Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Confavi scrive al Min.Prestigiacomo

| 18 settembre 2008 | 1 Comment

Pregiatissimo Sig. Ministro,
come già anticipatoLe con la mia lettera del 22 luglio u.s. e pur consapevole dei Suoi numerosi impegni mi permetto, ancora una volta, di sottoporLe un problema che interessa un numero elevato di cittadini italiani che esercitano le loro attività all’interno delle Zone di Protezione Speciale e nelle Zone Speciali di Conservazione, facenti parte della rete ecologica comunitaria denominata “Rete NATURA 2000″.
Con il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 17 ottobre 2007, n. 184, sono stati stabiliti i criteri minimi per la definizione di misure di conservazione relative a Zone speciali di conservazione (ZSC) e a Zone di protezione speciale (ZPS).
Tali misure hanno introdotto una serie di ingiustificate restrizioni all’esercizio dell’attività venatoria in queste zone, dal momento che le Direttive comunitarie 409/79 e 43/92 si prefiggono specificatamente la tutela delle specie in cattivo stato di conservazione (Allegato I della Direttiva CEE 409/79) e degli habitat naturali all’interno dei quali queste specie vivono.
Essendo ormai imminente l’inizio dell’attività venatoria (ventuno settembre) e non avendo fino ad ora il Suo Ministero emanato alcun provvedimento modificativo del Decreto 184/2007 tutte le Regioni d’Italia sono costrette, loro malgrado, a darne attuazione provocando una serie di contraccolpi negativi ai quali ne il mondo venatorio, ne le industrie produttrici di armi e munizioni sono ancora preparate.
Sono pertanto a chiederLe, a nome del mondo venatorio che rappresento, di provvedere all’emanazione di un provvedimento di modifica al sopraccitato Decreto 184 del 17 ottobre 2007.
Mi permetto di allegarLe una proposta di bozza di articolato che potrebbe essere utilizzata, previa verifica dei Suoi uffici, per la stesura del Decreto ministeriale.
Nel rimanere a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento necessitasse, colgo l’occasione per porgerLe l’espressione dei miei più cordiali saluti.

Maria Cristina Caretta
Presidente nazionale della Confederazione delle Associazioni Venatorie Italiane

******

PROPOSTE DI MODIFICA AL DECRETO DEL MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE 17 OTTOBRE 2007, N. 184
Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione relative a Zone speciali di conservazione (ZSC) e a Zone di protezione speciale (ZPS).

Art. 2 comma 4. lettera:i)
Alla lettera i) del comma 4. dell’art. 2 sono apportate le seguenti modifiche:
Dopo le parole “…munizionamento a pallini di piombo…” e prima delle parole “…all’interno delle zone umide…” sono inserite le parole” …., tranne che per quelli nichelati,…”;

NOTE: Si prevede la possibilità di usare i pallini nichelati per la caccia nelle zone umide, per:
1.    Salvaguardare gli uccelli acquatici dal saturnismo, malattia che si contrae ingerendo il piombo;
2.    Evitare di dover cambiare le canne dei fucili;
3.    non sostenere il costo delle cartucce, notevolmente più alto per le cartucce caricate con i pallini d’acciaio;
4.    evitare di produrre un numero notevolmente più elevato di animali feriti, data la resa balistica notevolmente inferiore dei pallini d’acciaio rispetto a quelli di piombo.

Art. 5 comma 1. lettera a)
La lettera a) del comma 1. dell’art. 5 è soppressa.

NOTE: Le restrizioni all’attività venatoria alle specie non ricomprese nell’Allegato I della Direttiva CEE 409/79 (oggetto della tutela da parte della UE) non sono richieste dalle Direttive comunitarie.

Art. 5 comma 1. lettera b)

La lettera b) al comma 1 dell’art. 5 è soppressa;
NOTE: Le restrizioni all’attività venatoria alle specie non ricomprese nell’Allegato I della Direttiva CEE 409/79 (oggetto della tutela da parte della UE) non sono richieste dalle Direttive comunitarie.
Art. 5 comma 1. lettera c)
La lettera c) comma 1. dell’art. 5 è così modificata:
dopo le parole “direttiva n. 79/409/CEE” aggiungere le parole ” alle specie ricomprese nell’Allegato I della stessa direttiva.”

NOTE: Si circoscrive il divieto di applicare il regime di deroga alle sole specie oggetto della tutela da parte delle Direttive comunitarie.

Art. 5 comma 1. lettera d)

La lettera d) del comma 1. dell’art. 5 è così modificata:
dopo le parole “..munizionamento a pallini di piombo..”e prima della parole “…all’interno delle zone umide..” sono inserite le seguenti parole “,tranne che per quelli nichelati,”;
NOTE: Si prevede la possibilità di usare i pallini nichelati per la caccia nelle zone umide, per:
5.    Salvaguardare gli uccelli acquatici dal saturnismo, malattia che si contrae ingerendo il piombo;
6.    Evitare di dover cambiare le canne dei fucili;
7.    non sostenere il costo delle cartucce, notevolmente più alto per le cartucce caricate con i pallini d’acciaio;
8.    evitare di produrre un numero notevolmente più elevato di animali feriti, data la resa balistica notevolmente inferiore dei pallini d’acciaio rispetto a quelli di piombo.

Art. 5 comma 1. lettera g)

La lettera g) del comma 1. dell’art. 5 è soppressa.

Art. 5 comma 1. lettera h)

La lettera h) del comma 1. dell’art. 5 è così modificata:
dopo le parole “all’art. 10, comma 8, lettera e), della n. 157/92″ togliere le parole” sottoposte a procedura di valutazione
positiva ai sensi dell’art. 5 del decreto del Presidente della
Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, e successive modificazioni,
entro la data di emanazione dell’atto di cui all’art. 3, comma 1;

NOTE: Non si vuole sottoporre l’attività di addestramento cani a inutili e costose procedure burocratiche.
Art. 5 comma 1. lettera o)

La lettera o) del comma 1. dell’art. 5 è così modificata:
dopo le parole “in qualità di proprietari, lavoratori e gestori” aggiungere le parole “, titolari di appostamenti di cui all’art. 5 della legge statale 157/92.

NOTE: Si vuol concedere anche ai titolari di appostamento la possibilità di poter accedere con i propri mezzi motorizzati ai luoghi dove sono collocati gli appostamenti.

Art. 6 coma 8

Il comma 8 dell’art. 6 è così modificato:
le parole “antecedente al 1° ottobre ” sono sostituite dalle parole “antecedente il 1° settembre, tranne i casi previsti all’art. 18 della legge 157/92,”

NOTE: Le restrizioni all’attività venatoria alle specie non ricomprese nell’Allegato I della Direttiva CEE 409/79 (oggetto della tutela da parte della UE) non sono richieste dalle Direttive comunitarie.

Art. 6 comma 12
Il comma 12 dell’art. 6 è così modificato:

le parole “antecedente al 1° ottobre ” sono sostituite dalle parole “antecedente il 1° settembre, tranne i casi previsti all’art. 18 della legge 157/92,”

NOTE: Le restrizioni all’attività venatoria alle specie non ricomprese nell’Allegato I della Direttiva CEE 409/79 (oggetto della tutela da parte della UE) non sono richieste dalle Direttive comunitarie.

Art. 6 comma 13
Il comma 13 dell’art. 6 è così modificato:

le parole “antecedente al 1° ottobre ” sono sostituite dalle parole “antecedente il 1° settembre, tranne i casi previsti all’art. 18 della legge 157/92,”

NOTE: Le restrizioni all’attività venatoria alle specie non ricomprese nell’Allegato I della Direttiva CEE 409/79 (oggetto della tutela da parte della UE) non sono richieste dalle Direttive comunitarie.

Category: CONFAVI, Leggi/Politica

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. danilo scrive:

    Signora CARETTA ,la stimo tantissimo x tutto cio’ che sta facendo a livello nazionale ,soprattutto sta contribuendo in maniera autorevole a farci sentire soprattutto piu’ forti,le anticipo che faccio parte della confavi e precisamente di A.S. C. N. e volevo semplicemente farle un piccolo appunto; lasciamo perdere TIMO, che e’ il presidente della piu’ grande associazione venatporia come lui dice, che non e’ intervenuto completamente nella faccenda sicilia,ma da lei Sig. Caretta un qualcosa me lo sarei aspettato,sapendo quanto si batte x la dignita’ dei cacciatori….sarebbe anche bastato un comunicato di solidarieta’…No signora Caretta anche noi siciliani siamo italiani anche se lontani da THIENE…..non me ne voglia,ho grande rispetto x lei,ma questo mi premeva dirle..
    dimenticavo che in data 14/09 le ho inviato 150 firme x la petizione x la modif. alla 157/92 distinti saluti danilo luca’

Leave a Reply


8 + 2 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.