Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Novita’ positive in arrivo

| 19 settembre 2008 | 35 Comments

Come riceviamo e cosi’ pubblichiamo
***

DAL GOVERNO BUONE NOTIZIE IN ARRIVO

Dagli incontri avuti in questi giorni presso i ministeri romani, possiamo anticipare che ci sono importanti novità positive in arrivo per l’attività venatoria 2008/2009.
Il paventato blocco delle leggi regionali della Lombardia e del Veneto per le cacce in deroga, sembra proprio che non ci sarà ed i cacciatori di quelle regioni potranno beneficiare delle possibilità previste nelle loro leggi, cacciando fringuelli, peppole, storni e pispole,nel rispetto delle loro tradizioni.
Buone novità anche dal Ministero dell’Ambiente che ha finalmente predisposto una bozza di decreto legge che farà slittare all’annata venatoria 2009/2010, non appena approvato dalla Conferenza Stato Regioni e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il divieto di utilizzo dei pallini di piombo nelle zone umide all’interno delle Zone di Protezione Speciale, modificando in alcune altre parti il famigerato Decreto 184/2007 per renderlo meno vessatorio per l’attività venatoria.
Nonostante gli uccellacci del malaugurio abbiano gracchiato e gufato in modo sinistro nel corso di queste settimane, il governo sta cominciando a fornire risposte concrete al nostro mondo.
Dopo la reintroduzione dell’utilizzo dei richiami vivi nella caccia agli uccelli acquatici, dopo l’inizio della riperimetrazione di alcuni parchi ed aree protette nel nostro Paese, si comincia a rimediare, un po’ alla volta, ai disastri provocati dal passato governo rosso verde.
Dopo la presentazione alla Camera dei Deputati della prima versione delle proposte di modifica alla 157/92 (quella datata 30 giugno per intenderci) con PDL 333, questa settimana è stata depositata in Parlamento con PDL n. 1652 del 17 settembre 2008, anche la versione bozza del 30 giugno u.s. integrata dall’apporto di CONFAVI, Liberacaccia, Enalcaccia ed ANUU migratoristi.
Non appena avverrà l’assegnazione ufficiale di queste due iniziative alla competente Commissione parlamentare, inizieranno i lavoro di comparazione dei vari testi di modifica presentati in Parlamento per la definizione del testo unificato che uscirà dalla Commissione parlamentare per l’approvazione da parte dei due rami del Parlamento.
Straordinaria la risposta sinora fornita dal modo venatorio italiano attraverso la Petizione popolare inizialmente promossa da Maria Cristina Caretta, Presidente nazionale della CONFAVI, alla quale hanno successivamente aderito anche ANLC, ed ANUU Migratoristi.
Alla data di giovedì 18 settembre sono 603.211 le firme recapitate presso gli uffici della sede nazionale della CONFAVI a Thiene (VI), alle quali si aggiungeranno quelle raccolte nelle sedi di Liberacaccia e di ANUU Migratoristi, nonché tutte quelle ancora in arrivo da ogni parte d’Italia.
Appuntamento questa sera, venerdì 19 settembre, a Vicenza per il Convegno nazionale sulla caccia che si svolgerà presso l’Ente Fiera a partire dalle ore 20,00 nel corso del quale verranno illustrate le proposte di modifica alla 157/92 e forniti gli opportuni aggiornamenti sui contenuti delle modifiche al Decreto del Pecoraio sulle ZPS e ZSC, nonché le dovute rassicurazioni sul futuro delle cacce in deroga.

Sergio Berlato

Category: Leggi/Politica

Comments (35)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. lucas scrive:

    Grande Sergio! Vai avanti così che siamo tutti con te!

  2. fabio scrive:

    Grazie Sergio
    Molti sono dubbiosi riguardo i fini del Tuo operato , che a detta loro è ” tutte chiacchere e distintivo ” , ma con questo comunicato fai capire al mondo venatorio che fatti importanti si stanno configurando .
    Il modo in cui Ti sei esposto in prima persona non lascia dubbi sul fine dei Tuoi propositi .Se poi il governo dovesse smentirTi saresTi il primo a pagarne le conseguenze di immagine . Per questo comincio per la prima volta a credere che ci siamo , si ! … si cambia rotta !
    Grazie
    Fabio

  3. valerio ercolini scrive:

    FIORE,
    se ci sei batti un colpo.
    Stai attento che per la cena di questa sera con Daniele non ti vada per traverso,malgrado tutte le plemiche, mi dispiacerebbe.
    Colgo l’occasione per salutare Daniele e tutti gli amici cacciatori,purtroppo per impegni non ho potuto essere presente,sara’per la prossima volta.
    Saluti ancora Valerio.

  4. massimo fedeli scrive:

    grazie da parte di tutti i cacciatori migratoristi ke sono la maggior parte nel nostro paese,grazie a lei e atutti quelli ke come me hanno raccolto le firme stufi oramai di tutte queste limitazioni senza senso, saremo capaci di conservare tutto quello ke andremo a conquistare sempre pronti come non mai a rispettare le nuove normative,

  5. vincenzo scrive:

    X On.Berlato: faccio copia e incolla di un mio vecchio post:

    vincenzo, on Settembre 15th, 2008 at 13:17 Said:
    Per On.Berlato,x Dott.Caretta:fateci sapere se possiamo continuare a raccogliere le firme,io le mie le ho gia’ spedite.Oggi al 15/09 posso ancora raccoglierle?oppure la petizione e’ chiusa?Rispondetemi per piacere al piu’ presto!!

    Cordiali saluti

    Vincenzo
    Aggiungo,il 19/09 ne ho raccolte ad oggi altre 180 e sono stanco morto…basta,è tardi x spedirle?
    Se qualcuno si degna di dirmi qualcosa…..

  6. Daniele scrive:

    Per Valerio
    Mi spiace che tu non ci sia.
    Ma ci saranno sicuramente altre occasioni.
    Un grosso in bocca al lupo e alla prossima.
    Daniele

    p.s.
    opsss, dimenticavo, se mi autorizzi… un paio di nocchini gliele do’ io a Fiore :-) :-) :-)

  7. valerio ercolini scrive:

    Vincenzo ,
    spedisci ,spedisci,ci si e’dato un termine che e’stato raggiunto,ma da quando a breve sara’discussa la legge piu’firme ci saranno e’meglio e’.
    Saluti Valerio.

  8. valerio ercolini scrive:

    Daniele,
    niente gocchini lo perdoniamo.
    Saluti sinceri Valerio.

  9. peppol@ scrive:

    Attenzione non voglio essere catastrofista ma non sembra così scontato che non vengano impugnate le leggi, attendiamo il prossimo consiglio dei ministri….mi piacerebbe sapere se è un atto dovuto o Fitto è spinto da qualcuno…nel frattempo a brescia arriveranno 90 Forestali da roma per due mesi contro i 3o dell’anno scorso….e io li pago

    peppol@

  10. roberto scrive:

    Se son rose fioriranno, un Saluto all’On. Berlato

  11. Giusti Giacomo scrive:

    Valerio riguardo al tuo post del 19/08,ore 14.56.non andare a stuzzicare……. il can che dorme!!!!Ciao,grande Valerio!!!

  12. vincenzo scrive:

    Grazie Valerio, domani mando tutto per posta prioritaria..e che…speriamo non sia stata fatica…..sprecata!!In bocca al lupo x domenica,…io non ci vado,qui ad Ischia se non viene il 20/10 neanche uno… zip!!

  13. paolobenci scrive:

    Questo scritto dell’on Berlato dimostra che la fatica non è stata vana, cominciano ad arrivare i fatti a dimostrazione ella serietà e della coerenza di chi ci rappresenta…certo è solo l’inizio ma il carrozzone è lento e le problematiche sono tante.Con la speranza in una riuscita e in un sostanziale cambiamento della legge sulla caccia ringrazio tutti quelli che si sono adoperati in tale intento.

  14. FIORE scrive:

    @ Valerio

    ma qualcuno che la manda avanti la baracca ci vuole!!!

    inquanto operaio di sx lavoro le mie 8-9 ore al giorno, forse è per quello che mi sono venute tutte queste turbe nevrotiche.

    un saluto

    ps. mi porto 2 guardie del corpo non si sa mai!!

  15. massimo fedeli scrive:

    a fiore rimarrai sempre nevrotico se sei di sx ‘ma ora senza i tuoi amici verdi a sx come ti senti? anche quelli di rifondazione se potessero non ti manderebbero più a caccia, loro poveretti non sanno ke la maggior parte dei cacciatori sono operai impiegati , pensionati, e contadini, x la loro ideologia i cacciatori sono ancora i signorotti, xke non lo dici loro? un saluto e in bocca al lupo.

  16. Giovanni Pattano scrive:

    Carissimo Sergio, sono un cacciatore vicentino che caccia nelle zone del fiume Brenta, te hai detto : “non appena approvato dalla Conferenza Stato Regioni e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il divieto di utilizzo dei pallini di piombo nelle zone umide all’interno delle Zone di Protezione Speciale”, significa fine ottobre!!!! e nel frattempo che facciamo? non credo sia corretto neanche il tuo comportamento, mi sà tanto da presa per il culo!!!!!! ciao

  17. Arcera scrive:

    On.le Berlato sono del suo partito dalla gloriosa e mai dimenticata fiamma tricolore, ma si sa i tempi cambiano e bisogna ammettere anche i propri errori, senza dimenticare anche i sopprusi dell’altra parte. Ma veniamo alla caccia. Quando si discuterà, alle Camere, della modifica alla 157/92, non Vi dimenticate dei Nostri ultra 65enni, pensionati, che non possono pagarsi il porto d’arma, magari prendendo i soldi dai contributi che il Governo versa per le Associazioni venatorie, Ambientaliste, ecc…, soldi sempre dei cacciatori. Un’ultima cosa, perchè i rapprententi dele varie associazioni presso gli ATC o le CA non vi partecipano gratuitamente. I gettoni di presenza servirebbero, eccome, a gestire meglio gli mbiti Territoriali. Si ringrazia e VINCERE….

  18. Filippo scrive:

    Vai avanti così Sergio ,maricordati dei cacciatori Pugliesi, che siamo fortemente penalizzati.

  19. seb1959 scrive:

    Gran Bel Lavoro. Grazie all’On. Berlato, alla CONFAVI, all’ANLC e all’ANUU Migratoristi per quanto stanno facendo per i cacciatori italiani.

  20. Giusti Giacomo scrive:

    x Arcera.E VINCEREMO!!!!

  21. ilio scrive:

    Grazie On Berlato, On. Zaia, On Prestigiacomo, Dot/sa Carretta , a tutti i Parlamentari che si attiveranno per la modifica presentata dall’On Berlato a tutte le Ass.venatorie che hanno aderito alla raccolta firme, a tutti coloro che sì sino attivati per portare i moduli a spasso per l’Italia per mettere in grato i cacciatori di apporre la loro firma, a tutti i firmatari., al popolo del web, ai loro patron che ci hanno dato e ancora ci danno l’opportunità di comunicare e fare udire la nostra voce, oggi si è accesa una piccola luce, presto si accenderà un faro che illuminerà l’Italia e il fior fiore di questa società , il CACCIATORE. Omericamente parlando (ATTENZINE PROCI ULISSE E’ TORNATO)

  22. fabrizio scrive:

    cari amici cacciatori,

    sono stracontento del risultato di 603.000 firme (che solo sei mesi fa mi sarebbe sembrato impossibile).

    Sono un iscritto alla federcaccia in dissenso con la linea dettata dalla dirigenza nazionale, e nel mio piccolo, facendo i salti mortali, sono riuscito a raccoglierne una cinquantina e le ho inviate alla sede confavi.

    un grande Grazie a Caretta e Berlato, per avere aiutato i cacciatori a prendere coscienza del vicolo cieco in cui le dirigenze nazionali federcaccia e arcicaccia hanno condotto il mondo venatorio.

    penso che presto in federcaccia i nodi verranno al pettine ….. perche’ la maggior parte delle firme sono di soci federcaccia…..

    ma il presidente Timo, lo avra’ capito il messaggio ?

    un saluto al popolo cacciatore

    fabrizio

  23. CacciatoreconlaC scrive:

    onorevole Berlato,come e’ andata ieri sera in quel di Vicenza???(parlo del congresso)

  24. mognofulvio scrive:

    Onorevole BERLATO:datti da fare,per modificare la legge dei pallini d’acciaio,perche’anche per te sara’un problema sparare alle anatre in valle.aPORTO TOLLE. CIAO a tutti in bocca al lupo per domani VINCERE E VINCEREMO.F.M.da treviso

  25. Andrea (pe) scrive:

    Grazie ON Berlato,vedrà che quando potremmo esserLe utili….NOI CI SAREMO!

  26. DAVIDE scrive:

    Gentilissimo on Berlato concordo pienamente con lei che qualcosa è cambiato,ma i tempi per riuscire a modificare questa legge mi sembrano un pò lunghi(prossima stagione venatoria?)Io personalmente ritengo che,prima delle prossime elezioni europee deve essere tutto pronto.Tutto questo mi sembra un buon biglietto da visita per il governo ed uno stimolo a tutto il mondo venatorio a confermarlo.Con rinnovata stima Davide.

  27. corrado scrive:

    Grazie onorevole Berlato ci voleva lei ed i suoi collaboratori a squotere il mondo venatorio dal torpore creato da certe associazioni ambientovenatorie, spero solo che a chi piace cacciare e dico cacciare abbia capito a chi rivolgersi per difendere i propri diritti, e si capisca che due ambientalisti non possono nulla con 800.000 cacciatori e famiglie, grazie di nuovo.

  28. Pispola67 scrive:

    X il moderatore
    Cos’è succeso con la mia e-mail precedente, non l’ho vista comparire

  29. Daniele scrive:

    X Pispola67

    *************
    Cos’è succeso con la mia e-mail precedente, non l’ho vista comparire

    **************

    Colgo l’occasione per spiegare ancora una volta, che sul sito e’ attivo un filtro, che in modo automatico provvede a cestinare (eliminare) quei commenti al cui interno sono presenti determinate parole.
    Per lo piu’ sono parole volgari e/o offensive, ma anche (il caso piu’ frequente) riferimenti politici. Tanto per chiarire e fare un piccolo esempio, la presenza in un commento della parola “fascisti” o “comunisti” comporta l’automatica cancellazione del messaggio. Puo’ sembrare una esagerazione, ma ricordo che questo e’ un sito dedicato ESCLUSIVAMENTE alla caccia, e dove la politica se ne dovrebbe stare alla larga.
    Purtroppo per qualcuno non e’ cosi, e pertanto mi sono visto costretto ad attivare simili filtri.
    Nel speranza di aver chiarito, una volta per tutte il funzionamento del filtro, auguro a tutti voi, un caloroso in bocca al lupo per l’imminente apertura.
    Daniele

  30. pispola67 scrive:

    x Daniele
    Ti ringrazio del chiarimento, starò più attento ai termini usati al fine di non incappare nei doverosi “filtri”.

  31. SERGIO BERLATO scrive:

    domenica 21 settembre 2008 cronaca pag. 16

    OGGI IL VIA ALLA STAGIONE. Affollatissima serata in Fiera promossa dall’Acv-Confavi con rappresentanti del Governo, della Regione e della Coldiretti

    «Adesso va modificata
    la legge sulla caccia»

    ANTONIO BUONFIGLIO

    di Roberto Luciani

    “Bagno di folla” avevano promesso gli organizzatori, e così è stato. Sala Palladio stracolma sabato sera in Fiera per il convegno nazionale “La caccia che vogliamo”. Arrivati da tutto il Veneto i cacciatori aderenti alle associazioni Acv-Confavi, “Libera Caccia” Anuu Migratoristi ed Enalcaccia alla fine erano talmente tanti che è stato necessario allestire un’altra saletta con video per farli accomodare. In totale oltre mille partecipanti rimasti incollati alle sedie fin quasi a mezzanotte, dopo una maratona di saluti, relazioni e dati. Troppo ghiotta, in effetti, l’occasione per perdersela. Sul tappeto le proposte di modifica alla legge 157/92 supportate da oltre 600mila firme di sostegno e presentate al governo Berlusconi e con esse la voglia di uscire fuori dalla lunga fase di depressione che ha colpito e mortificato la categoria anche nei numeri (da 1,8 milioni di praticanti del 1992 agli attuali 700mila).
    Così – presenti il sottosegretario alle politiche agricole Antonio Buonfiglio, l’assessore regionale alla caccia Elena Donazzan, l’assessore provinciale Marcello Spigolon, alcuni parlamentari e consiglieri regionali del Pdl, il presidente della Coldiretti regionale Giorgio Piazza, il segretario regionale dell’associazione ambientalista “Ambiente e/é Vita” – la presidente regionale dei Cacciatori veneti Maria Cristina Caretta, lancia il suo monito: «I cacciatori sono cittadini di serie A, chi pratica la caccia ha la fedina penale pulitissima. È tempo però che ognuno giochi a carte scoperte, noi non chiediamo soldi ma la possibilità di equiparare la nostra normativa a quella europea. Ora o mai più, abbiamo dato fiducia a questa coalizione anche se la volta precedente il governo Berlusconi non ha saputo o voluto arrivare a queste modifiche».
    Un attacco frontale a certi dirigenti venatori “gestori di potere” prima di lasciare la parola all’europarlamentare Sergio Berlato. Gran regista dell’iniziativa e della serata, Berlato snocciola le proposte non senza aver prima inquadrato nel mirino Federcaccia, Arcicaccia e Italcaccia, sottrattesi ad ogni confronto, dice, solo per una preoccupazione di primogenitura, e l’ “odiato” Pecoraro Scanio: «Chiediamo una caccia europea. Innanzitutto bisogna che l’Istituto fauna selvatica di Bologna torni ad essere un organo di consulenza tecnico-scientifica e non più un ricettacolo di soggetti anti-caccia. Detto questo, vanno cancellati l’obbligo di scelta di caccia in via esclusiva, l’obbligo disumano di immobilizzare con un anello i richiami vivi, e si deve istituire la caccia per periodi e per specie con la possibilità di aprire delle finestre venatorie dalla terza decade di agosto a fine febbraio. L’addestramento dei cani non deve essere considerata più attività venatoria, ma potrà essere fatto al di fuori del periodo e poi in collaborazione col mondo agricolo va sviluppata l’attività di semina di selvaggina che consente a chi la pratica importanti ritorni economici, come dimostra il volume di affari che all’Est realizzano con noi. Patentino anche per i ragazzi di 16 anni, che per i primi 2 anni andranno accompagnati da cacciatori di esperienza, possibilità di poter cacciare nella propria regione senza ulteriori balzelli e di adattare i tre giorni previsti alla settimana ai giorni di migrazione».
    La sala esplode e l’assenza in Parlamento dell’ala radicale di sinistra fa dimenticare per un attimo le proteste annunciate dagli ambientalisti per la prima domenica di caccia. I nemici, paradossalmente, sembrano stavolta in casa ma il sottosegretario Buonfiglio avverte: «Non ci interessa l’unitarietà, ciò che conta è perseguire il cambiamento della 157 con chi vorrà starci». È il segnale: capitale nei numeri anche della caccia, Vicenza lancia la sfida.

    Foto:

  32. narancio luca scrive:

    cosa dire sergio sara’ una svolta enorme per tutto il popolo dei cacciatori e quelli che pultroppo anno scelto di non praticare piu’ perche’ troppo restrittivo e troppo mortificante.
    Credo che una volta fatta la modifica sicuramente il nostro popolo aumentera’ perche’ ripresa la dignita’ che abbiamo sempre voluto il rispetto che ci è stato tolto per troppo tempo.
    Forza sergio l’italia si aspetta adesso la grande svolta

  33. CacciatoreconlaC scrive:

    vado di “akito”:

    ma non era previsto per venerdi 19 l’incontro a vicenza,con i ministri??

    (se sbaglio scusate ma vista l’apertura son cotto e non mi riesce controlllare)

    scusate,ma domani bis(oggi a vuoto)(parlo dell’apertura)

    :(

  34. to scrive:

    X CacciatoreconlaC

    hai ragione l’incontro era fissato per venerdì 19 ma legambiente ha fatto ricorso al tar impugnando la data e per questo è stata spostata a sabato 20.

    P.S
    naturalmente è uno scherzo

    Antonio

  35. Giusti Giacomo scrive:

    Se non ci fossero legambiente & c.,i vari tar potrebbero chiudere i battenti.Forza Sergio!!!

Leave a Reply


+ 7 = 15

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.