Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Lombardia, una legge x tutelare i roccoli

| 3 novembre 2009 | 3 Comments

Roccoli, presentato in Regione un progetto di legge per tutelarli

roccolo2Un progetto di legge per tutelare i roccoli è stato presentato in Regione dal consigliere bergamasco della Lega Nord, Giosuè Frosio. «L’iniziativa – spiega Giosuè Frosio – ha l’obiettivo di salvaguardare gli esempi, sempre meno numerosi, di una architettura semplice e spontanea, che si inserisce magnificamente nella natura circostante».

I roccoli – aggiunge – sono costituiti principalmente da una costruzione a forma di torretta, avvolta da rami, arbusti o erbe rampicanti che ne nascondono la visibilità: veri e propri «monumenti arborei» di grande valore paesaggistico. Una testimonianza preziosa dell’antica tradizione venatoria in Lombardia.

«Le prime tracce di questi capolavori – prosegue – risalgono all’età medioevale: nel tempo il loro assetto venne modificato in termini di struttura e complessità. Dalle prime rudimentali tesature di reti si passò alla costruzioni di impianti di cattura nascosti da un insieme di piante e di verde. Oggi questi manufatti vengono utilizzati per scopi scientifici in ambito ornitologico e per lo studio generale dell’ambiente, in alcuni casi anche per la caccia da appostamento con l’utilizzo di richiami vivi».

Ma il numero di queste architetture verdi sta costantemente e drammaticamente diminuendo, con il rischio di una totale scomparsa. «Per questi motivi e anche su impulso del segretario della Lega Lombarda, Giorgetti – conclude Frosio – ho predisposto un progetto di legge per salvare questo patrimonio ambientale e culturale. Una legge che permetterà di preservare queste storiche testimonianze e che, nel contempo, è uno strumento che consentirà una classificazione dei roccoli, “bresciane” e “bressanelle”, demandando alle Province l’individuazione delle strutture da sottoporre a tutela».

tratto da http://www.ecodibergamo.it

Category: .In Evidenza, Lombardia

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. fiore scrive:

    molto tempo fa arrivò un uomo dalla strada
    aveva camminato per trenta miglia con uno zaino sulle spalle
    posò il suo sacco quando pensò fosse il posto migliore
    e si fece una casa in quel territorio deserto
    costruì una baracca e un negozio di articoli invernali
    arò il terreno intorno gelido lago
    gli altri viaggiatori arrivarono a cavallo
    non proseguirono e non tornarono indietro
    poi arrivarono le chiese, poi arrivarono le scuole
    poi arrivarono gli avvocati, poi arrivarono le regole
    poi arrivarono i treni coi vagoni carichi
    e la polverosa e vecchia strada divenne la strada del telegrafo

    poi arrivarono le miniere, poi arrivarono i minerali
    dopo ci furono tempi duri e scoppiò la guerra
    il telegrafo cantava una canzone sul mondo esterno
    la tsrada edel telegrafo diventò così profonda e così vasta…
    come un fiume tumultuoso…

    la mia radio dice che stanotte si gelerà
    le persone tornano in auto dalle fabbriche
    ci sono sei corsie di ingorgo
    tre corsie a passo d’uomo…

    mi piaceva andare a lavorare, ma loro hanno chiuso
    ho il diritto di lavorare, ma di lavoro non ce n’è
    sì, e vogliono che paghiamo i nostri debiti
    dobbiamo mietere il raccolto
    gli uccelli sui fili e sui pali del telegrafo
    possono sempre scappare da freddo e pioggia
    puoi sentirli cantare il loro codice morse
    per tutta la strada lungo la strada del telegrafo

    tu sai che vorrei dimenticare presto, ma che ricorderò queste notti
    quando la vita era solo una scommessa tra la luce
    avevi la testa sulle mie spalle, la tua mano nei miei capelli
    adesso reciti freddamente, come se non te ne importasse
    ma credi in me, baby, e ti porterò via
    fuori da questo buio, nella luce del giorno
    da questi fari che sembrano fiumi, da questi fiumi di pioggia
    dalla rabbia che vive nelle strade con questi nomi
    perchè ho percorso completamente la via della memoria
    ho visto la disperazione esplodere nelle fiamme
    e non voglio vederlo ancora

    da tutti questi segni chiediamo scusa ma abbiamo chiuso
    tutte le vie della strada del telegrafo

  2. cele scrive:

    Bravo Frosio…difendiamo la nostra cultura e tradizione…

  3. Quattroruote scrive:

    Tuteliamo difendiamo e salvaguardiamo le nostre tradizioni e la nostra cultura. Un grazie di CUORE Frosio

Leave a Reply


3 + 2 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.