Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

FIDC, agenda fitta x Dall’Olio

| 16 giugno 2009 | 125 Comments

Caccia e Tiro Nr. 11Buon lavoro presidente!
Agenda fitta per Gian Luca Dall’Olio, nuovo presidente Federcaccia. Nel commento “del giorno dopo”, passata l’onda delle emozioni, in primo piano il ragionamento sulla valorizzazione delle risorse per dare gambe al progetto di rilancio dell’Associazione.
È una stagione difficile, ma certo stimolante e confortata da un esito elettorale fuor di discussione, quella che attende Gian Luca Dall’Olio, nuovo presidente di Federcaccia con il 61,24% dei consensi contro il 38,76% ottenuto dal suo diretto concorrente Massimo Cocchi. Campagna elettorale ed elezioni sono sin qui state un fatto pubblico importante; una vicenda svoltasi in piena trasparenza, “a porte aperte”, trattata non come un affare interno a Federcaccia, nella convinzione che la capacità di elaborazione e di governo dei processi della più grande Associazione dei cacciatori sia stata e continuerà ad essere determinante per tutto il mondo venatorio. I numeri testimoniano una condivisione ampia sul programma e la squadra di Dall’Olio, e lo dotano dei mezzi per dare seguito all’impegnativo programma con cui si era presentato alla competizione. Una campagna elettorale combattuta senza mai, per la verità, rinunciare al tentativo di giungere ad una soluzione unitaria, nella convinzione, come ha più volte ripetuto, che ciò avrebbe consentito di valorizzare al meglio le risorse umane dell’Associazione.
Tuttavia, nella campagna elettorale e nell’esito finale il presidente legge adesso un segno di vitalità e una lezione di democrazia. Con questo spirito, nella convinzione di potere e dover essere adesso il presidente di tutti, Dall’Olio intende porre mano agli impegni che programma e agenda pongono all’ordine del giorno. Nella nostra conversazione “del giorno dopo”, passata l’onda alta delle emozioni, è proprio il ragionamento sulla valorizzazione delle risorse, di tutte le risorse presenti nell’Associazione, una delle priorità in campo. La formulazione della proposta di modifica della 157/92 di Federcaccia che resta, sia detto senza false modestie, il miglior prodotto “sul mercato”, è stata il frutto di un lavoro collegiale; costituisce, lo ricorda il presidente, un eccellente esempio delle potenzialità presenti nell’Associazione e indica la strada da seguire.
E proprio il lavoro per riportare quella proposta al centro del confronto in atto sarà uno dei primi banchi di prova che attende la nuova presidenza, un modo concreto per rilanciare autorevolezza e fermezza, rifondando le ragioni di legittimazione della caccia nel terzo millennio, come indicato nel programma. In quel testo ci sono anche idee e proposte per ridisegnare complessivamente l’assetto della Federcaccia, nell’ottica di una moderna politica dei servizi, del potenziamento dell’informazione e della strutturazione di un rapporto costante con le istituzioni; c’è poi l’impegno a dotarsi di una “sala macchine” capace di far viaggiare a pieno regime i motori dell’elaborazione e della ricerca. Un passaggio decisivo, se si vuole uscire dalle secche delle petizioni di principio in tema di gestione. Le liste, diversità di squadre e programmi, mentre dicono forse che è definitivamente tramontata l’era di “un uomo solo al comando”, non sottraggono ma accrescono le responsabilità che attendono Dall’Olio e la sua squadra. A tutti in bocca al lupo e buon lavoro!
Giorgio Pettinà

Category: Federcaccia

Comments (125)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. ilio scrive:

    1. Alessandro Cannas,:
    .Comunque, l’errore fu’ fatto nel 2000 quando si stilo’, per l’Italia, il Key concepet document, che limito le decadi e impose una risalita molto precoce dei tordi…..Tanto perche’ i verdi son avanti a noi anni luce, e noi siamo degli ingoranti, non siamo capaci di comprendere che non e’ urlando che si ottiene, ma studiando e diventando competitivi
    Bene visto che per tua stessa ammissione fu fatto una sbaglio nel 2000 e visto che ora ci sono studiosi come il Dott. Michele Sorrenti Dott. Alfonso Lenzoni il Dott Cetti tu ed altri che avete documenti attestanti le diversità che esistono in materia di ricerche, dati,censimenti, date che non coincidono con i dati ISPRA perché non mettete le vostre ass. in condizione di correggere questi errori. Non vi mancano certo appoggi politici per far modificare certi parametri, ma da come abbiamo appreso fino ad ora il nuovo presidente della f.i.d.c. si sta preoccupando di risanate le casse della sua ass, mentre l’altro la sua unica preoccupazione riguarda il piombo sulle zone umide che nella quasi totalità sono interdette alla caccia. Ti prego non prenderci per ingenui ti assicuro non lo siamo affatto. Se ci sono i verdi che stanno anni luce avanti a noi bene questo conferma ancora una volta che la dirigenza delle ass ven più rappresentative e politicizzate nonostante siano coadiuvate da dati scientifici e studi sul settore non sono capaci di cestire la caccia in Italia e se avessero un mimino di dignità si dovrebbero dimettere. A ognuno il suo compito: noi poveri ignoranti e creduloni il compito di non rinnovare più le licenza per spazzare via gli incompetenti a voi il compito di ridare dignità al cacciatore vediamo alla fine che avrà la peggio.

  2. BEN scrive:

    Sarà dura farci ridare quello che avevamo!!! una volta ottenuto il loro scopo, i Verdi, non ti ridanno nulla, nemmeno lo storno che ce ne sono a miliardi, la capite o no??? quando sarà passata la modifica alla 157 (me lo auguro davvero..), forse qualcosa avremmo riottenuto indietro, ma se la parte politica dominante, non se la sente dentro, allora il 20 di luglio allungheranno le ferie e rimarranno comodi sotto l’ombrellone che io, purtroppo, non mi posso permettere come loro… . Un saluto.

  3. Mauro Di Tosto scrive:

    ARIPETO….LE CAZ…ATE RACCONTATELE AI COMPAGNUCCI LORO SI CHE CI CREDONO….ANZI STANNO APRENDO GLI OCCHI ANCHE LORO E MENO MALE!Pero’ delle maledette 10.000 lire ora
    € 5,16 di addizionale art.24 legge 157/)92,non ne parla come mai????
    Mauro Di Tosto Dirigente -CPA Roma-

  4. Alessandro Cannas scrive:

    Te rode che il cpa non prenda le 5,16 previste dall’art 24?? ….Purtroppo continui a restare al palo, con le tue posizioni da urlatore…

    Ilio pur stimando professionalmente il Dott,Sorrenti,ed altri,purtroppo non sono loro che devono far degli studi consolidati,perche’ non riconosciuti dalla legislazione corrente, per l’eventuale modifca dell’ornis, ma e’ l’ispra con i suoi naturalisti e solo loro sono titolati a questo…Dalla
    disciplina comunitaria non discende quindi un termine inderogabile di chiusura della stagione venatoria, ma soltanto un
    principio di salvaguardia del periodo di riproduzione e di ritorno al luogo di nidificazione, che spetta agli Stati membri o
    alle loro articolazioni interne tradurre in regola concreta.In questo caso l’Italia ha proceduto in quella direzione,con l’organo scientifico di competenza Statale, all’epoca l’INFS, con i suoi naturalisti…

  5. henri scrive:

    Cari ragazzi,
    ma davvero ancora sperate nella modifica della 157?
    A meno che non ci siano elezioni anticipate per la caduta del governo ne riparleremo,e dico solo, ne riparleremo, tra quattro anni.
    Quando la modifica verra “approvata” sarà gia vecchia ed avrà a sua volta bisogno di altre modifiche e cosi avanti.
    Non c’è la volontà politica di approvare nessuna modifica alla 157 troppi interessi di partito.
    saranno contenti FIDC in testa solo quando ci avranno costretti a cacciare a pagamento in qualche riserva con dei bei polli colorati cresciuti nei loro allevamenti.

  6. Mauro Di Tosto scrive:

    Il CPA OLTRE A NON PRENDERE LE € 5,16 DA SEMPRE PAGA ANCHE, PER IL RICONOSCIMENTO AVUTO CON CONFAVI,MIGLIAIA DI EURI E DEVO SOPRATTUTTO DIRE CHE NONOSTANTE TUTTO CI ADOPERIAMO A FAVORE DELLA CACCIA E DEI CACCIATORI…E VOI CHE PERCEPITE MIGLIAIA E MIGLIAIA DI EURO….(RUBATI AI CACCIATORI)….
    CHE FATE PER LA CACCIA E I CACCIATORI???AMICO NON MI STUZZICARE CHE HO MOLTI MA MOLTI FATTI DA RACCONTARVI E PER COLPEVOLIZZARVI PER LO STATO DI ABBANDONO A CUI CI AVETE RIDOTTO PERTANTO PARLI ALLA PLATEA DI ALLINEATI E COPERTI SU QUELLO NE SIETE CAMPIONI!!!
    PS: ALLORA E’ VERO CHE CI RUBATE € 5,16??…. NE ERO SICURO ANCHE PERCHE’ IO NON PARLO A VANVERA COME FATE VOI.
    Mauro Di Tosto Dirigente -CPA Roma-

  7. Alessandro Cannas scrive:

    E chi te stuzzica.. gia’ stai sull’orlo del collasso..E me stai a fa mori’ dal ride,co sta scena madre….

  8. lucas scrive:

    Se ami la comicità, Cannas, ti consiglio di leggere i comunicati dell’arcicaccia.
    Sono irresistibili.

  9. Alessandro Cannas scrive:

    Infatti leggo voi, e rido moltissimo!

  10. massimo fedeli scrive:

    bella considerazione che avete dei cacciatori voi dell’arci, lei non dovrebbe ridere se lavora x arci, con dei dirigenti che se la ridono di noi dove si va, ma parlare a persone come lei che sberleffano i colleghi è solo una perdita di tempo, sig. Cannas lei vada a caccia come vuole è dove vuole, la sua aavv sparirà, certo non lei , lei si riciclerà in quache modo, ma non ci venga a raccontare come noi ci dovremmo porre davanti alla modifica, a lei sta bene così, a noi no.

  11. valentino88 scrive:

    Invito a quei pochi politici che scrivono sui vari blog della caccia a non farci credere la luna nel pozzo,ma a dire le cose come stanno.
    Grazie.

  12. ross scrive:

    senti cannas ora hai rotto perchè vuoi dimostrare come i tuoi simili superiorità che non hai,te non sei più bravo dei cacciatori che possono andare magari un giorno a settimana perchè lavorano o sono in difficoltà oppure sono solo povera gente (in senso letterale)te sei solo un arrivista che non è un vero cacciatore ma uno sparatore, mai la caccia si è fatta in estate,mai! ti pregherei ora di levarti l’abito politico e fare un pò di ammenda, se poi a te stà bene così ricordati che l’arci dovrebbe difendere i cacciatori tutti, ma l’associazione ricreativa dei comunisti italiani ormai è in mano agli anticaccia e si stà estinguendo da sola come i suoi referenti.

  13. henri scrive:

    Nuovo comunicato del WWF:
    nuova specie in pericolo di estinzione :
    ARCICACCIATORI,
    si pregano i cacciatori che ne incontrassero ancora qualche esemplare di segnalarlo ad ENPA,LIPU,WWF,e VERDI.
    Ops, “Verdi”?

  14. Giusti Giacomo scrive:

    Cannas
    Se credi che in 33 anni di pda,non mi sia mai interessato di legislazione veatoria ti sbagli di grosso!!
    Ho sparato ma mi sono anche interessato,non certo ai tuoi livelli,tu sei un dirigente,ma da buon cacciatore ,ho sempre saputo dove andavo a cascare.
    Certo che la passione,e il sentirmi preso per il culo dall’avvento della 157,ha volte mi possono portare a dire cose strane ma ti ripeto sono sempre cascato da ritto con leggi e regolamenti.
    Quando venne fuori la direttiva 409/79 dissi subito che la 968/77 senza volerlo l’aveva gia`recepita,mi sbagliavo?
    Poi grazie all’accoppiata Rosini/Fermariello e loro soci Infs guarda che casino e`venuto fuori in Italia.

    Tutto questo in risposta al tuo post di oggi ore 8.55

    PS.Ora che fai? mi dai anche del sig?

  15. Ezio scrive:

    Caro Valentino lo sai benissimo come stanno le cose!!
    Non hai bisogno che te lo dicano altri…
    Ciao.
    Ezio.

  16. Giusti Giacomo scrive:

    Sig. Cannas
    Io e te bisognerebbe parlare piu`spesso.
    Ricominciero` con MP su migra.(Se Vuoi)
    Ricordati sempre che nei miei post,non ci devi leggere ne polemiche,ne risentimenti,ne offese,ne incazzature.
    Solo scambi di opinioni,questo ci tengo a ribadirlo,e vale per tutti.

  17. alessandro cannas scrive:

    Vadi caro Massimo,io non sberleffo nessuno,ma converrai con me che mi sto solo difendendo da attacchi gratuiti,solo perche’ho affermato di far parte dell’Arcicaccia,perche’ se solo fossi stato in silenzio nulla sarebbe successo,non credi?Devo dedurre che c’e’ un preconcetto……

  18. Mauro Di Tosto scrive:

    Si ricordi sig. Cannas che sull’orlo del baratro ci siete voi perchè se andiamo a verificare…….(e stìa sicuro che lo faremo presto)….la vostra consistenza numerica degli associati ,requisito tassativo,per mantenere il riconoscimento allora si che ci faremo quattro risate anzi se vi servirà una spinta ber il baratro non faccia i complimenti ne troverete a migliaia!
    Per quanto riguarda invece la democrazia che voi credete sia a convenienza ricordo a chi si crede professore che avete fatto (voi di federarciital)un ricorso al T.a.r. del Lazio contro il nostro riconoscimento e che non contenti della bocciatura avete insistito con il Consiglio di Stato spendendo migliaia e migliaia di euro degli ignari cacciatori vostri tesserati…..è questa la vostra interessata democrazia?????…
    Mauro Di Tosto Dirigente -CPA Roma-

  19. alessandro cannas scrive:

    SONO STATO molto comprensivo,con Lei sig Tosto,ma molto,piu’ di quanto credessi. Le ricordo che se non vi foste confederati con la Confavi restavate nel nulla non avete mai avuto ne numeri e ne carisma per ilvostro dna di riconoscimento…Il ricorso fu firmato..Guardi bene ne vedra delle belle anche del perche fu’ avviata ….

  20. Mauro Di Tosto scrive:

    Non mi serve la sua comprensione sò badare a me stesso piuttosto le belle le vedremo eh si che le vedremo…inizi a contare i suoi iscritti noi lo sappiamo quanti siamo anzi all’interno di Confavi siamo molto consistenti e determinanti quello che non siete voi all’interno del mondo Venatorio!!!
    PS: mi chiamo Di Tosto e non Tosto…..(anche se lo sono)…….come arbitrariamente fà o a seconda di come le garba.
    Mauro Di Tosto Dirigente -CPA Roma-

  21. alessandro cannas scrive:

    Tosto e’ironico,lo vedo com’e’in grado di badare a se stesso…

  22. Mauro Di Tosto scrive:

    ….Non credo proprio…Lei non mi conosce per niente…….anzi se può la sua sottile e demagogica ironìa la usi con la sua associazione….(quello vi è rimasto da fare!).
    Mauro Di Tosto Dirigente -CPA Roma-

  23. massimo fedeli scrive:

    Mauro non perdere tempo con il sig. Cannas, egli a spiegato bene in un precedente post che del problema dei cacciatori non gli frega nulla, nocivi? egli ha il tesserino, caccia di selezione? egli ha l’autorizzazione, atc ?egli ne ha diversi, i problemi sono x i meno abietti, la loro aavv non li può aiutare, ARCI= arrangiatevi.Grazie x quello che non fate x noi.

  24. Alessandro Cannas scrive:

    massimo fedeli, on Giugno 22nd, 2009 at 13:35 Said:
    Mauro non perdere tempo con il sig. Cannas, egli a spiegato bene in un precedente post che del problema dei cacciatori non gli frega nulla, nocivi? egli ha il tesserino, caccia di selezione? egli ha l’autorizzazione, atc ?egli ne ha diversi, i problemi sono x i meno abietti, la loro aavv non li può aiutare, ARCI= arrangiatevi.Grazie x quello che non fate x noi.

    Ti spagli caro Massimo,perche’ se lavoro faccio dei sacrifici e per aver qualche cosa in piu’,rinuncio ad altro,e mi sbatto tra km,domande e corsi,e normative..Tanto per citare il costo del corso da selecontrollore,due mesi piu’ prova di tiro al poligono mi e’ costato meno di 100,00 euri.gli spostamenti in auto,con alcuni conoscenti di Roma, che facevano lo stesso corso dividendo tra tutti ho speso altri 120,00 in due mesi ovvero in tutto 220,00,per poter cacciare per sempre queste specie..Che sono in fondo 220,00 per una passione cosi grande che e’ la caccia??? Quanti soldi si sciupano per stronzate varie??IO le ho investite in questo..Son soldi che mi sudo con il mio lavoro e ci fo’ quello che voglio alla fine…E non devo giustificarmi con nessuno..Massimo la vita e’ lotta,non posso pagare per colpe che non ho,la legge mi consente di acquistare piu’ atc, lo faccio, punto.Mi va di sbattermi tra corsi e domande lo faccio.Punto…Devo cospargermi il capo di cenere e pagare colpe di un mondo che va’ al contrario, dimmi il perche’?

  25. Mauro Di Tosto scrive:

    …Ringrazi l’arcicaccia per questa splendida legge che ci ha regalato insieme alle altre tre sorelle….(basta pagare)….le o ci consente di acquistare + ATC, di fare il corso per la caccia da selecontrollore ,che le o ci fà andare a caccia meno possibile dei nostri fratelli Europei,che nel calendario venatorio ci sono meno specie cacciabili etc etc….non si cosparga la testa di cenere che non è lei il colpevole…però è un tenace sostenitore quindi faccia lei!!?…
    Mauro Di Tosto Dirigente -CPA Roma-

Leave a Reply


6 + 1 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.