Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Verdi: Test antidroga ai cacciatori

| 3 dicembre 2009 | 43 Comments

Genova: I Verdi vogliono sottoporre i cacciatori al test antidroga
Controllati, tassati, certificati e, adesso, li si vuole pure mettere nel centro del mirino. A puntare contro di loro l’arma della burocrazia stavolta è stato il capogruppo dei Verdi Angelo Spanò che ha chiesto controlli antidroga a tappeto per chi imbraccia la doppietta nei boschi dell’entroterra. Non si tratta, per carità, di illazioni su presunti spacciatori. Ci mancherebbe. Ma soltanto di sguinzagliare i poliziotti provinciali, i vigili e le guardie venatorie che controllano le nostre piccole montagne e le nostre estese colline, un pochino come fanno carabinieri e agenti della stradale con gli automobilisti del sabato sera.
Ieri in consiglio provinciale il rappresentante degli ambientalisti ha presentato una mozione, che sarà discussa nelle prossime settimane, in cui si chiede ufficialmente alla giunta Repetto di sottoporre i cacciatori, oltre ai normali controlli già in atto inerenti l’attività venatoria, all’alcol test «con i limiti previsti dal codice della strada» e al droga test. Che i cacciatori si fumino qualche spinello prima di imbracciare, all’alba, la doppietta o il sovrapposto, non è credibile. Ma che addirittura li si voglia punire per un bicchiere di buon vino mentre aspettano le loro prede nel freddo della brughiera genovese, sembra un pochino esagerato. «Per la droga – insiste Spanò – la presenza nel sangue di sostanze stupefacente dovrà comportare il ritiro definitivo della licenza di caccia e la confisca del fucile. Per l’alcol, se rilevato lo stato d’ebbrezza, si dovrà procedere alla sospensione definitiva della licenza di caccia per almeno sei mesi e alla confisca del fucile. Nel caso il limite sia superiore al doppio o sia stato reiterato lo stato di ebbrezza, si dovrà procedere alla sospensione definitiva della licenza». Non è tutto. Spanò chiede pure che i possessori della licenza di caccia vengano sottoposti annualmente a visite attestanti il loro stato di salute psicologico e la non dipendenza da alcol, droga e psicofarmaci. Insomma, una roba in grande. Non c’è che dire.
«Non esiste una legge – sorride l’assessore Renata Briano – che discrimina i cacciatori dagli altri cittadini. Prendiamo la proposta di Spanò soltanto come una provocazione». «Se da un lato dobbiamo dare – aggiunge l’assessore Fossati – più risorse e mezzi alla polizia provinciale per i controlli, dall’altro i test antidroga e antialcol li dobbiamo fare a chi guida l’automobile e non a chi va a caccia. Sul certificato psicologico annuale per i cacciatori non posso che prenderlo come una delle tante battute scherzose dei Verdi».

di Fabrizio Graffione

Tratto da http://www.ilgiornale.it





 

Category: .In Evidenza

Comments (43)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. spartacus60 scrive:

    x Tutti gli Amici Cacciatori
    Mi sta bene tale iniziativa,però come contropartita esigo lo stesso controllo per tutti gli adepti dei vari circoli locali dei Verdi.Orbene se risultano positivi al test : BASTONATE QUANTO BASTA.Dura Lex,Sed Lex. :evil: :evil: :evil:

  2. Pinotti Antonio scrive:

    Buongiorno, la giornata è guastata. Stò preparando la relazione introduttiva per Zefiro, ed ho cambiato alcune cose. La risposta sarà dura ed inequivocabile.Anche perchè la notizia non è passata su di un piccolo organo d’informazione ma su di uno a tiratura nazionale.
    Come siamo caduti in basso!

  3. Fabrizio Arena scrive:

    E’ anche vero che sia il giornalista sia l’Assessore Regionale deridono pubblicamente questa iniziativa dei verdi facendo capire, tra le righe, chi è che veramente dovrebbe farsi fare il “certificato psicologico annuale”,

  4. massimo fedeli scrive:

    perchè non lho fanno prima i politici? mi pare che qualcuno si sia rifiutato :mrgreen: Cominciamo dai verdi, ma è mai possibile che non passi giorno che sti si inventino….. :evil:

    • Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

      M’ha detto il Traica che Settimio è chiuso fino a Gennaio. Bisogna trovà un altro posto dove fanno i tagliolini con la tinca. Fatte sentì.

      Gionni

    • Traica Roberto scrive:

      Ma se pannella (chiaramente minuscolo) era per la droga libera . che vanno farnetricando .
      Quersta gentaglia deve smettere di assumere medicine scadute.
      Evidentemente si sono dimenticati i loro proclami

  5. Capitano scrive:

    Non e’ nel genoma dei Cacciatori la propensione ad assumere droghe , ad andare a trans, inoltre,spenderebbero molto di piu’ per gli asili nido che per i canili, perche’ sanno dare il giusto valore agli animali ed agli uomini, quest’ultimi sempre piu’ rari. Certo che se ci dotassimo a licello do Partito Caccia e Ambiente di un ufficio legale…………………….

  6. Capitano scrive:

    Scusate, livello e non licello e di, non do, ma sono veramente imbufalito!!!!!!!!!!!!!!!

  7. renzo scrive:

    Hanno paura, stanno scomparendo. Quelli superstiti cercano di restare a galla accaparrandosi posticini in altri partitucoli. per questo “provocano ” in questo modo giornalmente.
    Non dategli il peso che vorrebbero avere. LA PEGGIOR OFFESA CHE POSSIAMO FARGLI E’ IGNORARLI. Come se non esistessero. La gente non è stupida, ricordatelo .
    La maggior parte delle persone con cui parlo e che non sanno cosa è la caccia, non sanno distinguere una beccaccia da un’aquila, un pino da una quercia.
    Peò ,quando è stato il momento li hanno sbattuiti a scopare negli agoli, e con una ramazza sbrecciata . Non danno fastidio solo ai cacciatori, danno fastidio a tutti, da quelli che hanno un orticello a quelli che usano il motorino per andare al lavoro . ………

    Questo non toglie che la farei anche io l’analisi delle sostanze stupefacenti…. MA A LORO ! QUOTIDIANAMENTE ! ! ! :?

    • sergio scrive:

      Caro Renzo, sono piu di venti anni che gli ignoriamo,ed ecco dove siamo finiti.
      Fidati nn è la strategia giusta,ora piu’ che mai bisogna attaccare, un po’ come fanno gli israeliani,Ci tirate i sassi, bene ,noi vi tiriamo le cannonate con i carri armati, contenti voi.
      Per tornare al tema droghe, io sono responsabile del servizio trasporti di una azienda locale e pertanto titolare di patente superiore, quindi annualmente secondao la legge vengo sottoposto,a test urine e sangue per la positivita’ a droghe e alcool, le ultime effettuate lo scorso lunedi’, quindi le illazioni del povero spano’ mi fanno il solletico, per non dire peggio.
      Poi se vogliamo dire se sia giusto o no dare un’arma a chi fa’ uso do droghe o abuso di alcool, la risposta e’ ovvia, certo che no.

  8. Giusti Giacomo scrive:

    Ma questo e`veramente malato di mente!!!!!!
    E`lui che e`socialmente pericoloso.
    Invece di un test,avrebbe bisogno di una visita psichiatrica.

  9. Fabio scrive:

    a messina e provincia è già in vigore

  10. renzo scrive:

    Vorrei aggiungere qualcosina….certo è che se dopo pranzo con gli amici uno esce un tantino brillo… usare un fucile per la caccia pomeridiana, non mi pare l’estasi della sicurezza. Con questo voglio dire che potrebbe succedere, magari sarà successo che un cacciatore è andato per campi armato e non in “bolla” perfettamente. Ma questo modo di pensare di Spanò ,mi pare solo un arrampicarsi sugli specchi per cercare di far smettere qualche anziano in più, che avrebbe paura a mangiare la focaccia accompagnata da un bicchierino( non ho detto un litro )come fa da sempre, caccia o meno.

    Per fortuna che l’Assessore Briano ha preso tutto questo come una barzelletta .

    Allora allo stesso tempo facciamo il test antidroga e antialcool a TUTTI gli automobilisti UNA VOLTA AL MESE. Se uno viene trovato claudicante causa chianti o barbera, via la patente a vita ! Che ci lavori o no .
    Medioevo, solo medioevo
    Speriamo che il 21/12/2012 venga presto …. vedremo . :cry:

  11. Diego scrive:

    Disponibile! a pattò però che tale controllo, naturalmente effettuatto da un organismo indipendente, sia esteso OBBLIGATORIAMENTE ( e con cadenza a “sopresa” in stile antidoping per i ciclisti) anche a tutti i politici…a partire da onorevoli e senatori fino ad arrivare ai consiglieri provinciali.
    Mi sembra quanto meno un questione di civiltà pretendere che ci rappresenta dimostri di essere nel pieno delle proprie facoltà psico-fisiche :roll:

  12. lucas scrive:

    Sarei favorevole se lo facessero obbligatoriamente anche alla casta dei politici che in Italia conta qualcosa come 1.000.000 di persone.
    Se permettete, vorrei sapere se chi legifera a livello centrale e periferico è lucido o sotto l’effetto di stupefacenti, considerato il livello della loro produzione… :mrgreen:

    • Nicola63 scrive:

      L’anno scorso quando la trasmissione “Le Iene” aveva svolto un’indagine sull’uso di droghe tra i parlametari. Con la scusa di asciugare il sudore, davanti Montecitorio, usavano uno speciale tampone per rilevare la presenza di sostanze dopanti. Ebbene, a detta dei conduttori televisi, oltre il 30% del campione rilevato risultava positivo. La notizia fece scalpore e le pressioni politiche furono fortissime: il risultato fu che il servizio non venne mai messo in onda.

      • Nicola63 scrive:

        c’è un QUANDO di più nel primo rigo …scusate

      • lucas scrive:

        Si scatenò il finimondo! :mrgreen:
        Poi insabbiarono tutto con la scusa della violazione della privacy :mrgreen:

      • Argo scrive:

        Sempre quelli delle iene hanno fatto il test antidoping ad un noto parlamentare. Risultando negativo, il parlamentare in questione aveva invitato le iene a sottoporsi allo stesso test. Con una scusa si sono defilati senza sottoporsi al test. Altro che parlamentari drogati. Loro sono i primi.

        Saluti
        Argo

  13. grifonenero scrive:

    inviata la presente mail alla edizione genovese del “giornale” che ha pubblicato la notizia e che pregiudizialmente NON è contraria a noi, visto che spesso ha pubblicato dei miei pezzi in difesa della nostra Passione.

    Caro Direttore,

    se i verdi vogliono sottoporre i cacciatori al test antidroga sappiano che
    noi cacciatori liguri accettiamo con benevolenza e un largo sorriso la loro
    proposta, a patto che il tutto sia reciproco.
    Tutti gli eletti del verdi si sottopongano anche loro ai test e gli iscritti,
    così come i cacciatori, possano essere tali solo ed eslusivamente se in
    possesso della fedina penale pulita e del certificato anamnestico del medico di
    famiglia che attesta il non utilizzo di farmaci ansiolitici o ipnoinducenti.

    Cordialmente,

    FIRMA

    • CacciatoreconlaC scrive:

      fedina penale pulita…………e certificato medico??
      vorrei davvero avere riscontri e certezze,fra gli iscritti………..cacciatori/verdi.

      grifonenero,concordo in toto e sono pronto a test,anche a 2 a 1(2cacciatori,1verde),ma che dico………5 a 1……….10 a 1.(e avanti cosi’finche accettano il “duplice controllo”/confronto)

  14. Giacomo scrive:

    copio e incollo,

    stavolta è stato il capogruppo dei Verdi Angelo Spanò che ha chiesto controlli antidroga a tappeto per chi imbraccia la doppietta nei boschi dell’entroterra.

    M vorrei dire : ma questo cosa ha detto in effetti ? Che poi questo controllo lo dovrebbero fare solo i cacciatori ? O tutti quelli che tengono un porto d’arma come quelli che tengono la pistola e non il fucile. Oppure anche quelli che usano le armi come i carabinieri, poliziotti, forestale ecc.

    Altrimenti vorrebbe dire che è chiara la posizione di questo contro i cacciatori e credo che ci potrebbero essere anche gli estremi per una denuncia !! …… O mi sbaglio ??? :wink:

  15. luigi le noci scrive:

    noi la facciamo la prova, pero’ poi tocca a voi verdi a farvi il test…dal primo all’ultimo ambientalista!!! :lol:

  16. Alfio scrive:

    Iniziativa ottima, i cacciatori non hanno nessun problema al testo antidroga, anche perche viene fatto in sede del rinnovo della licenza del porto d’armi, l’iniziativa la trovo felice anzi dovrebbero ampliarla e fare i testi richiesti anche agli stessi appartenenti del partito dei verdi ed ai frequentatori dei centri sociali, tanto protetti dagli noglobal e sinistroidi, sicuramente è un sasso tirato ma che in breve tempo si ritireranno il braccio, solo cosi si può vedere la differenza enorma di chi si attiene alle regole legali e non solo e chi vive al difuori degli obblighi sociali e legali. Questi sigg. dimenticano che, appartenere al mondo venatorio significa massima legalità e rispetto per le istituzioni e società, nonchè radicalizzazione alle tradizione quali sinonimo di civiltà italica.

  17. sergio scrive:

    QUALCUNO HA LETTO QUESTO ARTICOLO DELLA ONOREVOLE(POCO) BRAMBILLA?

    Nella categoria | Società
    BRAMBILLA: CACCIA SOLO NELLE RISERVE E BASTA CON LE DEROGHE
    Postato il 02 Dicembre 2009 da DdC

    “È il governo più animalista in Italia e il Pdl non è più il partito delle doppiette“. La caccia? Solo nelle riserve e con regole severe. Sono le dichiarazioni di Michela Brambilla, ministro del Turismo, pubblicate ieri sul quotidiano il Giornale (alleghiamo qui l’articolo). Si inizia a parlare di norme contro il maltrattamento degli animali, si parla di ratifica della Convenzione europea per la protezione degli animali e si scivola lentamente ma inesorabilmente verso la crudeltà dei cacciatori. È un copione che il mondo venatorio conosce molto bene ma che ancora ci lascia perplessi. A Di Pietro, che durante la trasmissione Annozero aveva ironicamente posto l’accento sul fatto che in Parlamento ci si azzanna sul taglio della coda dei cani la Brambilla suggerisce di stare attento. A che cosa? A “non offendere i cittadini tra cui vi sono anche i suoi elettori. Una famiglia su tre possiede almeno un cane o un gatto. La mentalità è molto cambiata negli ultimi anni“. Per il ministro Brambilla poi “gli enti locali la dovrebbero smettere con le deroghe“, che, lo ricordiamo, non sono una concessione al mondo venatorio ma un’esigenza della società per la prevenzione dei danni alle colture, degli incidenti aerei, tanto per citare due comparti che dovrebbero essere di interesse per un Ministro del Turismo. Ma quando si parla di animalismo non facciamoci mancare nulla: perché non citare un deplorevole esempio di maltrattamento su animali – dal quale la Dea prende le distanze e che condanna – che, guarda caso, ha per protagonista proprio un cacciatore? Perché non affermare che è a settembre che i canili si affollano di cani, da caccia? E allora ecco che se si parla di maltrattamento degli animali il salto è breve e… si parla della caccia, e non solo. In un Paese devastato da discariche, inquinamento, dissesti idrogeologici ecc… si porta infatti avanti un importante dibattito: l’animalismo è più di destra o più di sinistra? Una riflessione la vorremmo fare: il fenomeno dell’abbandono di animali non è appannaggio di una categoria sociale e ci piace anche ricordare che il legame tra cane e cacciatore è un legame atavico e profondo, di amicizia e lealtà. Allora perché “santificare” chi possiede animali da compagnia come i portatori di una cultura nuova e demonizzare chi possiede cani da caccia? Buona lettura a chi è stanco dei soliti Guelfi e Ghibellini!

    Valeria Bellagamba

  18. Pietro scrive:

    Ma i “TEST” al cervello a questi nessuno li fa. Ma provate a pensare unicamante agli “SPINELLI VOSTRI” una volta tanto vi fa sicuramte bene alla salute. Sono i fautori dello spinello facile e vengono a fare la morale a noi; cos’è qualcuno vi ha rotto le uova nel paniere per le fumate vostre. Vi faccio presente cari verdoni da 4 solti che noi cacciatori siamo già più che svegli per avere bisogno delle “tirare”, siamo già belli tosti senza aver bisogno delle sniffate di shifezze al pari vostro. Armata di ric……..ni siete e nulla più.:lol: :lol: :lol: :lol:

  19. francesco scrive:

    EVVIVA SONO DACCORDISSIMO, CI SCHIEREREMO NOI DA UNA PARTE E I VERDI DALL’ALTRA SONO CURIOSO DI VEDERE I LORO ESITI, PREANNUNCIO CHE SI SONO DATI LA ZAPPATA SUI PIEDI :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  20. Paolo70 scrive:

    Lo stato di salute psicologico propongo di di controllare quello dell’”esimio” signor spanò, e poi anche di mandarlo a lavorareeeeeeee!

  21. fiore scrive:

    allora ricomincio a fammi lòe canne per dispetto!!!! tanto odio queste proposte da infelici che mi vien voglia di dagli soddisfazione, l’ipocrisia e la ricerca dell’errore in tutti modi mi manda in bestia…. posso capire tutte le proposte ma le scempiaggini no quello non le reggo si campa in una società bottino dove molti di noi sono l’acqua pulita e si viene a rompere i coglioni a noi!!! (e non parlo per me perchè io a suo tempo……)

    poi mi viene da fare una considerazione!!!!

    molti sono contenti quando si vede alla tv che hanno arrestato criminali malfattori stupratori mignotte mafiosi, tanto più alto il numero tanto la gente è contenta!!!

    io invece sono contento quando sento l’opposto e cioè che il numeri degl’arresti è in calo.

    la considerazione è semplice se ci sono più arresti è segno evidente che ci sono molti criminali e siccome almeno il70 % la fa franca vuol dire che siamo in un paese di fuorilegge, viceversa se a parità di controlli gl’arresti diminuiscono vale il contrario. non so se ho reso l’idea!!!

  22. francesco scrive:

    caro fiore oggi in italia si arrestano solo i ladri di polli e fra non molto tocchera’ anche a noi cacciatori vedrai le leggi a protezione degli animali saranno sempre piu’ severe.

  23. ennio scrive:

    Sig. Spanò le canne si tirano non si infilano, accese o spente che siano.

  24. henri (radere igor) scrive:

    A me lo possono fare, l’importante è che non lo facciano al mio cane quando vado a becche.
    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  25. Giusti Giacomo scrive:

    Poveri rintronati!!
    Non sanno piu`a che Santo votarsi.

  26. CacciatoreconlaC scrive:

    intervengo,avendo letto solo il titolo:
    ma sono fuori di testa??
    io e presumo tutti i cacciatori siamo pronti ad un test antidroga.pure del capello(che da quanto leggo………ricorda)
    all’alba???
    ma siete fuori??
    ma vi rendete conto che ci si alza per camminare??
    con il cuore che pompa??
    mah
    o volete le forze dell’ordine impegnate e fuor dalle ba@@e??

  27. STW scrive:

    E speriamo che a marzo, anche in Liguria, i verdognoli vengano finalmente spazzati via.
    Romperanno di certo ancora le balle, ma con meno potere.
    Sulla loro proposta sono d’accordo anche io… però le analisi le facciamo assieme, noi e loro. Ci sarà parecchio da ridere. :roll:

  28. pluto scrive:

    Anno ormai pulito ! fate attenzione ha portare i figli piccoli a caccia, che se ci vedono , ci danno anche dei pedofili !!!!!!

Leave a Reply


2 + = 3

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.