Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Le richieste delle AA.VV.

| 4 aprile 2008 | 6 Comments

Richieste di interventi delle Associazioni Venatorie al Mondo Politico

Il protocollo d’intesa siglato il 05 marzo scorso da FIDC – Federazione Italiana della Caccia, ANUU Migratoristi Italiani, Associazione Nazionale Libera Caccia, ed Enalcaccia che aderiscono a Face Italia (Federazione delle associazioni venatorie e per la Conservazione della Fauna Selvatica dell’UE) rappresenta un’utile base di lavoro.
Una delle ragioni che ha convinto le Associazioni firmatarie è rappresentare con voce forte e unitaria proposte e legittime istanze dei cacciatori italiani alle istituzioni, alla politica e alla società tutta.
Allora quale dovrà essere la nostra condotta in vista delle prossime elezioni di aprile? Si tratta del momento migliore per il confronto, per far valere la forza delle nostra ragione e il peso dei nostri associati. Il punto fondante delle nostre richieste è la coscienza di aver contribuito e la volontà di continuare a contribuire ad un concreto rapporto con il Mondo Agricolo per la tutela dell’ambiente e della fauna che lo popola, del nostro splendido paesaggio e della ruralità nella sua più ampia accezione, in coerenza con i principi stabiliti dalla carta europea della caccia e della biodiversità approvata dal Consiglio d’Europa.
Ciò premesso, ecco le priorità, esposte in maniera sintetica, che presentiamo ai partiti in vista della prossima consultazione elettorale:

• verificatane l’attuazione, rivedere in termini europei la legge 157/92 ed in particolare:
• sopprimendo l’opzione fissa che non esiste in alcun altro Paese dell’Ue;
• consentendo forme organizzate di mobilità per la caccia alla migratoria che favoriscano un più razionale svolgimento di questa forma di attività venatoria;
• rivedendo le specie cacciabili e i tempi dell’attività venatoria, impostando un vero e proprio calendario europeo e mediterraneo, dopo approfondito confronto con i Paesi che insistono sullo stesso bacino, con tempi e specie di caccia, stabiliti secondo una corretta interpretazione della Direttiva 79/409 in linea con la Guida interpretativa e relativi concetti-chiave emanati dalla Commissione Ue in fase di pubblicazione;
• garantendo il corretto recepimento dalle Regioni della Direttiva in materia di prelievo in deroga;
• riformulando le disposizioni relative alla tutela delle colture agricole ed al risarcimento dei danni per definire con maggiore chiarezza il ruolo delle Regioni e delle Province su tale tema;
• attribuendo ad ATC e CA un contributo a carico dell’Erario, rapportato al numero di soci iscritti, per la realizzazione di miglioramenti ambientali;
• ristabilendo il dettato originale della legge in oggetto riportando l’Istituto nazionale della fauna selvatica sotto la vigilanza della Presidenza del Consiglio dei ministri; nell’occasione potrebbe essere ripensata la struttura stessa dell’Istituto affinché in esso siano raggruppati tutti i soggetti e gli enti impegnati, su basi scientifiche omogenee, in ricerche su fauna e habitat;
•  aggiornare la legge 394/91 in materia di aree protette prevedendo:
?    l’introduzione della rappresentanza dei cacciatori negli Enti di gestione delle aree protette;
?   il controllo, da parte delle Province e degli Enti gestori di specie in esubero (cinghiale, Corvidi, ecc.);
• abrogare la delibera del 1996 che equiparava illegittimamente le ZPS e le ZSC alle aree protette rivedendo pure i criteri del Decreto Ministeriale dell’Ambiente del 17/10/07;
• includere lo storno fra le specie cacciabili (lo storno è specie consentita in tutti i paesi del bacino del Mediterraneo) anche in considerazione dell’incontrollato incremento del suo stato di conservazione aumentato a dismisura e causa di gravi danni al patrimonio storico, artistico, architettonico ed agricolo del nostro Paese;
• revocare l’ordinanza del 31/10/05 sul divieto temporaneo dell’uso dei richiami vivi nella caccia agli acquatici essendo venute meno le ragioni ostative;
• individuare nuovi strumenti per rafforzare l’integrazione con il mondo agricolo anche attraverso forme di valorizzazione economica della multifunzionalità delle aziende;
• riesame e modifica (modi e tempi) della L. n. 353 del 21/11/2000 che vieta l’esercizio della caccia nei terreni percorsi da incendio.

1.4.08 FACE Italia

Category: ANLC, ANUU, Enalcaccia, Federcaccia, Leggi/Politica

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. fabrizio scrive:

    LA PERFEZIONE NON E’ DI QUESTO MONDO. SOLO DIO ONNIPOTENTE E’ PERFETTO. COMUNQUE SIAMO SULLA STRADA GIUSTA. AVANTI COSI’ ….
    UN SALUTO A TUTTO IL POPOLO CACCIATORE
    FABRIZIO

  2. ercolini valerio scrive:

    Visto e considerato che il protocollo d’intesa siglato il 5 marzo scorso dalla FIDC,ANNU,LIBERACACCIA ED ENALCACCIA ricalca in pieno le richieste fatte a suo tempo dalla CONFAVI,non capisco perche’ nella riunione e sull’intesa del 5 marzo scorso non e’stata invitata anche questa associazione che e’dalla Sua istituzione che chiede quanto concordato con le richieste fatte dalle AA.VV.alle istituzioni ed alla politica.
    Mi auguro che per l’avvenire,queste associazioni chiedano anche il contributo della CONFAVI nelle discussioni che si andranno ad affrontare,coinvolgendo tutte le associazioni venatorie riconosciute nazionali.

  3. egisto.bersani scrive:

    Forme organizzate x la migratoria!(con gite domenicali? e gli anelli manco se ne parla)
    Calendario europeo
    Volete pure i soldi dalle tasse non bastano i proventi degli A.T.C. e Assicurativi
    Facciamo il posto ai trombati,ampliamo l’INFS ragruppiamoli tutti .
    Multifunzionalità delle aziende (faunistico venatorie )
    Se si sveglia Cantelli! Sparvoli, ti LICENZIA !
    Addio libera caccia .
    Basta è ora di cambiare sono stato preso per il c… anche troppo.anche da questo documento che NON approvo ! IO

  4. Nio scrive:

    veramente contento per le proposte.
    Bene il sinteico ma fruttuoso invito alle forze politiche. Sarebbe utilissimo sapere la risposta al pacchetto proposto.
    anch’io avrei gradito l’ok della confavi.
    SIAMO COMUNQUE SU UNA BUONA PIATTAFORMA PROPOSITIVA.

  5. Mauro Di Tosto -CPA Roma- scrive:

    Diciamo che se tutto và bene siamo rovinati!…non ho letto nelle vostre priorità l’abolizione dell’ATC. alla fauna migratoria, non ho letto la depenalizzazione per ALCUNI reati venatori(siamo soggetti ad arresto come dei criminali)non ho letto ad esempio che la 394/91 deve essere cambiata e che si potrebbero
    adoperare le ZRC. per l’addestramento dei cani in periodi compatibili con le nidificazioni e senza sparo, non ho letto che la 157/92 è da revisionare, però in compenso ho letto che volete elargire altri fondi da destinare agli ATC. e CA. ma non paghiamo già € 5,16 in addizionale all’erario quale contributo per le
    AAVV.riconosciute, riscosse dallo Stato e ridistribuite alle AAVV. in base ai tesserati?…non vi bastano i contributi pagati da noi cacciatori nei vari ATC. d’Italia e che già gestite??????…..nelle vostre priorità ho letto solamente: RIVEDERE,MIGLIORARE,ELARGIRE,INDIVIDUARE,
    AGGIORNARE…..ECC ECC,COME APPROCCIO NIENTE MALE MI RIALLACCIO ALLA PREMESSA CHE SE TUTTO Và BENE SIAMO ROVINATI E CONTINUEREMO A FARCI INSULTARE DAI VARI WWF LIPU ECC. ECC….vorrei solo dirvi di adoperare meno demagogia e più coraggio ne avete molto bisogno AUGURI
    MAURO DI TOSTO.

  6. Giusti Giacomo scrive:

    Come al solito caro Ercolini…………Te l’appoggio!!!!La CONFAVI carissimo Nio,non l’hanno presa nemmeno in considerazione!

Leave a Reply


6 + = 15

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.