Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

La caccia insegnata a scuola

| 18 settembre 2008 | 44 Comments

Veneziano scrive al Ministro Gelmini: “La buona caccia tutela fauna ed ambiente” – “Corretta informazione dei temi faunistici e venatori nella scuola
Inserimento dei temi dell’ambiente e corretta informazione sull’attività faunistico – venatoria nell’insegnamento scolastico: questo in sintesi il contenuto di una lettera inviata dal presidente nazionale Arci Caccia, Osvaldo Veneziano, al Ministro dell’istruzione, Università e ricerca Maria Stella Gelmini a pochi giorni dall’apertura generale della caccia in programma domenica prossima, 21 settembre.
“Sottoponiamo alla sua attenzione ed alla sua sensibilità – sottolinea la missiva indirizzata al Ministro Maria Stella Gelmini – un tema che troppe volte è risultato marginalizzato: la possibilità che la scuola, nel promuovere una maggiore attenzione alle questioni ambientali, focalizzi il tema della conservazione del patrimonio faunistico informando correttamente sul contributo prezioso di una corretta gestione dell’attività venatoria”.
“Non le chiediamo di fare alcuna forzatura ‘etica’, che appartiene al singolo individuo, ma di prevedere che nelle scuole italiane i nostri ragazzi possano conoscere, anche al fine maturare coscienza critica e sviluppare il libero pensiero, le positive modificazioni di tutela dell’ambiente rurale e faunistiche intervenute grazie all’applicazione della legislazione vigente”.
“Le attuali norme, ove applicate e rispettate, – continua Osvaldo Veneziano – determinano un prelievo venatorio eco-conservativo, in sintonia con le indicazioni della scienza e quale conseguenza dell’impegno che migliaia di volontari (cacciatori, agricoltori e ambientalisti) dedicano con passione e impegno morale, con sacrifici di tempo e di risorse, ai ripristini ambientali, alla vigilanza, alle iniziative a sostegno di specie in difficoltà”.
Per questi motivi, conclude la lettera, l’Arci Caccia chiede al Ministro Maria Stella Gelmini di sollecitare “il lavoro del corpo docente alla corretta informazione degli studenti in modo tale che possano fare le loro scelte partendo dalla realtà delle regole e avendo presenti le migliori prospettive che si possono costruire nell’interesse della conservazione della fauna selvatica”.

Category: Arcicaccia

Comments (44)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni Pattano scrive:

    E’ una vergogna!!!! proprio loro, l’Arcicaccia, l’unica associazione ambientalista che funziona!!!
    Non possono essere loro i propositori di insegnare la caccia nelle scuole, succederebbe esattamente quello che hanno combinato con il 68 …. vergognatevi!!!!!

  2. zirlo scrive:

    Proposta indecente!!!
    Vorrei informare il Veneziano che in un piccolo paese del leccese (Surbo) sono già alcuni anni che l’ ANLC insegna la caccia sottoforma di lezioni doposcuola ai bambini.
    Consiglierei a tutti gli iscritti al partito del veneziano di trasferirsi a Surbo per poter andare a scuola di caccia e finalmente poter imparare quello che loro ancora non conoscono.
    Buon inizio di scuola

  3. Alessandro Fulcheris scrive:

    Penso che questa iniziativa dell’Arcicaccia sia da apprezzare invece. E’ un bene che Veneziano si dedichi all’insegnamento nelle scuole, che sul suo operato come dirigente venatorio, secondo il mio modesto e personale pensiero c’è da stendere un pietoso velo.
    Forse ne hanno indovinata una. Andate pure nelle scuole che lì almeno non fate danno…

  4. secco64 scrive:

    Zirlo allora conosci Angelo e Mario dell’ANLC? (il primo scrive pure sul giornalino).

  5. ilio scrive:

    No caro Alessandro questa volta non sono daccordo co te. Scusami non vorrei che i nostri figli e nipoti subbissero indottrinamento modello Talebani rinnegando trisàvoli nonni e padri per la caccia e non.

  6. Bartolo scrive:

    Io sono d’accordo con l’andare a parlare nelle scuole, infatti ho spesso detto ciò in questo blog, ma non voglio che i nostri figli siano “istruiti” proprio da Arcicaccia o FIDC, perlomeno non in questo momento.

    Preferirei la CONFAVI o la Libera Caccia o la ANUU o qualsiasi altra, ma non loro.

  7. massimo zaratin scrive:

    Perchè no!
    magari ogni tanto dando una sbirciatina anche alla nuova sezione di “filosofia della caccia” che tra un pò, con il permesso di Daniele, comincerà a prendere forma.
    E’ importantissimo essere convinti di ciò che si insegna! ;)

  8. maurizio montagnani scrive:

    La proposta di Veneziano potrebbe essere giusta se………..ma quale attività venatoria vorrebbe insegnare nelle scuole?
    Forse quella dei suoi amici Legambiente WWF LAC o LAV?????
    Cerchiamo di essere sei.

    Maurizio Montagnani

  9. FIORE scrive:

    @ Maurizio Montagnani, e gl’altri

    leggere data articolo e data del l’inserimento in questo forum da parte mia

    fiore, on Settembre 14th, 2008 at 12:14 Said:
    dal sito arcicaccia toscana

    questa è l’unica lotta che produrrà vittoria

    venerdì 06 giugno 2008

    RESOCONTO DELL’ATTIVITA’ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE NELL’ANNO SCOLASTICO 2007/08
    Con la fine dell’anno scolastico arriva a conclusione anche l’attività di educazione ambientale organizzata dal Comitato Regionale. Una cavalcata di molti mesi che ha visti impegnati gli esperti dell’Arci Caccia Toscana coordinati da Anna Maria Tognetti.
    Quest’anno l’offerta formativa è stata quanto mai ampia prevedendo oltre il tradizionale modulo “Conoscere la fauna delle nostre campagne”, in cui i ragazzi sono stati accompagnati, tra l’atro, ad assistere alle catture nelle Z.R.C., sono stati predisposti programmi riguardanti la caccia con l’arco e la falconeria che hanno ottenuto un fantastico riscontro.
    Inoltre anche la Federazione Provinciale di Siena ha contribuito con il progetto “ Piccoli Robinson al Lecceto”, che ha previsto la visita all’omonima A.A.C. su cinghiale durante la quale gli alunni hanno potuto assistere a prove di cani da seguita su cinghiale, provare il tiro con l’arco, vedere i falchi da caccia e conoscere i segreti di bellissimo pochi passi da Siena.
    Un impegno che ha visto attivi protagonisti anche decine di volontari dell’Arci Caccia ed entusiasmato le scuole partecipanti, sia gli alunni che il corpo insegnante. Purtroppo le molte richieste e qualche giornata di pioggia i troppo hanno contribuito a non poter soddisfare tutte le richieste ma che, sicuramente, verranno esaudite il prossimo anno.
    Questi i numeri di un anno straordinario:
    12 scuole (2 medie e 10 elementari)
    26 classi
    Oltre 500 alunni
    95 ore tra lezioni e gite
    3 province coinvolte
    Tutte queste attività sono state rese possibili anche dal riscontro avuto presso vari Enti che hanno contribuito finanziando le attività. Per questo è necessario ringraziare la Regione Toscana, la Provincia di Pisa e la Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

    prima di chiaccherare a vanvera documentatevi senno si dicino fregacce!!!

  10. Luigi Pescara scrive:

    “Le attuali norme, ove applicate e rispettate, – continua Osvaldo Veneziano – determinano un prelievo venatorio eco-conservativo, in sintonia con le indicazioni della scienza e quale conseguenza dell’impegno che migliaia di volontari (cacciatori, agricoltori e ambientalisti) dedicano con passione e impegno morale, con sacrifici di tempo e di risorse, ai ripristini ambientali, alla vigilanza, alle iniziative a sostegno di specie in difficoltà“.
    Per questi motivi, conclude la lettera, l’Arci Caccia chiede al Ministro Maria Stella Gelmini di sollecitare “il lavoro del corpo docente alla corretta informazione degli studenti in modo tale che possano fare le loro scelte partendo dalla realtà delle regole e avendo presenti le migliori prospettive che si possono costruire nell’interesse della conservazione della fauna selvatica”.
    Certo…. dopo aver istigato le maestre a mettere il laccio nero al braccio… ora le lezioni di caccia… che per carità… mi starebbero pure bene, ma tenute da CACCIATORI, e non da quancuno imbeccato dall?ARCI CACCIA o da simili vampiri….

  11. FIORE scrive:

    Luigi leggi sopra!!

  12. LUPINOLENGU scrive:

    Bè certo dopo questi insegnamenti piccoli cacciatori crescono.Infatti caccia al cinghiale,caccia con l’arco e falconeria sono DIFFUSISSIME in Italia.La caccia non s’impara a scuola o sui libri ma solo sul “campo”.L’Homo sapiens si sarebbe estinto in un mese!Fiore prima di scrivere impara l’italiano,oppure vai alla scuola di questi bambini con i tuoi maestri arcicaccia.

  13. Luigi Pescara scrive:

    fiore….. che nome da ARCI…..

  14. FIORE scrive:

    LUpinolengu

    certo se gl’alunni sono come te c’è poca speranza visto che sai tutto!!

  15. FIORE scrive:

    a dimenticavo Lupino

    ma te hai cominciato direttamente a correrre

    di gattonare non se ne parla vero

    per piacere un pò di coerernza avete torto e basta

  16. LUPINOLENGU scrive:

    Comunque essendoci la salvaguardia di tutte le minoranze,e ci mancherebbe altro,anche l’arcicaccia e i suoi sempre meno affiliati,ha diritto di dire e fare ciò che crede.

  17. Archimede scrive:

    Concordo che l’interessamento alla caccia sia da apprezzare nell’insegnamento scolastico specialmente per la salvaguardia delle tradizioni locali.
    Prima di tutto però occorrerebbe insegnare l’ecologia, quella vera, che niente ha contro la caccia e niente ha a che vedere con gli ideali protezionisti delle varie associazioni .
    Per quanto riguarda la sostenibilità del prelievo ricordo a tutti quanti che in Italia da questo traguardo siamo ben lontani non seguendo, salvo rare eccezioni per il prelievo di alcuni ungulati, nessun piano di assestamento.
    Sono d’accordo anche con Montagnani per il fatto che talune associazioni venatorie siano troppo legate ad associazioni protezioniste, che hanno come obbiettivo primario quello di vietare la caccia non quello di proteggere l’ambiente e la fauna.

  18. Fabrizio69 scrive:

    comunque, ultimamente, la caccia con l’arco stà prendendo campo…anzi, personalmente conosco gente che si è avvicinata al nostro mondo esclusivamente perchè affascinata da questo tipo caccia.

  19. LUPINOLENGU scrive:

    Fiore mi sembri Paolini,il disturbatore tv.Qui si parla di cose serie, le tue apparizioni fanno solo ridere e distolgono noi seri fruitori del blog.Ormai tutto quello che dice e fa arcicaccia è anacronistico,non fa più notizia,è come la classica velina che si legge di sfuggita e si cestina subito.Pensa conosco arcicacciatori che sono tali solo perchè gli viene regalato il coltellino o il cappello.Quest’anno a 2 di questi glielo regalo io e gli faccio la tessera ANLC.

  20. LUPINOLENGU scrive:

    per Fabrizio69:
    in Italia la caccia con l’arco è una presa in giro,non è l’America.Portami un esempio concreto di che cosa si possa uccidere con l’arco.Con un po’ di fortuna e molte frecce si potrebbe uccidere un cinghiale chiuso però in un recinto 3×3.

  21. Fabrizio69 scrive:

    x lupinolengu
    io non la pratico, anche se sarei curioso di provare, però qui sul sito c’è Arcierecacciatore, alias Giovanni Maio ( http://www.unarc.it ), presidente della Unione Nazionale Arcieri Cacciatori, che potrebbe darti moltissime informazioni. Hai mai visto come sfonda una freccia tirata con un compound a 30/40 mt??? è impressionante!!! altro che cinghiale in recinto 3×3!!

  22. FIORE scrive:

    lupino

    ho sempre cercato di discutere pacatamente con rispetto per tutte le idee, ho difeso la parte che (secondo il mio vedere) è quella che può portare più benefici, anche se va un pò svegliata dal lungo letargo e non mi vergono d’essere come sono, non sono una bardereola che come molta volte capita si gira secondo dove il vento la sollazza meglio, ho le mie idee e le mantengo anche se magari a volte verrebbe voglia di non avere neanche il cervello per pensare, mi piace discutere su argomenti concreti e non su presupposti, non faccio il disturbatore non dubitare ma conosco ler regole di internet e oggi le ho usate

    MESSAGGI BREVI E PUNGENTI

  23. valerio ercolini scrive:

    Fiore,non c’e’un cacciatore che ti da ragione e che condivide i tuoi commenti.Meglio se per 3 mesi te’ ne’stai quatto,quatto.

  24. Pispola67 scrive:

    Fiore ha ragione, anche nel lago della piana fiorentina dove caccio io, spesso le scolaresche hanno potuto vedere cos’è un ambiente umido, creato e gestito da cacciatori( il capo caccia è arcicaccino). Per la maggior parte delle persone questi sono solo ambienti malsani, da bonificare e perchè no magari, da edificare, con dei bei centri commerciali. E vaiii

  25. FIORE scrive:

    Valerio,

    ci pensi se poi ho azzeccato il pronostico!!!

    mi sa che quatti quatti ci dovranno stare in tanti

  26. valerio ercolini scrive:

    Fiore,
    pensa un po se invece Tu non azzecherai il pronostico,cosa farai?
    Sparirai per sempre?

  27. alex scrive:

    Ragazzi ormai FIORE è come i becchini,quando si legge un suo post tocca grattarci….
    Tra pochi minuti tutti pronti

  28. FIORE scrive:

    @Alex

    può essere anche che siate un po polli voi!

    oh, no!!

    visto che se faccio una mezza ricerca ne ho azzeccate parecchie!!

    non che ci goda, ma penso a quanto tempo sprecato.

  29. alex scrive:

    Lo sai come ti immagino?
    Quel film di Totò con gli occhialini tondi neri la bombetta in testa e vestito di nero…sei un mito.
    Grattatina dopo averti letto…

  30. FIORE scrive:

    alex,

    non ti toccare troppo!! eh non sta bene!

  31. Stefano Moggi scrive:

    Per Pispola67
    Per caso il lago della piana Fiorentina dove cacci Tu è il cosidetto “lago di padule” nel comune di Sesto F.no?
    Se si, io cacciavo in un lago vicino al Tuo che si chiamava “lago di gaina” e la bella giunta di sinistra/ambientalista che amministra la Prov.di Firenze l’anno scorso ci ha dato un bel calcio nel c..o,(zona di protezione) forse il tuo lago si è salvato per il tuo capocaccia”arcicaccino”
    Tutto questo per il gusto di cacciarci via o forse eravamo antipatici a qualche personaggio
    “verde”?
    Ora non esiste più, il suo posto sarà occupato da campi di grano,di erbacce o quantaltro verrà fuori. Il più bel lago della piana fiorentina non esiste più!
    Grazie alla sinistra/ambientalista e alle ben note AA.VV.che hanno permesso questo scempio.

    p.s.(Scusami per il mio sfogo)

    Stefano

  32. paolobenci scrive:

    Mandiamoli anche nelle scuole..certo cosi posso prelevare giovani adolescenti per poi farli lavorare come camerieri alle feste del PD già belli inculcati di politica….poveri noi..che mondo..io li manderei..lo so io dove..

  33. Filippo Ubaldi scrive:

    Spero che tutto questo scannarsi fra di noi cacciatori serva a qualcosa… ma ne dubito, mi sembra tanto una guerra tra poveri. Eppure il nostro passato dovrebbe insegnarci a non commettere certi errori. Tutti dicono le stesse cose in fondo, e se magari smettessimo di urlare e sputarci contro magari delle soluzioni serie le potremmo trovare, che a fare la gara a chi è piu furbo ci si rimette, soprattutto in termini di credibilità. Non faccio parte dell’associazione del presidente Veneziano ma su questo sono daccordissimo, è ora che la caccia si prenda il posto che merita anche a scuola, anche fra chi a caccia non va. I ragazzi hanno una visione distortissima della caccia, dovuta a bombardamenti falso-ideologici di pseudoambientalisti(per fortuna ce ne sono anche di seri) e noi in questo possiamo fare la nostra parte. Se qualcuno gia lo fa proficuamente tanto meglio, non è un motivo per denigrare altri cacciatori come noi. Facciamo vedere che i cacciatori costruiscono e non distruggono, anche e soprattutto in termini di idee. Non come fanno i sopracitati pseudoambientalisti.
    Un caloroso “in bocca al lupo” a tutti per l’imminente apertura.

  34. Scolopax scrive:

    X Pispola 67
    Anche io sono della Piana e ti consiglierei di non dire quello che hai scritto in giro altrimenti rischi grosso.

    x Fiore

    Risparmiaci dalle tue c…..e e vai a lavorare, pesnavo che i rossi fossero estiniti ed invece………..

  35. FIORE scrive:

    @ Scolapax

    io pensavo invece che i neri fossero banditi dalla costituzione!!

  36. FIORE scrive:

    @ Scolapax

    a lavorare ci vado tutti i giorni da 27 anni, e se alludevi che mi devi campare perchè quelli di sinistra sono tutti dei figli dei fiori che non fanno un c…o ti sbagli come spessoti accade ed è più facile che il pane te lo paghji io,,

    quindi chiusa discussione!!

  37. Alessandro Fulcheris scrive:

    Non buttiamo via il bambino con l’acqua sporca gente, sono iniziative che vanno fatte, solo per la soddisfazione di contraddire davanti ai loro alunni le sempre più spocchiose e numerose maestrine verdi. Personalmente, nella prossima primavera ho già concordato con 2 classi, gite con visita agli appostamenti per i colombacci, prove di orientamento nel bosco, pulizia dell’ambiente e grigliata finale. Questo è un DOVERE di ogni associazione venatoria, diciamo la verità.

  38. Alessandro Fulcheris scrive:

    E ricordiamoci che WWF e Legambiente sono molto presenti in tutte le scuole, indottrinano, ci mettono contro i nostri figli. I miei bimbi non ci cascano, quando fanno le gite le maestre gli chiedono dove hanno messo il cappellino giallo di Legambiente della gita precedente. Risposta “Signora maestra, l’ho buttato dalla finestra come mi ha insegnato babbo”.

  39. paolobenci scrive:

    per Fiore

    carissimo fiore, nessun dubbio mi sorge sull tuo sacrificio adoperato negli anni ben 27 non sono pochi (ti auguro manche una felice prossima pensione cosi vai a caccia) io ne ho molti meno di te voglio però farti notare che non è totalmente sbagliato il concetto di scolapax, la tendenza modaiola nei centri sociali dal sessantotto ad oggi e di sinistra, i rastoni pancabestia( a firenze si chiamano così quelli che tutti rasta girano con mille cani)figli dei fiori e non solo, l’ambientalisti estremisti pseudo vegetariani contro chi mangia carne . Siamo sinceri tutti quelli che si sentono un po diversi e insurrezionalisti sono di estr sinistra,e non fanno un cavolo di buono e i sociale. Fiore non credo alludesse a te perche proprio non mi sembri di appartenere a tali personaggi se poi ognuno la pensa differente rosso o giallo pazienza..e paga i contributi che in pensione ci voglio andare anche io(è una battuta )..saluti.

  40. FIORE scrive:

    @ Alessandro

    figurati, alle elementari tutta la classe venne iscritta al WWF pensando di aderire allo scopo di allora “il fondo per la tutela della fauna” la mia maestra non era contro la caccia anzi gl’arrosti d’uccellini li avrebbe mangiati in capo a un tignoso,

    ora le cose son due, uno lo scopo del WWF è andato via via puntando su le “cause” che meno potevano difendersi vedi caccia e cacciatori mentre a abbandonato la lotta contro i poteri forti vedi industrie e agricoltori riducento questa associazione al ruolo di anticaccia per eccellenza. e due forse m’è rimasto attaccato addosso un pò di W

    saluti

  41. Alessandro Fulcheris scrive:

    Per Fiore
    Ricordo da bimbi quando si tendeva le tagliole veniva sempre con noi un ragazzo più grande che sapevamo iscritto al wwf. Gli si diceva ma te non sei del wwf? E lui, col gremignolo in mano: Oggi sono di festa!!

  42. Fabrizio69 scrive:

    x i toscani
    se qualcuno di voi quest’anno ha partecipato a Ruralia, avrà visto la fila di bambini che c’èrano agli stand delle associazioni dei cacciatori e il nulla che girava intorno a quelli degli “ambientalisti”!! e queste, scusate, son soddisfazioni!!!
    x fiore…leggi la mail e rispondi

  43. FIORE scrive:

    @ PaoloBenci

    ci sarebbe da discutere una vita e poi non ci si capisce nulla uguale comunque in linea di massima posso capire quello che intendete per i vagabondi che s’aggregano alla sx, questo è semplice da capire perchè a sx viene tollerato tutto, e questo non dico che va bene anzi va male ma il rimedio non è mandar via o scartare ma il rimedio migliore è la prevenzione e cioè fare in modo che la società non produca persone che talmente sfavate da tutto e tutti si creano delle nicchie anarchiche che non sono altro che il loro rifiuto per quello che la società contemporanea NON gli offre.
    diamo occasioni a tutti e con le regole uguali per tutti.

    saluti

  44. ezio scrive:

    L’ho detto e lo ripeto, ovviamente è solo il mio pensiero… ma….

    L’anticaccismo nasce una 20ina di anni fa, non so conseguentemente o primo sintomo di una sorta di “linea di pensiero”, quella degli animal/ambientalist/catastrofist/pacifistsolselaguerrlafanngliamerican/poverdelinquentvittimdellasocietà/vivalipocrisiaimassimlivell/ecc.ecc.ecc.
    Chi ha fatto propria la teoria suddetta, perché ci credeva o solo per furbizia, piano piano e quatto quatto si è infiltrato in OGNI settore della vita sociale favorito dalla pubblicità imbelle dei media che lo vedevano e lo vedono come l’espressione di una “moda carina” e soprattutto INNOCUA ….Gravissimo errore!!! Oggi tutti quelli normali subiscono le catastrofiche conseguenze di quel pensiero.
    E così i cani indossano il cappotto,…. in AUSTRALIA (!!!)i canguri in esubero vengono prima narcotizzati e poi uccisi con il veleno piuttosto che tirargli una “sana” e semplice schioppettata, …..un appartenente alle forze dell’ordine che colpisce un ladro mentre tenta la fuga rischia il posto di lavoro e magari pure il carcere…Questo solo in Italia però!
    Tutti piccoli esempi che, almeno a me, dicono che la “normalità” si sta perdendo in nome di quella “linea di pensiero” che bisogna ad ogni costo contrastare.
    Ciao.
    Ezio.

Leave a Reply


+ 5 = 6

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.