Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

In Piemonte i conti tornano

| 26 maggio 2008 | 11 Comments

Su richiesta dell’autore, publichiamo il seguente articolo
******

In Piemonte i conti tornano, di Danilo Liboi.

Sono giunto a conoscenza, attraverso una lettera non firmata, che il famigerato Progetto Gaia sta raccogliendo adesioni per formare un Comitato Promotore che organizzi un Referendum Nazionale per l’abolizione della caccia. Niente di nuovo penserete, esattamente come ho pensato io. Ma per curiosità sono andato a vedere il sito di questa associazione, http://www.progettogaia.it, poi ho cliccato sulla tendina dal titolo Diritti animali e quindi Referendum Caccia. Oltre ad aver notato che attualmente le adesioni sono migliaia, per curiosità sono andato a vedere attraverso la ricerca su Hanno aderito, quali sono i nomi delle adesioni in Piemonte. Alla lettera V (potete controllare, è un documento pubblico) trovo il dottor Vittorio Bosser-Peverelli (!!!!!). Bene, sapete chi è il dottor Bosser-Peverelli, che aderisce alla formazione del comitato promotore del referendum per l’abolizione della caccia? Niente meno che il direttore dell’Osservatorio faunistico della Regione Piemonte, l’Ente che sostituirà (o affiancherà) l’INFS per tutto ciò che riguarda l’argomento caccia in Piemonte!!!! Pazzesco! Intendiamoci, il dottor Bosser può avere le proprie idee, ci mancherebbe, ma come può valutare e decidere in modo super partes quando è così schierato??? E’ lo stesso individuo con cui, a breve, andremo a discutere i piani di abbattimento, e tutto ciò che riguarda la gestione faunistica negli Atc e nei CA. Il conto torna!!! Chissà perché ad ogni nuova delibera, per esempio sui piani di tiro dei caprioli di Alessandria, le stesse uscivano dall’Osservatorio già con vizi di forma in modo da poter essere impugnate tramite un ricorso al TAR (puntualmente effettuato dagli amici di Bosser già 8 ore dopo la delibera!!). Chissà perché, malgrado il parere positivo espresso dall’INFS la bianca è stata chiusa e per i forcelli la stagione è stata aperta meno di un mese. Ma qualche politico ha sicuramente proposto la sua candidatura e anche questi sono documenti ufficiali che cercherò di avere quanto prima. Aggiungo solo che il nostro caro dottor Bosser ha già provveduto a consolidare la sua posizione dando il ben servito ai coordinatori regionali Carlo Borgo e Renato Dotta, due tecnici faunisti in gamba davvero, molto vicine al mondo venatorio, che arrivano dall’Università di Torino, giustificandone il licenziamento “per divergenze e sopraggiunta mancata fiducia…“, sostituendoli con uomini fidati. E aggiungo anche che lo smantellamento dell’INFS previsto (in pratica) anche dalle modifiche alla 157 proposte da Berlato per dare maggior potere agli Osservatori regionali può anche voler dire situazioni come questa. Mancando una benché minima centralità gli Osservatori possono fare ciò che vogliono, e se vanno in mano alle persone sbagliate sono davvero cazzi!!!! Mi preme mettere a conoscenza di questo fatto increscioso il maggior numero di cacciatori, e vi prego di far girare la notizia sulla mailing list, perché questa è davvero un’indecenza alla quale possiamo essere tutti sottoposti prima o poi. Mille grazie per l’attenzione.
Ripeto la sequenza per raggiungere i dati:
http://www.progettogaia.it
Dal menù in alto, cliccare su Diritti animali e successivamente su Referendum caccia, così potrete vedere anche nelle vostre Regioni-Province ecc. chi ha aderito all’iniziativa.

Danilo Liboi

Category: Generale, Piemonte

Comments (11)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. ezio scrive:

    Questo si che si chiama far centro!!
    Complimenti a te, Danilo e non fai che confermare le voci che ormai da troppo tempo circolano tra i cacciatori….
    Si badi bene, a mio sempre modesto parere non che un “anticaccia” non possa fare il funzionario ove neglio crede e sia pure bravo nel farlo ma che lo faccia all’assessorato della caccia e si attivi pure per farla chiudere mi pare una contraddizione in termini.
    Comunque non fa che confermare quanto complicato sia il mondo che ci circonda e per i cacciatori distingure “amici” e “nemici” solo per il “colore” politico o la loro posizione è veramente arduo….
    Posso presumere, infatti e per esempio, che se riuscirai a scoprire chi ha assunto il funzionario in questione sarà un’ amara sorpresa per molti di quelli convinti che i nostri “nemici” stiano solo da una parte….
    Come al solito sempre felice di sbagliarmi porgo a te e a tutti i più cordiali saluti.
    Ezio.

  2. Allibito ,o appena finito di mangiare ho letto questa notizia di Danilo,è mi è andato l’ultimo boccone di traverso ,io che abito in Piemonte non faccio altro che incontrare di questi personaggi che non fanno altro che pensare solo ed unicamente come abolire la caccia,ma io dico anno piu’ valore gli assasini che noi ,sono totalmente deluso lo detto gia parecchie volte qui in Piemonte abbiamo il fior fiore dei verdi ed anno le idee ben fisse. Un saluto a voi tutti ciao.

  3. samu scrive:

    Pazzesco che si pensi ancora ai referendum e quella carica è come se un pluriomicida fosse il ministro della giustizia …..bello

  4. Fabio Vari scrive:

    …una semplice domanda: nel comportamento del “dottore” (figlioccio sicuramente dell’altro professorino che ci definiva pedofili, e guarda caso “proprio” della stessa trasmissione!!) è possibile ravvisare comportamenti penalmente rilevanti??.. Se svolgeva incarichi pubblici?? Lo chiedo in quanto il campo di cui personalmente mi occupo non è quello penale..

    grazie

    Dott. Fabio VARI – CACCIATORE

  5. Giusti Giacomo scrive:

    Appunto!E’ quello che pensavo anch’io mentre leggevo i post.C’è un qualcosa che possa portare a rispondere in tribunale questa persona che opera nel pubblico?Poi non credo che le leggi Europee recepite,possano essere sottoposte a referendum.

  6. Giovanni fidc scrive:

    Se non c’è una querela di parte, la cosa interessa anessuno di certo. Doveva essere chi dice che ci tutela a fare il passo, oppure un gruppo di cacciatori uniti nell’intento.
    Giovanni

  7. Giovanni fidc scrive:

    Col permesso tuo Daniele, vorrei pubblicare gli indirizzi e-mail rispettivi a: Mercedes Bresso, presidente della regione piemonte e dell’assessore Taricco, liberamente consultabili dal sito della regione Piemonte (http://www.regione.piemonte.it/governo/assessorati/assessor.htm) .
    La prima non è certo nostra amica, che lo si sappia.
    Ecco gli indirizzi:
    presidente@regione.piemonte.it
    assessore.agricoltura@regione.piemonte.it

    Chi lo volesse protesti inondando di e-mail gli indirizzi riportati. Non è possibile avere un Vittorio Bosser Peverelli direttore dell’Osservatorio faunistico della Regione Piemonte, tra i firmatari di un referendum anticaccia. E’ ora di finirla con questa gente, quindi protestiamo da tutta Italia, affinchè non succeda in altre regioni. Facciamo vedere che siamo solidali se lo siamo e sapremo esserlo oggi e in futuro.
    Giovanni

  8. ezio scrive:

    Giovanni BRA-VO!!!
    Ezio.

  9. Giovanni fidc scrive:

    Ezio GRA-ZIE. Voglio che si sappia però che l’idea è del nostro amico Silvano, siccome non riesce a scrivere sul forum, ho fatto in modo di farlo io. Quindi il BRAVO deve andare a lui. Vedremo da oggi in poi quanti cacciatori partiranno alla carica con e-amil di protesta, voglio proprio vedere in modo particolare i classici bugia nen!!!
    Giovanni

  10. Antonio99 scrive:

    Ho appena dato un’occhiata al sito “progettogaia” e ne sono rimasto sconvolto. Noi non ci rendiamo conto a che livello di fanatismo nella loro militanza ed odio nei nostri confronti possono arrivare questi cosiddetti animalisti. Il commento più tenero è che siamo degli assassini, mischiano il sano con il profano, si ritengono depositari della verità assoluta, che ritengono, tra l’altro chiarissima, indiscutibile. Ne sono rimasto talmente disgustato che non ho resistito molto su quel sito, ma consiglio ad ogni cacciatori di di andarlo a vedere e poi considerare quanto sia ridicolo ogni tentativo di dialogo o collaborazione con quel mondo “verde”.

  11. cacciator cortese scrive:

    Ciao Danilo, sono cacciatore ed odontotecnico, già sapevo di queste cose ma siccome sono vecchio per “antico pelo” mi pare inutile continuare a dire che questo non va bene l’altro neppure, non sarebbe meglio FARE. ad esempio,visto che continua ad emettere delibere con vizi di forma,per poter essere impugnate in sede legale, non lo si potrebbe trasferire per incapacità a svolgere il proprio lavoro? un caro saluto a tutti i cacciatori.

Leave a Reply


5 + = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.