Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Specie protette, denunciato

| 16 giugno 2009 | 109 Comments

fil6951.JPGCORREGGIO (Re) : Cacciatore di frodo minaccia gli agenti, denunciato
Teneva intrappolati in gabbia, nello scantinato di casa, una dozzina di uccellini di specie protetta. Quando la polizia provinciale è andata lì per liberare i volatili, l’uomo, un 73enne, ha reagito con violenza

Reggio Emilia, 16 giugno 2009. Teneva intrappolati in gabbia, nel suo scantinato, una dozzina di uccellini di specie protetta, come il codirosso spazzacamino ma anche fringuelli e cardellini. E’ così finito nei guai un 73enne di Correggio, segnalato alla Procura per la detenzione di uccelli protetti. Non solo, l’uomo ha reagito al sequestro dei volatili illegalmente detenuti, opponendo resistenza e minacciando gli agenti della polizia provinciale che si accingevano a liberarli.

Tutto è iniziato ieri mattina, quando gli agenti hanno intravisto in un cortile nella zona di Correggio alcune gabbiette. Avvicinatisi, gli agenti si sono accroti che da una finestrella dello stanzino, in casa dell’uomo, si scorgevano altri uccellini in gabbia. A questo punto è intervenuto il 73enne, che ha iniziato ad opporsi con forza all’intervento degli agenti, minacciandoli pure: solo dopo parecchio tempo la polizia provinciale è riuscita a perquisire il locale (trovando anche delle trappole a scatto per la cattura degli uccelli) e a liberarli tutti.

Per il correggese è scattata la denuncia per minacce e resistenza a pubblico ufficiale, che può comportare fino a cinque anni di reclusione.

Tratto da http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com

Category: Emilia Romagna, Generale

Comments (109)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. francewscol scrive:

    PER GIANNI
    CARO AMICO SE VAI A GUARDARE IN FONDO LE SINGLOLE DENUNCE FATE DAI NOA TI RENDERAI CONTO CHE CENTINAIA DI DENUNCE FATTE A CACCIATORI PORTANO NEL VERBALE LA DICITURA SELVAGGINA SEQUESTRATA 0,1,0,0,0,0,1,2,0,0, QUESTO NON E UN CASO MA UN DATO DI FATTO, COSA SIGNIFICA QUESTO OVIAMENTE MANCA L’INTELIGENZA NELL’APPLICARE LA LEGGE VENAORIA PERCHE’ VENGONO COLPITI DURAMENTE PICCOLI CACCIATORI CHE SONO COSTRETTI A VIOLARE QUALCHE NORMA PER POTER INCARNIERARE QUALCHE SELVATICO, COSTRETTI PER ESIGENZE DEL TERRITORIO, POI SI SORVOLA SUI RICCHI CACCIATORI CHE SI POSSONO PERMETTERE DI ESERCITARE L’ATTIVITA VENATORIA NELLE AZIENDE FAUNISTICHE VENATORIE DOVE SI FANNO BUONI CARNIERI CON CONTROLLI DEI NOA PARI A O, E TUTTO QUESTO LA DICE LUNGA CARO AMICO LA REALTA E’ BENDIVERSA DA QUELLO CHE VEDI IN TV O SULLE RIVISTE GIONALISTICHE, E QUI MI FERMO…………. TI SALUTO

  2. Alfio scrive:

    Per francewscol:
    “…CACCIATORI CHE SONO COSTRETTI A VIOLARE QUALCHE NORMA PER POTER INCARNIERARE QUALCHE SELVATICO…”

    “COSTRETTI”!?!?!?!?!?!?
    “COSTRETTI a VIOLARE qualche norma”!?

    Io non so se vi rendete conto della gravità di simili affermazioni!

    E magari qualcuno ha anche “costretto” il ‘povero’ (vecchietto) cacciatore a detenere specie protette, e qualcuno lo ha “costretto” a opporre resistenza e minacciare gli agenti. E lasciamo stare chi ha “costretto” tantissimi qui dentro a difendere un simile soggetto, anzichè prenderne le distanze come il buon senso e la correttezza (di cui sostenete essere pieni) imporrebbero!
    Io credo che dovreste rileggere i messaggi di SPRINGER e GIANNI, e farne tesoro!

  3. LUPINOLENGU scrive:

    X Alfio

    la lingua italiana non è un’opinione…sull’articolo del resto del carlino non c’è scritto che il vecchietto è un cacciatore, se vado a libera interpretazione posso dire che era un giornalista o un medico.C’è scritto CACCIATORE DI FRODO, e per questo ed altri reati ne renderà conto.

  4. SPRINGER scrive:

    Azz…. Alfio , che grinta .
    Benvenuto nel Club degli Idealisti ( disillusi ) . Pochi soci , ma buoni .
    Ciao !

  5. Ezio scrive:

    Da “La Stampa”:
    18/6/2009 (17:11) – ROMA
    “Travolse e uccise fidanzati,
    pena dimezzata
    Nel 2008 investi i giovani
    in via Nomentana”

    Caro Springer, temo che in questo Paese al club degli idealisti disillusi siamo iscritti in moltissimi, altro che pochi!
    E per una miriade di motivi…
    Uno che li riassume tutti, potrebbe essere un detto che amo spesso citare (non credo di averlo coniato io…), ovvero:
    “Forti coi deboli e deboli coi forti”
    I più cordiali saluti.
    Ezio.

  6. ilio scrive:

    • Trovato su di un altro sito spero che Daniele mi perdoni e lo lasci passare


    • Premetto una cosa:
    conosco personalmente il “terribile criminale” oggetto dell’articolo e vorrei esprimere la mia opinione (finchè in Italia si può ancora fare), perchè leggendo gli articoli (quasi tutti “fotocopia”), mi viene quasi da ridere, se non ci fosse da piangere:
    1) NON è un caciatore, non lo è mai stato e non è mai andato a caccia con altri caciatori e non è un esperto di ornitologia; è un semplice amante degli animali e abita in una zona di campagna.
    2) Proprio perchè amante degli animali, ha sempre avuto qualche uccellino, che perlopiù gli veniva portato da amici e conoscenti, che sapevano della sua passione per gli animali, perchè trovato ferito o abbandonato in seguito alla caduta dal nido e lui (ingenuamente se volete) li accoglieva tutti e li accudiva.
    3) Secondo la mia personale opinione, gli agenti sono intervenuti dietro segnalazione di qualcuno (esperto di ornitologia, questa volta) che per qualche motivo ce l’ha col pensionato in questione.
    4) Gli agenti sono entrati nella proprietà privata del pensionato, senza avere alcun mandato in loro possesso, hanno per primi utilizzato una forza “eccessiva”, pretendendo di entrare in casa, minacciando di portare via il pensionato con l’uso delle manette e di sequestrargli l’abitazione (sembra assurdo ma è così).
    A quel punto (e vorrei vedere) il pensionato si è opposto, ma gli agenti non si sono dati per vinti ed hanno tentato ugualmente di entrare con la forza, tanto che la maniglia di un portone, che da acesso all’abitazione, è risultata danneggiata…
    Lascio a voi ogni commento…
    Conosco e rispetto la vostra categoria e gli articoli dei giornali sono completamente fuorvianti (motivo per cui da tempo non li leggo più), in quanto il pensionato in questione non è un cacciatore, nè un bracconiere, nè un criminale… purtroppo i veri criminali sono ben altri

  7. lucas scrive:

    Ilio, penso che quanto hai riportato metta a tacere i pochi “censori dei costumi altrui” che pensano di apparire “migliori” prendendosela con un povero pensionato il cui unico “grave delitto” è stato quello di avere la passione di accudire quanche uccellino che, senza di lui, sarebbe finito in bocca ad un gatto.

  8. giannirm2 scrive:

    X Ilio
    Ne ero certo, che le cose stavano così.

    Chi cacciatore si sdegna per un niente (reato)come questo ha una visione veramente distorta della realtà, cè di peggio, molto di peggio per cui la provinciale dovrebbe intervenire, ma non lo fà.

  9. lucio scrive:

    x ilio spero che ci sia stata una controdenuncia.

    x gianni ecco la conferma che parli senza sapere quello che dici !!!

Leave a Reply


1 + = 2

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.