Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Sicilia, rimborso tasse

| 25 settembre 2008 | 13 Comments

Partito Politico Caccia Ambiente
Delegazione Regionale per la Sicilia
La delegazione regionale di Caccia Ambiente ha predisposto un modulo prestampato per la richiesta di rimborso di parte delle tasse governative per il mancato esercizio dell’attività venatoria in Sicilia. Il modulo uniutamente a un documento esplicativo può essere scaricato da questo sito e presto sarà disponibile presso le armerie.
Al fine di un proficuo esito della richiesta si raccomanda di accelerare i termini della spedizione delle domande per Raccomandata A.R., in modo tale che entro la metà del prossimo mese di Ottobre tutte le richieste siano pervenute al destinatario.
Confidando nel senso di responsabilità di ognuno e nella passione che accomuna tutti noi, questa delegazione ringrazia anticipatamente e porge i più cordiali saluti.

Partito Politico Caccia Ambiente
il Delegato Regionale
Antonino Urpi

Documenti da scaricare:

 ****

Category: Caccia ambiente

Comments (13)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Vercingetorige scrive:

    ma quanti euro rimborsano?
    Ma lo sapete che fino a 20 euro lo stato non rimborsa niente?
    Lo sapete che ora chiedete il rimborso e forse lo avrete la prossima estate?

  2. ezio scrive:

    BRA-VI!! L’esito non so quale potrà essere …anzi già lo immagino….ma comunque vada un’azione così, per quel che ricordo io, non si era mai vista da parte nostra!!
    Ora speriamo che i cacciatori aderiscano in massa e non in…. 4….
    Complimenti Antonino!
    Ciao. Ezio.

  3. fabio scrive:

    Gran bel passo .
    Sicuramente i rimborsi verranno rifiutati , allora avanti gli avvocati ! senza arrendersi .
    Bisogna che Stato e Regioni comincino a pagare con gli interessi i torti subiti dai cacciatori .
    Bravo Urpi

  4. totò scrive:

    Caro Urpi camisco la tua volontà ma ti ammiro perchè in calce ai dato la risposta e il risultato del rimborso.
    come ben sai che la tasse governarive e regionali della caccia non sono frazionabili come già diverse volte richiesti neglianni passati nelle sedi opportune senza nessun risultato .
    totò

  5. Vercingetorige scrive:

    Forse non avete capito bene
    Non avrete il rimborso delle tasse e andrete gratis a caccia ma se fate richiesta vi daranno una piccola quota in base ai giorni che non avete fatto, ma se questa quota che sara’ valutata corrispondera’ ad una cifra inferiore a 20 euro non vi rimborseranno niente perche’ lo stato non lo prevede

  6. Vercingetorige scrive:

    Il presente modulo non garantisce il risarcimento diretto e qualora questo non dovesse essere concesso alcuni avvocati del Partito Caccia Ambiente sono pronti a chiedere il risarcimento nelle dovute sedi giudiziali.
    Questo e’ scritto sul loro sito

    Traduzione
    Invece di perdere tempo e denaro con i soldi della raccomandata perche’ “alcuni avvocati del Partito” non costituiscono una class action e fanno loro l’azione giudiziaria?
    Forse perche’ poi hannu a vuscari i picciuli ri puvirieddi cacciatura chi fannu a richiesta e pigghjanu funci!!!!!

  7. Vercingetorige scrive:

    Se calcoliamo le tasse annuali delle quali si chiede il rimborso della “quota parte” ci accorgiamo del grosso importo che si potrebbe ricevere:

    Concessione governativa 173,16
    tassa regionale 65 euro ( arrotondo)
    assicurazione 52 euro
    totale 290 euro circa

    Diviso 365 giorni in un anno 0,80 centesimi al giorno di tasse.
    Rimborso per 2 settimane 12 euro
    E nella domanda scrivete anche che si riserva il diritto di procedere per via giudiziaria?
    Ma non fatemi ridere avete idea di quanto costi un avvocato?
    Quale fesso spenderebbe 2 o 3 mila euro di avvocato per guadagnare 12 euro??
    Ma non dite fesserie a me non mi prendete in giro!!!!!!!!!

  8. ezio scrive:

    Forza Antonino!! Questo è il primo passo di una lunga serie che dovrai/dovrete compiere …spero…
    Se vuoi/volete ESSERE la NOVITA’ la SVOLTA in questo panorama avvilente…
    Il prossimo sarà quello di querelare/denunciare il fenomeno di turno che ci darà degli “assassini” o peggio.
    I cacciatori di tutta Italia, indipendentemente da tessere di AV o tipo di caccia praticato, dovranno vedere nel partito un vero punto di riferimento e soprattutto di TUTELA, nel senso più ampio del termine.
    Non ti invidio caro Antonino… stai per percorrere una strada veramente dura… Ma la tua forza è che non aspiri a sedie varie, così come mi hai detto in una circostanza, perciò non hai nulla da “vendere” e nulla da “comprare”. Potrai così dedicarti alla tanto nobile quanto NON proficua azione del far trionfare la razionalità ed il buon senso!
    Sempre in bocca al lupo!
    Ezio.

  9. Salvo scrive:

    Il rimborso e le varie spese dovrebbero essere a carico dagli animalisti e leghe varie, che in malafede ogni anno aspettano prima l’apertura della stagione venatoria e dopo iniziano le loro, infondate, azioni. diffondento conteggi errati sul numero di capi “risparmiati” date un’occhiata su http://www.lavsicilia.it

  10. totò scrive:

    L’iniziativa è lodevole però, a parte il cap sbagliato che di Palermo fa 90100, dubito che un avvocato possa avere redatto questo Infatti il destinatario non ha incassato un bel niente. Ha incassato lo Stato la tassa di CCGG; la Regione la tassa di CCGG regionale e le associazioni il premio assicurativo.Pur volendole fare le istanza dovrebbero, quindi, essere 3: stato, regione, associazione venatoria.
    Pertanto se risarcimento deve chiedersi lo si fa con una class-action citando la Regione in giudizio per i danni, biologici e morali, subiti. Come qualcuno già ha fatto in termini economici è proprio ben misera cosa: meno del costo della raccomandata.
    Dai Antonino, chiedi agli avvocati se questo tipo di azione colletiva è possibile. In tanti parteciperemo.
    Saluti

  11. fabrizio scrive:

    x Vercingetorige

    ho visto che ti sei fatto i conti per noi e questo potrebbe essere giusto ma la cosa che non capisco è come mai dividi la somma per 365 giorni (cioè 1 anno)invece di dividerli per 5 mesi che sono i periodi che noi possiamo andare a caccia.
    in attesa di una tua risposta ti ringrazio anticipatamente.
    P.S. nessuno ti prende in giro ma spero che anche tu non prendi in giro nessuno

  12. Fabio scrive:

    Hai calcoli fatti da altri, che già portano ad una somma alquanto misera, aggiungo una personale considerazione: la polizza assicurativa nel periodo di chiusura della caccia è rimasta pur sempre valida, se io vado a sparare in un campo di tiro a volo e provoco un sinistro, questo è sotto copertura anche se la caccia risulta chiusa (attività colleterali previste), quindi dovremmo calcolare un coefficiente di riduzione per l’assunzione del rischio da parte della compagnia assicurativa, allo stesso modo è utilizzabile la tassa di concessione governativa per attività diverse dall’esercizio venatorio. Tutto ciò porto i calcoli precedenti a valori a dir poco ridicoli.
    Ma perchè anziche cercare consensi con operazioni del genere, non si procede, come già suggerito prima, con una class-action in modo che si accerti il diritto al rimborso della categoria e la relativa quota spettante. Poi, in quel caso, anche se la somma spettante e minore del costo della raccomandata, per principio siamo tutti pronti a fare la richiesta di rimborso.
    Saluti Fabio

  13. to scrive:

    Invece di chiedere il rimborso di una parte delle tasse secondo me si farebbe meglio a denunciare la regione per non aver pubblicato il calendario entro il 15 giugno.

    Se la legge prevede questo penso che ci sarà qualche sanzione o nò?

    A proposito c’è qualcuno che sà che cosa prevede la legge nei casi in cui la regione non provvede all’emanazione dei calendari nei tempi stabiliti?

    Antonio

Leave a Reply


9 + 2 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.