Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Zaia, stiamo lavorando

| 18 settembre 2008 | 44 Comments

Come riceviamo e cosi’ pubblichiamo
***

STAGIONE VENATORIA 2008/2009, ZAIA: LAVORIAMO PER DARE RISPOSTE AI CACCIATORI LOMBARDI E VENETI

“Stiamo lavorando per rispondere ai cacciatori delle Regioni Lombardia e Veneto, che vedono messa a rischio la stagione venatoria 2008/2009, in particolare per il prelievo delle specie in deroga” E’ quanto dichiara il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali  Luca Zaia, commentando l’esito della riunione tenutasi in questi giorni presso il Dipartimento per gli Affari Regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dove è stata prospettata l’intenzione di proporre l’impugnativa davanti alla Corte Costituzionale delle Leggi Regionali di Lombardia e Veneto attualmente sub judice.
“Dopo un rapido giro di consultazioni con i titolari dei  Ministeri competenti – afferma Zaia – risulta chiaro che non vi sono problemi e preconcetti nel merito, ma piuttosto un vizio di forma, in quanto le leggi regionali promulgate dalle Regioni Lombardia e Veneto appaiono incompatibili con la sentenza della Corte Costituzionale del luglio 2008, in base alla quale l’attuazione delle deroghe a livello regionale non può esercitarsi tramite legge regionale ma mediante provvedimenti amministrativi “.
“Ho quindi costituito una task force – conclude Zaia  – formata da esperti e coordinata dall’ufficio legislativo del Ministero per trovare al più presto la migliore soluzione al problema e per consentire a tutti gli appassionati dell’ars venandi la possibilità di praticare con serenità e certezza del diritto la loro attività”.

Category: Deroghe, Leggi/Politica, Lombardia, Veneto

Comments (44)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. lorenzo scrive:

    e bravo Zaia ma lo faccia per tutti non solo per due regioni faccia lavorare la task fors per stare tutti tranquilli visto che l’italia è una e indivisibile.

  2. peppol@ scrive:

    eccola….la aspettavamo…non mi illudo …

    peppol@

  3. Fabrizio69 scrive:

    eccoci all’acqua!

  4. grifonenero scrive:

    I provvedimenti amministrativi son fatti doc per essere impugnati davanti al tar dal primo wweffino che passa…

  5. Alessandro Fulcheris scrive:

    Quindi i provvedimenti amministrativi sono impugnabili dai vari TAR, quelli legislativi incompatibili con la Corte Costituzionale..siamo messi benino. Spero che il Ministro scelga bene, sia ben consigliato nello scegliere gli uomini che costituiranno la task force, questa è una questione delicata e impegnativa, misureremo subito le capacità, e soprattutto le volontà politiche del Governo.
    Attendiamo fiduciosi.

  6. DAVIDE scrive:

    Chi può dirmi se la notizia sul blocco della caccia in deroga allo storno è sospesa?

  7. bob scrive:

    la deroga ai fringuelli mi pare sempre più difficile, ormai. Credo di capire che il governo per la Lombardia e il Veneto la annullerà o non come si dice. Siamo accerchiati, non la vedo bene

  8. Arcera scrive:

    Adesso incomincia lo scaricabarile. Alla fine non si andrà a caccia e lo colpa non si saprà di chi sarà.

  9. lucas scrive:

    E allora quei poveri cacciatori siciliani che hanno pagato la licenza e non sanno neanche se andranno a caccia…
    Qui ogni anno è peggio. O cambiano i giochi o davvero bisognerà fare come tutti gli altri…smettere.

  10. FIORE scrive:

    lombardia e veneto??

    E GL’ALTRI O,O

    firme di tutti interessi di pochi!

    come volevasi dimostrare!!

  11. FIORE scrive:

    Alitalia INSEGNA!!!

    sempre di roba che vola si tratta!!!

    tutti contro arcicaccia!!! eppoi cosa ne tirate fuori, forse chi dice la verità in questo paese non può parlare!

    oppure credete veramente alle favole

    oggi sono un pò nervoso!! scusate

  12. lucas scrive:

    Tu alle favole è da un pezzo che ci credi..

  13. danilo scrive:

    x fiore
    ma perche’ non la smetti tutti i giorni di fare politica???
    ora la faccio io!!!!
    se fossimo tutti rossi come te e verdi come gl anticaccia,in italia gia’ da 20 anni non si andrebbe piu’ a caccia…
    se non fosse caduto il governo prodi e il pecoraio sarebbe ancora al suo posto come ministro dell’ambiente forse la caccia sarebbe solo nelle riserve o giu’ di li’
    oggi sono nervoso anch’io perche’ aspetto novita’ sulla probabile riapertura in sicilia di domenica 21/9 con un nuovo decreto dell’assessore alle politiche agricole che sta facendo di tutto x farci andare a caccia …
    chissa’ se fosse stata una francescato o un realacci di turno a battersi x noi…ah vero voi avete la susanna cenni complimenti
    ha solo un difetto: NON HA LA MINIMA IDEA DI COSA SIA LA CACCIA
    saluti a tutti

  14. FIORE scrive:

    si infatti vedo!

  15. cazador scrive:

    Zaia è un ministro concreto speriamo non ci deluda come anno fatto altri prima di lui! Meno 3 all’apertura!

  16. Alessandro Fulcheris scrive:

    io penso che nonostante tutto siamo in buone mani, mi fido di Zaia, credo che il modo di far cacciare in deroga (per quelle regioni che le hanno approvate) lo troveranno.
    Saluti a tutto il popolo venatorio, stasera pulizia fucile e riempimento cartuccera, odore di olio per armi, una bella sniffata ai vecchi bossoli di cartone, e via con la fantasia!!!!

  17. Fabrizio69 scrive:

    x Alessandro Fulcheris
    tu hai avuto occasione certamente di conoscere la Cenni quando era assessore regionale alla caccia, prima che fosse eletta deputato…che elemento è?

  18. danilo scrive:

    come ti invidio alessandro…io non so nemmeno se quest’anno dopo aver pagato mi ci faranno andare…comunque in bocca al lupo a tutti !!
    dalle mie parti si dice: buon tempo e mal tempo,non dura sempre lo stesso tempo. aspetto tempi migliori
    e se vedete ambientalisti vestiti da guardacaccia,non sottomettetevi,noi siamo in regola,loro sono la’,non per verificare,ma per odio nei nostri confronti,noi siamo nei boschi perche’ e ‘ la nostra casa..

  19. Alessandro Fulcheris scrive:

    Per Fabrizio 69
    E’ una politica, che fa politica per il suo partito, persona gentile e corretta, e anche capace, sua l’idea della conferenza sulla caccia del prossimo gennaio a Firenze, con possibile modifica della legge toscana 3/94. Però da qui ad aspettarsi modifiche importanti per il mondo venatorio ce ne passa, in Toscana i Verdi sono ancora lì in coalizione con l’Assessore…la Cenni arrivava dove poteva, diciamo che secondo me è stata un Assessore senza infamia e senza lode. Due anni fa, in riunione, ci chiese di non richiedere il fringuello, ce lo chiese per piacere, perchè l’avremmo messa in difficoltà. L’unico che ribadì la richiesta fu il sottoscritto, gli altri rappresentanti associativi tutti zitti, come al solito.

  20. DAVIDE scrive:

    X TUTTI
    PROVIAMOCI ADESSO A MODIFICARE LA LEGGE,NON PERCHè NON CI SONO I VERDI IN PARLAMENTO,MA PERCHè UNA VOLTA PASSATE LE ELEZIONI EUROPEE,NESSUNO SI RICORDERà DI NOI STATENE CERTI

  21. Fabrizio69 scrive:

    Davide
    dopo le Europee, ci sono le Regionali, le Comunali, le Provinciali, le Politiche….hai volgia te!! sai quanti ne troviamo che tenteranno di venderci merd. per oro???

  22. Pispola67 scrive:

    Vuol dire che in Lombardia e Veneto si caccerà, ma non le peppole, i fringuelli, i passeri e udite udite….le pispole (sic!)

  23. DAVIDE scrive:

    XFabrizio69
    Hai senza dubbio ragione, ma facciamo un passo alla volta,cerchiamo di ottenere qualcosa prima delle europee, poi ogni volta che ce ne un’altra, richiediamo ancora qualcosina.Che ne dici?E’ pura utopia?Mah.

  24. Fabrizio69 scrive:

    x davide
    assolutamente no che non è utopia! per questo non vedo ultime spiagge! qualcuno che vorrà i nostri voti ci sarà sempre!! l’importante è che poi mantenga gli impegni presi!!

  25. Pispola67 scrive:

    x Danilo
    La Toscana è sempre stata rossa, e in toscana c’erano 220000 cacciatori fino agli anni ottanta e armerie in ogni strada. Ogni “Casa del Popolo”, da noi si usa così, è anche sede di circoli Arcicaccia. Come vedi, quando si vuole ( o si voleva), anche il rosso si addiceva all’ars venandi.
    E ora state a vedere che se non si caccia in Sicilia, la colpa sarà di Arcicaccia e Fidc, facili capri espiatori dei mali italiani

  26. Fabrizio69 scrive:

    x Pispola67
    ti è arrivata la mail di Daniele x la cena?

  27. DAVIDE scrive:

    Scusa Fabrizio, non è così che fanno tutte le persone che vogliono ottenere qualcosa?Mi sa però che nel nostro caso ancora non sia possibile,una miriade di associazioni venatorie con altrettante idee, non solo venatorie, ma soprattutto politiche diverse.Però sognare non costa niente, ed allora…..

  28. danilo scrive:

    x pispola 67
    certo che la colpa e’ loro, e di choi senno’ mia???
    loro vanno a braccetto con lembiente lipu ecc. dicono di avere le loro deleghe e il logo di legambiente òlampeggia sul sito di arcicaccia…caro pispola la sinistra e’ finita e ancora non lo capite
    vuoi vedere che la colpa del fallimento alitalia non e’ della CGIL ma al solito del grande SILVIO?

  29. Fabrizio69 scrive:

    Davide,
    infatti hai pienamente ragione!! alla fine, comunque, tutti stanno capendo che il nostro potenziale di voto è altissimo ma soprattutto utilissimo!! forse più di 20 anni fà! quindi seminiamo…alla fine qualcosa, sono convinto, si raccoglie!

  30. Pispola67 scrive:

    X Fabrizio 69

    Si, l’ho letta, ma ho grandi problemi a raggiungervi perchè sono in fase di sgombero e quindi incasinato fino a sera.
    L’iniziativa è lodevole, mi auguro che nasca una bella serata, la caccia è anche aggregazione. Ci sarò alla prossima.
    Oh, mi raccomando Fiore, non lo strapazzate troppo eh!

  31. FIORE scrive:

    @ pispola67

    non ti preoccupare, uno ci sono abituato, e due mi porto le guardie del corpo

    saluti

    ps. libertà è partecipazione

  32. FIORE scrive:

    c’è da dire che domenica inizia la caccia!!!

    da come ce lìhanno a cuore cominciano a discutere il giovedì precedente!!

    caspita siamo importantissimi!!

  33. pierpaolo scrive:

    Secodo me il Ministro sta lavorando per fare le scarpe all”AMICO’ Berlato, magari redigendo una modifica alla 157\92 ancor più conveniente per noi.
    Cosa pensate di quest’ipotesi ?
    Magari elimina gli A.T.C che sono la madre di tutti i mali.BO BO
    O magari ci concede il classico contentino….

    Cretti illuminaci se puoi.
    Pierpaolo

  34. SERGIO BERLATO scrive:

    Non abbiate timori, uomini di poca fede.

    Non vorrete mica che diamo soddisfazione ai tipi come Fiore, Veneziano, Timo ed altri soggetti del genere….

    Aspettate e riceverete presto delle buone notizie, sia sulle deroghe che sulle ZPS.

    In bocca al lupo per domenica.

  35. narancio luca scrive:

    x sergio berlato
    sono contento per tutti quelli che potranno praticare le deroghe peccato per me e per i miei compagni della liguria che pultroppo non possiamo poter praticare perche’ il buon burlando e compagnia bella compresa la cristina morelli ( povera donna ) che sono nella mia regione non anno la faccia di approvare quello che praticamente avevano concesso in un primo momento ti dicono che faranno e poi si tirano indietro dall’tronde come sempre.
    spero vivamente nel tuo intento sergio perche’ non ne possiamo piu’
    in bocca al lupo a tutti

  36. vincenzo scrive:

    X On.Berlato: faccio copia e incolla di un mio vecchio post:

    vincenzo, on Settembre 15th, 2008 at 13:17 Said:
    Per On.Berlato,x Dott.Caretta:fateci sapere se possiamo continuare a raccogliere le firme,io le mie le ho gia’ spedite.Oggi al 15/09 posso ancora raccoglierle?oppure la petizione e’ chiusa?Rispondetemi per piacere al piu’ presto!!

    Cordiali saluti

    Vincenzo

  37. Pispola67 scrive:

    X Fiore
    ” La libertà, non è star sopra un albero, e neanche il volo di un moscone, la libertà non è uno spazio libero, libertà è partecipazione….”
    O gli altri sono troppo giovani, o troppo “destrorsi” per ricordare e amare una canzone così bella. Bravo Fiore, bella citazione!

  38. Pispola67 scrive:

    X Danilo

    Mi sembra che tu abbia una visione un pò manichea della realtà: la ragione tutta da una parte, la colpa tutta dall’altra. Se la caccia versa in queste condizioni, se i cacciatori sono sempre meno, è perchè il mondo, il nostro mondo della ruralità è stato via via distrutto dal cosidetto “sviluppo”, che tale, spesso e volentieri non si è rivelato. Vedi, per me cacciatore, 20 ettari di piana aacquitrinosa sono una splendida realtà faunistica e venatoria; penso agli aqcuatici, alle lodole, beccaccini ecc, ad una realtà insomma, da conservare così com’è.Per un comune che deve fare cassa, sono una ghiotta opportunità per lottizzare, magari facendoci l’ennnesimo centro commerciale, che alla domenica sarà affollato di cittadini.E così succede in Toscana e in Sicilia, in Emilia come nel Veneto di Berlato
    Perdonami, ma qui la colpa non è di Arci o Fidc, Veneziano o Timo. Il nostro mondo come vedi ci è stato sottratto giorno per giorno, e non solo con l’istituzione di “famigerate” oasi WWF o con ZRC, ma con dissennate scelte politiche e economiche, che vedono l’ambiente solo come “affare”.

  39. -KILLER- scrive:

    Grande Zaia!!! Ti stai togliendo la maschera?? IL nostro ministro verde (ma non solo perchè è della lega…) ha detto che “è un’atto dovuto..” questa presa di posizione da parte del governo sulle deroghe. Bene dico io ci può stare. Ma che risponde se gli ricordiamo che l’on. Berlato in due occasioni lo aveva interpellato per rimediare al famigerato decreto di Pecoraro scanio 187 e per questa questione non si è ancora avuta risposta!! Ci dica caro Ministro ma Lei da che parte sta’? Le ricordo che la modifica della 157 è accompagnata da oltre 500.000 firme alias voti.. chi ha orecchie per intendere intenda.. allego parte della lettera inviata dall’on. Berlato al Ministro. “sarai sicuramente stato interpellato da più parti d’Italia per veder modificato, da parte dell’attuale Governo, il famigerato decreto del Ministero dell’Ambiente n. 184 del 17 ottobre 2007, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 258 del 6 novembre 2007 riguardante “Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione relative a Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e a Zone di Protezione Speciale (ZPS).
    Come ben ricorderai oltre ad aver inviato presso il Tuo Ministero la bozza di proposta di modifica del sopra citato Decreto Ministeriale, elaborata in collaborazione con le Associazioni Venatorie Italiane, mi sono permesso di consegnartene una copia nel corso dell’incontro che gentilmente mi hai concesso in data 11 giugno 2008 .
    Come ben ricorderai nel corso di quell’incontro, oltre a consegnarTi la proposta di bozza di modifica alla Legge Statale sulla caccia 157/92 e la proposta di bozza di modifica alla legge quadro sulle aree protette 394/91, mi sono permesso di sottolinearTi l’urgenza della modifica al sopraccitato decreto 184/2007, vista l’imminenza dell’apertura della stagione venatoria e visto l’obbligo per le Regioni italiane di recepire il decreto del Ministero dell’Ambiente entro tre mesi dall’entrata in vigore del decreto medesimo.
    A meno di una settimana dall’inizio della stagione venatoria, non avendo ancora il Governo provveduto ad emanare il decreto di modifica richiesto a gran voce, non solo dal mondo venatorio italiano ma anche dal mondo agricolo anch’esso pesantemente condizionato nella sua attività dal succitato decreto 184/2007, mi permetto di rinnovare a Te ed all’intero Governo la richiesta di veder modificato il decreto più volte richiamato lasciatoci in eredità dal non rimpianto ex Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio.
    Per facilitarTi il lavoro, pur non avendo ricevuto alcun tipo di incarico di consulenza da parte del Tuo Ministero, mi permetto di allegarTi nuovamente la proposta di bozza di modifica al decreto 184/2007, nella speranza che possa essere utile nella predisposizione dell’auspicato decreto di modifica che l’intero mondo venatorio italiano si attende venga emanato prima della fine di questa settimana.”

  40. fabio scrive:

    x pispola67
    condivido il tuo post , riguardo la cementificazione , ma le piane acquitrinose non lottizzate , in Italia son diventati parchi …. quindi niente caccia !
    Fabio

  41. danilo scrive:

    x pispola 67
    e’ inutile parlare di politica,tanto alla fine ognuno rimane della sua idea.certo che l’idea della sinistra e’ quella di chiudere la caccia x sempre;detto questo capisco che voi di sinistra cacciatori siete in buona fede o lo siete x tradizione.Ma guardatevi attorno e vi renderete conto che la visione manichea della realta’ l’avete voi….e piu’ si va’ contro silvio e piu’ gradimento ha….vai silvio vai sergio 3/4 di italia e’ con voi

  42. Giacomo Cretti scrive:

    x Killer
    E’ troppo scontato ricordarti che:
    il Ministro sta dalla parte delle leggitime aspirazioni dei cittadini…tutti!
    Il Decreto Pecoraro Scanio é di competenza del Ministero Ambiente, ed il Ministro non può interferire sulle decisioni di un altro Ministro, al massimo, cosa che mi sembra stia facendo, consigliarlo per il meglio.
    Ciao
    Giacomo Cretti

  43. Luca Davide Enna scrive:

    Ciao Ragazzi.
    Ci siamo accorti, tutti che, dal varo della 157 ad oggi i contenziosi Stato-Regioni sono aumentati in maniera esponenziale. Nulla si è risolto con l’approvazione delle “Deroghe” e niente con la modifica del Titolo V della Costituzione. Lampante è l’esempio del ricorso su suggerimento dell’allora ministro degli affari regionali La Loggia (non è un’indicazione , ma un cognome….) dove fu, di fatto , inficiato l’art. 49 della L.R. 23/98 dal pronunciamento della Corte Costituzionale contro la Regione Sardegna .La Corte, allora, con una sentenza discutibile ( per molti) e discussa (per altrettanti) stabilì che, sì, vi è autonomia da parte delle regioni, ma, nonostante la modifica del Titolo V della Costituzione, l’ambiente rimane un “valore” superiore, per cui va gestito dallo Stato Centrale…Detto ciò , và da se che norme poco chiare o locali possono trovare ostacoli per la loro applicazione.
    Chiarisco meglio. Se il mondo venatorio deve subire continui attacchi ed i calendari regionali devono accollarsi sospensioni, rinvii, “a divinis”, tutti, ma dico, proprio TUTTI, dovrebbero sentirsi in dovere di eliminare quelle norme che pongono continui ostacoli allo svolgimento della Stagione Venatoria. Sembra un pensiero minimalista alla “Catalano”, ma non lo è. Dico Tutti, anche se le persone che POSSONO fare qualcosa sono veramente poche, anzi si contano sulle dita di una mano (fatte salve le due camere di Senato e Parlamento) ed esse devono doverosamente attivarsi. Tutti noi, possiamo dare loro solo un sostegno, morale ed intellettuale. Mi permetto di fornire un suggerimento, giacché chi mi legge sa bene che cosa intendo dire. Viaggiate spediti verso l’accordo e diffidate da coloro i quali attuano giochetti, contorsionismi e “distinguo”…Bisogna riprendere in mano la 968/77, analizzarla a fondo, reintegrare le specie già presenti in essa (tranne quelle a rischio) nella nuova normativa nazionale (che sostituirà la 157/92) e calendarizzarle, evitando il più possibile le deroghe. Attivare gli Istituti regionali per la Fauna Selvatica e accreditarli di un potere CONSULTIVO, attuato attraverso la collaborazione SUL TERRITORIO, CON I CACCIATORI. Non si può continuare così. E’ un dovere per tutti far sì che le cose cambino, giacché la situazione è, oggi , insostenibile.
    Rendiamoci conto che non si consente il prelievo degli Storni comuni (Sturnus vulgaris) e degli Storni neri (Sturnus unicolor), sebbene entrambi siano in ottime condizioni riproduttive ed in incremento numerico. Non si consente il prelievo dei gabbiani, dei cormorani, delle tortore dal collare, dei piccioni selvatici, ecc. che in altre nazioni sono cacciati normalmente. Rendiamoci conto che si “dovrebbero” applicare su alcune specie (classici i casi dello Storno nero, della Taccola, della Tortora dal collare, del Piccione torraiolo) le norme previste per la selvaggina STANZIALE ed esse dovrebbero essere applicate in tutto il Paese, così come lo sono per le Pernici, i Conigli o le Lepri, mentre inutili e pretestuosi cavilli fanno sì che queste specie sfuggano ad ogni controllo andando a gravare sull’agricoltura (i cormorani sull’itticoltura) e sui bilanci delle Province e delle Regioni. Il ricorso, poi, delle province o Regioni al “prelievo selettivo” o agli abbattimenti di massa è inutile e costoso ( si parla naturalmente dei corvidi, gabbiani, cormorani, tortore dal collare, piccioni selvatici, ecc. e non di ungulati)quando invece si potrebbe semplicemente ricorrere all’inserimento di molte specie nel calendario venatorio nazionale, così da sottrarle a qualunque atto amministrativo più o meno mirato…
    C’è bisogno, con urgenza di una nuova legge sulla caccia, di una nuova legge sui parchi (che valorizzi la funzione insostituibile dei cacciatori e, magari, consenta ai residenti nei comuni limitrofi ai parchi di effettuare il prelievo della migratoria e della stanziale all’interno degli stessi…). E’ altresì necessaria una legge che chiarisca, una volta per tutte la funzione di SIC e ZPS e non pregiudichi l’attività venatoria.
    Tutti ciò è possibile farlo, ma bisogna convincere i “capoccioni” che è arrivato il momento di farsi da parte ed ascoltare la voce dei cacciatori e non la voce delle oligarchie. Dopo trent’anni di strapotere da parte di pochi, è il momento di dire basta.
    Ah, quasi dimenticavo. Una nuova legge dovrebbe passare anche attraverso l’eliminazione degli atc, creati con la consapevolezza di divenire piccoli centri per la distribuzione degli “equilibri” e rivelatisi, perlopiù fallimentari e deleteri.
    Cordialita’
    L.D.E.

  44. narancio luca scrive:

    che bel sogno luca spero vivamente che si avveri per tutti perche’ adesso bisogna veramente dare una svolta a tutto,sopratutto far star zitti alcuni personaggi per sempre
    in bocca al lupo a tutti che ci siamo quasi

Leave a Reply


3 + 7 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.