Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

ANLC: applicazione deroghe

| 7 aprile 2008 | 3 Comments

 Come riceviamo e così pubblichiamo
*********

Tacconi Stefano - ANLC PerugiaPubblichiamo, per dovere d’informazione, un documento riguardante gli esiti di un incontro “tecnico” della Conferenza Stato-Regioni in tema di applicazione delle deroghe,  riservandoci di verificarne la totale veridicità.
Da notare, con estrema preoccupazione, l’assenza dei rappresentanti della Regione Umbria all’incontro (per quanto ci concerne), motivo per il quale abbiamo già chiesto a chi di dovere esaurienti risposte e giustificazioni.
In attesa dei doverosi chiarimenti da parte delle Istituzioni e degli Uffici preposti, riteniamo giusto divulgare la notizia ai cacciatori di quelle regioni rimaste fuori dalla “ripartizione”, notizia trovata grazie al prezioso e puntuale lavoro del nostro Luca Stincardini.
Segreteria Prov.le ANLC Perugia

****************

RIPARTIZIONE INTERREGIONALE DELLE
“PICCOLE QUANTITA’” DELLE SPECIE PRELEVABILI IN DEROGA (DIR. 79/409/CEE – art. 9 , comma 1 , lett. c) PER LA STAGIONE VENATORIA 2008/2009

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Visti gli esiti dell’incontro tecnico, svoltosi il 21 marzo 2008 tra i rappresentanti delle Regioni Lombardia, Veneto, Liguria, Marche e Friuli-Venezia-Giulia (Regioni che hanno richiesto il parere all’INFS ai sensi del protocollo d’intesa sancito in sede di Conferenza Stato Regioni sull’applicazione delle deroghe – rep. 1369 del 29.4.2004), in presenza di un rappresentante dell’INFS e della Regione Puglia, sede in cui è stata condivisa all’unanimità la proposta di ripartizione dei quantitativi prelevabili a fini venatori in deroga ai sensi dell’art. 9, c. 1 lett. c) della Dir. 79/409/CEE;

Tenuto conto che tali quantitativi sono il risultato della ripartizione, per ciascuna specie, della piccola quantità, calcolata a livello nazionale, secondo le modalità riportate nelle Linee Guida per l’attuazione della Dir. 79/409/CEE, sulla base degli ultimi dati scientifici disponibili in letteratura, in maniera proporzionale al numero di cacciatori presenti in ognuna delle Regioni richiedenti;

prende atto della seguente ripartizione

Fringuello – piccola quantità: 3%= 1.650.000

Regione

 

n. cacciatori

n. soggetti prelevabili fino ad un numero massimo di:

Lombardia

92.459

711.009

Veneto

60.590

465.937

Marche

34.412

264.628

Liguria

27.000

207.630

Totale

214.461

1.649.204

Peppola – piccola quantità: 3%= 205.500

Regione

 

n. cacciatori

n. soggetti prelevabili fino ad un numero massimo di:

Lombardia

92.459

123.895

Veneto

60.590

81.190

Totale

153.049

205.085

 

 Storno – piccola quantità: 2%= 580.000

Regione

 

n. cacciatori

n. soggetti prelevabili fino ad un numero massimo di:

Lombardia

92.459

249.639

Veneto

60.590

163.593

Marche

34.412

92.912  

Liguria

27.000

72.900

Totale

214.461

579.044

 

Roma, 26 marzo 2008


Category: ANLC, Leggi

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giusti Giacomo scrive:

    E la Toscana? terra di grandi tradizioni venatorie alla piccola selvaggina migratoria?Ha paura di Roggiolani,Lupi,e compagnia?Occhio! perchè ci sono le elezioni!!!!!!!!!

  2. Gianfranco scrive:

    Ciao Stefano, carina la foto di quando eri giovane. Putroppo ti devo dire che questo è il risultato di quanto poco contiamo noi. Fino a quando non ci decideremo di fare i cacciatori sul serio, quindi tutelando i ns diritti e nello stesso tempo rispettando i doveri, continueremo a scendere ancora di più in basso. Ma i rappresentanti delle associazioni venatorie, possibile che ancora non sanno come funzionano i meccanismi? Che aspettano ad istruirsi? Ad informarsi e soprattutto a che rompere le palle per avere il giusto? Un abbraccio Gianfranco Fortunati

  3. raniericolombacciaio scrive:

    è stata stabilita la quota di prelievo regionale. Ridicola la ripartizione fatta in passato fra tutti i cacciatori! Gli appostamenti fissi non avrebbero qualche diritto in più? Ci sono migliaia di cacciatori che rinunciano volentieri alle deroghe; perché non accontentare gli appassionati con quote ragionevoli? C’erano cacciatori che si dedicavano solo agli storni… cosa rappresentano tre storni a testa?

Leave a Reply


6 + 1 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.