Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Veneto riapre a storni e peppole

| 24 novembre 2009 | 126 Comments

LA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO RIAPRE LA CACCIA IN DEROGA A STORNI E PEPPOLE.

Strasburgo, li’ 24 novembre 2009

PeppolaLa Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’Assessore regionale alla caccia Elena Donazzan, ha approvato in data odierna la delibera che consente la riapertura delle cacce in deroga alle sole specie storno e peppola a partire da mercoledí 25 novembre fino al 31 dicembre 2009 .
Non possiamo che riconoscere all’impareggiabile Assessore regionale alla caccia Elena Donazzan ed a tutta la Giunta regionale del Veneto, la coerenza nell’aver fatto, anche in questa occasione, tutto il possibile per permettere ai cacciatori di questa regione di praticare una delle forme di caccia fortemente radicate nelle tradizioni venatorie del Veneto.
Sapevamo perfettamente che, con la mancata approvazione della legge regionale per la stagione venatoria 2009/2010 avvenuta per le ben note ragioni, l’applicazione del regime di deroga sarebbe stata molto difficoltosa ed irta di numerosi ostacoli.
Dopo aver consentito a tutti i cacciatori del Veneto di cacciare ininterrottamente nelle stagioni venatorie ricomprese tra il 2002 ed il 2008, la Regione ha consentito anche per questa stagione la cacciabilita’ di fringuello, peppola, pispola e storno, dal 6 ottobre al 6 novembre e, dopo la temporanea sospensione per la raccolta dei dati sugli abbattimenti, la riapertura della cacciabilita’ per peppole e storni fino al completamento dei carnieri massimi stagionali consentiti.
Per quest’anno, con le condizioni che si erano venute a creare in Consiglio regionale del Veneto, piu’ di cosi’ non si poteva oggettivamente fare.
Ci auguriamo che possa andare meglio nella prossima stagione quando, a Consiglio regionale rinnovato, ci si augura che la materia caccia torni ad essere trattata con maggior serenita’.

on. Sergio Berlato
Deputato italiano al Parlamento europeo





 

Category: .In Evidenza, Veneto

Comments (126)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. SPRINGER scrive:

    Eh eh !!!! Adesso cari i miei prematuri lapidatori da strapazzo , cosa vi inventate ??
    E mi riferisco a tutti quelli che avevano visto dietro la ” scorsa chiusura ” chissa’ quali loschi imbrogli o sotterfugi .
    :wink:

  2. luigi scrive:

    Ma un cacciatore può mai sopportora ogni anno questo andazzo? L’on. Berlato dice: ci auguriamo che l’anno prossimo… ma allora la modifica della 157 nemmeno l’anno prossimo sarà pronta!!! Comincio a credere che la cosa migliore è appendere il fucile.

    • claudio scrive:

      anche se cambia la 157 fringuelli e peppole resteranno cacciabili solo in deroga!!! Per cui nuova legge regionale….

    • Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

      La 157 non cambierà MAI. Troppi anni sono ormai passati per mettere mano ad eventuali cambiamenti. Questa è la legge o la accettiamo altrimenti non ci rimane che smettere o andare verso altri lidi e questo lo sa bene anche l’On. Berlato che si ostina a non tenerci più informati su eventuali cambiamenti. Il treno per Yuma ormai è passato, anzi quella stazione non esiste proprio più. Rendetevi conto che vi hanno preso per il culo, io non credevo e non credo tuttora ad alcun cambiamento.

      • il monegasco scrive:

        Finiamola con questo scippo quotidiano. Vediamo di capire il vero punto del problema.Gira che ti rigira ormai il progetto è stato realizzato. Di cosa si è trattato? di questo: nella vita sociale, nello studio, nel lavoro, nella giustizia, nella salute e per ultimo nel tempo libero, e parlo con questo di nostri diritti costituzionali, è stato conseguito un totale progetto di controllo politico. Oggi non c’è più una attività che non sia ricondotta a questo controllo. La politica ha agito con una logica degna delle peggiori malavite organizzate, inserendo praticamente in ogni centro nevralgico di controllo un coordinatore di fiducia in grado di organizzare un meccanismo bulimico, divoratore di soldi pubblici e di diritti privati, creando una gerarchia basata sulla spartizione piramidale e sul monopolio del profitto. Un meccanismo economico insaziabile appunto perché patologico. La caccia non è sfuggita a questo processo e la scusa è stata sempre la stessa: fare riforme. Si incarica un soggetto provocatore di attirare l’attenzione pubblica magnificando problemi non del tutto reali, compiendo una capillare disinformazione basata sul falso buonismo e sull’autocompiacenza per poter far poi credere che fosse necessario legiferare al fine di riformare. In questo modo chi fa le leggi dispone secondariamente a proprio piacimento secondo la logica suddetta. Il miraggio di cariche ben retribuite, garantite da fede politica opportunista ha sgretolato troppe coscienze che con remissività, pigrizia e distrazione ben mirata ci hanno messi tutti sul banco delle trattative come merce di scambio. Sarebbe stato allora legittimo credere, che di conseguenza, si sarebbe dovuto far aumentare il numero dei cacciatori. Perché non è stato cosi? Per due motivi: primo si è scoperto che siamo fedeli e attenti osservatori del nostro territorio, e ciò contrastava con i loro progetti d’espansione, secondo, perché tra i cacciatori esistono categorie sociali economicamente vulnerabili escludendo le quali, con i prezzi delle concessioni alti, con balzelli e limitazioni di ogni tipo e con continue critiche e diffamazioni si sarebbe potuto ridurre il loro numero scoraggiandoli e allo stesso tempo favorendo le organizzazioni venatorie più facoltose, riservandogli a caro prezzo spazi autonomi, le riserve di caccia, dove poter fare, più o meno, ciò che vogliono. Per questo, quando mi si fa l’occhiolino o sento parlare di cultura rurale, di belle parole, di analisi populiste, m’incinghialisco. E’ vile promettere una modifica alle attuali leggi, che tutti sappiamo essere comunque un piccolo contentino e poi nemmeno concederla! Vuol dire che ormai siamo battuti, è la spada di Brenno, ‘guai ai vinti!’ Se oggi si vuole far cambiare le cose deve iniziare un processo inverso che lentamente capovolga questa bieca logica e ricordiamoci che non è un problema solo della caccia!

  3. Nicola63 scrive:

    Vedrete che adesso ci sarà il solito ricorso al TAR di qualche asoociazione ambientalista.
    In effetti da come scrive Berlato sembra di capire che l’anno prossimo, in Veneto, si cercherà di organizzare il sistema delle deroghe diversamente (probabilmente in senso politico): quindi la possibilità di aver più specie per legge nazionale modificata neanche a parlarne !!!!

  4. SPRINGER scrive:

    Luigi , guarda che anche se passa la modifica alla 157 ………. le deroghe te le becchi lo stesso !!
    L’ alternativa ??? Per chi ama praticare quel genere di caccia ……… niente caccia :mrgreen:
    :wink:

  5. STW scrive:

    Ora aspettiamo le solite critiche con relativi urletti isterici di chi criticherà anche questo provvedimento.
    Non andrà bene di certo neanche questo, intanto preparo le gabbie per domani, va… alla faccia loro.
    @ Luigi: modifica o no, le deroghe rimarranno tali in ogni caso, le speci oggetto di deroga NON possono essere rese cacciabili (forse lo storno, ma non ne sono sicuro).

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Nemmeno lo storno, almeno fino a quando non verra’ modificato l’Allegato II/II della Direttiva CEE 409/79.

      • Pier57 scrive:

        Che i ns/ rappresentanti al parlamento europeo non sono stati in grado di inserire nella revisione della direttiva approvata il 21 ottobre 2009!
        Dicono per mancanza di dati da parte dell’ISPRA.
        Chissà perchè non siamo mai in grado di portare a casa un risultato positivo anche quando ne abbiamo l’occasione!
        Incapacità?
        Inerzia?
        Intanto lo storno ce l’hanno:
        BULGARIA – GRECIA – SPAGNA – FRANCIA – CIPRO – UNGHERIA – MALTA -PORTOGALLO e ROMANIA.

  6. massimo zaratin scrive:

    Eh si caro Springer :wink: … guarda, prima di sentire le solite critiche che si fa qualcosa solo per il Veneto, proviamo a spiegarlo con un gioco

    CHI VUOL ESSERE UN POLITICO?

    Domanda n° 1 (vale per il posto da consigliere comunale)
    La legge 221/02, quella per l’applicazione della legge delle deroghe, può essere usata da tutte le regioni d’Italia. Se queste non lo fanno la colpa è di:
    A- BERLATO
    B- DONAZZAN
    C- LE REGIONI CHE NON LA USANO
    D- LE MOGLI DEI CACCIATORI

    Domanda n° 2 – (vale per un posto da assessore provinciale)
    Se la caccia in deroga viene regolamentata attraverso una delibera anziché una legge e poi questa viene successivamente annullata, la colpa è di:
    A- IL TEOREMA DI PITAGORA
    B- BERLATO
    C- IL GIUDIZIO DEL TAR
    D- DEL TEMPO

    Domanda n° 3 – (vale per un posto da consigliere regionale)
    Se a seguito dell’annullamento di una delibera ne viene emessa un’altra e questo capita solo nella regione Veneto ma non nelle altre regioni, la colpa è di:
    A-L’INFLUENZA H1/N1
    B- BERLATO
    C- LA CRISI ECONOMICA MONDIALE
    D- LE REGIONI CHE NON EMANANO SUCCESSIVE DELIBERE

    Domanda n° 4 – (vale per un posto da senatore o deputato)
    Se alla conferenza Stato-Regioni il Veneto è stata l’unica regione a dare parere favorevole alla modifica della 157 così come da bozza Orsi, la colpa è di:

    A- BERLATO e ORSI
    B- IL DOGE DI VENEZIA
    C- LE REGIONI CHE HANNO DATO PARERE NON FAVOREVOLE
    D- IL PRINCIPIO DI NON CONTRADDIZIONE

    E’ ammesso un aiuto dei lettori tramite scambio mails private, il 50 e 50 ed una telefonata a Cannas! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    • SPRINGER scrive:

      A me che non interessa far politica verrebbe da dire .
      1) D
      2) A
      3) C
      4) indeciso fra B e D
      Se invece dovessi decidere di farlo , le cambierei in : C – C – B – C.
      :mrgreen:

  7. Giusti Giacomo scrive:

    On.Berlato ho letto su un sito di caccia di una modifica avvenuta in data 21/10/09 alla direttiva uccelli
    Di cosa si tratta,se e`vera la notizia?

  8. spartacus60 scrive:

    x Tutti gli Amici Cacciatori
    Caspita complimenti per la “vittoria di Pirro”,meno male altrimenti continuavo a leccarmi le ferite!!Avanti tutta,forza con le deroghe.Guagliu’ keste passe ò Guverne,arragiammece.Poveri Noi. :twisted: :twisted: :twisted:

  9. luigi scrive:

    Springer, se gli storni e le peppole ci sono perchè non inserirli come specie cacciabili nella 157? Tu mi rispondi i dati Ornis, ma allora cambiamoli.

  10. max scrive:

    Io credo che per chiunque, Parlamentari compresi, ci siano dei limiti oggettivi che distanzino, spesso molto, quello che si vorrebbe da quello che si può fare, visto che la promulgazione di un qualsiasi provvedimento passa attraverso una o più discussioni tra più forze e più persone. (del resto, se così non fosse saremmo in una situazione di dittatura…). Partendo da questo presupposto, bisogna considerare chi, Parlamentari compresi, fa tutto quanto è nelle proprie possibilità (non nei desideri) e chi, invece, no. Credo che Berlato abbia dimostrato in più occasioni di fare il massimo possibile e di aver ottenuto il massimo possibile, che non sempre combacia con quanto vorremmo noi o vorrebbe lui, ma è comunque di più di quanto fanno e ottengono tanti altri che forse avrebbero le medesime possibilità ma, evidentemente, non la stessa volontà….

    • SPRINGER scrive:

      Molto condivisibile .
      Fa piacere notare che i ” Massimo ” sono connotati da uno spirito critico migliore rispetto alla media :mrgreen:
      :wink:

  11. fiore scrive:

    ecco il contentino acchiappagrulli!!!

    su ma vi fate prendere per il culo in questa maniera!!! ma che cacciatori o uomini siete!!!!!

  12. Pinotti Antonio scrive:

    Sig. Giusti il vestito è sempre quello. Ho letto il testo non cambia niente. Sono state codificate delle sentenze ed introdotte in modo organico delle questioni di carattere amministrativo già conosciute. Sul piano della codificazione si prende atto al punto 17 di quanto segue “In particolare la Commissione deve essere delegata a modificare taluni allegati alla luce del progresso scientifico e tecnico.Poichè hanno natura generale e mirano a modificare elementi non essenziali della presente direttiva, tali misure devono essere adottate secondo la procedura di regolamentazione con controllo prevista dall’art.5 bs della decisione 1999/468/CE”

    Codificazione – punto 15 – Un altra cosa mai fatta ” Ogni tre anni la Commissione elaborerà e comunicherà agli stati membri un relazione riassuntiva basta sulle informazioni inviatele dagli Stati menbri per quanto riguarda l’applicazione delle disposizioni nazionali adottate conformemente alla presente direttiva”

    Se qualcuno leggesse bene tra le righe, sono questi gli spazi per avviare le procedure per lo storno, che sembrerebbero ora in capo alle competenze della Commissione U.E. secondo la codificazione citata, Sul piano degli scambi d’informazione, mai avvenuti in linea ufficiale, dovrebbe trovare spazio la procedura per la modifica dei dati Ornis Italiani.

    Cordiali saluti

  13. fiore scrive:

    a dimenticavo vi rimettono anche la pispola DA PRENDERE CON IL RETINO!!!!

    ATC veneto siamo veramente a livelli mai raggiunti!!! credo che peggio non si possa fare!!!!

  14. fiore scrive:

    certo di che ci si meraviglia oggi viene fatto TUTTO A PERSONAM!!!!

    via ora smetto senno divento troppo ironico!!!

  15. renzo scrive:

    Il minimo che possiamo fare è quello di ringrazire l’ Assessore Regionale Elena Donazzan e il Consiglio Regionale del Veneto . Per il resto torno a sottolineare il poco plauso che fate ad una notizia così e poi l’ inevitabilmente la solita taratatera contro l’ Amico Cacciatore… Vergogna .

    Berlato e Orsi i Cacciatori sono sempre con voi continuate..

    I.B.A.L.
    Renzo

  16. fiore scrive:

    domani ricorso al TAR si richiude!!!! roba da teatrino

  17. Mario Bartoccini scrive:

    X il signor Renzo: condivido in toto!

    Invito tutti a fare il massimo sforzo per non allontanare da noi chi si prodiga in qualche modo in favore dell’attività venatoria.

    Grazie On. Berlato, grazie amata Elena!
    Cordiali saluti a tutti.

  18. robi1960 scrive:

    Da bresciano sono contento per gli amici veneti perchè capisco cosa vuol dire non avere le specie in deroga ed io non sono un cacciatore da capanno, ma caccio con un setter, qui da me nella bassa bresciana sono due settimane che non si vede un tordo che è uno, una allodola manco a pagarla, le beccacce solo in fotografia, rarissimi fringuelli e pispole, solo polli colorati ogni quindici giorni dei quali dopo un paio d’ore rimangono solo piume sparse.

  19. renzo scrive:

    Fiore cambia fornitore stai delirando, oppure non sei un cacciatore.

    Comunque hai un pregio, non volevo più frequentare il sito , ma mi diverto troppo con tutte le cazzate che scrivi.:lol:

    ciao

    Renzo

  20. valentino88 scrive:

    Sulle modifiche alla 157\92 lasciaml pasc poi o mumemd iust c luam a vrec ra rinda a scarp.Per farci capire come funziona la vita a questi signori di 20 mila euro al mese dovrebbero andare a lavorare nei campi a 30 euro al giorno per qualche mese poi vedi come incominciano a mettere i sensi facendo leggi per il bene dei cittadini.

  21. Pettirosso scrive:

    Noi cacciatori dobbiamo metterci in testa di NON pagare la licenza finchè non ci danno la conferma che le deroghe sono O.K. per tutta la stagione venatoria!! Voglio vedere quando a Roma arrivano pochi € dai cacciatori se non cambiano idea!! Anche alle farfalle ci lasciano sparare se NON vedono € entrare!!

    Pettirosso :D :D :D :D

  22. henri (radere igor) scrive:

    Cosa dire, sono allo stesso tempo esterefatto positivamente che incavolato.
    Dopo che HO sputato sentenze di ogni tipo contro Berlato,Donazzan e C. dopo la chiusura delle deroghe, ecco che come un fulmine a ciel sereno arriva questa notizia a rallegrare la serata.
    Precisando che già mi stò cospargendo il capo di cenere per espletare le mie colpe, mi sento di avere fatto la figura del pirla a criticare chi ancora una volta ha dimostrato di avere a cuore le sorti dei cacciatori Veneti. Non sò quanto questa delibera potra durare, e sinceramente neanche me ne frega, da ora so di sicuro che avrò sempre chi cercherà di difendere la mia passione.
    Una volta qualcuno scrisse su questo sito: Un Berlato per ogni regione.
    A parte il fatto che tocca dargli ragione :( aggiungerei anche una Donazzan per ogni regione.
    Se legge on. Berlato, accetti le mie scuse e le porga pure alla sig. Donazzan. Ho capito ora che la politica bisogna lasciarla ai politici e le mie chiacchere da bar lasciarle dove sono.
    Fiore, lascia stare, la cosa è più grande di noi. Sii felice che il mondo ti sorride, lunedì prima beccaccia incarnierata.

    On Berlato La saluto e Le augoro buon lavoro.

    Ops, non ricordo più perchè ero incavolato.

  23. Valerio scrive:

    Rallegramenti hai cacciatori Veneti per questa buona nuova,ma all’on.Sergio Berlato CHIEDO :

    Che fine ha fatto la modifica della 157/92 ? E che fine hanno fatto le 843mila firme certificate in appoggio a modifica di quella legge?

    Credo che una risposta a questi questi sia da parte dell’Onorevole Berlato ,e il Senatore Franco Orsi(relatore della modifica 157/92 ) un dovere ,dal momento che fin ora siamo rimasti innllusi dal risultato di vedere modificata la legge tanto promessa.

    Un sincero saluto da Valerio

  24. Giacomo scrive:

    Valerio non si può dire se no si scoprono le carte !! Meglio avere la notizia a cose fatte…….. cosi a molti uccelli del malaugurio gli prendera un colpo………… e se ne andranno in pace e Amen ! Ma quando sarà ……….. :mrgreen:

  25. Giusti Giacomo scrive:

    Fiore
    E basta ora via!!!!
    Abbozzala!!!!!

  26. Roberto scrive:

    A me sembra una pagliacciata. Non erano stati raggiunti i quantitativi? No, stavolta non mi piace. 8O

    • CacciatoreconlaC scrive:

      in effetti pure a me’ sembrava strano aver raggiunto tutti i limiti contemporaneamente.
      ora sembra piu logico.
      si era chiuso,a difesa di eventuali ricorsi gia’ enunciati da ambientalisti,si e’ fatta la conta,vi e’ spazio per altri prelievi,avanti con le deroghe.
      mi sembra piu’ coerente,e,ci tutela contro eventuali ricorsi,lasciando eventuale spazio(se del caso)di riproporre le deroghe,ad un nuovo alt del tar 8) a mio parere.
      non male :wink:

      • STW scrive:

        I limiti di prelievo non erano stati raggiunti tutti contemporaneamente, ma solo per fringuello e pispola. E al momento della sospensione, non era possibile scorporare le speci in deroga, in quanto tutte presenti nello stesso decreto.
        Quest’anno è andata così, speriamo bene per il prossimo…

  27. SERGIO BERLATO scrive:

    …un giorno capiranno anche quelli che adesso non vogliono capire…..

    • Pier57 scrive:

      Onorevole, visto che ci legge e che qualche considerazione cmq la esprime, perchè non ha la cortesia di rispondere alle domande dirette che Le vengono rivolte?
      Fra le ultime quella che Le ho posto chiedendo perchè non siamo (meglio, siete) stati capaci, in occasione della revisione della direttiva 409, di inserire lo storno nelle specie cacciabili anche per l’Italia affinché lo stesso non possa essere cacciato solo col regime di deroga.
      Grazie per l’eventuale risposta.
      Uno degli 843.000.

    • sempre dalla sua parte onorevole ,ma mi auguro che sia vero quello che afferma.

      Buon lavoro e a risentirla presto

  28. Sololasipe scrive:

    Il vento giusto,per la caccia,viene sempre da nord…! Vero Berlato?…Grazie! :wink: :wink: :wink:

  29. Giovanni Aiello scrive:

    E mentre i veneti esultano, al sud qualche senatore del pdl si sta dando da fare assieme a certi sindaci asserviti per costituire il parco delle Egadi. Berlato oltre il Veneto, le frega qualcosa di ciò che succede in Italia? Che ne pensa del suo amico di partito? Oppure, ma è così, conta solo l’atc del veneto? Leggete e giudicate. Copio/incollo.

    Verso il parco metropolitano
    POLITICA lunedì 23 novembre 2009
    I Sindaci dei Comuni Elimo Ericini , unico assente quello di san Vito Lo Capo, hanno ieri incontrato , a Valderice, l’Assessore regionale al territorio ed Ambiente Mario Milone ed il Presidente della commissione Ambiente del senato Antonio D’Alì .
    Scopo , quello di rappresentare loro la volontà dei Comuni da loro guidati, ai quali nella occasione si è unito anche quello di Castellammare del golfo, di partecipare alla Costituzione dell’istituendo Parco nazionale delle egadi e del Litorale trapanese previsto da un decreto fiscale del 2007 poi convertito in Legge in sede di e per il quale è stato previsto un primo finanziamento di 250.000 euro.
    Ognuno di essi ha voluto dire la sua manifestando tutti, non solo la volontà ma la necessità che il provvedimento si estenda fino a Castellammare del Golfo. Unanime la richiesta, seppure ognuno ha voluto operare qualche piccolo distinguo tendente a fare valere, come ad esempio Custonaci, le peculiarità dei singoli territori e quindi delle naturali vocazioni di ciascuno di essi.
    Una richiesta che i due rappresentanti delle Istituzioni hanno ritrovato condivisibile e praticabile di cui hanno ravvisato anche l’importanza strategica visto che essa porterebbe a prefigurare una sorta di Parco metropolitano al servizio di 350 mila abitanti su 440 dell’intera Provincia, con naturale assorbimento di tutte le altre iniziative esistenti nel territorio quali riserva delle Egadi, riserva delle saline di trapani e Paceco , Riserva del Monte Cofano e della Zingaro di cui non verrebbe disattesa la peculiatà gestionale esistente.

    Dal sito http://www.telesud3.com

    :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: E come di solito, nessuna risposta o commento da parte di qualche politico “amico” leggeremo, Amen….

    • STW scrive:

      Mettiti l’anima in pace. Se a volere e chiedere il parco sono i comuni, non riesci a fermarli; che siano verdi, rossi, neri o gialli… I dirigenti dei ministeri interessati sono sempre gli stessi e buona parte di loro sono verde marcio; quando l’ente locale più presente sul territorio (il comune) chiede di far parte di un parco, dalle parti del ministero prendono la palla al balzo. Parlo per esperienza…
      Un eurodeputato (tra l’altro, criticato quando comoda e parimenti chiamato in aiuto quando comoda, anche fuori dalla sua circoscrizione elettorale…) può fare relativamente poco.

      • Giovanni Aiello scrive:

        No caro nessuna anima in pace, il Comune delle Egadi è contro l’istituzione del parco. Se lo facciano gli altri sindaci e il loro d’alì, a noi delle egadi non ce ne importa un fico secco e il parco sarà osteggiato in tutti i modi possibili. Abbiamo già la riserva marina che ci rompe le scatole, il d’alì si faccia il parco a casa sua.

        • STW scrive:

          Leggo meglio. Decreto fiscale del 2007 (governicchio Prodi) convertito in legge. Manca il decreto attuativo e il parco è fatto. Buonanotte. Siete arrivati troppo tardi e un comune contro tutti gli altri conta poco, anzi, nulla. Mi spiace per voi.
          Io (e tanti altri) contro l’istituzione di un parco mi son mosso in una certa maniera, ma nel tuo caso non ci sono i presupposti politici per farlo e ormai, appunto, è troppo tardi…

        • Giovanni Aiello scrive:

          Leggo meglio. Decreto fiscale del 2007 (governicchio Prodi)

          E fino qua ci siamo, ma dimmi, sto governo definitosi amico a parte qualche uccelletto in qualche regione che cavolo sta facendo per il resto del popolo cacciatore italiano? A si, ci sta prendendo come è suo solito per i fondelli. Comunque sappi che quel decreto è già stato stoppato più volte dalla data di emanazione ed era passato nel dimenticatoio. Adesso arriva un esponente del “governo amico” e per farsi i ca…….suoi, lo ha rispolverato. Bella roba di governo che abbiamo, io ho mal giudicato quello passato, ma questo è quanto di peggio possa avere l’Italia, almeno per la questione venatoria. Solo promesse da eurodeputati e soci che mai saranno mantenute. :evil: Altro carrozzone mangiasoldi del governicchio del nano, se passa.

        • Pier57 scrive:

          sto governo definitosi amico a parte qualche uccelletto in qualche regione
          ________________
          Gli uccelletti nelle ns/ regioni non ce li ha dati nessun governo amico ma i rappresentanti che abbiamo eletto in consiglio regionale.
          Pertanto non è merito ne demerito di nessun governo centrale.

  30. Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

    Ma una risposta alla domanda del Sig. Valerio a quando On. Berlato? Oppure certe risposte non “debbono” essere date? Qui si continua a prendere a per il ……………………

  31. STW scrive:

    X Aiello (più sopra non mi fa rispondere).
    Noto che la butti prettamente in politica un mucchio di volte e solo quando fa comodo alla coalizione che tu sostieni (e ora tirami fuori la storia che tu non sei di nessuno schieramento ecc ecc ecc, per fortuna ti leggo da parecchio e so benissimo come la pensi, anche perchè lo hai dichiarato, tempo fa…).
    Mi chiedi quello che fa questo governo per la caccia. NIENTE e chi dice il contrario? Di certo fa meno dell’ignobile governicchio Prodinotti/pecoraro (quello si definito il peggior governo della storia d’italia, e non certo da me); devo citare per caso i decreti su sic/zps che volevano chiudere completamente la caccia in tali aree? Devo citare l’impugnatura aprioristica (ho scritto aprioristica) di qualsiasi provvedimento inerente le deroghe? Devo citare il passaggio dell’ex infs al ministero dell’ambiente? Continuo? Capisco il tuo livore politico nei confronti di Berlato e della sua coalizione, ma i fatti sono diversi da quello che tu vorresti far vedere.
    Un decreto o viene cancellato o prima o poi viene approvato e messo in pratica; ci certo, te lo ripeto, finchè i comuni interessati sono favorevoli al parco, ce l’avete in saccoccia e un solo comune che si oppone conta come un 2 di bastoni in una briscola a denari.

    • Alessandro Cannas scrive:

      Al tempo stw al tempo…..Il niente, e’ peggio del fare amico caro..Se pecoragno ha tentato una sortita su zps e sic e’ perche’ il precedente Governo Berlusconi,e l’allora ministro dell’ambiente, Matteoli,fece un decreto sulle zps e sic ,che neanche in cocchiere di dracuala avrebbe fatto..Fu impugnato, Amen!!! e ovvio pecoraro ha fatto cio’ che avrei fatto io da cacciatore..Se vogliamo esser onesti fino in fondo!!!! Sulle deroghe,(provvedimento eccezionale ad un divieto generale)non e’ stato un atto arbitrario, perche’ magari ti sfugge, che il Governo Italiano, ha potere illimitato sulla questione della salvaguardia dell’ambiente, inteso in senso generale, e non limitativo,son materie concorrenti, e le deroghe se concesse arbitrariamente possono esser tranquillamente impugnate dallo Stato sovrano. Infs??? Dai Lasciamo perdere….

      • Giovanni Aiello scrive:

        Ottima la tua risposta bravo Alessandro. :lol:

      • Alessandro Cannas scrive:

        Dimenticavo sta cosa,abbi pazienza l’eta’:mrgreen: l’accordo AEWA emanato all’Aja il 15 agosto 1996 tra gli stati membri della CE, e recepito dal Governo Italiano con la legge del 6 febbraio 2006 n. 66. Chi governava dimme un po??????

        • Giovanni Aiello scrive:

          Alessandro io sarei schierato secondo stw, ma chi lo è nello specifico non sono certo io, parla senza sapere di cosa è questo il guaio. Se poi hanno la pretesa di etichettarti politicamnete solo perchè avanzi delle critiche,allora lo capisce anche un neonato con chi stiamo dialogando. :mrgreen: :mrgreen:

        • STW scrive:

          Non so bellamente di cosa stai parlando. Mi preoccuperò di informarmi da fonti altrettanto preparate nel merito.

      • STW scrive:

        Al di là di fastidiosi mosconi che necessitano dell’altrui esposizione e conoscenza per sostenere le proprie idee (e questo è esemplificativo delle capacità cognitive di taluni…); io cito quello che mi risulta. Non ho la tua preparazione specifica. Sta di fatto che, tornando all’attuale governo (io di questo stavo parlando… con breve digressione sul prodinotti); non mi sembra abbia fatto niente contro la caccia. Ha promesso e ad oggi non mantenuto, senza dubbio. Nel passato la stessa coalizione ha commesso gravi errori? Non sono a negarlo. Ma gli effetti di certo non li han resi effettivi loro, ci è voluto er pecora.
        Il quale, pecora, impugnò arbitrariamente TUTTI i provvedimenti di deroga, anche le leggi regionali (normate dalla inerente legge del 2002; altro grave schiaffo alla caccia italiana, no? Questa non la hai citata…)
        in quanto all’infs, non ho capito la tua ironia.
        Sta di fatto che prima di appoggiare un qualsiasi governo, come quello passato, dove vi siano interi partiti contrari a priori alla caccia, ci penso 2873 volte.

        • Alessandro Cannas scrive:

          Infatti, ti ho ben specificato, che il NON FARE E’ PEGGIO DEL FARE,perche’ se all’epoca, si fosse ben blindata la situazione,zps e sic oggi non staremmo certo a discuterne..Er pecora come ministro dell’ambiente ha materia specifica in questo,e come ambientalista,anti-caccia, ha fatto cio’ che avrei fatto io da cacciatore politico ne piu’ e ne meno.Come la legge n 66 sull’accordo aewa,e’ stat resa esecutiva e tutti con il non toxic.

          Fai bene a pensarci 2873 volte,perche’ oggi hai la conferma, che non c’e’ NESSUN SCHIERAMENTO POLITICO a noi favorevole..NESSUNO!!!!!

          Vediamo di non scannarci come fessi in futuro….Perche’ il piu’ pulito ha la rogna…….E mi son stufato di vedere questo degrado tra di noi…..

        • Alessandro Cannas scrive:

          Il non fare e’ anche riferito a una certa situazione che abbiamo come spada di damocle sulla zucca..E guarda che son seriamente preuccupato….pecoragno aveva potere anche sulle deroghe come l’ha la Bella Ministra……C’e da chiedersi dove sta lo storno oggi ..Ma ripeto non credo piu’ a nessuno…

        • STW scrive:

          Sui tuoi ultimi due post (rogna et similia) sono concorde al 100%. Tu vorresti mettere da parte le divisioni? Impossibile… è un gioco al massacro che continuerà. Basandosi e sulle differenziazioni politiche e su quelle stesse venatorie.
          La spada di damocle è inerente i tordi e simili a gennaio? Ai key concepts (o come si chiamano)?

        • ALESSANDRO CANNAS scrive:

          Ab uno disce omnis Ma,non e’ il tuo caso!!!!!!! Bravo hai capito alla grande….Io ci spero che il gioco al massacro termini….Lasciamelo questo!!!!

        • ALESSANDRO CANNAS scrive:

          Si e’ sui CK …………………………………………..

  32. Giovanni Aiello scrive:

    E secondo te come la devo buttare se non in politica? Chi è quel bel tomo che ci vuole fare le scarpe per caso un ciabattino? No è un politico della tua coalizione a quanto pare. Io a dispetto di quello che tu dici, non appartengo e non sostengo nessuno, tantomeno chi allora ha fatto chiudere delle aziende, cioè prodi. Se ce l’ho con berlato, è perchè esce fuori solo per dire cose che non gli competono in quanto eurodeputato, quindi è la Donazzan per es. che dovrebbe venire osannata, non lui che cerca meriti che non può avere nel parlamento italiano e negli affari regionali. Punto e basta. E non citarmi nulla che so bene tutto, come so e da poco che il d’alì, sarà osteggiato anche dai suoi alleati di coalizione, il parco se lo faccia a casa sua. Sappi che non sono gli abitanti o l’amministrazione Egadina che contano un ciufolo, ma il d’alì e i suoi accoliti. Voi interessatevi solo di uccellini che è meglio, noi lotteremo contro certa gente del “governo amico” e chi lo sostiene nel nostro caso. Per me è argomento chiuso con te in quanto traspare la tua sudditanza politica e una certa soddisfazione per ciò che potrebbe capitare a cacciatori del sud. Quindi parla del veneto e lasciaci combattere le nostre battaglie.

    • STW scrive:

      Oltre che pedissequamente schierato, sei anche superficialmente supponente.
      Se tu (s)parli di cose che non sai a livello regionale, è chiaro che verrai corretto, sia sulla Donnazzan che su Berlato. Ma capisco, ribadisco, che i limiti imposti dalla visione ideologica del tutto, siano insormontabili. Sudditanza politica… PFUHAHAHAHAHAHAHA… detto da te, mi fa perfin semanco che da ridere. Ma ti rileggi quando scrivi? Non credo…
      Non devo citarti nulla? Fai a meno di chiedere, allora, in caso contrario accetta che chi legge ti risponda, altrimenti ti consiglio la creazione di un tuo sito dove a tuo insindacabile giudizio potrai far scrivere chi vuoi e come vuoi (un po’ come avresti voluto fare nella rubrica del forum che ti han lasciato amministrare; ma non ti è riuscito nemmeno là…)
      La tua preclusione mentale è spaventosa; io per mia fortuna parlo e della mia patria Veneta e di tutto il resto, finchè potrò farlo. E quello che gode e spera nelle limitazioni alle altrui condizioni venatorie non sono di certo io, ma diversi tuoi sodali; io penso e mi tengo i miei uccellini ben contento di poterlo fare e dico la mia anche sul resto.
      E giusto per completare il discorso parco, IO (e altri) son riuscito a farlo reperimetrare anzichè ampliare, la mia battaglia la ho combattuta e vinta, anche con l’aiuto di chi ne sa di più.
      Ah, visto che ti preoccupi molto dei cacciatori del sud italia, quelli che credi che io denigri (brutti i viaggi mentali, però…), com’è che non vai a fare la guardia volontaria in quelle zone? Te lo han già chiesto, mai risposto…
      Non serve che rispondi, tanto la mia opinione non cambia, risparmiami la fatica di leggere ulteriori inesattezze (termine molto politically correct). Adios!

      • Giovanni Aiello scrive:

        Ma che ti risponderei a fare? Anche tu sei uno prevenuto verso le gg.vv. chissà come mai però chissà. Non aggiungo altro in quanto merita poco un dialogo con chi lancia il sasso e nasconde la mano.

        • STW scrive:

          Intanto mi hai risposto…
          Io sono contrario a qualsiasi guardia volontaria di qualsiasi genere, è un abominio legislativo che non sta nè in cielo nè in terra. E la tua palese e maniacale insinuazione che chiunque sia contrario alle guardie, lo sia perchè ha paura di esser controllato, lascia il tempo che trova, cioè, nessuno. Ri-adios.

      • Pier57 scrive:

        STW
        concordiamo con le tue opinioni anche quà dalla, tua confinante, patria Lombarda.

  33. Giovanni Aiello scrive:

    Sarà maniacale, anche se il maniaco mi sembri tu. Ma è la realtà dei fatti e te le devi sorbire le GG.VV. D’altronde sono state istituite dal vecchio Testo Unico da uno della vostra parte politica, o non lo sapevi? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    • STW scrive:

      Come i bambini… “no, più brutto sei tu; cattivo”…
      A me non frega niente chi le ha istituite, la coglionaggine è trasversale. La parte politica invece la ho, a differenza tua che neghi l’evidenza (e quello che hai scritto in passato); ma tant’è, la coerenza è un pregio che non tutti possono permettersi.
      Nella realtà dei fatti io non mi sorbisco proprio niente, il sistema per non far esistere certi abomini giuridici è talmente semplice che basta un decreto di un assessore provinciale per metterle a cuccia.
      Ad maiora.

      • Giovanni Aiello scrive:

        Bene, adesso mi pare tu abbia esagerato. Abominio tu definisci un qualcosa che lo stato riconosce a cittadini di certo integerrimi più di qualcun altro. Mi riferisco ovviamente a chi milita nelle aa.vv. gli altri sono solo anticaccia e che danno solo la caccia al cacciatore, parlo di Cacciatore, non degli altri.

        In ogni caso una gg.vv. che sia anche titolare di licenza di caccia ha la fedina penale molto ma molto più linda della tua, che disprezzi per partito preso. Per ottenere il decreto si fa una visita medica adesso ogni anno, cosa che per fortuna o per sfortuna, non fanno fare a certi “cacciatori”, se no sai che ridere ci sarebbe.

        Comunque hai un bel che dire tu. Le gg.vv. per fortuna esistono e difendono la fauna da pseudocacciatori e da bracconieri con la licenza di caccia in tasca. Poi sai cosa ci può fregare a noi delle tue considerazioni e di quelle di chi ti tiene le parti? Fa un favore tu che ti nascondi dietro un nick, smettila di denigrare almeno chi onestamente fa di tutto per far si che la poca fauna non subisca gli attacchi dei bracconieri. Le poche guardie provinciali o forestali non bastano per tutte le azioni. Se vuoi saperne di più scrivi al Servizio Tutela Fauna e Flora della Provincia di Torino, così saprai chi siamo e cosa facciamo anche se sei bravo a denigrare chi non ti piace…chissà perchè poi!!!

        • STW scrive:

          Ma tu guarda…
          Hai esagerato tu col non saper leggere o leggere quello che vuoi.
          Ho scritto “abominio legale” e ancora prima ho scritto “abominio legislativo” (a dir il vero è quello che intendevo anche nel secondo caso; ma poco cambia), non ho detto che la “persona” guardia è un abominio, il che è ben diverso, a volerlo capire.
          Cosa ne sai tu chi sono io e che fedina penale ho? Per quanto ne sai, posso essere chiunque e avere qualunque mansione; tra l’altro ho una fedina penale talmente candida che mi rilasciano il porto d’armi in ben 3 giorni.
          E per fortuna mia, c’è ancora una abbondante libertà di parola per esprimere i propri pareri (compreso quello assai condiviso a livelli ben più alti di me e di te, dell’abominio legislativo di cui sopra), o preferiresti i gulag per chi non si allinea al tuo pensiero?
          Interessante notare che metti in dubbio la validità delle visite di controllo per i porto d’armi, chissà se quando il ministo Pisanu propose la verifica annuale dei requisiti psicofisici per i possessori di PdA eri così d’accordo come traspare da quanto sopra. Ma ne dubito fortemente. Come traspare, dalle stesse parole, una sorta di astio nei confronti dei cacciatori, altro che le belle parole.
          Tra l’altro mi sembra che le visite annuali per le forze di PS non abbiano scongiurato pessimi accadimenti imputabili alle stesse PS (a pochi individui, per fortuna); cronaca di questi giorni insegna; figuriamoci per guardie volontarie (ne conosco più di una; qualcosa so).
          Mi nascondo dietro un nick? Certo, ho una paura guarda…
          Chi abbia denigrato, poi, lo sai solo tu, a differenza tua non ho espresso impressioni soggettive, ma slegate dalla singola persona.
          E tranquillo, che non mi metterai a tacere; continuerò a criticare lo status quo. Al massimo provvederò ad ignorarti come ho fatto fino a pochi giorni fa.
          Ah, prima di salutarti per i secoli a venire, ti pregherei di non andare a piagnucolare come al solito, in giro per gli altri interventi di questo sito, dicendo che qualcuno ti ha offeso e/o ha offeso il tuo ruolo di salvatore della patria (venatoria, s’intende… per il resto ne abbiamo già uno)
          Addio definitivamente.

  34. Giusti Giacomo scrive:

    Maremma maiala!!!!!!!
    N’e`arrivato un’altro!!!!!!!
    In questo forum un si ripara!!!!!!!!

    • Giovanni A. scrive:

      Tranquillo Giacomo posso dirti che solo che come nel passato sopravviveremo anche a stw e a quelli che come lui si definiscono “cacciatori”. Certi soggetti cercano, ma mai ci riusciranno, di affossare il lavoro gratuito di tanti cittadini a difesa dell’ambiente che ci circonda e della fauna senza percepire compensi. E solo ed eclusvamente per ovvi motivi. Ma dobbiamo convivere con tutti, anche con loro purtroppo..

      • STW scrive:

        Guarda, sua eminenza della protezione ambientale….noto per l’ennesima volta che non accetti nè il contraddittorio nè le critiche e l’unica cosa che tenti di fare è denigrare e tentare di far passare per bracconiere chi non si adagia al tuo modo di pensare.
        Talmente patetico e infantile questo modo di pensare che non sò nemmeno perchè spreco polpastrelli a scrivere.
        Sperare che chi non la pensa come te sparisca, poi… tipico dei gulag; sarà un caso… ma tranquillo! Sono in questo sito da ben prima di te e ci rimango ancora a lungo.
        Per fortuna che non si deve esser controllati da guardie come te, sennò altro che scamparla… sembrerebbe vero; con l’astio che hai contro i cacciatori che non si pronano a te (contrariamente alle tante belle parole), sarebbe un problema.

  35. massimo zaratin scrive:

    Sono d’accordo con STW con una piccola precisazione in più. Le guardie volontarie, come ho già avuto modo di dire in altre occasioni, dovrebbero essere impegnate in ben altre cose. In tal caso farebbero veramente l’utilità della collettività ed in più fornirebbero una immagine della caccia molto diversa rispetto a quella che stanno fornendo ora ovverosia quella del cacciatore che abbisogna di controlli da parte degli stessi cacciatori. Purtroppo temo che le nostre AAVV non riusciranno a fare il salto di qualità anche perchè suppongo che con un cambio di mansione del genere, venendo a mancare la principale gratificazione che induce a tal volontariato, ben pochi farebbero le “sentinelle ambientali” a 360°.

    PS x Giovanni: C’è un tuo anziano collega dalle mie parti che continua tutti i pomeriggi a controllare e redarguire i bambini che pescano. Ci stiamo facendo un c@lo tanto per insegnare ai nostri figli un contatto con la natura ed a me questo fatto da enorme fastidio! Hai qualche consiglio su cosa possiamo fare? Qualche ragazzino è tornato a casa piangendo ed ora non va più a pescare!

    • Giovanni Aiello scrive:

      Massimo ascolta, nemmeno io sono d’accordo con certi volontari, ma non concepisco il fatto che se qualcuno esagera bisogna castigare tutti. Allora questo principio andrebbe applicato a tutti, cacciatori e pescatori, nonchè a chiunque usufruisca dell’ambiente che circonda.

      Se posso o se sono in grado di dare consigli posso dirti: Se pescano nelle acque interne,la legge regionale cosa prevede per i minori chje esercitano la pesca in dette acque? Diversamente, in che maniera sto tipo reguardisce i bambini? Qualcuno di voi, magari di nascosto, se si presume commetta abusi, non può controllare ciò che succede? Se quel tizio sbaglia lo si denunci per abuso d’autorità senza tati preamboli. Io mai ho abusato del mio status giuridico e mai lo farò, in primis mi sento cacciatore, la gg.vv. che è in me viene dopo a caccia chiusa o se a caccia aperta quando certi “cacciatori” commettono atti nefandi sui selvatici e ciò di solito è segnalato da Cacciatori, contro il bracconaggio e chi come i fuoristradisti, che scorazzando nei boschi del torinese, tutto distruggono.

      E dimmi, in cosa dovrebbero essere impegnati soggetti preposti a certi tipi di controlli secondo te? Magari davanti le scuole con paletta e secchiello? Siamo seri Massimo, io sono d’accordo per una drastica ridimensione di certi controllori volontari, specie se anticaccia. Ma spiegami cosa vuoi significare con certe frasi.

      Poi sai bene forse che se è un cacciatore che ti contolla, magari se non hai segnato l’uccellino, la scampi, se non va bene così, meglio i controlli dei Noa giusto?

      • massimo zaratin scrive:

        Conosco moltissime GGVV e non trovo differenziazioni di “stile”…se tu mi dici però che ci sono anche altri casi ti credo. Del resto, la tua risposta sul collega che insidia i bimbi che si accingono ad imparare la pesca mi da conferma su ciò che penso della categoria.
        Vedi Giovanni…quel signore volontario svolge il suo lavoro in maniera egregia e non commette alcun abuso se non quello del buon senso. Il bambino che è ritornato a casa piangendo è stato rimproverato, con minacce di verbale, perché stava pescando con una piccola retina dei pesciolini da usare poi come esca per i lucci. Il piccolissimo fiume è una discarica a cielo aperto e riceve gli scarichi delle parecchie industrie insediate nelle vicinanze. Tuttavia, li, con la rete non si può pescare e pertanto il signore dalle luccicanti mostrine e dall’amato tesserino ha svolto egregiamente il suo lavoro. Cosa dire? Organizziamo battute di pesca per le scuole elementari, ci impegniamo affinché i nostri figli prendano la strada della natura e non quella d’asfalto ed un signore, anch’egli cacciatore e pescatore, ligio al dovere per il quale ha prestato il fedel giuramento, fa piangere i bimbi che con tanta dedizione cerchiamo di strappare ad una società di plastica.

        • Giovanni Aiello scrive:

          Massimo posso solo dirti che mi spiace sentire queste cose, in ogni caso quel tizio, che io non considero una buona guardia, pecca di eccesso di zelo. Non sono quelle le azioni che noi amiamo fare, ma il contrasto del bracconaggio di ogni sorta. Se vuoi saperne di più su come si agisce noi della Fidc nel territorio ove operiamo, scrivi alla Vigilanza della Provincia, e sentirai che non siamo quelli che danno la caccia al Cacciatore, ciò perchè quando la caccia è aperta, noi andiamo a caccia. Si parte solo quando ci segnalano atti di bracconaggio da parte di gentaglia di ogni sorta. In privato potrei dirti di più, ma non so il tuo indirizzo di posta, qua che è un forum pubblico certe cose non posso dirle. Un cordiale saluto :lol:

  36. SPRINGER scrive:

    Massimo , credo che la cosa debba inquadrarsi in modo diverso .
    Lo strappalacrime esempio del bambino che torna a casa singhiozzando per il minacciato verbale credo sia di sicuro effetto , ma se mi permetti un po’ stantio come metodo : lo usano in tanti ( il bambino ) per avvalorare la tesi che peroraro . Un po’ piu’ di fantasia non guasterebbe :mrgreen: .
    Comunque , dando per scontato che nei confronti dei ” picciriddi ” ci vuole comprensione , non credi che fin da bambini si debba inculcare nelle loro menti il concetto ( che ormai non esiste piu’ ) di RISPETTO delle REGOLE ??
    Non credo che la prima volta che il ” guardia ” ha visto i ragazzini pescare con il retino i pesciolini esca li ha minacciati di verbale ( altrimenti sarebbe meritevole di revoca del permesso ) , ma piu’ probabilmente gli avra’ detto piu’ volte di non farlo e nonostante tutto, come spesso fanno i ragazzini , venendo completamente ignorato .
    Che facciamo ……. facciamo finta di niente cosi’ quando avranno un’ eta’ superiore si sentiranno autorizzati a continuare a far finta di niente o magari faranno anche peggio , oppure cerchiamo in qualche modo di ” farglielo capire ” ??
    Anche a me da ” picciriddu ” e’ capitata una cosa ( quasi ) uguale , eppure ho continuato a andare a pesca e in seguito dedicandomi alla Caccia semplicemente ADEGUANDOMI a quelle che erano le regole a cui si devono assoggettare TUTTI indistintamente e non solo da una certa eta’ in poi .
    E poi se fossi un genitore , stringerei la mano a chi in mia assenza o a mia insaputa impedisce a mio figlio di andare a pescare ( in modo non consentito ) sulle rive di un fiumiciattolo che e’ una discarica a cielo aperto .
    Poi la polemica vetusta sul ” meno guardie ( per avere meno controlli ) credo sia ora di dismetterla perche’ se da una parte puo’ far comodo a tanti ( non a tutti ) dall’ altra e’ anche una mazzata non indifferente al concetto di migliorare la nostra immagine . Concetto a cui mi sembra tu tenga molto .
    :wink:

    • Giovanni Aiello scrive:

      Springer, sai meglio di me che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Non mi riferisco a te Massimo Zaratin, ma a qualcun’altro che si scaglia come un ariete contro chi espleta un servizio gratuito. Ma vedo inviso a molti, ma fa nulla, ci sono abituato. E non cambio le mie idee su certi soggetti che ho imparato a conoscere negli anni. Bene, visto che c’è sempre il saputello di turno che altro non sa fare che attaccare e basta, a torto o ragione non so, per me l’argomento è davvero chiuso, lascio che ululi alla luna i suoi rancori personali che di certo un motivo hanno. Un saluto :lol:

      • STW scrive:

        AHUUUUUUUUUUUUUUUU!!! AHUAHUAUUUUUUUUUUUUU!!!!!! AHUUUUUUUUUUUUU!!!! Ululo e mi diverto…
        “Mamma, mamma… lui mi ha detto bruto…” il livello della discussione è più o meno questo.
        Adesso anche l’attacco di vittimismo per il “servizio gratuito” richiesto da nessuno, tra l’altro. Ah si, non richiesto solo dai bracconieri. Che ridere.
        Si sono raggiunti livelli di pateticità mai visti in questo sito… ma vedendo la fonte, non mi stupisco.

    • Ezio scrive:

      “…. il concetto ( che ormai non esiste piu’ ) di RISPETTO delle REGOLE ??…”

      La sostanza di tutto il discorso credo stia proprio li.

      Ovvero, quante regole ci vogliono in un Paese affichè si possa convivere democraticamente?

      Perchè in Italia ci sono 200mila tra leggi, norme e normette e nella maggioranza degli Stati europei campano (peggio di noi??!!) con una media di 5mila??

      Questa enorme proliferazione di norme è servita o serve in Italia a far star meglio gli onesti e peggio i disonesti??

      Oppure è accaduto esattamente il contrario??

      Perciò capita che, mentre il picciriddo viene ammmonito duramente perchè pesca col retino in quanto “dura lex sed lex”, nessuno si sogna minimamente di andare a vedere chi e che cosa si scarica abusivamente in quel fiumiciattolo ove il marmocchio infrange la regola.

      La mia modesta esperienza mi ha fatto capire che le norme devono essere poche, giuste (es: inutile se non vessatorio mettere un limite di velocità che per le caratteristiche di quella strada e delle auto odierne si sa già che in pochissimi lo POTRANNO osservare…) e fatte rispettare con rigore.

      Ora invece siamo al paradosso del “forti coi deboli e deboli coi forti” e non vedo alcuna inversione di tendenza.

      Ma questo sistema sarà voluto perchè c’è ansia di legalità o per altri motivi??

      Come dico spesso, il Padre Eterno, che di tempo e possibilità ne aveva a iosa, ha dettato 10 (dieci) comandamenti, su cui peraltro “gira” ancora tutto…. Noi italici odierni l’abbiam voluto proprio…. umiliare….

      Quello che mi da da pensare però è che molti, o pochi?? boh… pur non essendo di settori per così dire, “interessati” son contenti così…

      Mah, si vede che anche il masochismo avrà il suo perchè…

      • SPRINGER scrive:

        Fai bene cosi’……… Non farti troppi nemici . Mantieniti distante da me che altrimenti ti rovini l’ immagine che faticosamente ti sei costruito negli anni
        :mrgreen:

  37. Alessandro Cannas scrive:

    STW Visto che si entra in determinati discorsi, sarebbe cavalleresco, e molto gradita, la tua identia’.

    Si e’ sbarellati nella generalizzazione,non sembra che in altre situazioni, di vita corrente, sia differente..Sta all’uomo porsi nelle corretta professionalita’ . Il generalizzare o comunque aborrire ogni forma di controllo,anche volontario,dettato da passione,o altro ,non sta a noi giudicare, non fa che confermare una linea anarchica che non dovrebbe neanche balenarci per la testa.
    Cui prodest?:? :?

    • Giovanni Aiello scrive:

      Ciao Alessandro, ci rileggeremo dopo la data che ti ho detto, lascia perdere, ormai la discussione con certuni è solo dettata da litigiosità e basta. Sai non è facile mettere tutti d’accordo specie se c’è odio e se ci si sente grandi uomini a priori. :lol:

    • STW scrive:

      Generalizzazione? E chi è caduto nella generalizzazione? Non io di certo… Se lo ho fatto, citami dove.
      Ho semplicemente espresso la mia contrarietà al potere dato a dei volontari che semplicemente non dovrebbero averlo. Che poi il discorso sia degradato, è altra cosa. Per controllare le persone (per di più armate) ci sono apposite forze di polizia, altro che volontari. Allora mettiamo dei volontari anche a controllare il traffico, a fare i controlli sanitari, a fare i controlli di sicurezza, no? NO! Solo in ambito ittico/venatorio. Mistero tutto nostrano…
      Io non aborro nessun controllo, anzi, ben vengano quelli fatti da persone addette e solo da queste (FFOO); altro che anarchia! Vivo in una delle zone d’Italia dove ti controllano anche se fai la pipì dietro a un cespuglio; che paura dovrei avere? Per la caccia, poi… men che meno; sempre tranquillo e a testa alta; niente da nascondere.
      E visto che lo richiedi con garbo, mi firmo anche: Stefano Sommacal

      • Alessandro Cannas scrive:

        Ascolta Ste..Non e’ piu’ bello che si discuta,certo la discussione e’ degenerata,come poi ogni discussione che va a toccare determinati tasti.
        La caccia e’ tra le attivita’ piu’ controllate..
        Direi per il futro, vediamo, almento tra noi, del sito, di trovare punti d’incontro e finirla co ste polemiche sterili e inutili non giovano a nessuno,anzi a mio avviso fanno sbellicare dalla risate gli innumerevoli taleban che leggono…Sarei dell’idea di organizzare una bell’incontro con tutti i frequentatori…..Una mangiata? una sparacchiata a gallinacci? un tresette,na briscola quello che sia, basta che finisca sta giostra di discussioni,ne ho le ballas veramente piene..E’ un po’ che mi frulla di non scrivere piu’, non ho piu’ voglia,gia m’incazzo abbastanza su altre situazioni,pure sulla caccia??? E no dai vi prego….

        • STW scrive:

          Alessandro, di smetterla con le polemiche inutili devi dirlo non solo a me, ma a chi provoca (e sono diversi) a chi critica a priori (e sono ancora altri, o gli stessi…) a chi prende per il culo (e sono altri ancora) e non accetta che poi gli venga risposto male o che vengano contraddetti o corretti… (questo al di fuori della presente diatriba)
          Io sono stato buono un mucchio di volte, anche troppe, ma non si può pretendere che tutti stiano zitti e sempre, non è la mia indole… Allora o ci si mette tutti d’accordo che le critiche siano puntuali e moderate (la tua che mi hai fatto più sopra ne è un’esempio) oppure se vogliamo giocare (come va per la maggiore) al massacro, lo si faccia e che sia finita.
          Io a leggere le altrui diatribe non mi incazzo, le salto quasi a piè pari, così dormo bene. :mrgreen: Ma non si può chiedere moderazione solo da una parte.
          Per la reunion io ci sto, dipende sempre dal mio poco tempo libero.
          Ciao

      • Pier57 scrive:

        STW
        penso che non sei un neo-frequentatore del forum.
        Per cui certi “insegnanti” che quà postano dovresti ben conoscerli.
        Lascia perdere che certe convinzioni non si possono eradcare.

        • Pier57 scrive:

          eradicare
          (tastiera di m…)

        • STW scrive:

          Questo sito lo frequento da quando è nato, o quasi.
          Per mia fortuna di insegnanti ne ho avuti tanti e tanti ancora ne avrò e per fortuna tutti di un certo livello. Anche dentro questo sito. Ho detto che ne ho avuti tanti di alto livello, ma ne ho trovati ancora di più che da insegnare non hanno proprio nulla; anzi, di meno ancora. :mrgreen: :mrgreen:

      • massimo zaratin scrive:

        Ciao stefano :D :D :D

        • STW scrive:

          Non avevi capito chi ero? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
          Per errore mio, di iscrizione,il server non mi accetta nè nome+cognome nè solo il nome… mi ero iscritto con quelli, al tempo…
          Ciao Max!

        • massimo zaratin scrive:

          Attendo di arrampicarmi per camosci … :wink:

        • STW scrive:

          Io sono in attività; anche se quest’anno sono in ritardo coi rupicapra…
          Se vuoi venire, si può vedere di organizzare, ma al momento sono un po’ preso con le bombe. Ciao!

  38. massimo zaratin scrive:

    Springer…mi conosci poco e pertanto ti perdono sul fatto che tu pensi possa aver enfatizzato la questione. :wink:
    Il caso è diventato molto popolare dalle mie parti tant’è che ho avvisato i relativi superiori su quello che sta accadendo a dei ragazzini che vanno a pescare. Il padre del bimbo, un mio caro amico, è pronto a far da testimone a quello che molto banalmente giovanni definisce un semplice “eccesso di zelo”. Questo personaggio oltretutto ora mi viene a cercare da tutte le parti perchè quando parto io, mi fermo mica tanto facilmente sai :roll: …purtroppo (ma per sua fortuna perchè non ci incrociamo mai) va tutte le mattine a fare l’alba per vedere se riesce a beccarmi e ti assicuro che quando accadrà (e accadrà perchè se lui cerca me io lo sto cercando 10 volte di più), andremo a finire entrambi sul giornale così pubblicheremo il fatto anche su questo sito. Mi dovrà fare da testimone, visto il suo status giuridico (come dice in pompamagna Giovanni) su un caso che presumo di grave inquinamento…poi vediamo chi ha le P@lle! …altro che ragazzini e anziani cacciatori! Cominciamo a lavorare veramente per l’ambiente oppure abbiamo paura di esporci e ci risulta molto più comodo valorizzare il nostro ego sfoggiando tesserini e mostrine con i ragazzi?

    • SPRINGER scrive:

      Dai adesso non esageriamo . Non farlo sfociare in un dramma da ” pagina di giornale ” .
      Sono convinto che un semplice e ragionato chiarimento fra di voi ( genitore e ragazzino compresi ) sia preferibile .
      Per il ” resto ” , ho infatti precisato che : Non credo che la prima volta che il ” guardia ” ha visto i ragazzini pescare con il retino i pesciolini esca li ha minacciati di verbale ( altrimenti sarebbe meritevole di revoca del permesso ) .
      E se lo ha fatto lo ribadisco : Se questo ( il ” guardia ” ) ha esagerato , sarebbe meritevole di revoca del permesso .
      Questo non toglie l’ obbligo ( con i dovuti modi e metodi ovviamente ) di insegnare , visto che non lo fanno i genitori , anche ai ragazzini ( termine molto generico che ha un ampio spazio di ” applicazione ” ) il rispetto delle regole . E su questo , se fatto cosi’ , non mi lascio convincere sulla sua ” non opportunita’ ” da niente e nessuno .
      :wink:

    • Giovanni Aiello scrive:

      Scusa massimo, invece di rionizzare sempre su mostrine e tesserini, informati se quel tipo ha la competenza sui controlli ambientali, nello specifico l’inquinamento, altrimenti poco potrebbe fare, cioè una denuncia come potresti fare tu privato cittadino e null’altro. Se sai di tutto ciò, perchè non fai venire i funzionari dell’Arpa sul posto? E non parlare di pompe magne per favore, traspare un’ironia fuori luogo. se quel tipo come dici tu ti perseguita, denuncia la cosa alle forze dell’Ordine se è vero. Così eviti conseguenze deleterie per ognuno di voi.
      D’altronde mi riferisco a quanto tu scrivi, mica sono la per dirti si è vero, quindi ci si riferisce solo ai tuoi assunti e basta. E poi noin credo possiate mettere nei casini una guardia se manda via dei bambini che pescano senza permesso, lo so, il corso d’acqua è inquinato tu dici, allora datti da fare e invece di prendertela in primis con lui, ripeto, chiama l’Arpa, c’è vero dalle tue parti?

  39. Ezio scrive:

    Personalmente e modestamente, credo che sarebbe almeno utile un ufficio unico regionale o provinciale, con un responsabile “neutrale”, da cui dipendano ed a cui facciano capo le organizzazioni che fanno volontariato nell’ambito dei controlli venatori ed ambientali.
    Già in questo semplice modo credo, ci sarebbe una svolta generale nel sistema.
    Anche perché avere uno della Lega Anti caccia che fa la guardia venatoria e può fare ciò che gli pare, o quasi, un pochettino mi…inquieta….

    • SPRINGER scrive:

      Non risolveresti comunque il problema ( che per me non e’ comunque un problema ) .
      Infatti come ” volontario ” non necessariamente devi aver paura di un anticaccia abolizionista . Ti posso assicurare che ci sono tanti normalissime persone ( all’ apparenza ) che come quoziente intellettivo e capacita’ di ragionamento sono molto ma molto peggio . A queste gli appiccichi due mostrine sulle spalle e gli dai facolta’ di decidere sul destino di una persona …….. e te ne accorgi che cosa sono in grado di fare .
      Da parte mia , fedele al vecchio e caro detto : Male non fare , paura non avere , oltre che della nuova legge ” animalista ” non temo neanche di essere controllato da una guardia volontaria ” animalista ” .
      Ma solo perche’ molto probabilmente ………… sono strano io :mrgreen:
      :wink:

      • massimo zaratin scrive:

        Mi hanno controllato un mese fa…ne è scaturito un bellissimo e lunghissimo dialogo. Purtroppo Springer non tutte le persone sono dotate di pazienza e quindi capita che qualcuno “cede”. Sicuramente dare il potere di controllo a degli anticaccia è come dar da risolvere il problema dei clandestini ai naziskin. Poi, sai com’è, siano anticaccia o GGVV di ass. venatorie ciò che conta è il livello socio-culturale delle persone che esercitano il potere e, purtroppo, sapersi culturalmente molto bassi rispetto alla media ed avere l’opportunità di elevarsi e sentirsi “temuti e rispettati” grazie ad un tesserino è la fonte dalla quale sgorga copiosa quell’ignoranza che tanto male fa alla caccia!

        • SPRINGER scrive:

          Esattamente . E questo lo possiamo toccare con mano ovunque ( non solo a Caccia ) quando abbiamo a che fare con uno di questi personaggi . Dal ” guardia ” ( animalista o no ) , all’ ausiliare del traffico , all’ impiegato che ( per fortuna sua :mrgreen: ) sta’ dall’ altra parte del vetro , ecc. ecc. .
          :wink:

  40. SPRINGER scrive:

    Dimenticavo di precisare :
    Dopo ” come quoziente intellettivo e capacita’ di ragionamento sono molto ma molto peggio bisogna aggiungere a completamento della frase : ” e questo sito ne ospita alcune ” .
    Cosi’ ….. tanto per chiarire meglio il concetto :mrgreen:

  41. Ezio scrive:

    Te in effetti un po’ “strano” lo sei eppure, mi dicono dalla “regia”, che non sei neppure comun–ista…. 8O :lol: :lol: :lol: :lol:

    Io credo invece che un coordinatore che vigili sull’operato serva sempre e dovunque, ancor più perchè ci sono “quelli” che dici tu, indipendentemente a “dove” stanno…

    Certo, il massimo del minimo sarebbe che a coordinare ci fosse uno di questi ultimi…

    Miii…a che ridere!!

    Siamo veramente sulla giostra del luna park …. :mrgreen:

  42. fiore scrive:

    comunista !!! si avete chiamato!!

  43. SPRINGER scrive:

    Alessandro Cannas
    Posted on 26 novembre 2009 at 15:35
    Sta storia che non e’ comunista la so anche io Non vorrei che si svegliasse e si accorgesse di esserlo? O meglio deve ancora scoprire la sua identita’

    _______________________________________________

    Ti ringrazio Alessandro , ma almeno questo guaio cerco di risparmiarmelo :mrgreen: .
    Gia’ ne comporta molti essere oggi ” cacciatore ” in mezzo a molti di piu’ ” non cacciatori ” . E per come intendo io la Caccia , lo e’ per me pure nei confronti degli stessi cacciatori .
    Due disgrazie assieme e di cosi’ ampia portata non saprei proprio come fronteggiarle :mrgreen: :wink:

Leave a Reply


+ 1 = 8

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.