Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

ASCN su D’Angelis

| 31 dicembre 2008 | 22 Comments

Come riceviamo, dal Dott. Lo Cascio, e cosi’ pubblichiamo
http://www.ilcacciatore.com
***

Apprendiamo la squallida dichiarazione del Consigliere regionale Erasmo D’Angelis, fiancheggiato dal portavoce dei Verdi Leonardo Romanelli, invocando la sospensione della caccia a causa dell’incidente mortale accaduto il 29 dicembre ad un cercatore di tartufi del Pisano.
Siamo veramente sconcertati nel leggere le allucinanti farneticazioni del Sig. D’Angelis e peggio ancora quelle del Sig. Romanelli che, superando se stessi, speculano sulla triste notizia di un tragico incidente di caccia che addolora tutti i cacciatori e non solo.
Ancora una volta, affermano, che la pratica della caccia è pericolosa per l’uomo e inutilmente crudele verso gli animali dettata solamente dalla lobby delle armi.
Nel formulare le nostre più sentite condoglianze alla famiglia colpita dal grave lutto, invitiamo, ancora una volta, il Sig. D’Angelis e Romanelli, a tacere e vergognarsi per la speculazione ideologica che non può, in alcun modo, essere spacciata per corretta informazione e senso di giustizia, ma suscita solamente allarmismo ed immotivata apprensione. Temendo altresì che il Sig. D’Angelis e Romanelli vivano su un altro pianeta e considerato che sono amanti delle citazioni e delle statistiche, ci prenderemo carico di inviare stralcio di alcune pagine di giornali degli ultimi giorni, dove si legge che, in un solo incidente automobilistico, sono morti cinque giovani che non superavano diciannove anni.

Il Presidente
Dott. Francesco Lo Cascio

Palermo, lì 31/12/2008

Category: ASCN, Toscana

Comments (22)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. marco scrive:

    Dott. Lo Cascio non sono dei suoi, Lei lo sa, ma in ciò che ha scritto mi associo completamente e mi ritrovo nelle sue parole.

  2. cla scrive:

    Dott. Lo Cascio vedo con piacere che quando ce da ripondere a certe (persone? Mah ) lei è sempre presente e questo fa piacere a me ma penso anche a tutti noi che leggiamo su questo sito. Spero che anche altri seguano il suo esempio. Le auguro un felice anno nuovo con la speranza di non sentire più parlare certa gente che strumentalizza la morte di PERSONE per i loro sporchi interessi. Un saluto e grazie

  3. SERGIO BERLATO scrive:

    Complimenti vivissimi per le Sue condivise valutazioni, caro FRancesco.

    Approfitto per formulare a Lei, ai Suoi Cari ed a tutti i cacciatori siciliani ed alle loro Famiglie, i miei più sentiti auguri per un 2009 ricco di salute, serenità e meritate soddisfazioni.

    Sergio Berlato

  4. damiano scrive:

    salve,ho sentito la notizia del povero cacciatore vittima dell’incidente,ci sono rimasto tanto male e dispiaciuto per il brutto evento.queste sciagure si potrebbero anche evitare se si facesse più attenzione…
    per quello che hanno detto quei sig. li è veramente assurdo,se si deve chiudere la caccia per un motivo cmq serio non si dovrebbe più guidare l’auto perchè ogni anno ci sono centinaia di vittime…
    colgo l’occasione per dare gli auguri a tutti i cacciatori e non di buon 2009…

  5. Giusti Giacomo scrive:

    Caro dott.Francesco Lo Cascio sono dei vigliacchi e basta,e quello che fanno e dicono e`la dimostrazione lampante.

  6. FRANCO MELIS scrive:

    Questa mattina ho visto il cadavere del mio grande amico Paolo Tambini, un uomo eccezzionale, tre figli giovani,la moglie, tanti amici.. L’assassinino gli ha sparato e lo ha abbandonato. Lo ha ucciso due volte.Candidamente si è presentato ai carabinieri accompagnato da due avvocati dicendo che non si era accorto di avere sparato ad un uomo…
    Questo siete voi cacciatori

    franco melis

  7. PINOTTI ANTONIO scrive:

    Sinceri auguri di buon anno a tutti i frequentatori del sito

  8. PINOTTI ANTONIO scrive:

    Al Gent,le sig. FRANCO MELIS.
    Non conosco i fatti e quindi non posso dare giudizi appropriati.

    Mi sento PERò IN DOVERE DI RESPINGERE le affermazioni che Lei,giudicando a ragione od a torto,un singolo episodio,da dei cacciatori in generale.

    I CACCIATORI,ED IO LO SONO,SONO DELLE PERSONE PER BENE. Nel corso degli anni ESSI HANNO DATO L’ESEMPIO DI ALTRUISMO E DI UN BUON OPERARE AL SERVIZIO DELLA COLLETTIVITA’.

    TANTI Ed innumerevoli sono i fatti che Le potrei citare.

    UN EPISODIO RECENTE,IN Campania. Un
    Associazione locale dei cacciatori,ha intrapreso una sottoscrizione,e con il ricavato ha donato un’autoambulanza al servizio delle popolazioni.

    Potrei DOCUMENTARLE per filo e per segno a livello nazionale,tutte le iniziative con un forte segno di solideriatà promosse dalla nostra categoria.

    SONO COSI NUMEROSE,che occorrerebbero delle ore,ed uno spazio a dir poco infinito,per segnalarglieLE.

    Volontari PER LA DONAZIONE DEL SANGUE,MOSTRE CINOFILE PER raccogliere fondi da distribuire in beneficenza,un volontariato variegato e multiforme per assecondare il servizio della protezione civile,mostre di pittura realizzate con l’unisco scopo,di aiutare delle strutture sanitarie.

    IL CLUB che ho l’onore di PRESIEDERE,stà prendendo in questi giorni i contatti necessari,per donare oltre 300 lavori didattici eleborati dagli studenti di oltre 80 istituti scolastici,ad una residenza protetta per anziani.

    Che cosa le dovrei dire di più di questo?

    VORREI,ma sono trattenuto da uno spirito di comprensione,che un certo senzo riesce in questo giorno particolare,ad assopire,la voglia e la rabbia di poter usare altre parole ed altre considerazioni.

    PER PARTE mia,la posso solo pregare,se lo vorrà,di estendere le condoglianze di un cacciatore,ai congiunti della persona che ci ha lasciati,vittima inconsapevole di un destino così tragico e crudele.

    GRADISCA I MIEI MIGLIORI SALUTI.

  9. massimo fedeli scrive:

    sig. Melis io non la conosco ma lei non si puo permettere di fare di tutta erba un fascio, nella vita le disgrazie sono all’ordine del giorno, è inutile ripetersi, vedi pirati della strada, sarebbe troppo facile controbatterla, prima di offendere tutta una categoria ci pensi bene la prossima volta.

  10. ezio scrive:

    X Sig. Franco Melis

    Comprendo il significato del dolore, quello vero, straziante…L’ho già provato più di una volta, purtroppo, nella mia vita…

    Ero, sono e forse sarò sempre disarmato di fronte a questa sensazione che, credo, non possa essere descritta…

    Pertanto chino la testa di fronte alle sue parole Sig. Franco, anche se le ritengo estremamente ingiuste.

    Le mie più condoglianze.
    Ezio

  11. sergio scrive:

    INVITO TUTTI I LETTORI – CACCIATORI E SOPRATTUTTO I DIRIGENTI ED I RESPONSABILI DELLE ASSOCIAZIONI VENATORIE, A LEGGERE CIO’ CHE SCRIVE MARIO TOZZI SUL MENSILE DI INFORMAZIONE DEI SOCI COOP.IN MERITO ALLA CACCIA ED IN PARTICOLARE ALLA MODIFICA DELLA 157/92.
    AFFERMAZIONI SCORRETTE,INESATTE,OFFENSIVE DELLA DIGNITA’ E DEL LAVORO DELLE ISTITUZIONI E DEI SUOI RAPPRESENTANTI.
    RIPORTATE IN UN ORGANO DI STAMPA IN CUI NON VI E’ LA POSSIBILITA’ DI REPLICA O DI CONTRADDITTORIO.

    INVITO TUTTI AD INVIARE E-MAIL DI PROTESTA ALLA REDAZIONE COOP. AL SEGUENTE INDIRIZZO:
    redazione@consumatori.coop.it RIBADENDO LA PROPRIA INDIGNAZIONE,RICORDANDO CHE NON TUTTI I SOCI COOP. SONO IL SIG.MARIO TOZZI, INVITANDOLO A TENERE LE PROPRIE IDEOLOGIE PER SE.CHIEDENDO INOLTRE ALLA DIREZIONE DI IMPEDIRE CHE IL SIG. TOZZI CONTINUI AD UTILIZZARE LA RIVISTA PER DIFFONDERE LE SUE IDEOLOGIE FONDAMENTALISTE.
    CONFIDO NELLA PARTECIPAZIONE DI MOLTI.
    CORDIALI SALUTI E BUON 2009 A TUTTI.

    SERGIO C.

  12. Pietro scrive:

    X il Sig. Franco Melis.

    Innanzi tutto le faccio le mie più sentite condongliaze. Devo dirle che il dolore che lei sta provando è cosa che tutti, dico tutti, sanno cos’è e lo sa allo stesso modo anche chi è cacciatore.

    Certi fatti non dovrebbero accadere ma la fatalità ci mette sempre lo zampino purtroppo.

    Come il sig. Ezio anch’io chino il capo difronte alla morte di un uomo ma, sono spiacente, non condivido il suo pensiero.

    Almeno lo sfortunato cacciatore ha avuto la serietà di costituirsi e non credo che sia scappato commettendo omissione di soccorso.

    Lei sa bene che tanta altra gente non si presenta propria alla Giustizia, invece la nostra serietà di cacciatori ci impone l’assunzione delle proprie responsabilità.

    Mestamente la saluto e le auguro ogni bene.

  13. macc scrive:

    Per Franco Melis,mi associo anchio con i miei colleghi dei post,in questo momento faccio le mie piu’ sentite condoglianze.Per il resto io mi ritengo si un cacciatore ,perchè di disgrazie ne succedono tutti i giorni è in tantissimi modi purtroppo,non penetriamo sempre di piu’ la lama contro i cacciatori,l’onesta’ è la disonesta’ c’è ne in tutti i campi è in tutto il mondo.Gradisca un mio saluto .

  14. Giusti Giacomo scrive:

    X Franco Melis.

    Capisco il Suo dolore e sono con Lei.
    Come avra` letto sul forum tutti i cacciatori si sono stretti con la famiglia,pero`mi pare un po`esagerato parlare di assassini.Quante attivita` oggi possono portare a a disgrazie delgenere?Non credo che quello sciatore di 16 anni sia un assassino,come non credo che chi investe una persona sulle strisce,e non e` ne ubriaco ne drogato sia per questo un assassino.Mi creda che le condoglianze che sono partite dai cacciatori sono sincere,non riceviamo le stesse da certi ambienti animalambientalisti per la morte di un cacciatore.Anzi! ci ridono sopra e sono pure contenti!Mi permetta di dirLe inoltre che i cacciatori non sono dei criminali assassini.

  15. Giusti Giacomo scrive:

    X Sergio

    Le coop in generale non possono tirarsi addosso le ire degli ambientalisti,perche` senno` come fanno a deturpare l’ambiente con decine di ipersuper mercati in ogni citta`?Il Tozzi non lo commento nemmeno mi sono rotto le P***e di quella persona straparlante.

  16. ilio scrive:

    Rispetto il dolore della Famiglia di Paolo Tambini e porgo le mie più SENTITE CONDOGLIANZE.

    NESSUN rispetto invece porto a te francesco melis (Volutamente scritto in piccolo come è il tuo essere)

    VERGOGNATI speculare sulla morte è la cosa più indegna, ed aberrante che un essere umano può fare. Questo è quello che tu hai fatto. Ricordati che molti altri individui con le stesse caratteristiche del Compianto hanno perso la vita in circostanze che esulano dalla caccia, ma che nessuno si sognerebbe di additare l’autore come assassino, se non in condizioni di dolo.

    La tua piccolezza, faziosità,odio per i cacciatori, è tale che se l’evento tragicamente luttuoso fosse stato provocato da circostanze diverse non saresti stato ad accusare chicchessia.

    tu non conosci il popolo dei Cacciatori e di quali NOBILI SENTIMENTI SONO PORTATORI.

    tu non sei degno di nominarli in nessun caso.

    Sono altresì certo che se tu avessi causato la morte di un cacciatore non ti saresti costituito alle autorità, tale è il tuo odio dimostrato verso di noi.

    Se vi è un assassino quello sei tu che volutamente stai additando un tuo simile senza avere la prova certa che l’evento sia doloso piuttosto che un tragico evento del destino.

    Se non fosse che un’ulteriore vita verrebbe spezzata, il mio augurio sarebbe che tu, un giorno venissi a trovarti nelle condizioni del povero F.G e che uno sconsiderato della tua specie ti trattasse e ti additasse come assassino.

    Non provo nessuna pietà per il tuo dolore, che addossa agli altri la colpa dei propri travagli.

  17. valerio ercolini scrive:

    Ilio bravo,
    hai reso pan per focaccia a questo fanatico.

  18. Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

    Sig. Melis
    condoglianze per la scomparsa di un suo carissimo amico nonchè stimato professionista. Mi accomuno al suo dolore anche non conoscendo la persona ma avendo solo letto la notizia sui quotidiani locali. Non sta certamente a Lei definire “assassino” il cacciatore che ha involontariamente causato la morte di un altro essere umano, a questo penseranno le forze dell’ordine e chi di dovere. Mi sembra un attimo fuori luogo etichettare un individuo come Lei ha fatto. Noi cacciatori non siamo ASSASSINI anche se le disgrazie sono sempre dietro l’angolo. Le chiedo quindi a nome mio e credo anche a quello di tutti i cacciatori che frequentano questa lista di ritrattare quello da Lei riportato anche se capisco che in un momento di grande sconforto si possa dire e scrivere qualsiasi cosa. La prossima volta rifletta ma soprattutto prima di parlare o meglio scrivere provi ad usare quello che la natura ci ha dato e cioè il dono dell’intelligenza, quella che a Lei, mi consenta, è mancata in questa situazione.
    Bagnolesi Giovanni Roberto Lucca

  19. Elio il siciliano scrive:

    X Melis

    Questa mattina ho visto il cadavere del mio grande amico Paolo Tambini, un uomo eccezzionale, tre figli giovani,la moglie, tanti amici.. L’assassinino gli ha sparato e lo ha abbandonato. Lo ha ucciso due volte.Candidamente si è presentato ai carabinieri accompagnato da due avvocati dicendo che non si era accorto di avere sparato ad un uomo…
    Questo siete voi cacciatori

    Mi dispiace per Paolo… mi dispiace molto di più per i suoi figli e per sua moglie.

    Non mi dispiace affatto per te Melis!! no ! noo!!

    Tu sei crudo, non hai un minimo di sensibilità. Il solo fatto che hai utilizzato quel vocabolo “Il Cadavere” significa che non hai rispetto nemmeno per il tuo amico e che il tuo finto dolore è solo un pretesto per buttare fango sugli altri. Tu hai l’inferno nel cuore e quello che è peggio è che vorresti darlo agli altri. Ha fatto bene Ilio a dirti quello che ti ha detto.. sono daccordissimo… io sarei andato oltre.. ma ultimamente ho esagerato e quindi preferisco stare zitto.

    Sparisci è meglio.

  20. Giovanni A. scrive:

    Da notare che l’intelligenza a quel melis, nessuno l’ha mai data e credo ne sia nato sprovvisto. Mi spiace tantissimo per il suo amico mancato in circostanze che non oso definire una disgrazia o una imperdonabile dabbenaggine di chi ha usato l’arma. Ma mi devo associare alle parole scritte da Ilio, ribadendo che lei “signor” melis, ha dato dell’assassino a un cacciatore che ha saputo e voluto costituirsi alle autorità. Esprimo ancora il mio profondo dispiacere per il luttuoso accaduto, ma ribadisco ancora una volta il biasimo per le accuse che ha lanciato verso la nostra categoria, provi un pò a vergognarsi!!!

    Giovanni Aiello

  21. danilo scrive:

    oggi sono tragicamente deceduti 3 escursionisti,tra i quali anche un boy scout….condoglianze alle famiglie……e lasciate in pace i cacciatori…..c’e’ vita e c’e’ morte e’ vergognoso specularci!!!

  22. Per correttezza di informazione,il portavoce dei Verdi a livello regionale si chiama Mauro Romanelli. Il sottoscritto non ha nessun grado di parentela con lo stesso, oltre ovviamente a non fare il portavoce!

Leave a Reply


1 + = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.