Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Forte segnale di protesta

| 22 maggio 2009 | 191 Comments

IL MONDO VENATORIO ITALIANO DIA UN FORTE SEGNALE DI PROTESTA
Alla luce di quanto accaduto in questi giorni in Parlamento, la Confederazione delle Associazioni Venatorie Italiane, che ho l’onore di presiedere a livello nazionale, ha deciso di dare un forte segnale di protesta al mondo della politica, per far capire che i cittadini cacciatori italiani sono stanchi di farsi prendere in giro da chi non ha il coraggio di assumersi le proprie responsabilità e di onorare gli impegni assunti.
Nel condannare fermamente tutte le forze politiche che hanno votato a favore dello stralcio dell’art. 16 della Comunitaria che si limitava a mettere l’Italia al riparo dalle procedure di infrazione ad opera dell’Unione europea, riteniamo doveroso stigmatizzare il comportamento ambiguo della Lega Nord che tenta di speculare sulla presunta difesa del mondo venatorio italiano ma che, da quando i propri deputati siedono tra i banchi della maggioranza in Parlamento e nella compagine governativa, nulla hanno fatto di concreto a favore della caccia.
Ci spiace constatare come il ministro leghista dell’agricoltura e caccia Luca Zaia, nonostante le ripetute dichiarazioni di teorica amicizia nei confronti dei cacciatori, abbia continuato a mantenere una posiziona pilatesca sulle modifiche alla 157/92 ed abbia sprecato miseramente la prima grande opportunità di dimostrare coerenza tra il suo dire ed il suo fare.
La sostanziale riconferma da parte degli attuali due ministri competenti (Ambiente ed Agricoltura) del decreto 184/2007 lasciatoci in eredità dal non rimpianto Pecoraro Scanio  su Zone di Protezione Speciale e Zone Speciali di Conservazione, dimostra che in campagna elettorale tutti dichiarano di essere amici dei cacciatori ma pochi dimostrano di esserlo veramente. La vicenda dello stralcio dell’art. 16 dalla Comunitaria da parte della Camera dei deputati, effettuato su richiesta del relatore on. Pini della Lega e camuffato dal voto propagandistico dei deputati leghisti, rappresenta la conferma del fatto che i cacciatori non si devono più fidare del mondo della politica, ad eccezione di quei rappresentanti cacciatori che hanno sempre dimostrato di impegnarsi concretamente e di esporsi in prima persona nella battaglia in difesa dei diritti dei cacciatori.
Alle prossime elezioni europee del 6 e 7 giugno 2009, la CONFAVI invita tutti i cacciatori italiani a non sprecare l’occasione che viene riservata loro.
Nel collegio Nord Orientale (Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna), la CONFAVI voterà e farà votare convintamene l’on. Sergio Berlato, unico vero difensore del mondo venatorio in lista per il rinnovo del Parlamento europeo.
A coloro che voteranno in altri collegi elettorali, la CONFAVI invita i cacciatori a votare eventuali altri cacciatori in lista e, in caso in cui non se ne trovino, a non farsi prendere dalla tentazione di non andare a votare perché il loro segnale di protesta passerebbe in questo modo inosservato.
In tutte le circoscrizioni elettorali, invitiamo i cacciatori a scrivere il nome dell’on. Sergio Berlato in tutte le schede elettorali, in modo da dimostrare al mondo della politica che le proposte di modifica alla 157/92 avanzate dal nostro rappresentante in Europa sono condivise in tutta Italia.
Ecco il modo migliore per dimostrare il nostro disappunto per le incertezze dei nostri parlamentari italiani.
Ecco il modo migliore per canalizzare il nostro segnale di protesta e renderlo visibile su tutto il territorio nazionale.

Maria Cristina Caretta
Presidente nazionale CONFAVI

Category: CONFAVI

Comments (191)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. PeppePuglia scrive:

    X francescorm

    Stia tranquillo che i nostri voti non andranno a Di Pietro, dico nostri in quanto porta voce di tanti amici e conoscenti che mi chiedono di far conoscere il loro pensiero su internet perché non pratici di questa tecnologia.
    E’ stato fatto una volta solo come forma di protesta (tra l’altro riuscita, le ricordo che in quell’occasione le elezioni furono perse da Berlusconi per una manciata di voti e se considera che i nostri da favorevoli diventarono contrari, praticamente raddoppiando il loro valore) per il comportamento assunto dal governo riguardo alla proposta Onnis.
    La nostra intenzione è quella di non votare più sulla fiducia ma sui risultati.
    La caccia, per la quasi totalità dei politici, è un argomento buono solo in campagna elettorale una volta ottenuto il risultato diventa un problema scomodo da scrivere a matita e possibilmente cancellare nell’ultima pagina sull’agenda delle cose da fare.
    Sono anni che assistiamo a questa farsa e tranne qualche rara eccezione, vedi Berlato, Orsi, la cosa continua, controlli il programma di governo dell’attuale maggioranza da noi votata.
    Mi dirà: la legislatura non è ancora finita.
    E’ vero ma se come premessa analizziamo l’atteggiamento tenuto alla camera mi domando come potrà passare la proposta Orsi comprensiva dell’art.18 (altrimenti diventa un buco nell’acqua) ?
    Noi pensiamo che solo un intervento del capo della maggioranza possa ricondurre i vari parlamentari al rispetto degli impegni presi.
    Ricordo che il primo a prendere l’impegno con noi cacciatori è stato proprio lui nel suo programma di governo a cui noi abbiamo in massa dato fiducia contribuendo a realizzare un’ampia maggioranza.
    E’ giunto il tempo di dimostrare da che parte stare.
    Non accetteremo più discorsi, per l’amor del cielo giustissimi, che in Italia ci sono cose più importanti della caccia, è vero, queste ci sono , ci sono state e sempre ci saranno, ma dopo 17 anni in fila continuamente ignorati credo che sia ora di ricevere il nostro tozzo di pane.
    Non ci vengano a raccontare che per modificare una vecchia legge e adeguarla ad una normativa europea non si possa fare perché la maggior parte dell’opinione pubblica è contro.
    Basterebbe spiegare a questa gente (il grande capo ne ha anche i mezzi) che è una cosa che va fatta per consentire alla caccia italiana di adeguarsi agli standard europei (ci siamo adeguati per tante cose e senza alcuna spiegazione all’opinione pubblica soltanto perché erano previste da normative europee perché la caccia no?).
    In conclusione .da oggi in poi, se questi signori desiderano degnarci della loro attenzione e risponderci con i fatti (approvazione della modifica alla legge 157 come da testo allegato alla petizione Berlato) sicuramente in futuro torneranno a godere del nostro appoggio, in caso contrario
    i nostri voti (ricordo che in occasione della petizione tra cacciatori e familiari abbiamo raccolto quasi duemila firme) non andranno a nessuno e se questa immobilità della politica nei nostri confronti dovesse continuare e nel contempo dovesse crearsi un partito politico serio e unico dei cacciatori valuteremo la possibilità di dare forza a questo soggetto politico.
    Teniamo a precisare che la nostra posizione riguardo all’On Berlato e Sen. Orsi è di massimo appoggio( se Berlato fosse presente nella nostra circoscrizione riceverebbe il nostro voto).

    Saluti PeppePuglia

  2. Baghy scrive:

    X Francescorm e peppepuglia

    dal 15 giugno sono in ferie in puglia, sarebbe bello festeggiare la rielezione di Sergio Berlato assieme. ciao Baghy

  3. ANTONIO PINOTTI scrive:

    Cari amici, una domenica torrida passata la mattina nel bosco a trovare i funghi (ho raccolto 25 palombelle) ,ma le foglie fanno rumore sotto i piedi e tutto fra poco sarà inutile.

    ADESSO IN UNA PAUSA DI UN LAVORO TESO HA REALIZZARE UNA PROPOSTA DI REFERENDUM PER L’ABROGAZIONE DEL PARCO DEI MONTI AUSONI E DEL LAGO DEI FONDI,CHE MI è STATO RICHIESTO DAI CACCIATORI DEL LUOGO UNITAMENTE A CHI HA PRESO A CUORE I LORO PROBLEMI, HO LETTO I VOSTRI INTERVENTI.

    Anche perchè, E LO DICO, CON SINCRITà C’è VERAMENTE DA IMPARARE, DA TUTTI NESSUNO ESCLUSO.

    A QUEST’ORA PERO STO’ ALLA LARGA DAI RAGIONAMENTI “IMPEGNATI”. CITO solo due o tre interventi che mi danno una ragione di essere di buonumore (a parte AMAPOLA ormai lontana con il diavolo e l’angelo):

    IL SIG. Bagnolesi CON IL SUO POST DEL 22 MAGGIO ALLE ORE 19.57,MI RENDE SICURO IN COSCIENZA SU DI UN FATTO, CHE QUANDO CI VUOLE CI VUOLE, BISOGNA PARLARE CHIARO SENZA SE E SENZA MA. POI LA “SIPE” DI SOLOSIPE. E’ stata la mia polvere preferita insieme a GP, Sport S4 , Fonda e D.N. Quante cartucce ho caricato con la bilancetta. I dosaggi 1,8o – 32 quasi sempre. Poi Sig. Giacomo, quale fucile vuole appiccare al chiodo, questo è come l’amante per l’innamorato. Si hA ragione il sig. FIORE : a maggio l’uccello in gabbia non canta per rabbia ma per amore.(MI RIGUARDA).

    Bene da domani MATTINA ALLE ORE 4 DI NUOVO AL LAVORO : BASILEA 2 (LE POVERE PICCOLE IMPRESE
    STROZZATE DALLE BANCHE, I PROBLEMI DELLA PESCA SUL TIRRENO (TERRACINA) E ZEFIRO 2009.DICEVA EDUARDO chi è più bravo chi parla o chi suggerisce ? NON HA AVUTO MAI UNA RISPOSTA PRECISA, PERCHè GLI APPLAUSI VANNO A CHI NON SE LI MERITA, MENTRE AL SUGGERITORE NON VA MAI NULLA SE NON IL DISAPPUNTO DI CHI PARLANDO PER CONTO SUO, NON E’ NEMMENO RIUSCITO A BEN IMPARARE LA LEZIONE.

    BUONA DOMENICA, e mi scuso.

  4. Michele scrive:

    Sono fiducioso solo in CACCIA AMBIENTE, il resto per me è passato remoto.Vedremo come riprende il 29-30 maggio a Vetralla VT,si riparte con molta fiducia e organizzazione”Visto che anche la mia famiglia mi segue.Di andare a votare il 6-7 giugno non ci penso hanno deluso “TUTTI”! Michele Frascella

  5. francewscol scrive:

    X BAGHY

    MI FAREBBE PIACERE CONOSCERTI, E PERCHE’ NO, SE TI CAPITA NEL PERIODO DI CACCIA, VOLENTIERI,TI FARO CONOSCERE E PRATICARE IL NOSTRO MODO DI CACIARE.

  6. ANTONIO PINOTTI scrive:

    sig.Fabrizio, ANCE SE NON LA CONOSCO, IO LA STIMO MOLTO PER I SUOI POST. Mi permetta un consiglio però, e lo faccio non per polemica ma a fin di bene : secondo le norme elettorali in vigore non è permesso d’ invitare i cittadini, pubblicamente, a non votare. ESISTE A TAL PROPOSITO UNA FATTISPECIE DI REATO. Mi scusi tanto E NON ME NE ABBIA,

  7. renato scrive:

    credo che Berlato meriti il voto sopratutto per la sua onestà non ha mai deluso i cacciatori quando le cose dipendevano da lui daltronde lui è al parlamento
    europeo e la modifica alla 157/92 si discute al parlamento italiano e se lui fosse li le cose andrebbero diversamente.

  8. ANTONIO PINOTTI scrive:

    Per il referendum è un’altra cosa, INFATTI la legge, PREVEDE L’IPOTESI LEGITTIMA DEL NON raggiungimento del quorom, ed in tal senso è possibile INVITARE QUEL GIORNO I CITTADINI AD ANDARE AL MARE. Ancora cordiali saluti.

  9. Baghy scrive:

    x francewscol

    In periodo di caccia sono in quel di Latina ad allodole, ma non si sa mai nella vita tutto può succedere, ci risentiamo Baghy

  10. ANTONIO PINOTTI scrive:

    “anche” e non “ance”

  11. to scrive:

    X Antonio Pinotti

    Penso che ti sbagli
    Ecco la legge in questione

    L’articolo 98 del testo unico delle leggi elettorali per la Camera afferma che chiunque sia investito di un potere, di un servizio o di una funzione pubblica, nonché “il
    ministro di qualsiasi culto”, è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni se induce gli elettori all’astensione. A sua volta, l’articolo 51
    della legge che disciplina i referendum (la n. 352 del 1970) estende la sanzione prevista dal precedente articolo alla propaganda

    Quindi il fatto non sussiste se ad invitare al non voto è una persona qualunque.

    Può darsi anche che mi sbagli ma questo è quello che ho capito.

    Antonio

  12. to scrive:

    Completo l’art.51

    A sua volta, l’articolo 51
    della legge che disciplina i referendum (la n. 352 del 1970) estende la sanzione prevista dal precedente articolo alla propaganda
    astensionistica nelle consultazioni referendarie

  13. sergio 55 scrive:

    x Giacomo prima di dare delli sparatori a chi fa una caccia diversa dalla tua pensaci sopra bene perche qui di sparatore ci sei tu ma di cazzate.

  14. Giacomo scrive:

    x Sergio 55 :

    E quali sarebbero le cazzate ? Perchè ti sei offeso ? Fino a che non cacci con il cane e aspetti il selvatico che ti passa sopra la testa tordi ecc.sei sempre uno sparatore, tu cacci con il cane ?

  15. Baghy scrive:

    X Sergio55

    Chi difende solo il suo tipo di caccia e si considera un vero cacciatore mi lascia sempre perplesso. Cosa faremmo se tutti andassimo solo a beccacce, o a tordi, o ad allodole a agli acquatici? Beh secondo me la caccia sarebbe chiusa da tanto tempo. Ciao Baghy

  16. sergio 55 scrive:

    xGIACOMO io caccio da appostamento fisso e non mi ritengo uno sparatore lo sparo e l’ultima cosa che mi interessa io la caccia la vivo tutto l’anno seguendo quasi giornalmente i richiami e coltivando nel miglior modo possibile il sito io faccio la mia caccia e rispetto tutte le altre forme.

  17. sergio 55 scrive:

    x Baghy mi piacerebbe conoscerti io sono di THIENE ciao sergio

  18. Giacomo scrive:

    Baghy non mi sembra di aver detto che chi va a sparare tordi non lo deve fare ! Nel mio post Maggio 23,rd- 21,47 ; ho solo messo in evidenza che non essendo prevelentemente sparatore di tordi e altri uccelli all’aspetto, in Campania la mia caccia a beccacce non si puo fare, non so se l’ho hai letto. Anche io vado a sparare i tordi qualche volta ma in quei frangenti non mi sento cacciatore. Ma questo non vuol dire che non rispetto chi è sparatore.Un saluto

  19. Giacomo scrive:

    X Sergio 55 :

    tu sei libero di ritenerti anche S. Gennaro,
    ma se vai al capanno per la regola non sei cacciatore sei uno sparatore.
    Se non sei capace di distinguere la differenza
    vuol dire che devi ancora imparare, se poi hai bisogno che te lo spieghi a disposizione.
    Io le cazzate le dico quando mi va di scherzare,anche io rispetto tutte le forme di caccia leggi il post per Baghy.Un saluto

  20. Picchio scrive:

    X GIACOMO
    Adesso chi spara ai tordi è uno sparatore e non un cacciatore ??
    Ma Giacomo da quale pianeta vieni ??
    … aaahhhh !!! tu sei quello di FIDC orgoglioso di essere di sinistra, capisco …..

  21. sergio scrive:

    Si francescorm,la Lega è presente anche al sud

  22. Giacomo scrive:

    Picchio capisci cosa ? Da come parli non mi sembra,ho già espresso chiaramente il mio parere in merito agli sparatori e ti posso assicurare non
    è solo il mio parere è la realtà, è la regola ! Se poi hai bisogno di qualche spiegazione in merito non ci sono problemi. Per quanto riguarda la FIDC tu invece che cosa sei ? Appartieni ai traditori di destra ? O ad arcimangia ? O al partito inesistente dei cacciatori! Io per adesso voto PD.

  23. Picchio scrive:

    X Giacomo

    NO COMMENT

    La tua risposta per me è più che esauriente.
    Grazie

  24. Patrizio Abboni scrive:

    Io darò il mio voto a chi dimostrerà di curare i miei interessi (di cacciatore!)

  25. Peppe scrive:

    Bene, per il nord si ha qualcuno a cui affidare un voto sensato, ma qui nel centro Italia a chi votare?
    Boh!!!!!!!!
    Personalmente votero una bella X sul PDL e subito dopo scrivero a modo di annullare la scheda RISPETTATE GLI IMPEGNI PRESI, RIFORMA DELLA LEGGE 157 SUBITO.
    E cosi ci voteranno altri nella mia famiglia.
    Mai più cambiali in bianco a certi politici !

  26. SERGIO BERLATO scrive:

    Devo dedurre che molti di voi hanno già perso le speranze.

    Io invece vi dico che porteremo a casa le modifiche alla 157/92 perchè a seguito del risultato che conseguiremo nel collegio Nord Orientale in occasione delle elezioni europee del 6 e 7 giugno, chiederò a Silvio Berlusconi di essere io il responsabile del settore caccia del PDL e di poter seguire in prima persona i lavori del Parlamento di approvazione delle modifiche alla 157/92.
    Con questo non chiedo a nessuno di votarmi sulla base dell’impegno che mi vado ad assumere.
    Fate pure quello che riterrete più opportuno: io le modifiche alla 157/92 le farò approvare comunque, indipendentemente dalla scelta che andranno a fare i cacciatori italiani.
    Quello che ho sempre fatto e che continuerò a fare è dovuto al dovere che sento nei confronti della mia passione che so essere condivisa da molti altri cacciatori.
    Ci vediamo dopo le elezioni europei, uomini di poca fede!!!!

  27. vincenzo scrive:

    On.Berlato:Premetto che se mi trovassi al Nord-Est il mio voto e quello della mia famiglia non glie lo toglierebbe nessuno!Ora mi trovo costretto x protesta a scrivere il vostro nome sulla scheda elettorale per annullarla.Le chiedo:ma se non siamo riusciti a far approvare due miseri emendamenti alla comunitaria,come farete a far approvare la Orsi?Per me è impossibile!!

    Cordiali saluti Vincenzo

  28. BEN scrive:

    Carissimo Onorevole Berlato, lei nel mio collegio non c’è, se non erro, poi ricontrollo meglio, ma sappia fin da adesso, che ha il mio appoggio totale in materia, sia perchè mi fido di LEI e non ho perso le “speranze”, sia perchè lei sa meglio di me che, oltre a difendere la sua passione, porterebbe sul tavolo la difesa degli oltre 800.000 che firmarono la famosa petizione. Un impegno che un “Politico” con la P maiuscola non tradirebbe mai, per questo io ci credo!!! Le rinnovo la mia stima verso di LEI ed a modifiche fatte, faccia un pò il giro delle varie Sezioni della Associazioni dei Cacciatori e venga a trovarci!!! Un saluto.

  29. michele belpassi scrive:

    x giacomo
    leggendo il post ho letto che chiami il cacciatore da capanno uno sparatore dovresti chiedere scusa a tutti penso !!!!! grazie

  30. ANTONIO PINOTTI scrive:

    SIG.TO, NESSUNO A QUESTO MONDO E’ INFALLIBILE.Adesso MI DIA UN GIORNO PER CONTROLLARE E POI LE RISPONDO. SU UN’ALTRO POST SE QUESTO NON C’è PIù ! Se ho sbagliato, LO RICONOSCERò E TUTTI DOVREBBERO FARE COSI’. Quante COSE ANDREBBERO PER IL VERSO GIUSTO.

    La saluto cn tanta cordialità.

  31. Baghy scrive:

    x Sergio55

    Probabilmente già mi conosci caro Sergio, magari chiedi al nostr presidente provinciale Venturini e lui ti dirà chi sono. Baghy

  32. Claudio De Paoli scrive:

    Ragazzi abbiate fiducia L’onorevole Sergio Berlato,è uno schiaccia sassi quando si mette in testa una cosa,va fino in fondo costi quel che costi,lo conosco da tanti anni e la sua determinazione nel difendere la nostra meravigliosa passione è sempre stata grande.
    Di certo non tutti i cacciatori Italiani sono a conoscenza delle sue battaglie per difendere i diritti di tutti noi,spesso in splendida solitudine, ma non per questo ha, desistito una sola volta in tutte le sedi ha combattuto come un gladiatore per tutti noi.
    Sono profondamente amareggiato dalle chiacchiere di corridoio,nei confronti della lega nord,sembrerebbe che gli ordini di scuderia siano di non approvare nessuna modifica della famigerata 157,prima delle elezioni Europee,Berlato prenderebbe troppi consensi.
    Vi posso garantire cari signori della lega, che L’onorevole Berlato tornerà a fare L’Onorevole, con un numero così elevato di preferenze, che faranno tremare tutti.
    Berlato unico e vero difensore, dei cacciatori,tutti gli altri vogliono saltare sul treno che corre.
    Chiudo condividendo in pieno quanto scritto da Cristina Caretta,andate tutti a votare e votate Berlato in tutta Italia sarà un segnale molto forte.Per quelli che risiedono nel collegio di Berlato ,Veneto, Friuli, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, RAGAZZI MOBILITAZIONE AL MASSIMO AMICI PARENTI A TAPPETO PIU’ GRANDE SARA’ IL RISULTATO PIU’ FORTE BERLATO BATTERA’ I PUGNI.
    Un saluto a tutti voi Claudio De Paoli

  33. Egr. On. Berlato e p.c. Amici cacciatori

    Se Lei onorevole fosse presente nel seggio dela regione Toscana La voterei ad occhi chiusi perchè bene o male la sua faccia per il cambiamento della 157 ce l’ha messa. Però allo stato attuale mi dica Lei quale fiducia posiamo avere nei confronti del centro destra. Tornerò a esprimere il voto per le elezioni europee ponendo una croce sul PDL scrivendo: nessuna modifica della legge sulla caccia nessun voto. E’ un modo di protestare elementare ma è sempre un modo per manifestare la nostra elusione nei confronti di un governo che anche questa volta è riuscito con l’inganno a farsi dare dei consensi da noi cacciatori in cambio dell’ennesimo sputo in faccia e questo non lo posso nè sopportare nè perdonare. Quindi mi comporterò di onseguenza come mi auguro facciano gli altri cacciatori che si sono sentiti presi in giro. Lei ha promesso che farà modificare la 157/92. Si sta prendendo un bell’impegno egregio Onorevole e se questo poi rimanesse solo scritto su di un sito web come la mettiamo? Nè va della Sua credibilità, potrebbe “bruciarsi” definitivamente oppure ha già deciso di non ricandidarsi alle europee che avverranno fra cinque anni? Un’ultima considerazione amico Onorevole; modificare la 157 come l’attuale bozza del suo collega di colazione Sen. Orsi lasce3rebbe ulteriore amaro in bocca in quanto tutti noi cacciatori vorremmo la modifica dell’art. 18 (specie per tempi), è nell’attuale bozza giacente in Senato non è contemplata alcuna modifica in proposito. Un’ultima cosa. Sono tornato in questo momento in Italia dopo un veloce viaggio in Romania per informazioni venatorie, ebbene quest’anno la stagione venatoria aprirà il primo Settembre e chiuerà il 31 Marzo. Ma la Romania non fa parte dell’Unione Europea oppure in questo paese hanno veramente le cosiddette palle e legiferano a proprio piacimento?

    Con cordialità ed un saluto a Lei ed a tutti gli amici del sito.

    Bagnolesi Giovanni Roberto

  34. Claudio De Paoli scrive:

    VOTATE BERLATO VOTATE BERLATO

  35. Le voglio chiedere un’ultima cosa che con la furia mi sono dimenticato di chiederLe egregio Onorevole Berlato. Quando pensa di far approvare una modifica della 157 dato che nè p così sicuro? E’ possibile stabilire fin da oa una scadenza o dovremmo arrivare alla fine della legislatura e poi ricredere alle bugie nei cinque anni seguenti? Non me nè voglia Onorevole. Questo per serietà e precisazione.

    Bagnolesi Giovanni Roberto

  36. ercolini valerio scrive:

    Volevamo andare a Roma per fare una imponente manifestazione in appogio alla legge Orsi-Berlato,non e’stato possibile per numerosi problemi organizzativi ,anche perche’i tempi erano stretti,ma abbiamo in mano un arma molto piu’micidiale di una manifestazione,( che tra’l’altro ci portava via tempo e per molti di noi ore e ore di viaggio),il voto elettorale in casa nostra ,senza un lungho e faticoso viaggio.

    Se lo sapremo sfruttare bene come quando Confavi ha promosso la raccolta firme in appoggio alla 157/92,sara’piu’fruttifero che andare a manifestare ,perche’la cabina elettorale avra’molto piu’valore che una manifestazione che poi verrebbe ingnorata dalle testate dei giornali nazionali e TV come successe la volta scorsa.

    Perche’e in quel poco spazio dove andremo a manifestare il nostro voto che contiamo veramente.

    Pertanto non disperdiamo il nostro voto perche’un’occasione cosi’,(malgrado tutto),non si ripresentera’

    Appoggiare chi si e’speso per noi e’un dovere,anche perche’e’nel nostro interesse.

    Saluti Valewrio

  37. Caro Valerio la Dott.sa Maria Cristina Caretta a suo tempo dichiarò che sarebbe stata in tutti i modi organizzata una manifestazione a Roma o di appoggio al governo o di protesta per la mancata modifica della 157 e vieni a dire che per motivi organizzativi non è più possibile farla? Ma nel 2006 allora chi si è assunto la responsabilità di organizzare un simile evento anche se organizzato in concomitanza della preapertura alle tortore almeno qui in Toscana? Diciamo chiaramente che non verrebbe nessuno data la rabbia che ognuno di noi ha dentro di sè. Nascondersi nell’utopia è deleterio in quanto anche Confavi ha le proprie responsabilità. Sbagliare è umano amico Valerio ma perseverare è da incoscienti. Perdonami la schiettezza ma è il mio umile pensiero.

    Gionni

    P.S. Mi auguro di ncontrarti in qualche riunione del CPA anche perchè gradirei conoscerti di persona per parlare di tante cose.

  38. Fabrizio Arena scrive:

    Bagnolesi
    ricevuto tutto?

  39. Fabrizio Arena devo ancora controllare, ma se mi hai spedito tutto all’indirizzo email dello Studio leggerò qualcosa solo domani in quanto sono rientrato oggi pomeriggio dalla Romania ed ora sto scriendo dal pc di casa.

    Un saluto

    Gionni

  40. alfio scrive:

    Solo la lega fa pura e solo la lega può far si che venga modificata la 157/92.Federalismo fiscale docet.
    Gli altri non hanno i numeri per poter influire sul governo.
    Votiamo in massa LEGA NORD -. ON.COTA.
    Facciamogli prendere uno spavento a chi ha rinnegato le promesse fatte.
    Saluti.

  41. Peppe scrive:

    il ddl orsi lo discutono il 9 giugno, volete vedere che dopo un se ne fa nulla?!!!!! che ci scommetete? l’è tutta una mossa elettorale, ma icche vu’ credete?!!! poeri bischeri che siamo…

Leave a Reply


+ 1 = 8

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.