non ne ha sentito parlare per nulla, o con ogni probabilità si è affidato, per farsi un’idea, alle ispirazioni fornite da alcune trasmissioni televisive e dalla massiccia campagna mediatica animalista. L’unico dato che davvero salta all’occhio, non è quindi la consapevole avversione alla pratica venatoria da parte degli italiani, ma piuttosto la scarsa, e il più delle volte tendenziosa, informazione in materia.”

  38. Ezio scrive:

    Comunque, a proposito di ipocrisia…

    Oggi al TG di Italia 1, organo di informazione di MASSA animalista e anticaccia per eccellenza, hanno trasmesso un servizio sull’acquario di Genova che spero Daniele possa in qualche modo inserire anche qui…

    Ai visitatori viene offerto un corso gratuito su come si tratta il pesce…

    Ovvero come si sbudella, si squama ecc…. 8O

    Un po’ come se ai visitatori dello zoo insegnassero a scuoiare il leone, oppure a far cuocere il coccodrillo …

    E poi ripeto, ribadisco, ridico, qualcuno mi vuol ancora convincere che in sto Paese è tutto normale. 8O

    Ciao a tutti, ci rileggiamo, a Dio piacendo, tra qualche giorno… :-)
    Ezio.

  39. Giusti Giacomo scrive:

    Comunque il 30/03 si riparla di comunitaria(almeno nelle commissioni della camera dei deputati)

  40. Filippo scrive:

    non sono d’accordo ,perche le zone dove non si puo andare a caccia ,sono troppe.Strumentalmente se ne aggiungerebbero delle altre.

  41. Alfio scrive:

    Filosofia a dir poco diffamatoria, queste sono le associazioni con le quali qualche politichese avrebbe voluto che i cacciatori colloquiassero, come si fare una affermazione del genere mi stupisce in quanto i primi ad avere danni per questo gesto illegale sono i cacciatori che malauguratamente si vedono avvelenare il cane, o al minimo si vedono calare il quantitativo di selvaggina cacciabile dal territorio, comunque questo orrendo gesto di avvelenamento ci dice che, contrariamente alle chiacchiere estarnate esiste gente che degli animali non vuole nemmeno sentirne parlare.
    Saluti Alfio

    • loredano scrive:

      Buona sera.Un paio di anni or sono a Casalecchio di Reno (Bologna) siattuò la revoca di una zona preclusa alla caccia.Il primo di caccia si contarono 13/15 cani di cacciatori morti avvelenati(senza contare gli intossicati,potenzialmente inabili in futuro alla fatica venastoria).Con il metro di questi signori sarebbe doveroso premiare il gesto scellerato di anticaccia(evidente la matrice di tale mascalzonata) con l’inibizione dell’esercizio venatorio in tale zona.E’ proprio vero l’Italia sta divenendo un paese da terzo mondo.Saluti

  42. Luca Davide Enna scrive:

    Se la prima idea che viene in mente non fosse quella che fa pensare che questi sono pazzi assoluti, si potrebbe ipotizzare che qualcuno sia interessato a gettare bocconi per fermare la caccia… :roll: :roll: :roll:

Leave a Reply


6 + 1 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.