Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Caccia custode della tradizione

| 20 settembre 2008 | 43 Comments

Come riceviamo e cosi’ pubblichiamo
***

L’attività venatoria, oltre ad essere custode della tradizione, è componente viva della nostra cultura rurale.”, cosi il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali  Luca Zaia, si rivolge ai cacciatori italiani alla vigilia dell’apertura generale della stagione venatoria. “Ho motivo di credere che in tutti prevarrà il grande senso di responsabilità che caratterizza il cacciatore del terzo millennio conscio di interpretare un ruolo importante nella gestione e nella tutela del territorio”.
“Gli oltre 700.000 appassionati, distribuiti su tutta la penisola” – ricorda il Ministro – rappresentano altresì una realtà economicamente importante per il nostro Paese, che  impegna circa  45.000 posti di lavoro, dei quali 3.900 nella sola produzione di armi e munizioni sportive. Non può inoltre essere trascurato – continua il Ministro – l’impegno profuso sul territorio a beneficio dell’intera comunità, nella prevenzione degli incendi e nella lotta agli abusi, in collaborazione con la Protezione Civile ed il Corpo Forestale dello Stato. Per quanto mi riguarda, ribadisco l’intenzione di contribuire a sviluppare quanto di positivo espresso in questi anni dal mondo venatorio che già dai prossimi giorni, mi vedrà impegnato sui tavoli tecnici e politici, per portare miglioramenti alle norme vigenti, proporre modifiche e consolidare il legittimo ruolo di presidio sul territorio che i cacciatori hanno conquistato dimostrando equilibrio e responsabilità, la stessa che mi aspetto dall’associazionismo venatorio, al quale chiedo massima collaborazione.
“L’alba di una nuova stagione venatoria vi vedrà ancora protagonisti, distribuendo,  secondo il risultato del carniere, gioie e delusioni da condividere con i vostri amici e le vostre famiglie. A tutti voi auguro un cordiale, sincero In bocca al lupo!”

Category: Leggi/Politica

Comments (43)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. alex scrive:

    Veneziano hai visto come ci si relaziona con gli altri?
    Tu,Timo ed i vs seguaci prendete esempio dal Ministro.

  2. Bene allora sbrigatevi a tramutare in legge e nel più breve tempo possibile le proposte di legge sulla modifica della 157, anche perchè siete consapevoli che vi state giocando nel prossimo futuro le poltrone della politica italiana.
    Bagnolesi Giovanni Roberto Consigliere CPA Lucca

  3. stefano scrive:

    Voglio fidarmi….
    Grazie ministro per le belle parole,ma spero che velocemente arrivino anche i fatti.
    Comunque questo ministro con gli arcianticaccia,sicuramente non ci marcia.
    Ed è già un buon passo…!!
    in bocca al lupo a tutti
    ste

  4. Alessandro Fulcheris scrive:

    mai visto uh
    Ministro che ci fa gli auguri per l’apertura, Sogno o son desto?

  5. ezio scrive:

    Sei desto, sei desto…. ;-)

  6. lucas scrive:

    Che bella differenza col Pecoraro-Scanio che sfornava decreti su decreti tanto per renderci la vita impossibile..!
    Che differenza! Vedrete che tra poco arrivano anche i fatti.

  7. FIORE scrive:

    una saluto a i cacciatori presenti ieri sera a cena, e ringrazio per la interessante partecipata non che degustata compagnia.

    rinnovo l’in bocca al lupo a tutti

  8. Andrea (pe) scrive:

    Si può essere cacciatori oppure no….come si può essere a favore della caccia o fermamente contrari….ma mi lasci dire illustrissimo ministro ZAIA,Lei ha dato un esempio ed una lezione di cosa significhi il rispetto x le passioni altrui,GRAZIE.

  9. Baghy scrive:

    Non ricordo se l’anno scorso il Ministro delle Politiche Forestali del governo Prodi on. De Castro pur dicendosi cacciatore ci abbia fatto gli auguri come Zaia ma potrebbero rammentarlo Fiore, Lapo, Tito ed altri. Grazie on. Zaia, continui ad ascoltare i cacciatori e noi saremo rispettosi di quanto lei raccomanda. Un sincero in bocca al lupo a tutti i cacciatori, Baghy

  10. Giacomo Cretti scrive:

    Contenti???
    Giacomo Cretti

  11. lucas scrive:

    Sig. Cretti, grazie anche a lei.
    Vuol dire che, pur essendo uno che caccia come i signori, ogni tanto si ricorda di noi poveri cacciatori italiani che cacciamo dietro casa.
    Continui ad impegnarsi per la caccia tradizionale italiana!

  12. roberto scrive:

    caro signor ministro mi auguro che alle parole seguano al piu presto anche i fatti perche di questa legge 157 non ne possima proprio piu abbiamo fiducia in lei. GRAZIE

  13. ezio scrive:

    Il Ministro Zaia dice: “L’attività venatoria, oltre ad essere custode della tradizione, è componente viva della nostra cultura rurale.”

    Ancora una volta ci ritroviamo a stupirci e ad esultare di quello che invece dovrebbe essere la NOR-MA-LI-TA’ in un Paese NOR-MA-LE….

    Pensate a che punto siamo arrivati!!

    Grande Zaia!! E forza a quelli che condividono la Sua linea di pensiero!! Non so se mi spiego… Peccato che siano ancora troppo pochi per dare una vera svolta ma, come dice a volte qualcuno anche qui, sognare non è peccato ;-)
    Cordiali saluti.
    Ezio
    P.S. X Giacomo Cretti
    Se non sei un omonimo di chi dico io e ti capitasse di ritornare a Mull nel periodo… giusto, conosco uno disposto anche farti da portatore, cuciniere, sguattero, solo per potere veder correre la sua setterina in quelle lande… ;-)

  14. valentino88 scrive:

    Amici andate sul sito della camera dei deputati nelle proposte di legge presentate il 18 settembre la prima sopra c’è modifiche della 157\92

  15. luciano scrive:

    CREPI!!!! e grazie ministro, speriamo che sia la volta buona non ne possiamo più di anticaccia..

  16. romex60 scrive:

    ognuno ha il ministro che si merita..a noi piace questo
    saluti e…….in bocca al lupo per domani

  17. Giacomo Cretti scrive:

    Lucas, hai finito di darmi del “lei”!
    In bocca al lupo per domani
    Giacomo Cretti

  18. Giacomo Cretti scrive:

    Non so perché, Ezio, ma questa proposta me la fanno tanti…
    Lucas 2 – Altro che signori, vedrai in quali condizioni mi sono trovato in marocco a caccire pernici con 30 gradi o in Armenia a 1600 metri nella bufera.
    Se uno é finto, prima o poi esce fuori. Nella mia vita di cacciatore ho imboccato nella fanga centinaia di volte a beccaccini in padule, e ti garantisco che quando tornavo a casa tutto embravo meno che un signore.
    Però ero felice!!
    Ciao a tutti
    Giacomo Cretti

  19. antonio leone scrive:

    Gentilissimo Sig. Ministro la sua lettera è di grande valore storico, il suo nobile gesto segna sicuramente una indelebile riconoscenza di rispetto e dignità che lei ha marcato sull’immagine dei cacciatori italiani, al di là se si’è favorevoli o contrari, ma questo è anu’altra cosa.
    Il suo augurio che tanto ringrazio è cosa nuova per i cacciatori a mio avviso questo suo gesto datato di grande perbenismo (ne ero già convinto da tempo) mi assicura una nuova era per la caccia mi auguro accogliendo la nostra proposta di modifica alla 157, obsoleta legge sulla caccia.
    Noto nella sua lettera grande apertura di dialogo e di democrazia come e giusto che faccia ogni membro istituzionale, non ho intravisto nessuna ipocrisia o gesto di rito, ma semplicemente una espressione sincera di vero cuore che lei ha trasmesso ai cacciatori.
    Sig. Ministro a mio modesto parere sono convinto che lei darà al mondo venatorio quella tranquillità che ogni cacciatore aveva perduto.
    Auguri Sig. Ministro le auguro buon lavoro, avevamo tanto bisogno di un ministro come lei, e credo fermamente che tutti i cacciatori le saranno vicino.
    Grazie per il sincero in bocca al lupo.
    Antonio Leone consigliere nazionale libera caccia.

  20. bravo al ministro zaia,e’ arrivato il momento di cancellare le associazione venatorie che sono contro la caccia

  21. votiamo lega invece dell’m.p.a.

  22. narancio luca scrive:

    x valentino88
    scusa la mia ignoranza ma non sono stato capace di trovare la pagina dove dice modifiche 157/92 puoi evidenziare tu il link giusto ? grazie

  23. valentino88 scrive:

    Luca vai sul sito http://www.camera.it poi su progetti di legge e ancora su ultimi progetti di legge annunciati e li la troverai.

  24. SERGIO BERLATO scrive:

    PDL 1652 del 17 settembre 2008 a firma di Biava ed altri.
    E’ il Progetto di legge che abbiamo elaborato con la collaborazione di CONFAVI, Liberacaccia, Enalcaccia, ANUU.
    Come da impegni presi, del resto!!!

    Sergio Berlato

  25. SERGIO BERLATO scrive:

    IL GIORNALE DI VICENZA
    domenica 21 settembre 2008 cronaca pag. 16

    OGGI IL VIA ALLA STAGIONE. Affollatissima serata in Fiera promossa dall’Acv-Confavi con rappresentanti del Governo, della Regione e della Coldiretti

    «Adesso va modificata
    la legge sulla caccia»

    ANTONIO BUONFIGLIO

    di Roberto Luciani

    “Bagno di folla” avevano promesso gli organizzatori, e così è stato. Sala Palladio stracolma sabato sera in Fiera per il convegno nazionale “La caccia che vogliamo”. Arrivati da tutto il Veneto i cacciatori aderenti alle associazioni Acv-Confavi, “Libera Caccia” Anuu Migratoristi ed Enalcaccia alla fine erano talmente tanti che è stato necessario allestire un’altra saletta con video per farli accomodare. In totale oltre mille partecipanti rimasti incollati alle sedie fin quasi a mezzanotte, dopo una maratona di saluti, relazioni e dati. Troppo ghiotta, in effetti, l’occasione per perdersela. Sul tappeto le proposte di modifica alla legge 157/92 supportate da oltre 600mila firme di sostegno e presentate al governo Berlusconi e con esse la voglia di uscire fuori dalla lunga fase di depressione che ha colpito e mortificato la categoria anche nei numeri (da 1,8 milioni di praticanti del 1992 agli attuali 700mila).
    Così – presenti il sottosegretario alle politiche agricole Antonio Buonfiglio, l’assessore regionale alla caccia Elena Donazzan, l’assessore provinciale Marcello Spigolon, alcuni parlamentari e consiglieri regionali del Pdl, il presidente della Coldiretti regionale Giorgio Piazza, il segretario regionale dell’associazione ambientalista “Ambiente e/é Vita” – la presidente regionale dei Cacciatori veneti Maria Cristina Caretta, lancia il suo monito: «I cacciatori sono cittadini di serie A, chi pratica la caccia ha la fedina penale pulitissima. È tempo però che ognuno giochi a carte scoperte, noi non chiediamo soldi ma la possibilità di equiparare la nostra normativa a quella europea. Ora o mai più, abbiamo dato fiducia a questa coalizione anche se la volta precedente il governo Berlusconi non ha saputo o voluto arrivare a queste modifiche».
    Un attacco frontale a certi dirigenti venatori “gestori di potere” prima di lasciare la parola all’europarlamentare Sergio Berlato. Gran regista dell’iniziativa e della serata, Berlato snocciola le proposte non senza aver prima inquadrato nel mirino Federcaccia, Arcicaccia e Italcaccia, sottrattesi ad ogni confronto, dice, solo per una preoccupazione di primogenitura, e l’ “odiato” Pecoraro Scanio: «Chiediamo una caccia europea. Innanzitutto bisogna che l’Istituto fauna selvatica di Bologna torni ad essere un organo di consulenza tecnico-scientifica e non più un ricettacolo di soggetti anti-caccia. Detto questo, vanno cancellati l’obbligo di scelta di caccia in via esclusiva, l’obbligo disumano di immobilizzare con un anello i richiami vivi, e si deve istituire la caccia per periodi e per specie con la possibilità di aprire delle finestre venatorie dalla terza decade di agosto a fine febbraio. L’addestramento dei cani non deve essere considerata più attività venatoria, ma potrà essere fatto al di fuori del periodo e poi in collaborazione col mondo agricolo va sviluppata l’attività di semina di selvaggina che consente a chi la pratica importanti ritorni economici, come dimostra il volume di affari che all’Est realizzano con noi. Patentino anche per i ragazzi di 16 anni, che per i primi 2 anni andranno accompagnati da cacciatori di esperienza, possibilità di poter cacciare nella propria regione senza ulteriori balzelli e di adattare i tre giorni previsti alla settimana ai giorni di migrazione».
    La sala esplode e l’assenza in Parlamento dell’ala radicale di sinistra fa dimenticare per un attimo le proteste annunciate dagli ambientalisti per la prima domenica di caccia. I nemici, paradossalmente, sembrano stavolta in casa ma il sottosegretario Buonfiglio avverte: «Non ci interessa l’unitarietà, ciò che conta è perseguire il cambiamento della 157 con chi vorrà starci». È il segnale: capitale nei numeri anche della caccia, Vicenza lancia la sfida.

    Foto:

  26. Pispola67 scrive:

    Ma gli anelli ai richiami, sono dis-umani per gli uccelli o per chi gli gestisce?

  27. danilo scrive:

    avete visto ieri al TG5?
    per la 1° ma volta ho visto un servizio giornalistico in televisione equilibrato e corretto.poi c’e’ stata la solita intervista a timo che ha rovinato tutto..,ma hanno parlato bene dei cacciatori,e questo non era mai successo!!! vuol dire che qualcosa si muove ,anche in termini di informazione e volonta’ di far capire certe verita’!

  28. Giusti Giacomo scrive:

    Se siamo contenti?Caro Giacomo Cretti,a me a leggere quegli auguri ,mi è venuto un groppo alla gola!!Quando mai un ministro ci ha detto quelle parole?Se poi arriva anche la modifica della 157/92,allora passerò sicuramente dal groppo alla gola,al pianto.Di contentezza naturalmene!!!!Detto tra noi Giacomo,quando andrai a dirigere, caccia e pesca?…….

  29. valerio ercolini scrive:

    Mi complimento con il sottosegretario del governo Signor Bonfiglio,il quale manda a dire alla Federcaccia , Arcicaccia e Italcaccia,che la famigerata legge sulla caccia verra’ approvata anche se non daranno il loro contributo al cambiamento della 157/92.
    Anche perche’se i presidenti nazionali di queste associazioni sono contrari,mentre i loro associati sono favorevoli,le firme raccolte sono li a testimoniare.

  30. renzo scrive:

    Se si fara, SPERO, la legge come è descritta nel post dell’ONOREVOLE BERLATO , finalmente dormirò sogni tranquilli , certo che ,se qualcun altro non ci mette il becco… sarà una legge che ci permetterà di vivere la nostra passione, senza sperperare lo stipendio per farlo tre/quattro giorni all’estero, mentre potremo farlo dietro casa nostra .
    E ora speriamo che non sia la solita bolla di sapone Italiano. Per ora sono molto fiducioso e ottimista. Non deludetemi ,perche sarebbe veramente troppo .
    Renzo

  31. lukacs scrive:

    Aspettavamo tutti con piacere BERLATO a Spoleto…è arrivato con 8 ore di ritardo….BERLATO BERLATO……Vicenza TI porterà yella !!!C”era l”on BUONFIGLIO???Il cognato di PREVITI?????Allora CACCIATORI SVEGLIATEVI!!!! Vi stanno solo prendendo in giro per la campagna elettorale!!!!

  32. Filippo scrive:

    Sono parole che tutti volevamo sentire, dopo tutti gli sbeffeggiamenti subiti in tutti questi anni, grazie Sig. Ministro da tutti i cacciatori pugliesi.

    Filippo DI M.

  33. Filippo scrive:

    Ma nn dimenticate la puglia, ormai usciamo a caccia solo per tenere vivi i ricordi e dire una volta si poteva, non sappiamo più dove andare, siamo ostaggi di una malattia chiamata parcomania, spero che la modifica della 157 comprenda la riperimetrazione di tutte quelle inutili aree protette istituite in questi anni per la felicità di alcuni persone chiamate a gestirle… chi vuole capire capisse

  34. tonino scrive:

    salve,ma avete visto il tg2 delle 13,hanno fatto sembrare gli auguri del ministro,una specie di esortazione al buon senso e un un richiamo all nostro senso di responsabilità,manco fossimo degli scalmanati, che imbracciano un fucile e via per paesi e città. che schifo la rai

  35. lucas scrive:

    Scusate, ma vado sul sito della Camera, digito il progetto di legge 1652, mi si apre la relativa finestra, ma non appare il testo. Forse non l’hanno ancora caricato?
    Fatemi sapere, grazie.

  36. SERGIO BERLATO scrive:

    Sono le solite lungaggini burocratiche della Camera dei deputati.
    Porta pazienza ancora qualche giorno e vedrai che il testo del PDL 1652 è esattamente quello della bozza del 30 giugno pubblicato on line (già presentato con PDL 333) integrato con le osservazioni fornite da CONFAVI, ANLC, ENAL, ANUU.
    Ho provevduto io alla predisposizione della PDl che ha come primo firmatario l’on. Francesco Biava.

    Ciao
    Sergio Berlato
    Abbi fiducia

  37. ilio scrive:

    Lukacs e se ci si riuscisse hai gli attributi per appendere il fucile al chiodo,visto gli speffegiamenti che ci propini, o farai l’opportinista, come fanno tutti quelli che si firmano con la k

  38. alex scrive:

    lucaz,forse non hai ancora capito che a noi della politica nun ce ne pò fregà de meno.
    Invece di andare a leggere su internet o su qualche giornale scritto di rosso chi sono i parenti dei parenti,cerca di leggere se ci riesci qualche libro che parla di antica attività venatoria…ne hai bisogno.E poi scrivi con quelle K! !!!!!
    Cambia canale

  39. FIORE scrive:

    che ci piaccia o no, l’attività venatoria è cambiata e continuerà a cambiare e non tornerà certamente indietro, l’unica cosa che possiamo augurarci è che tale attività sia regolamentata proporzionalmente alle disponibilità della fauna selvatica com un piano faunistico non di cinque anni in cinque anni ma anno per anno con leggi che rispondono non alle richieste egoistiche ma alla reale possibilità di prelievo

  40. paolobenci scrive:

    ogni tanto la vita regala delle soddisfazioni…per una volta non mi sono sentito un cacciatore assassino e delinquente ..gzazie ministro.

  41. lucas scrive:

    Fiore, “che ti piaccia o no”, come dici tu, la politica è cambiata e, per fortuna, i tuoi compagni sono rimasti a casa.
    Continuano a far danni a livello locale (regionale), ma vedrai che tra poco, alla prima occasione, manderemo a casa anche loro.
    Tu fai una cosa coerente, fai una cosa “di sinistra”: smetti di andare a caccia (ammesso che tu ci vada ancor, a caccia, o ci sia mai andato) e iscriviti alla bocciofila della casa del popolo.
    Lì respirerai le ultime boccate di comunismo italico, tra pensionati.

  42. giannirm2 scrive:

    X Fiore
    Condivido il tuo discorso, non cè caccia senza gestione della fauna.

    X Lucas
    Tu caro Lucas sparli.
    ciao

  43. lukacs scrive:

    Ilio e Alex,
    prima di rivolrgervi a me, imparate almeno la lingua italiana e soprattutto a scrivere con un minimo di senso.
    Ps: Lukacs è un nobile cognome ungherese

Leave a Reply


+ 1 = 5

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.