Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Cassazione sulla caccia

| 4 aprile 2008 | 8 Comments

Pronuncia della Cassazione sulla caccia -Timo:
Una sentenza dai risvolti inquietanti
La terza Sezione penale ha legittimato la costituzione delle Province – Come parte civile per danno d’immagine contro i cacciatori colti in atteggiamento venatorio anche senza danneggiamento di animali e uso di armi. “Si tratta di una sentenza dai risvolti inquietanti che merita un attento approfondimento per valutarne tutte le ricadute sull’attività venatoria”: è questo il commento a caldo di Franco Timo, presidente nazionale di Federcaccia, su un recentissimo pronunciamento della Cassazione in tema venatorio. Il testo precisa i contorni della legittimazione nei confronti delle Province a presentarsi come parte civile per danno d’immagine in un procedimento contro cacciatori sanzionati per caccia in periodo vietato (possibilità già stabilita nella sentenza n. 35868 del 2002) anche, ed è qui la novità, “a prescindere dal danneggiamento specifico di animali o dall’uso di armi”. “Fermo restando che sono i cacciatori a ricevere dai bracconieri il maggior danno d’immagine, non mi stancherò mai di dire che per eliminare questa piaga c’è bisogno di pene severe, ma anche delle azioni di prevenzione, repressione e condanna all’interno dello stesso mondo venatorio. – ha dichiarato Timo -
Tornando al contenuto della sentenza, è come se, provo a fare un paragone esemplificativo, il ministero dei Trasporti denunciasse tutti gli automobilisti multati per danno alla sua immagine di responsabile alla corretta circolazione: sarebbe una situazione surreale. E, sempre in tema di surrealtà, mi sembra l’ennesimo attacco alla caccia e agli hobby esercitati con armi sportive – conclude il presidente della maggiore associazione venatoria italiana – l’articolo di ‘Repubblica’ del 31/3 dal titolo ‘Grilletti troppo facili “Perizia psichiatrica per il porto d’armi”’, in cui vengono menzionate delle ricerche che attestano che la presenza di un’arma in casa faciliti la pulsione omicida e che una perizia psichiatrica potrebbe stabilire le potenzialità omicide di chi, appunto, possiede un’arma. Che dire, se non consigliare a tutti di mettere sotto chiave i coltelli di casa”.

Category: Federcaccia, Leggi

Comments (8)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giusti Giacomo scrive:

    Delinquenti fuori galera in poco tempo,e cacciatori alla gogna!!! Roba da non credere!!!!!!!!

  2. renzo scrive:

    Ma Caro Giusti, ti meravigli ancora ?
    Ciao da renzo

  3. Giusti Giacomo scrive:

    No caro renzo!! a 56 anni ormai,non mi meraviglio più di nulla,credimi!!Divento una belva quando sento queste cose.Non è tanto tempo che hanno buttato fuori di galera un capo mafia per decorrenza dei termini.A noi cacciatori, invece, ci fanno subire le pene dell’inferno,insieme alle nostre famiglie, solamente se sconfiniamo in un’altro atc.Non dico altro.Ti saluto Renzo,ciao.

  4. antonino urpi scrive:

    cari amici commentare è bello ma serve a poco.
    sappiamo bene che ci vogliono sterminare ma se vogliamo evitarlo dobbiamo rimboccarci le maniche. ho aderito al “partito dei cacciatori” perchè ho visto che stanno mettendo la pratica e non le chiacchiere per difendere noi cacciatori. visitate il sito e giudicate da soli.
    teniamo duro.

  5. mino scrive:

    La caccia è destinata a chiudersi da sola e non per provvedimenti legislativi!
    Di questo ne sono fortemente convinto perchè da qualche anno a questa parte si assiste ad una vera e propria guerra tra cacciatori e protezionisti.
    L’atteggiamento arrogante del popolo venatorio con forzature, anche di natura politica, cerca di affermare la propria supremazia su tutti e tutto scatenando le reazioni del popolo protezionista.
    Ecco che la comunità europea restringe, lo stato restringe, il consiglio di stato frena, la cassazione mette i paletti ecc..
    Non meravigliatevi più di queste sentenze, ne verranno altre peggiori!
    Auspico che la ragione debba ritornare tra il popolo venatorio perchè deve assolutamente capire che la pretesa “a prescindere” non paga.
    Saluto tutti.

  6. Giusti Giacomo scrive:

    Scusa Antonino ma qual’è il sito del partito?wwwcacciaambiente.org? O quello di terra d’Italia.it? Perchè a me interessa, ma mi pare ci sia un pò di confusione!O sono io a farla?Ti saluto.

  7. Giusti Giacomo scrive:

    Mino ma che stai dicendo? O ho interpretato male io? BO?

  8. paolo scrive:

    sono un cacciatore.
    rivolto agli animalisti.
    sto vedendo morire milioni di quaglie
    per causa degli agricoltori che incendiano
    le steppe perchè finito di raccogliere il grano
    ormai e da bruciare.
    voi lo sapete,fate che non accade questo.

Leave a Reply


8 + = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.