Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

FIDC Brescia: Cacciapensieri

| 29 maggio 2009 | 26 Comments

BRESCIA: CACCIAPENSIERI DEL 28 MAGGIO 2009
Sarà Gian Luca Dall’Olio, già vicepresidente nello scorso ciclo federale, a guidare Federcaccia per i prossimi cinque anni. Lo hanno deciso, assegnandoli un larga maggioranza dei consensi, i 106 presidenti delle sezioni provinciali nell’assemblea nazionale di sabato scorso.
Ha sconfitto la cordata tosco-lombarda che si proponeva di portare alla presidenza il toscano Massimo Cocchi e alla vicepresidenza l’avv.Enzo Bosio. Che aggiungere allo scontato rammarico?
Innanzitutto che ha prevalso l’immobilismo di una classe dirigente poco propensa alla novità: il chè spiega il forte segnale di continuità e di consenso nei confronti della passata gestione.
Infine ha confermato di essere sempre attuale il motto che il potere logora chi non ce l’ha (padroni di leggerlo nella su accezione peggiore).
Detto questo, la sconfitta va accettata, come deve esserlo in un sano scontro democratico, tanto più che è arrivata in un modo così netto da non lasciare spazio a recriminazioni. Toccherà ora al Consiglio regionale lombardo, che domani eleggerà presidente e direttivo, formulare le opportune valutazioni.
Partendo da una valutazione oggettiva: per la seconda volta consecutiva la Federcaccia lombarda è restata fuori dalla stanza dei bottoni. Non resta che sperare che chi, questi bottoni, è stato chiamato a (ri)schiacciarli, lo sappia fare con capacità e responsabilità.
Da parte nostra l’ovvia disponibilità ad offrire tutta la collaborazione possibile.
http://www.federcacciabrescia.it

Category: Federcaccia, Lombardia

Comments (26)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Luca Davide Enna scrive:

    Ultimamente la Federcaccia ha perso 30.00 soci ed è fuori bilancio di 7.000.000,00 (settemilioni) di euro.
    Se è vero ( com’è vero ) che ha prevalso la conservazione (pur se io sono tra quelli convinti che anche in Federcaccia ci siano ancora presone validissime) bisognerà aspettare ciò che accadrà nel prossimo futuro. Se lo scenario prevedibile sarà quello della emorragia di tesserati e la perdita non si limitasse a trentamila ma salisse a cinquanta, cento duecentomila, si dovrà ripensare alla Federcaccia e a tutti gli errori fatti in venti anni (compresa la paternità della 157/92).
    Certo, questo lo decideranno i cacciatori, ma per loro sarà sempre più facile decidere grazie alla rete internet e alle informative in tempo reale. Venti anni fa, uno sconvolgimento del genere sarebbe stato impossibile, tant’è che i dirigenti nazionali vivevano nelle “acque chete” anche grazie alla scarsisssima e frammentaria informazione di cui godeva non tanto la “periferia” (cioè le sezioni, le quali, comunque sono state sempre dettagliatamente informate)quanto invece “la base” cioè la masssa dei cacciatori.
    Mentre fino a pochi anni or sono i cacciatori stipulavano le tessere per abitudine, oggi si stanno svegliando e cominciano a pntare i piedi. La sommossa, però non è ancora sufficiente ad attuare il “ribaltone” e ci sono associazioni che ancor oggi dormono sul morbido. Bisogna avere pazienza e stare seduti tranquilli ad aspettare, poiché le previsioni, visto l’andamento recente e il surriscaldamento degli animi, non sono così favorevoli alle associazioni storiche, bensì si prevede burrasca all’orizzonte.
    E’ ragionevole ritenere che , comunque vada, il marasma provocato dalla richiesta di modifica della 157, sortirà un effetto; quello di scombussolare le carte e sarà più difficile, rispetto al 2004, riuscire a mantenere salda la barra del timone.
    Chissà che non avenga che, dato che la politica non è riuscita a modificare la caccia, i cacciatori e gli agricoltori non riescano a modificare, in meglio , la politica (anche quella venatoria)…
    Cari Saluti

  2. antonio67 scrive:

    Da premettere sono stato 20 anni tesserato fidc e qualche anno di vigilanza.Sono 5 anni che ho cambiato associazione,la fidc tutti i tesserati che ha perso son pochi in proporzione come ha lavorato per i CACCIATORI molti non sono andati via perchè gli piace la S.UBERTO i QUAGLIODROMI ele A.F.V. Perchè negl’ultimi anni si sono impegnati solo ed esclusivamente di queste GRANDE RISORSE ECONOMICHE e scamazzando noi cacciatori poveri indifesi e illusi e loro lavoravano come anticaccia e associazione .

  3. Fabrizio scrive:

    Se Cocchi non sara’ “ministro della propaganda” di federcaccia nazionale…..

    ….. vorra’ dire che la lenta morte di federcaccia e’ ormai irreversibile.

    E’ cosa frutto di una precisa volonta’ o di semplice inadeguatezza ??

    non lo so.

    fabrizio

  4. Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

    Caro Fabrizio, di “ministri della propaganda” ce n’è stato uno piccoletto, un po claudicante che quando parlava il popolo rimaneva in silenzio ad ascoltarlo. Il nome te lo ricordarei di sicuro.

  5. lucas scrive:

    Stappano bottiglie di champagne, cantano e ballano, non si rendono ancora conto che la festa è finita, sul ponte del Titanic…

  6. falco scrive:

    La federcaccia lombarda è fuori perchè qualcuno di loro ha giocato sporco ed ora deve pagare gabella.
    I giuda devono essere messi alla gogna assieme anche a qualcuno della Toscana traditore come coloro che lo hanno fatto dalla lombardia, piemonte, puuglia etc etc

    Come si può affermare volemose bene riconfermando chi ha depauperato un patrimonio da 7.000.000 di euro ????
    Ma siamo matti ???

  7. Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

    Lucas se sono in deficit un hanno neanche i soldi per stappà una bottiglia di Bosca che un costa nulla e unnè bono. Ormai sono al caffè. Comunque sono convinto che hanno perso più di 30.000 iscritti. Qualcuno comunque s’è fatto il portafoglio gonfio, dammi retta. Sarebbe stato un bel bischero se avesse fatto il contrario. Ci si risente a notte fonda se un faccio tardi. Vado a mangià un po’ di pescino in compagnia della solita fia e poi quel che vien fori si guarderà di raccattà. Stammi bene e un t’incazzare troppo, tanto un nè vale la pena.

    Ciao

    Gionni

  8. Traica Roberto scrive:

    Ciao Gionni sono Roberto Traica Ho provato a chiamarti piu vote al telefono dove mi chiamasti tu ,ma non ho mai ricevuto risposta. Il mio nm.telefonico tu lo hai prova a chiamarmi quando tu vuoi, per poter organizzare una tavolata al lago.Ciao a risentirci.Roberto Traica

  9. ilio scrive:

    Visto che esiste una cordata tosco-lombarda che si proponeva di portare alla presidenza il toscano Massimo Cocchi e alla vicepresidenza l’avv.Enzo Bosio perché gli stessi che hanno voglia di portare arie fresca ed hanno una visione diversa della caccia non fanno una scissione e preparare le basi per quella associazione unica di cui si parlava? Credo che avrebbe molti seguaci e partirebbero con un buon numero di iscritti visti i commenti di dissenso che si sono levati verso il nuovo presidente.

  10. Argo scrive:

    Carissimo Luca Davide Enna.
    Il giorno che Federcaccia perderà il numero di tesserati che tu dici (l’emorragia riguarderà tutte le associazioni venatorie ), probabilmente chiuderà definitivamente anche la caccia.
    Non sarà il caso di cominciare a pensare di organizzare delle manifestazioni di protesta presso i consigli regionali, ad esempio, in modo da dare la sveglia a chi con il nostro voto siede su scranni da 20.000 euro al mese e poi oltre a fregarsene altamente spesso ci danno contro?
    Avere pazienza e stare tranquilli ad aspettare negli ultimi 20 anni ci hanno ridotto allo stato attuale, e nel frattempo le associazioni ambientaliste vincono tutte le battaglie con i vari ricorsi al tar, ( ma non erano del parere che la 157 è un’ottima legge equlibrata e sostenibile per tutti ? )

    Saluti
    Argo

  11. massimo fedeli scrive:

    lo dice Veneziano e il sig. Fiore.

  12. Traica Roberto scrive:

    Ciao Fedè che hai sentito Francesco? io gli ho fornito il nm. del telefono ma non chiama nessuno. Io no n so come fare.

  13. ANTONIO PINOTTI scrive:

    Sig.ENNA, ogni volta la mattina quando mi alzo, penso a quello che potrebbe succedere nella giornata. Naturalmente l’auspicio è sempre rivolto alle cose positive. L’auspicio si è avverato nel leggere le sue parole che condivido dalla a alla zeta.
    OCCORRE PERò DARE LE GAMBE ALLE PAROLE.
    La saluto con viva cordialità.

  14. Ezio scrive:

    Grande Ilio!!!

    X gli altri e qualcuno lo ha già colto l’aspetto.
    FIDC non è ancora scomparsa perché la stragrande maggioranza dei cacciatori non usa Internet e non conosce bene la situazione oppure, semplicemente, non gliene frega nulla.
    Qui in Piemonte, e precisamente in provincia di Cuneo, per l’ennesima volta stiamo assistendo alle manovre di tre presidenti FIDC- gestori degli atc CN3-4 e 5 che stanno riproponendo alla Regione di limitare la caccia a due giorni fissi salvo che per i cinghialai (il cn5 quest’anno anche per quelli…) e di impedire l’appostamento fisso temporaneo a gennaio.
    Il tutto con il benestare della Regione Piemonte che si fa forte di un articolo che dice che gli atc possono PER MOTIVATE ESIGENZE (….) ridurre le giornate, le specie, ecc ecc ecc.
    E così quel “motivate esigenze” viene interpretato che se uno dice che il sole sorge ad est è tramonta ad ovest è una “motivata esigenza”.
    Si badi bene!! Gli unici tre atc sui VENTI esistenti in Piemonte!! In alcuni oltre ad applicare semplicemente il calendario venatorio regionale fanno pure la preapertura!!!!
    E l’unica ad opporsi con FORZA a questa azione assurda è Arcicaccia….
    Vedete un po’ com’è strano il mondo….
    Anzi, scusate, non è strano per nulla!!
    Siamo in Itaia. Qui vale il motto “TUTTO ED IL CONTRARIO DI TUTTO!!”
    Ciao.
    Ezio.

  15. fabrizio scrive:

    cari amici cacciatori

    l’ idea di Ilio e’ buona, ma dubito molto che Cocchi sia disposto a fare il passo.

    Se verra’ ostracizzato da Dall’ Olio, e gli verra’ negata la direzione del settore comunicazione di federcaccia, sara’ la migliore cosa che potra’ fare, e saremo in tanti a seguirlo.

    indebolire una federcaccia immobilista e fondare una nuova associazione che faccia da ponte con l’ associazione unica e lavori per essa, e’ comunque una scelta estrema a cui -spero- non sia necessario arrivare.

    Fabrizio

  16. Ezio scrive:

    Caro Fabrizio, a mali estremi estremi rimedi…

    Non si diceva così??

    E poi una unica AV sarebbe la madre di tutte le soluzioni ;-)

    Ciao.
    Ezio.

  17. Valerio scrive:

    Ezio,
    l’unica a opporsi e Arcicaccia perche non c’e’il CPASport O Confavi in piemonte,organizzatevi e costituite una sezione di queste associazioni venatorie e le assudita’non ci saranno.

    Certo che stare a ricrimiare e associarsi con chi a livello nazionale e’contro la modifica della legge in discussione come i talebani anticaccia e’un contro senso,e tutta politica per fare qualche tessera in piu’.

    Da se per se non viene nulla organizzatevi e vedrete che le cose potrebbero cambiare.

    bay Valerio

  18. massimo fedeli scrive:

    a traica chè devi fa, francesco ti ha risposto con un post è diceva che il 18 x lui andava bene, e stava una giornata fino a sera come me. oggi franc. rm sta a tarquinia alla fiera.

  19. Ezio scrive:

    Ti vedo ottimista come sempre caro Valerio… ;-)

    Comunque con i prossimi due anni, se il “Capo” mi conserverà la salute, saranno quasi 20 che combatterò con il mulini a vento…

    Credo che giunto a quel traguardo, risultati o non risultati, tirerò definitivamente i remi in barca…

    Per questioni legate alle “teste” e non a questo o quel “partito” sto rischiando di prendere in odio una delle mie ragioni di vita, ovvero la caccia.

    E questo non VOGLIO che accada!!

    Un sempre caloroso in bocca al lupo a te che rimani “tosto” tra i “tosti” ;-)

    Ciao.
    Ezio.

  20. Valerio scrive:

    Ezio,
    una che la cacca c’e’la nel sangue non potra ‘odiarla mai.

    Non mi arrendero’mai per diffendere la mia passione se non per motivi di salute che potrebbero prevalere , spero e credo che al di la di tutto la legge sara’modificata,ma se in Piemonte qualcuno non incomincia a mettere le spalle al muro ed organizzarsi credo che comunque avrete sempre dei problemi da chi non vorrebbe cambiare nulla.

    un caro saluto Valerio

  21. Ezio scrive:

    Valerio io intendevo stop alla caccia “parlata”, alle tessere associative ecc ecc ecc …mica quella pratica e vera…
    A quest’ultima ci rinuncerò solo in fin di vita… fammi toccare vah… ;-)
    Per il resto, come ben sai, non si muove foglia che Federcaccia non voglia, sia che la setssa abbia contro Arcicaccia, Confavi, la CIA, il KGB, oppure che vuoi tu…
    Sempre cordiali saluti.
    Ezio.

  22. Fabrizio quando ci sono gli minteressi nel mezzo , e sai a cosa mi riferisco, è difficile che un vicepresidente lasci la sua associazione per fondarne una nuova portatrice di veri interessi per i propri associati. Cocchi è forse un po’ meglio di Dall’Olio ma la famiglia è sempre quella. Basterebbe che prendesse il coraggio a due mani, farsi portatore di nuovi interessi venatori e stai tranquillo che tutti lo seguiremmo, bisogna vedere però se nè ha veramente il coraggio e questo nè dubito fortemente. Di questo passo la caccia finirà ed anche presto. Saranno recepite solo le cose che interessano della normativa europea e per noi cacciatori la stagione si ridurrà ancora di più.

    Gionni

  23. CORRADO scrive:

    federcacia brescia….
    parlava bianco e faceva nero
    lei la bresciana, mai dissociata dalla mazionale…..
    ora si piange una sconfitta (quella di cocchi) che non sarebbe mai comunque stata una vittoria.
    federcaccia si ostina a non guardare il mondo dei suoi associati ed a fare altri interessi….
    sono stanco di sentirmi dire …ma come la VOSTRA MAGGIORE ASSOCIAZIONE è contraria…

    non si fermerà a 30000 l’emorragia.

  24. Giusti Giacomo scrive:

    Guardate che io non mollero`mai,l’avro`detto 100.000 volte,ma,per come siamo trattati,come oggi e`messa la caccia,le prese per il culo della politica,il marciume giornalistico contro di noi,ecc.ecc.ecc.
    Se uno non sa, dorme tranquillo, e va avanti,ma se uno sa(come noi) le cose come stanno andando, e va avanti,ama questa attivita`piu`della sua vita, e c’ha du palle cosi!!!!!!!!

  25. antonio67 scrive:

    Cari amici di questa MALEDETTA PASSIONE(per modo di dire come siamo trattati)Il mio parere visto che tutti i manipolatori fidc che invece di difendere la vera caccia si sono concentrati per le A.F.V.QUAGLIODROMI A.A.V.TENUTE DI CACCIA RISERVE ECC…in maggior parte di loro proprietà e qualcuno più sfortunato si trova solo la gestione.Da precisare la mggior parte in tutte queste miniere d’oro si spara tutto l’anno ad eccezione di qualcuna nò.Io proporrei di VIETARE SPARARE e di tener rispetto del calendario venatorio della stessa regione,così meglio lo fanno per noi veri cacciatori ed altrettanto meglio per chi è appasionato delle LUNA PARK.RICORDATEVI TUTTI CHE SE NON CI SARA’ UNA MODIFICA DI LEGGE ANCHE SU QUESTE MINIERE D’ORO LA CACCIA PER NOI VERI CACCATORI SPARIRA’.AUGURIAMOCI PER UNA NUOVA 157 ALTRIMENTI E’ FINITA.

  26. Luca Davide Enna scrive:

    Carissimo Antonio Pinotti,
    la/ti prego di non darmi del lei. Il voi, poi, lo hanno già abolito da un pezzo.
    Come ho già detto, sono uno dei lettori del taccuino, anche se non riesco a ricordarli tutti a memoria. Ritengo che il taccuino, adeguatamente adornato possa diventare un libro diriferimento pr i giovani ceh si affacciano all’attività venatoria e non conoscono la politica venatoria in alcun modo e per tutto gli adulti e gli anziani i quali pur calpestando palchi e palchetti non hanno ancora capito un piffero di politica venatoria… Sarebbe un libro fantastico e mi piacerebb eleggerlo o, addirittura, collaborare (nel mio piccolo) alla sua stesura, pur ripettando le decisioni del suo autorevole estensore, il Prof. Pinotti, del quale, come ho avuto altre volte modo di dire ho una grande stima, come la si deve avere per tutte le brave persone che quotidianamente si impegnano per la comunità (in questo caso, quella dei cacciatori). Detto ciò, concludo dicendo che le gambe, grazie al Cielo, le si hanno, ciò che manca, ancora, sono alcuni amici volenterosi, i quali, però, piaano si stanno avvicinando, magari con qualche sortita a mò di battuta del tipo : >> E’ proprio per quello che sono sicuro che molti di voi mi aiuteranno, quando sarà il momento per quel certo progettino di aggregazione apolitica apartitica e non-associazionistica…
    Cari Saluti
    e Le/Ti (in caso dell’uso del voi, VI) rinnovo la mia Stima
    Luca Davide Enna
    X Argo: hai ragione, bisogna protestare, ma si devono coinvolgere tutti i cacciatori, non i soliti quattro gatti volenterosi…

    X Valerio:
    hai detto che hai la “cacca” nel sangue? Spero ti riferissi alla circolazione arteriosa e venosa della Brambilla …Hehehehehehehehehe

Leave a Reply


+ 5 = 14

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.