Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

La replica di Veneziano

| 8 aprile 2008 | 3 Comments

Come riceviamo e così pubblichiamo
***************

Dott. Massimo Vallini
Direttore Armi e Tiro
—————————————-
Gentile Direttore,
Osvaldo Veneziano - Presidente ARCICACCIAmi scuserà se mi permetto di aggiornare le mie riflessioni alla luce della Sua replica. Lo faccio, mi creda, augurandomi che i cacciatori, a partire dagli iscritti all’Arci Caccia, dedichino un po’ più di tempo alla lettura delle riviste specializzate e partecipino più numerosi ai Convegni e ai dibattiti interni alle loro Associazioni di riferimento e a quelli esterni e aperti a tutti, anche ad altri che esprimono posizioni o interessi diversi perché, converrà con me, più cresce la consapevolezza e la capacità critica, più si conoscono le idee degli altri, a cominciare da quelle degli avversari, e più si è in grado di rappresentare al meglio i propri convincimenti e le proprie ragioni. Da parte mia Le assicuro che la corrispondenza tra noi intercorsa, gli articoli di Armi e Tiro di cui abbiamo discusso, le cose che ci siamo detti non sono state nascoste, ma tutto è stato portato a conoscenza della nostra Organizzazione territoriale, degli Atc e dei Ca in cui siamo rappresentati e di quanti altri interloquiscono costantemente con l’Arci Caccia: riviste venatorie, singoli cacciatori, altre Associazioni venatorie, Enti parco, ecc… Su questa strada proseguiremo e Le assicuriamo non ci dispiacerà, anzi lo speriamo, se ciò frutterà qualche abbonamento in più ad “Armi e Tiro” perché questo servirà ad accrescere il confronto delle idee di cui c’è tanto bisogno in questo nostro mondo venatorio che sul piano culturale non … corre.
Con questo spirito mi permetto anche di invitarLa a partecipare per un confronto “visibile” e più diretto ad una trasmissione televisiva “Caccia Più o Meno”, che va in onda in diretta tutti i martedì dalle 21.00 alle 22.00 su La8 (su satellite e “in chiaro” per Roma e Provincia), nella quale potremo liberamente discutere delle questioni che più ci interessano portando, ne sono certo, un buon contributo.
Potremmo mettere da parte, in quanto tale, la questione porto d’armi avendoLe già inviato una ulteriore considerazione di merito e non essendo assolutamente nelle mie intenzioni alcuna volontà di abolire un qualche tipo di porto d’armi, tantomeno quelli sportivi. Voglio solo sottolineare che io, personalmente, non ritengo affatto necessario un “controllo psichiatrico” obbligatorio per tutti se non correlato da preoccupazioni sollevate dal medico di famiglia (il professionista più qualificato per farlo perché meglio di ogni altro conosce la salute degli italiani a lui affidati) per singoli casi in cui registra l’insorgenza di una o più particolari patologie successive al rilascio del porto d’armi (c’è certamente un differente rischio fra l’uso che si fa di quelli per gli impianti sportivi o per caccia e quello che mette una pistola in mano a chi se ne và in giro giorno e notte per la città).
Mentre condivido la preoccupazione per l’Italia e gli italiani di avere un Governo e un Parlamento che abbiano a cuore i loro interessi, lasciamoci alle spalle le critiche condivise a Governi e a ministri del passato recente e non solo che abbiamo già avuto modo di commentare. Fra questi interessi ci sono naturalmente quelli dei cacciatori ai quali spero rivolgano maggiori attenzioni Ministri e Parlamentari ancora più numerosi di quelli da Lei indicati nell’articolo scritto (anche se non Le nascondo permangono in me molti dubbi su certe elencazioni).
L’ottimismo è importante ma va abbinato ad una libera, vigile e costante attenzione alle iniziative legislative che verranno proposte da singoli, da gruppi e da schieramenti. Con questo modus vivendi nulla hanno a che vedere i proclami destinati a lasciare il tempo che trovano sull’ala del “passata la festa, gabbato lo santo”.
Aver rifiutato la “tecnica del proclama” ha permesso ai Gruppi dirigenti dell’Arci Caccia, e non solo, di consolidare, indipendentemente dai Governi, una legge che certamente può essere migliorata, come abbiamo già detto, accogliendo il “metodo Timo”, con preventiva “concertazione” con le altre categorie per non correre rischi. E’ così che i cacciatori contano in politica; è così che hanno avuto il risultato che si erano prefissi.
Siamo anche convinti dell’inutilità dei falsi moralismi, così come siamo convinti che occorre un rilancio dell’ “etica venatoria” e che c’è una “questione morale” relativa all’uso delle risorse economiche (i soldi versati dai cacciatori per dirla fuor di metafora) che i cacciatori hanno pagato e che, ci auguriamo, il Governo rimborsi quanto prima alle Regioni perché li impieghino sul territorio: noi siamo per contrastare gli ATC che hanno soldi in banca investiti in obbligazioni o titoli di stato che nulla fruttano alla caccia, alla fauna, all’ambiente e all’agricoltura; noi siamo contro il mercato dei tesserini, chiediamo più controlli e più trasparenza nell’acquisto di selvaggina: bisogna superare urgentemente il “mercato del pronta caccia” e produrre fauna ove tecnicamente possibile per le caratteristiche del territorio.
Sarebbe un’ottima campagna pubblicitaria far conoscere come spendere al meglio i soldi negli ATC e quanto ATC e CA investono annualmente nel ripristino di ambienti. Li, negli “Ambiti”, servono nuove e giovani esperienze che possono trovare, in quel lavoro, piacere e interesse! Altrimenti non ne vedo l’utilità: per valutare e decidere una gara d’appalto per l’acquisto di quaglie giapponesi non serve certo tanta organizzazione! E, poi, cosa facciamo vedere a giovani e scolaresche, le buste?
Uniamoci, noi cacciatori, valorizziamo le Aziende Faunistiche Venatorie e indirizziamo i loro interventi ambientali verso i giovani, suscitiamo passione ed interesse attorno a questo cose minime ma importanti d’ovunque e a tutti i livelli: altrimenti lasceremo campo libero alla solita sterile, fallimentare, demagogica propaganda e sarà questa una nostra grande colpa. Bisogna unirci non solo per difenderci ma per affermare una cultura che sia realisticamente proponibile per essere durevole negli anni e per contribuire a sollecitare il lavoro di quelle istituzioni che, in campo faunistico-venatorio hanno competenza per legge: Regioni e Province, facendo cambiare rotta a quelle che si occupano esclusivamente di calendari venatori. Dotarci di “strumenti tecnici” validi, finanziati è un bene necessario, direi indispensabile; poi però bisogna evitare che si “addormentino” e bisogna seguire le loro indicazioni nelle campagne. Facciamo un nuovo “Patto”con gli agricoltori, ma facciamolo per realizzarlo. Proprio perchè contino di più i fatti alcune cose le stiamo facendo sia in Toscana, dove si sta preparando, unitariamente coinvolgendo tutte le categorie, la Conferenza programmatica sulla Gestione della Fauna, sia in Emilia dove si sta preparando un Convegno Nazionale: “Gli ATC protagonisti della gestione del territorio: 15 anni di esperienze a confronto tra politica faunistica-venatoria e partecipazione”. Sia io che il Presidente della FIdC Franco Timo abbiamo condiviso che nell’immutato quadro della legislazione nazionale esistente, anche in tema di calendario e specie cacciabili si lavorasse per organizzare un Convegno il 20 giugno prossimo.
Sono fatti, questi cui abbiamo accennato, che ci auguriamo aiutino a produrre miglioramenti concreti nel “quotidiano venatorio” del cacciatore. Al tempo stesso siamo convinti che queste cose possano contribuire ad una condizione di maggiore capacità costruttiva in altre Regioni.
Sono anche pronto a ricredermi, ma è un fatto che a poche ore dalla chiusura, se non interverranno repentini, improvvisi cambiamenti, la campagna elettorale non ha contribuito a lacerare i rapporti tra le Associazioni venatorie, essendosi presentate insieme FIdC ed Arci Caccia alle forze politiche che hanno incontrato insieme e alla presenza di Associazioni ambientaliste ed agricole (un fatto importante che non permette linguaggi ambigui e strumentalizzazioni) Si, siamo andati agli incontri politici con posizioni più vicine ricercando un metodo ed un rapporto con le forze politiche più efficace, tanto che la FIdC non ha citato mai, non ha mai presentato i contenuti e le proposte FACE ritenendole probabilmente superate dalla discussione aperta in quella sede politica. Forse matureranno le condizioni per una riflessione qui e ora per ripartire; a questa riflessione siamo interessati a partecipare tra ex soci dell’UNAVI per darci contenuti e regole che possono portarci ad un nuovo soggetto unitario, unico. Sara possibile? Vedremo!
Un cordiale saluto,
Osvaldo Veneziano

Category: Arcicaccia

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giusti Giacomo scrive:

    A me pare che Veneziano ha tutti contro.Un fa altro che rispondere a destra e a manca, e parla sempre di riflessioni.Su questo,sono daccordo,deve riflettere, e molto anche!!!!! Ma non è tardi un convegno su quel tema importante il 20 giugno?O è solo una scusa per andare a fare una bella……. SGRANATA alla faccia nostra?Auguri per il…..convegno, e buon appetito per la più probabile mangiata.

  2. antonino urpi scrive:

    caro giacomo non ho il piacere di conoscerti ma sono daccordo con te.
    quel convegno servirà solo a farsi belli agli occhi dei cacciatori e dei politici e soprattutto per mantenere una giustificazione alla poltrona che occupano. purtroppo però non tutti sono contro Veneziano, alcuni si fanno illudere dalle sue chiacchiere secondo le quali la 157 è una legge equilibrata. ma smettetela! oggi l’unica soluzione, a mio avviso, è stare tutti uniti in un unico partito solo nostro e non farci più prendere in giro dai soliti candidati che si dicono a favore della caccia ma appena eletti se ne dimenticano. il Partito dei cacciatori di cui faccio parte è una soluzione. visita il sito e se interessato contattami, li trovi il mio cell. http://partitodeicacciatori.blogspot.com

  3. Giusti Giacomo scrive:

    Ci sentiamo presto Antonino!Un saluto cordiale.

Leave a Reply


7 + 5 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.