Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Bruciano reti del roccolo, denunciati

| 23 settembre 2009 | 34 Comments

un roccoloSEDRINA (Bg): Bruciano reti del roccolo Denunciati
DUE GIOVANI universitari di 20 e 23 anni residenti a Bergamo sono stati sorpresi ieri mentre stavano cercando di bruciare le reti del roccolo “Al Canto”, a Sedrina. I due giovani si sono difesi sostenendo che volevano semplicemente aprirsi un varco per entrare nel roccolo. In tasca però avevano la cartina geografica della zona, con indicato il roccolo, come se il tentativo di danneggiamento fosse stato premeditato. Ma il loro piano è fallito perchè sono stati avvistati dai roccolatori, che hanno avvisato gli agenti del Corpo Forestale dello Stato, che li hanno fermati. Ed è scattata la denuncia per danneggiamento e invasione della proprietà altrui.
Dura la reazione di Federcaccia Bergamo, che in un comunicato reso noto nel pomeriggio di ieri ha stigmatizzato «l’atto vandalico posto in essere da questi pseudo-ambientalisti. Non vogliamo rivivere i tempi in cui la violenza di asseriti ambientalisti anticaccia non si limitava agli attacchi verbali. Federcaccia Bergamo – conclude il comunicato – ricorrerà a tutte le iniziative giudiziali ammesse contro i fautori dell’atto vandalico, dalla denuncia per interruzione di pubblico servizio sino alla costituzione di parte civile in eventuali procedimenti».

http://ilgiorno.ilsole24ore.com

Category: .In Evidenza, Lombardia

Comments (34)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. cla scrive:

    Guardiamo un pò se questa di notizia la pubblicano nei tg nazionali ho i miei dubbi staremo a vedere

  2. stefano scrive:

    Semplicemente devono spremerli fino all’osso loro e le loro famiglie…….gli devono far spendere fino all’ultimo centesimo!!
    Semplice…

  3. cla scrive:

    la pena più dura sarebbe metterli a riparare i danni che hanno fatto come sarebbe bello

  4. DAVIDE scrive:

    La maggior maggiore soddisfazione,è vedere scritta la notizia sui giornali e telegiornali.Poi in seguito dovranno rispondere davanti ad un tribunale civile e penale.Dopo di che……..legnate sulle mani.

  5. DAVIDE scrive:

    Ops……c’è un maggior di troppo

  6. Argo scrive:

    Secondo mé, è un errore infierire su questi due sprovveduti. Piuttosto non si capisce perchè Federcaccia, e tutte le altre associazioni venatorie, lo stesso atteggiamento non lo tiene nei confronti delle associazioni animaliste quando queste pubblicano falsità e ci ricoprono di fango.

    Saluti
    Argo

  7. DAVIDE scrive:

    X Argo
    beh.Allora se vogliamo criticare proprio tutto…..

  8. cla scrive:

    Argo ma che sprovveduti questi li ha mandati qualcuno che ci infama ogni giorno altro che sprovveduti e devono pagare

  9. renzo scrive:

    :cry: Ora ne sono sempre più convinto : la cultura non va di pari paso con l’intelligenza. Questi due stupidotti, magari prenderanno la laurea, ma come intelligenza lasciano MOLTO, ma MOLTO a desiderare. Mi dispiace veramente tanto per le famiglie che magari si sono rotte la schiena per farli ” studiare ” . Ecco il risultato di una subcultura disfattista. tipicamente Italiana , dove la moda impera su tutto. E per anni si è imposta la MODA del – dagli alla caccia ed al cacciatore-
    Mah ! :twisted:
    Salute a titti
    Renzo

  10. Argo scrive:

    La mia non voleva essere una critica ma solo un parere, in merito alla persecuzione legale dei due sprovveduti. Federcaccia lasci seguire il normale iter giudiziario senza costituzione di parte civile, servirà a far vedere che sono stati graziati e dovranno ringraziare per essere stati graziati.
    Il legnaccio ( io sarei propenso per l’olivasto stagionato, ma non si può ) lo riserverei alle loro associazioni che formentano simili misfatti.
    La critica, semmai, è dovuta a tutte le nostre associazioni venatorie che ieri ad esempio non hanno fatto nulla per evitare il ritiro dell’emendamento sulla comunitaria. Secondo mé, fatto apposta e con dolo per il provvedimento in questione. A Tal proposito avrei voluto vedere una presa di posizione chiara e forte delle nostre associazioni e non lasciare che i loro associati si affannino nel distribuire le colpe di questo ennesimo misfatto ad Orsi, Berlato, Pini a favore e Cenni, Della Seta, Catanoso ed altri contro.
    Chi ci tutela và sostenuto pubblicamente, in sede di provvedimenti legislativi simili.
    Le associazioni ambientaliste lo hanno fatto. Le nostre nò.

    Saluti
    Argo

  11. cele scrive:

    Questa è la cultura dei anticaccia,appiccano incendi a piante secolari tenute con cura alla pari di giardini delle regge,sicuramente i due ragazzi sono solo citrulli invasati,condizionati da qualche associazione anticaccia…esistono però imputazioni di incendio doloso,fossi loro patteggerei la pena e accuserei chi li ha strumentalizzati.

  12. henri scrive:

    La pena migliore da infliggere a queste due canaglie?
    Io li farei lavorare al roccolo per un’anno, tnto da rendrsi conto di cosa fanno realmente i cacciatori.
    Saluti.

  13. Sonzogni -BERGAMO scrive:

    E’ mio dovere aggiungere qualche ulteriore elemento conoscitivo per i forumendoli essendo l’episodio accaduto nelle contrade della mia Valle . Conosco il proprietario del Roccolo , Sig Gianfrancoi, grandissimo cacciatore , Presidente della sezione locale di cacciatori che conta circa un centinaio di iscritti. Gianfranco è un uomo che dedica la propria vita alla caccia ed ai cacciatori : se tutti lavorassimo per la caccia con l’ipegno profuso da quest’uomo i cacciatori sarebbero i padroni incontrastati delle campagne …. invece purtroppo di gente come lui ce nè sempre meno.
    L’atto vandalico non è isolato : già qualche anno fa fu danneggiato, in due riprese, il cavo della teleferica che serve all’attività agricola limitrofa e complementare al roccolo. Fu necessaria la sostituzione del cavo con notevole dispendio economico. Oggi si ripete un’altro atto vandalico e a questo punto penso si possa alzare un velo su avvenimenti passati e vederli in un ottica diversa.
    I due voltagabbana che hanno perpetrato iol sacrilegio sono stati fortunati : se fossi stato al roccolo dall’amico Gianfranco e avessi sorpreso i due questi sarebbero scesi dal Monte a calci nel sedere …. :evil: :evil: :evil: :evil: :twisted: :twisted:
    Approfitto del post per ringraziare pubblicamente la famiglia Fustinoni , titolare di uno dei migliori roccoli della bergamasca , per i servigi in favore della comunità venatoria

  14. Diego scrive:

    Questi sono i risultati della campagna di odio perpretata dalla associazioni animaliste.
    Questi 2 hanno sbagliato ed ora è giusto cne ne paghino le conseguenze…ben venga il costituirsi parte civile (utilizziamo anche noi i metodi dei nostri avversari e forse otterremo più rispetto).

  15. Sololasipe scrive:

    Nessuna pietà per questi malfattori! Tutte le Associazioni venatorie,che si definiscono tali,dovrebbero costituirsi PARTE CIVILE nei confronti di costoro!!! Solo così,imparerebbero a vivere e sarebbe un grande esempio di unità da parte di noi cacciatori. No al falso pietismo!!!!

  16. Giacomo scrive:

    x Henri

    Bhe…! Mi dispiace, allora vuol dire che non le ricordo niente :mrgreen:

    • Giovanni A. scrive:

      Giacomo… che te possino, smettetela di punzeccharvi in codesta maniera dai.

      Anche tu Henri, avrai le tue ragioni a essere incazzato e ti capisco, ma è meglio un dialogo civile tra noi che certe “scaramucce” non credete?

      Non voglio fare il moralista per carità, ma vorrei solo leggere i cacciatori che discutono o che magari si beccano, ma in maniera più ortodossa.

      Dai datevi la mano e metteteci una pietra sopra, se ritenete che lo merito mandatemi affan……e non mi intrometto più, anzi chiedo scusa se l’ho fatto a tutti e due.

      Un cordiale saluto a Voi e a tutti i Cacciatori, compreso un in bocca al lupo. :lol:

      • Pier57 scrive:

        Ciao Giovanni A.
        oltre che avvocato sei anche giudice di pace?
        Un saluto

        • massimo fedeli scrive:

          si ma questo sig.henri che vuole del lei, che fà tanto il sofisticato perchè non mette nome e cognome? se pensa che sia un fatto di educazione……………… si qualifichi :? qui siamo quasi tutti cacciatori e si scherza, si dibatte, x me non cè problema basta ignorare certi individui, uno già me lo sono dimenticato, l’altro….farò la stessa cosa :wink: tra di noi non ci dovrebbe essere supponenza e onnipotenza, l’educazione è un’altra cosa :roll:

        • Pier57 scrive:

          massimo ti dò una dritta:
          secondo me henri sta per enrico!
          scherzi a parte, la polemica del lei o del tu è solo partita per il fatto che certe volte henri, giustamente incaz..to per come ci stanno andando le cose legislativamente parlando, le cose le dice papali papali
          un saluto

        • Giovanni A. scrive:

          Devo ridere? Guarda che devi cambiare battuta, questa non va bene. Un saluto pure a te.

  17. DaniloMB scrive:

    Per me sono due CO@LIONI……….puro e semplice…..

    • Giacomo scrive:

      Ci mancava solo il terzo !

      PS. Chiedo scusa a Giovanni A. non ce l’ho fatta a trattenermi :wink:

      • Pier57 scrive:

        Giacomo, se ti riferisci a DaniloMB penso che ti stai sbagliando.
        Il suo riferimento ai due cog..oni è per gli autori del misfatto.
        Scusa ma mi sembri un tantino troppo polemico sempre.
        Pure con henri non hai perso l’occasione per polemizzare sulla vecchia storia del lei e del tu.
        Il suo invito a lavorare un anno nel roccolo era per sottolineare la mole di attività che ci sono da svolgere in un impianto di cattura (autorizzato) durante tutte le stagioni dell’anno.

        • Giacomo scrive:

          Se è così, chiedo scusa a Danilo MB non ho riflettuto bene, sono spiacente……Riguardo al Sig. Henri stava già avvisato che se voleva interloquire con me doveva darmi del tu.

          Io considero tutti quelli che scrivono su questo sito persone che come me combattono per la stessa causa, per questo non credo che un cacciatore intromettendosi in mezzo a noi possa discutere con me e nello stesso tempo voler mantenere le distanze .

          Scusa ma per me è una cosa insopportabile, per cui come vedi non sono stato io a polemizzare. Io non ho niente di personale contro Henri anche se negli ultimi post voleva prendermi per il c@@o chiamandomi dottor Giacomo, leggi il post – A ciascuno il suo calendario -.

          Allora come dice il sig. Henri che quando vuole sfottere qualcuno lui va bene ; quando lo prendono a lui va male. Io quando sono stato tartassato da qualcuno ho sempre risposto ma senza offendermi, per quello sul -dottore- ci posso passare sopra, ma sul Lei mi dispiace non transigo ! Pier 57 grazie per avermi avvisato, un cordiale saluto. :?

      • Giovanni A. scrive:

        Non devi chiedermi scusa di nulla Giacomo.

  18. SPRINGER scrive:

    La cosa piu’ intelligente l’ ho letta da te e la tua pena : “” lavorare al roccolo per un’anno, tanto da rendersi conto di cosa fanno realmente i cacciatori “” , spero sia presa in seria considerazione dal giudice .
    Anzi , fossi Presidente di un’ Associazione Venatoria ne farei una battaglia personale a nome di tutti i cacciatori per far meglio conoscere diffondendoli all’ ” esterno ” , gli aspetti positivi SCONOSCIUTI a tutto il resto della societa’ che contraddistinguono la nostra passione .
    :wink:

  19. SPRINGER scrive:

    Mi sono dimenticato di specificare a chi era indirizzato .
    A Henri.

  20. cacciatore veneto scrive:

    Secondo me devono essere trattati dalla giustizia ne più nè meno di come verrebbe trattato un ladro che sorprendi a casa tua a rubare ed a fare danni.
    Invece che in galera che ci costerebbero solamente soldi a sbafo,li obbligherei come detto ad un anno di lavoro obbligato presso il roccolo che hanno danneggiato,oltre a pagarne le spese di ripristino a proprie tasche per il danno che hanno perpetrato.
    Emetterei una sentenza contro questi due e li interdirei dai pubblici uffici per un anno solare,ed oltre al pagamento del danno, gli darei una bella multa pesante di quelle che devono fare un mutuo per pagarla!
    Inoltre li metterei in prima pagina dei giornali e li assoggetterei e paragonerei al peggiore mascalzone,così come fanno loro quando parlano di persone oneste come i cacciatori.

  21. Gianni scrive:

    Un po’ di lavoro al roccolo andrebbe bene, così imparerebbero che non si fa così. Ma non persecuzioni che colpirebbero le famiglie, che magari fanno fatica a campare. E poi , se Federcaccia si costituisse parte civile farebbe un altro danno in quanto potete stare tranquilli che a ogni fesseria fatta da un cacciatore, le ben più attive associazioni ambientaliste farebbero lo stesso. Spesso a essere magnanimi – e quindi manifestamente superiori – si ottiene molto. Si sono comportati in modo deprecabile, imparino la convivenza civile, i diritti e i doveri che evidentemente ignorano, benchè siano universitari. E’ quest’ultima cosa che stupisce, è proprio vero che molte cose le si impara con l’esempio e non sui banchi di scuola.

Leave a Reply


5 + = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.