Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

ZPS, disponibili tavolo di lavoro

| 18 febbraio 2009 | 7 Comments

Decreto Minambiente ZPS – disponibilità ad un tavolo di lavoro

Decreto Minambiente ZPS – G.U. n.33 – 10 febbr 2009

Dopo un lunghissimo e tortuoso iter, sulla Gazzetta Ufficiale n. 33 del 10 febbraio u.s. è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Ambiente 22 gennaio 2009, contenente le modifiche al Decreto 17.10.2007 (conosciuto come “Decreto Pecoraro Scanio”), concernente i criteri minimi uniformi per la definizione delle misure di conservazione dei Siti NATURA 2000 (ZPS e ZSC).

Purtroppo dobbiamo evidenziare che, nonostante le pressioni e i numerosi interventi nei confronti del Ministero dell’Ambiente, certamente il testo del decreto non rispecchia quanto da noi richiesto sia in termini di contenuti che con riguardo ai tempi di pubblicazione.

L’On. Rossi rinnova, pertanto, la piena disponibilità dell’Intergruppo a costituire un tavolo di lavoro con il Minambiente, con il Ministero delle Politiche Agricole e con tutti gli attori interessati (cacciatori, agricoltori e ambientalisti), per lavorare insieme alla predisposizione di un decreto ex novo sui siti Natura 2000, nel pieno rispetto della normativa europea, da pubblicare prima della prossima stagione venatoria.

Con i migliori saluti.

Segreteria
Intergruppo Parlamentare “Amici del tiro, della caccia e della pesca”
Indirizzo web: www.intergruppoamicideltiro.it

Category: Leggi/Politica, ZPS/SIC

Comments (7)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giusti Giacomo scrive:

    E ridai con il tavolo insieme agli ambientalisti!Ma non lo avete ancora capito che e`inutile?Che e`tempo perso?

  2. lucas scrive:

    E’ come se gli agnelli facessero un tavolo con i lupi per definire come farsi divorare.

  3. giannirm2 scrive:

    Mica ci vuole tanto, basterebbe che allineassero le regole per le zps italiane a quelle per le zps europee e che nel decreto mettessero che sono criteri massimi cosichè le regioni non potrebbero avere margini per includere norme a c… di cane a seconda di chi cè all’assessorato all’ambiente.

  4. nino scrive:

    Destra o sinistra pari sono. Inutile illudersi.
    Praticamente il decreto pecoraro scanio è rimasto uguale. La Ministra si precoccupa della caccia e non della situazione ambientale della sua Siracusa profondamente inquinata e di chi la ridotta così

  5. massimiliano@54 scrive:

    o lo si modifica seriamente se no la smettano di fare proposte fatte solo per illuderci.se rimane cosi’ è ora che ognuno incominci a modificarselo personalmente a continuare a essere sempre ossequiosi delle regole finiamo sempre di prenderlo in quel posto scusate lo sfogo un saluto a tutti.

  6. Davide scrive:

    Scusate ma il altre occassione ho posto questa domanda senza ottenere risposta. La normativa europea sulle ZPS ZSP e SIC nasce dall’esigenza di uniformare una norma a tutetla delle aree particolarmente vocate alla sosta rispoduzione e crescita della fauna e della flora, quindi alla tutela delle aree di interesse ambientale particolare. Vorrei sapere con quali criteri rispetto alla normativa europea sono state scelte le arre da inserire nell’ambito della normativa sopracitata. Ci tengo perchè vorrei che questi mi spiegassero perchè in tali ambiti a protezione speciale si posso praticare attività devastanti per l’ecosistema vedi la pesca industriale autorizzata delle vongole ecc… praticata sotto la protezione di società di partecipazione pubblica. Inoltre si può istituire una zona ZPS sopra un oleodotto o in ambienti considerati nocivi dove lo scavo degli fanghi viene regolamentato secondo una rigidissima disciplina per evitare dispersioni di sostanze inquinanti industriali in esso contenute. ZPS a Porto Marghera ZPS in tutta la laguna viva e isole,ZPS nelle zone dove il traffico delle barche è costante e il degrado provocato dalle onde distrugge la stessa città di Venezia. Ma allora a cosa servono le ZPS ed è giusto considerare tutta la laguna ZSP. Gradirei una risposta da qualche collega cacciatore che conosce la normativa meglio di mè. Grazie
    p.s non scrivetemi per cortesia che le ZPS sono state istituite per danneggiare l’attività venatorie perchè per ora questo avviane solo nel nostro paese. Da noi infatti possiamo sparare alle alzavole rimaste illese dalle ficilare agostane e settembrine di tutti gli altri paesi europei dove nel primo transito migratorio vengono cacciate dalla metà di agosto. A proposito mi dimenticavo che vengono cacciate e abbattute non ferite come avviene da noi con i pallini di acciaio un mese dopo.
    Grazie per la pazienza

  7. Alfio scrive:

    Scopo della costituzione di aree ZPS,ZCS E SIC.
    per Davide, ZPS lo scopo della comunità europea è esclusivamente quella di conservare alcune specie sia animali che vegetali a rischio estinzione, ed il relativo ambiente mediante la salvaguardia di quelle zone che li ospitano, nelle stesse non è prevista la inderdizione della caccia alle altre specie ritenute cacciabili. ZCS ( zone conservazione speciale), anche queste zone vengono costituite dove esistono mammiferi o uccelli in estinzione di particolare interesse, in dette zone è interdetta la caccia.
    Zone SIC (sito interesse comunitario), queste zone sono costituite alla salvaguardia delle particolare pecularietà di un determinato territorio anche solamente paesaggistico.
    Il governo italiano, con l’allora ministro pecoraro scanio, ha assiemato tutte e tre le zone per interdire o condizionare la caccia, le zone SIC, per esempio sono state costituite addirittura dieci anni addietro e non hanno niente a che spartire con la salvaguardia della biodiversità, comunque resta solo un problema italiano poiche nelle zone ZPS secondo le direttive comunitarie si può cacciare, nelle zone SIC l’interdizione o condizionamento dell’attività venatoria non esiste nemmeno.
    Saluti Alfio

Leave a Reply


6 + = 12

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.