Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Toscana, Pizzi replica a Martini

| 22 maggio 2009 | 21 Comments

PIZZI (F.I.-PdL)/REVISIONE LEGGE VENATORIA: “DA MARTINI SOLO UN MANIFESTO ELETTORALE”
Solo per l’emergenza dei danni alle culture il centrosinistra “riscopre” i cacciatori, gli agricoltori devono essere rimborsati subito per i danni
“Noi siamo convinti che la caccia sia un’attività da disciplinare, senza imporre tuttavia vincoli eccessivi o burocrazia opprimente come oggi accade in Toscana. Prendo atto che solo oggi, di fronte ad una vera e propria “emergenza danni” e alla vigilia di una importante tornata elettorale, la Giunta di centrosinistra “riscopra” il valore e la grande utilità dei tanti appassionati cacciatori, per troppo tempo dimenticati e lasciati in balia delle derive ambientaliste radicali della sinistra estrema”. Interviene così Piero Pizzi – consigliere regionale di F.I.-PdL e componente della Commissione Agricoltura – in merito alla proposta di legge della Giunta sulla normativa venatoria.
“In Toscana – conclude Pizzi – il settore sta perdendo un ruolo rilevante e distintivo rispetto alle altre regioni italiane. Alle contraddizioni presenti nella maggioranza di governo conseguono inevitabilmente un’eccessiva burocratizzazione e la ricerca strumentale di vincoli e cavilli a carico dei cacciatori con il chiaro intento di scoraggiare l’attività venatoria, proprio i divieti incomprensibili dei soliti “ambientalisti della domenica” ben presenti nella maggioranza di centrosinistra, e grazie alle assurde procedure per poter svolgere l’attività più antica del mondo, si sono prodotti gli squilibri nell’ambito degli ungulati e di alcune specie di uccelli come i piccioni di città e gli storni.
Ogni anno Forza Italia – PdL porta vanti la propria azione a favore della caccia riproponendo il prelievo in deroga. Abbiamo ottenuto di aprire i centri di cattura dei richiami vivi dal primo ottobre e non da fine novembre, abbiamo combattuto per la cancellazione della teleprenotazione, pratica farraginosa, fallimentare e costosa. Ci siamo battuti perché la Giunta Toscana approvasse una risoluzione “storica” che la impegna ad attivarsi presso la Comunità Europea per una revisione delle deroghe già dalla prossima stagione.
Il documento di Martini appare come un elenco ragionato di buone intenzioni, privo di ogni autocritica ed evanescente nelle proposte, soltanto una sorta di  manifesto elettorale visto che siamo ormai prossimi alla fine della legislatura, tempi non propizi per  grandi riforme. E’ quindi facile prevedere che nulla cambierà, anzi la forza condizionante dei Verdi all’interno della maggioranza porterà solo ulteriori squilibri nel giusto rapporto tra la fauna selvatica in Toscana.
A mio avviso vi sono alcune priorità da affrontare subito e possibili in tempi brevi:
1) Una riforma degli ambiti territoriali di caccia (Atc): gli Atc nati come enti strumentali di gestione, sono diventati centri di potere e generatori di sprechi. Ecco qualche numero. A seguito di uno studio che ho condotto sui bilanci 2006-2007 degli Ambiti territoriali di caccia,  a fronte di circa oltre 30 milioni di euro di entrate da investire per migliorare e regolare la presenza della fauna selvatica sul nostro territorio, più di 7 milioni circa di euro sono destinati a consulenze esterne, spese per le sedi e compensi per ogni singolo comitato di gestione. Soldi dei cacciatori e dei cittadini che potrebbero essere risparmiati o reinvestiti sul territorio immaginando un ritorno delle funzioni gestionali delle Province. Prevedendo l’istituzione di un Comitato consuntivo unico provinciale interno alle Provincia per mantenere la straordinaria esperienza maturata in termini di concertazione tra associazioni dei cacciatori, agricoltori e ambientalisti.
Le ingenti risorse che gli Atc sono chiamati a gestire non hanno un effettivo ritorno per i soggetti interessati. Sono scontenti i cacciatori che dopo le prime settimane di caccia stanziale si ritrovano senza selvaggina, come sono insofferenti gli agricoltori che non riescono a compensare i danni della fauna selvatica con il risarcimento dei danni arrecati.
Su questo tema annunciamo oggi la nostra volontà di confrontarci sia con le associazioni di categoria sia con tutte le nostri parti politiche che vogliano concorrere ad una sburocratizzazione dell’attività venatoria ed a una riforma della gestione programmata della caccia sul nostro territorio.

2) Una seconda priorità da affrontare è il problema dei danni alle coltivazioni. Occorre approvare subito una serie di provvedimenti concreti.
Il rispetto degli agricoltori e della loro attività è presupposto ineludibile per una buona attività venatoria. Gli agricoltori hanno diritto ad essere risarciti e tutelati da subito.

3) Dare attuazione agli indirizzi approvati dal Consiglio Regionale in merito alle deroghe per la caccia alle specie migratorie e segnatamente allo storno ed al fringuello. Il Consiglio Regionale ha impegnato la Giunta a svolgere nelle sedi competenti ogni azione necessaria per ottenere la deroga.

4) Gli agricoltori ed i cacciatori hanno bisogno di un Assessore ad hoc con cui forze politiche ed associazioni si possono agevolmente confrontare. Non si parla di ragioni di risparmio dal momento che esistono assessorati superflui, costosi ed inutili (la pace ed il perdono).

Finché la caccia è tutelata dalla legge – conclude Pizzi – il legislatore è obbligato ad assicurare il libero esercizio di tale attività, valorizzando il grande apporto nel contenimento di alcune specie che solo i cacciatori possono assicurare su tutto il territorio, oltre che fungere da “sentinella ambientale” insostituibile.

Piero Pizzi Consigliere regionale F.I.-PdL
Componente Commissione Agricoltura

Category: Leggi/Politica, Toscana

Comments (21)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giusti Giacomo scrive:

    Comunque caro Pizzi,alla camera avete fatto una figuraccia anche voi.

  2. massimo fedeli scrive:

    si ,si, mo escono tutti con fare prepositivo , mo ve la pigliate nel confornorio…..

  3. stiv scrive:

    7.000.000 di euro per consulenze ecco perchè non ci sono i soldi per gli indennizzi ,a questi vanno sommati gli stipendi di tutti quelli che lavorano negli ATC la cancelleria le auto i rimborsi e tutto il resto rendetevi conto quanti soldi buttati ! Altro che emergenza UNGULATI!

    UN SALUTO A TUTTI I CACCIATORI

  4. Picchio scrive:

    Pienamente daccordo Pizzi, belle parole, ma a quando I FATTI ????? è ORA!!!!!!!

  5. lucas scrive:

    Pizzi, Pizzi, anche voi non è che siete usciti fuori come dei grandi scienziati in materia venatoria…
    Si è visto che figuracce che avete fatto alla camera, con i vostri portavoce a fare a gara a chi è più anticaccia.

  6. Pispola67 scrive:

    Anche solo per un minimo di pudore, di dignità, fossi il Sig Pizzi starei muto come un pesce. Ma sentite un pò da che pulpito vien la predica

  7. Giusti Giacomo scrive:

    Campagna elettorale Pispola!!
    Solo campagna elettorale!
    O il Sig.Pizzi non sa quello che ha combinato il suo partito alla camera?
    Ma noi un ci si casca piu`!

  8. Traica Roberto scrive:

    COSE’ UNA RICHIESTA DI VOTI O QUALCOS’ALTRO? IO LE SOMME LE HO GIA’ TIRATE.LASCIO A PIERO PIZZI TUTTA L’IMMAGINAZIONE.

    Roberto Traica

  9. francescorm scrive:

    Ma la decenza di tacere, da dx e da sx, proprio non l’avete. Di che cosa dovete convincerci a 15 giorni dal voto. Sapevate tutti quali erano le aspettative dei cacciatori dopo le promesse del 2008,dopo un anno,con il lavoro fatto da un vostro Senatore pronto per essere votato da tutta la maggioranza, siete arrivati alle sceneggiate di questi giorni, comprese le adesioni al manifesto FACE. Cari onorevoli li specchietti per le allodole lasciateli usare a chi ha esperienza e professionalità, voi siete dei naif in tutte le vostre azioni e parlate sempre a sproposito,salvo poi rettificare. la rettifica è la vostra arte migliore,andate in officina.

  10. nino scrive:

    Concordo pienamente con stiv. I nostri soldi sperperati in inutili consulenze d’oro ed enti che spuntano come funghi; tutti carrozzoni alimentati dalle tasse, super tasse, balzelli vari (vedrete che si inventeranno altre tasse o che aumenteranno quelle innumerevoli che ci sono) che siamo costretti a pagare per andare a caccia meno di cinquanta giorni l’anno!

    Ma così sarà e lo sarà sempre peggio, perché non c’è nessuno che ci difende, perché le nostre forze sono diluite in tante AA VV perché abbiamo tutti i partiti contro, perché siamo creduloni, perché non amiamo troppo e veramente la Caccia.

    Inutile rinnovare l’invito a prendere in considerazione la possibilità di aderire ad un movimento apolitico NATURALMENTECACCIA tanto è come lavare la testa al mulo: si perde tempo, acqua e sapone.

    Però ci consola lamentarci, dare la colpa alle AA VV, ai politici, ma mai recitare un MEA CULPA.

    Di questo passo, andremo certamente molto lontano. Si, lontano dall’andare a caccia.

    Saluti a tutti Nino

  11. ilio scrive:

    Piero Pizzi Consigliere regionale F.I.-PdL se al sx ci prende a schiaffi, VOI di F.I e A.N. (ora trasformato in P.D.L.) CI DATE I PUGNI ALLO STOMACO dopo averci CHIESTO IL VOTO PER LA MODIFICA DELLA 157. Ve lo dice un ex elettore di A.N. Non so delle 2 formazioni chi sia la PEGGIO (mi riferisco al vostro P.D.L.) la sx lasciamola al suo destino.

    . Il prossimo voto e quello dei miei parenti e amici( circa un trentina) sarà una bella croce sul vostro simbolo e sul riquadro delle preferenza W LA CACCIA.

    .
    Meditate su questo proverbio
    “Sotto il sole del deserto il cammelliere fa i suoi progetti, ma li fa anche il cammello.” Proverbio Arabo

    Se il tuo cammelliere e i suoi reggicoda fanno progetti anticaccia sappiate che anche i cacciatori fanno i loro.

    Buona caccia per i voti

  12. Fiore scrive:

    sta zitto pizzi vien via, opportunisti del cappero!! questo siete ebbasta!!!

    nemmeno leggo l’articolo, ma ci sarà scritto tutto il contrario di quello che hanno dimostrato alla Camera, cosa credete di fare intaccare l’immagine di Martini!!!

    siete fuori strada qui non abbocca nessuno!!! qui la gente ragiona sulla base dei fatti!!!

  13. Giusti Giacomo scrive:

    Porco mondo Fiore!!!!
    ……..Questa volta son d’accordo con te.

  14. Fabrizio scrive:

    PIZZI ABBIA LA COMPIACENZA DI TACERE

    E SE PROPRIO VUOLE PARLARE DI CACCIA, PARLI COL COORDINATORE NAZIONALE DEL PDL,

    E GLI CHIEDA COME MAI STANNO RINNEGANDO GLI IMPEGNI PRESI COI CACCIATORI.

    Fabrizio

  15. BEN scrive:

    Peccato che i “Fatti”, se ci saranno, avverranno dopo il 6/7 Giugno, quando cioè “il Popolo” sarà andato a votare (sempre che qualcuno, per il proprio motivo e voglio sottolineare GIUSTIFICATO, si astenga…) e quindi ora tocca leggere di tutto pur di “leccarci” e sperare nel nostro voto, quello dei CACCIATORI. Solo ora si ricordano di noi, ad un passo dalla tornata Elettorale, troppo facile e direi che se ne sarebbe accorto anche uno sciocco di questa cosa, sarebbe da mettere per scritto il tutto!!! Il nostro voto in cambio che le loro promesse politiche diventino “Fatti”, ma sono sicuro che i primi a NON firmarlo, sarebbero proprio loro, i POLITICI, che tanto amano parlare e basta.. . Un saluto a Fabrizio (ti conosco).

  16. massimo fedeli scrive:

    cacciatori non siate pessimisti, non vi piangete addosso, la riforma è al senato, è già da lunedì si comincera a discutere dei danni della fauna all’agricoltura, bisogna aspettare è chiaro che la riforma non èra nelle priorità del governo, ma si farà, alla faccia dei sinistroidi che tifano contro.

  17. Fabrizio scrive:

    caro BEN…. mi conosci??

    mi hai incuriosito…. chi sei?

    comunque io a votare ci vado, voto PDL MA ANNULLO LA SCHEDA CON LA SCRITTA ” W LA CACCIA” oppure “BERLATO” (fuori dal suo collegio elettorale il voto e’ nullo).

    In attesa che il nostro partito, CACCIA AMBIENTE muova i suoi primi passi alle prossime elezioni regionali.

    un saluto

    Fabrizio

  18. Traica Roberto scrive:

    Lo dico anche su questo . Io voto per chi mi manda a caccia. Tirate voi le somme.Ciao

    Roberto Traica

  19. BEN scrive:

    Dunque, Fabrizio, ci siamo conosciuti a Montramito quando alle ore 4 di mattina andavamo a prendere ed a lanciare i fagiani per l’Atc qualche anno fa, può darsi che tu non ricordi, ma non è un problema. Un altro indizio è che abbiamo un amico in comune, faccio il porto d’armi dal “barbiere” che è andato in pensione a Gennaio e che mi ha detto che eravate andati a caccia insieme, una volta. Logico che se avremo occasione di incontrarci di nuovo, mi presenterò… . Ciao, Ben.
    P.s.: Alleati, io e te, per la difesa della Caccia, all’infinito… .

  20. Luigi scrive:

    E meglio non fidarsi dei politici di mestiere ,fanno tutti cosi sotto le elezioni .
    Per fortuna in provincia di Grosseto i cacciatori di tutte le specie si sono raccolti sotto un’unica bandiera ed hanno fatto una lista civica caccia pesca natura CPN che corre per la provincia.
    Viva il Cpn
    http://www.cacciapescanatura.it

  21. Fabrizio Arena scrive:

    Pizzi…cortesemente…ci spieghi come mai per la corsa a sindaco di Firenze il suo schieramento si è affidato alla lista civica Firenze Animalista!!

Leave a Reply


2 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.