Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

In difesa dei cacciatori

| 28 marzo 2008 | 36 Comments

Come riceviamo e così pubblichiamo
**********

In difesa dell’immagine dei cacciatori (Federcaccia Umbria)

Lettera aperta del presidente regionale Franco Di Marco ai direttori delle testate

Perugia, 28 marzo 2008

Caro direttore,
Ci è stato segnalato da un nostro associato, il dottor Fabrizio Caldarelli, che durante la trasmissione condotta da Francesco Vergovich “Un Giorno Speciale”, messa in onda da Radio Radio – emittente che trasmette anche sul canale 915 di Sky, Radio Radio Tv – all’intervento di un cacciatore, che si riteneva ambientalista in quanto aveva denunciato la presenza di discariche abusive e altre attività a danno dell’ambiente, il professor Mario Tozzi, presidente del parco dell’Arcipelago Toscano nonché ospite abituale della trasmissione Rai “Gaia”, ha risposto che “i cacciatori sono amanti della natura così come i pedofili lo sono degli asili nido“.
Da parte nostra, indignati da queste affermazioni che solo una mente contorta potrebbe esternare – mai a un cacciatore sarebbe venuto in mente di pensare questo di un ambientalista -, abbiamo interessato immediatamente il nostro presidente nazionale, l’avvocato Franco Timo, che ha attivato subito l’ufficio legale di Federcaccia. Quest’ultimo ha già chiesto l’acquisizione della registrazione della trasmissione contenente la frase di cui sopra, onde avviare tutte le possibili azioni giudiziarie a tutela dell’immagine del cacciatore.
Da parte nostra annunciamo sin da ora che tutti gli eventuali risarcimenti danni saranno destinati ad associazioni per la lotta alla pedofilia, con l’auspicio che tali personaggi vengano allontanati da ogni incarico pubblico sin qui ricoperto (presenze fisse in Rai e presidenza del Parco), in quanto questi soggetti vengono finanziati con soldi pubblici che sono anche soldi dei cacciatori.

Cordialmente
Franco Di Marco, presidente Federcaccia Umbria
Franco Di Marco, presidente Federcaccia Umbria

Category: Federcaccia

Comments (36)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. ercolini valerio scrive:

    Molto bene ,
    condivido in pieno l’iniziativa del Presidente Nazionale della FIDC Franco Timo,mi auguro e spero che tutte le altre associazioni venatorie nazionali facciano altrettanto.
    Cordiali saluti Valerio.

  2. ezio scrive:

    Ci sono ancora dubbi su come veniamo considerati e dipinti al grande pubblico??!!
    E noi continuiamo a farci la guerra per miserie mentre il NEMICO VERO ci sta uccidendo ormai da troppi anni con la potente arma moderna che NOI sottovalutiamo: I MEDIA!!
    Grazie Federcaccia, avanti così!!
    Ezio.

  3. Fabio Vari scrive:

    Egregio Sig. Di Marco ogni ulteriore commento sarebbe inutile! La sconfitta di questa “sottospecie societatis” ormai è annunciata da più parti e salvo inattesi e imprevedibili colpi di scena, si concretizzerà nelle elezioni politiche di metà aprile. Il futuro governo, sicuramente non con l’ormai ex ministro dell’ambiente(per nostra grandissima fortuna e merito),dovrà riparare a molte delle storture venutesi a creare in questi anni, e in particolar modo per:

    1. Il diritto di tutte le associazioni venatorie riconosciute dalla legge a sedere nei consigli di gestione dei parchi, parchetti ecc…eccc…

    2. La revisione della Legge 157 in maniera da eliminare almeno quelle posizioni equivoche della legge stessa, che hanno consentito al cartello animalista di esperire azioni spesso di mero disturbo, con una magistratura amministrativa all’uopo immotivatamente compiacente o inspiegabilmente(fate voi!)…

    3. Per una legge di respiro finalmente europeo!

    Per il resto concordo nel devolvere gli eventuali risarcimenti acquisiti a favore delle associazioni che combattono la pedofilia o le disabilità più diffuse…
    L’egregio prof. Mario Tozzi non merita nessuna replica di eguale moneta. Se la circostanza fosse confermata, personalmente come laureato rimarrei sorpreso nell’apprendere di un docente di facoltà che abbia così liberamente e consapevolmente dato sfogo ad espressioni di simil tipo. Mi chiedo quale potrebbe essere la reazione di un qualsiasi studente universitario che frequenta normalmente le sue lezioni. In nessuna circostanza della mia carriera universitaria mi è mai capitato di imbattermi in circostanze di così cattivo gusto, indipendentemente dal pensiero politico. E “La Sapienza” di Roma, da cui proviene il sottoscritto e il Tozzi, vi assicuro, ne è fulgido esempio!!
    La circostanza mi fa ritenere che l’egr. professorino, oltre a qualificarsi tra i peggiori dell’ambiente, patisca anche di un diffuso malessere di frustrazione. Sorridiamo..soprattutto al suo tentativo di porre rimedio a limitate capacità personali (diversamente da quanto affermerebbe il suo curriculum!!)con le scorciatoie di una notorietà spicciola! Davvero prof. Tozzi! Di tale “sgravata” non se ne avvertiva alcuna necessità!!

    Saluti

    Dott. Fabio VARI

  4. Giusti Giacomo scrive:

    ALe’FIDC!!!!!!BRAVI!!!!!E che gli diano una punizione esemplare.Quelle parole sono incivili’ un cacciatore non le direbbe mai!!!Io aborrisco solo a pensarci.Da quando disse: Il tordo è un animale stupido.E prese una grossa tirata d’orecchi dai suoi amici verdastri, si è convertito (e bene dico io)visto che è

  5. Giusti Giacomo scrive:

    diventato presidente di un parco!!il tordo definito stupido dal nostro( ma che anzi è molto furbo)Questi discorsi non li avrebbe mai fatti!!Questa è un altra dimostrazione, di che gente si tratta.Scusate l’errore di avere scritto in due volte, ma ero talmente inc…to che non capivo più un c….!

  6. renzo scrive:

    Benissimo, forza Federcaccia, facciamogliela vedere una volta per tutte. Spero vivamente che tutto questo non si trasformi nella solita “bolla di sapone ” .
    Questi piccoli cervelli malati devono finirla !
    Renzo

  7. elvis scrive:

    Bravo, presidente Franco Di Marco. Io e te abbiamo molte cose in comune oltre la caccia: l’amore per la terra umbra, per la Grifagna Peroscia, ed anche il cognome.
    Cordialmente Elvezio Di Marco

  8. peppol@ scrive:

    Se prendiamo la frase alla lettera ha detto una cosa giusta, ovvio che il paragone è da galera….la storiella di prendere visione del filmato l’ho già sentita parecchie volte ma poi il solito nulla di fatto

    peppol@

  9. macc scrive:

    Verissimo, ma è mai possibile che nessuno dei MEDIA ci consideri come persone umane , stiamo oltrepassando i limiti ragazzi ,ma un po’ di rispetto ,si siamo cacciatori ammaziamo,ma io non vado a rubare, ad ammazzare umani ecc…, lavoro dalla mattina alla sera , ho una famiglia ,come tanti altri come voi penso , con questo voglio dire adesso basta ,forza FIDC prendi le nostre difese , è tutte le altre associazioni io sono con voi , saluti a tutti i cacciatori.

  10. giulio scrive:

    Bene cosi’,anche se in tante altre occasioni nulla e’ stato fatto…….

  11. Alessandro scrive:

    Speriamo che non sia solo politica editoriale,e si proceda veramente per le vie legali. Ad oggi di condannati per calunnia,ne ho contati pochini….

  12. Giovanni Maf scrive:

    Si rimane allibiti, di fronte a tali appellativi così pesanti.Noi cacciatori padri e mariti,essere definiti pedeofili da una persona colta e stimata come il prof. M.Tozzi è molto preoccupante. Cosa penseranno che idea si faranno i nostri amici,le mogli i figli e tutti coloro che seguono le trasmissioni televisive dell’esimio prof.?
    E, no stavolta bisogna che si vada avanti senza pietà.Mi auguro che tutte le AA.VV. si associno alla FIDC (e ciò sarebbe un segno di unità).Non pasiamocci sopra e riflettiamo su queste dichiarazioni del prof.Saluti a tutti

  13. Antonio scrive:

    Spero che tutti i cacciatori alle prossime elezioni votano per il popolo libero,anche per levarci via definitivamente queste pseudo persone che possano pensare così di noi cacciatori.
    Saluti a tutti.

  14. fabrizio scrive:

    ERA ORA CHE LA PRINCIPALE ASSOCIAZIONE VENATORIA DEL PAESE SI MUOVESSE CONTRO QUESTA CONTINUA CASCATA DI MENZOGNE E DI INSULTI.
    SONO LE ASSOCIAZIONI CHE DEVONO MUOVERSI, I CACCIATORI SINGOLI NON OTTENGONO ALCUN RISALTO.
    UN SALUTO AL POPOLO CACCIATORE
    FABRIZIO

  15. Alessandro scrive:

    Benissimo Di Marco,ma non chiami Tozzi professore perchè non lo è!!
    E’ un semplice ricercatore come tanti diventato famoso perchè raccomandato da qualche politico nel carrozzone RAI e non certo per meriti accademici.
    Ed ora come presidente del Parco delle isole Toscane è uno dei tanti “sottopoliticanti ” con stipendi d ‘oro dell’ennesimo parco-carrozzone che spende le risorse che dovrebbero essere impiegate nella conservazione ambientale solo per mantenere clientele ben pagate.

  16. Baghy scrive:

    Questa cari ragazzi è la cultura in possesso di gran parte dei nostri detrattori, chi non la pensa come loro è definito un delinquente abituale, non c’è nulla di cui meravigliarsi per tanto bisogna fare quadrato e non soltanto a parole. Credo che tutte le associazioni siano assistite da fior fior di avvocati penalisti che all’occorrenza vengono pagati con soldini derivanti dalle nostre tessere, che li usino anche per difendere i nostri diritti e la nostra onorabilità e non solo per lanciare centinaia di polli colorati che a mio modo di vedere sono stati l’inizio della fine della caccia. Questo innominabile personaggio dovrebbe sapere che per esercitare la caccia si deve avere la fedina penale perfettamente pulita e che la nostra garanzia e dovuta al possesso del porto d’armi per uso di caccia, ci dimostri altrettanto lui se è pulito. Un saluto a tutti i cacciatori e forza, facciamilo un c……. così. Baghy

  17. Giusti Giacomo scrive:

    Bravo Alessandro!!!!!Quella persona,è proprio come l’hai descritta te.In tutto e per tutto! BRAVO!!!!!

  18. francesco scrive:

    è chiaro che il paragone non calza. I pedofili forse amano gli asili nidi, ma dubito che i cacciatori amino l’ambiente – forse è più corretto dire che ai cacciatori piace la natura – (basta leggere il commento dell’esimio fabio vari, che non credo voglia davvero l’abrogazione della l. 157/1992 e la contestuale emanazione di una normativa di respiro europeo – si legga le direttive e valuti)…Ho visto che molti di voi cacciatori voteranno per il “popolo libero”, bravi, ma chi vi vuole…Comunque, mi sa che se andate avanti così voterete in pochi, nella stagione 2007/2008 ne avete già ammazzati 56, non di cinghiali, di cacciatori. E poi cosa credete che per quella affermazione Mario Tozzi potrà subire condanne? – siete davvero fuori dal mondo.
    Cordialmente
    Francesco

  19. ROBERTO SACCOMANNO scrive:

    Tanto per cominciare a francesco,tira fuori un po’ di palle e firma le tue amenità!Mi dai l’aria del radical-chic che gira in cayenne e se ne fotte di quelli in 500.Che significa cordialmente? non fare l’ipocrita.Io ho il coraggio di dirvi in faccia che mi state tutti sul cazzo voi ambientalisti da strapazzo che non sapete distinguere una quercia da un ciliegio o un piccione da un’aquila.Meglio pochi che far parte dei tanti come te appiattiti sull’ideale ambientalista dei tozzi o tozzetti vari.

  20. francesco scrive:

    a roberto: mi dai la conferma che voi amanti dell’ambiente siete proprio pieni di amore…ma cosa ti arrabbi – ho soltanto detto la mia. Va beh, si vede proprio che per sfogare la rabbia che avete (leggiti tutti gli interventi, sono tutti irosi) dovete andare a sparare in giro. Peraltro, essere ambientalisti non significa di certo distinguere un ciliegio da una quercia – sii serio dai!
    Comunque ho la twingo – gialla – e mi firmo Francesco.
    Pace a te
    Francesco

  21. Mauro Di Tosto -CPA Roma- scrive:

    …Sai Francesco in quanto a spirito ne hai da vendere però c’è che trà l’altro non sei spiritoso o almeno non sai esserlo!
    Noi cacciatori l’ambiente e la natura oltre ad amarla la salvaguardiamo dai demagoghi dell’ultim’ora..ogni riferimento è puramente casuale!?!…e ti dirò di più con ciò che paghiamo annualmente per i rinnovi della licenza di caccia oltre a tenere in piedi dei carrozzoni inutili e costosi,(di cui fanno parte anche quegli ambientalisti che tu difendi, mi riferisco agli ATC.),veramente salvaguardano l’ambiente in genere… anche perchè se ancora oggi si trovano delle specie di animali cacciabili nei boschi mi riferisco al fagiano, alla starna, al cinghiale ecc.. questo è dovuto a noi cacciatori non certo alla vostra inossidabile demagogia!
    Pertanto prima di giudicare pensa un pochino vedrai che la vita ti sorriderà di più!!
    Un saluto Mauro.

  22. macc scrive:

    Ciao Francesco , come persona dovresti essere spettacolare , per il semplice motivo che uno come te goda sul fatto delle disgrazie dei cacciatori ,ma tu in che mondo vivi , incomicia ad avere un po’ di rispetto per l’umanita’, poi ricordati che ognuno di noi è libero di votare liberamente giusto ??.Un saluto a tutti i cacciatori

  23. ezio scrive:

    A Francesco. Se lo ritieni utile per arricchire la tua cultura generale, leggiti ad es. su http://www.lazampa.it e altri, i commenti con cui i “pacifici” e “tolleranti” animalisti si esprimono nei confronti dei loro consimili più stretti che non la pensano esattamente come loro.
    Premunisciti però acquistando pillole che ti agevolino poi il sonno notturno…
    Eppure mi pare che mai nessun personaggio televisivo o comunque pubblico si sia mai permesso di definirli con termini estremamente offensivi così come è d’uso fare TRANQUILLAMENTE con i cacciatori da chiunque ritenga opportuno farlo.
    Ciao.
    Ezio.

  24. MARCO71 scrive:

    Amici Cacciatori, non stiamo a dare retta ai finti ambientalisti come francesco (non è un errore che l’abbia scritto in minuscolo), che come scritto dal collega non distinguono un ciliegio da una quercia o un piccione da un’aquila.
    Speriamo che con il nuovo governo questa gentaglia sparisca.

    Un cordiali saluto a tutti gli amici Cacciatori.

    P.S. Non rispondiamo neanche più a questa gentaglia che non merita di essere presa in considerazione e non merita neanche un secondo del nostro prezioso tempo.

    MARCO71

  25. francesco scrive:

    allora, e con questo concludo – se una persona mi fa una battuta ed io al posto di ridere mi arrabbio (e molto), capisco che forse ho la cosienza sporca.

    a MMMarco71: spero che col nuovo governo non sparisca nessuno, sarebbe drammatico non trovi? – mi hai fatto venire in mente il peggior sudamerica.

    da ultimo specifico di non essere un ambientalista e di non professarmi tale perché non sono un cacciatore (a quanto pare il miglior ambientalista va a caccia). e ridete un po’ anche voi!!!che tra poco Altero vi apre le riserve ed i parchi!
    Francesco

  26. Giusti Giacomo scrive:

    Hai ragione Marco 71, ma chi ce lo fà fare di prendere in considerazione certa gente?Ma dove vive quel Francesco? Noi scrivendo di Tozzi abbiamo solo espresso il parere che l’accostamento che ha fatto se lo poteva risparmiare,solo quello!Senza offendere nessuno,non come fanno loro.Certo,sono sicuro che al Tozzi non faranno nulla, loro sono super protetti da stampa e TV.Un saluto a tutti, anche a Francesco, invitandolo a lasciar perdere quel 56,PER TANTI MOTIVI.

  27. Giusti Giacomo scrive:

    Ho letto proprio ora le ultime di Francesco.SI hai ragione!Il vero ambientalista è proprio il cacciatore,informati e vedrai cosa si fà per ambiente,e fauna.Pare un paradosso ma è così credi.Saluti.

  28. francesco scrive:

    I miei complimenti ad Alessandro, l’uomo con la picozza (… che ne facesse buon uso..) è uno dei tanti che usufruisce dei benefici distribuiti da certi carrozzoni politici (RAI compresa). Speriamo di vederne presto la fine, dei carrozzoni s’intende, voglio proprio vedere tanta gente inutile dove andrà a perdere il proprio tempo piuttosto che lavorare seriamente.
    La frecciata va anche al mio omonimo, che mi pare tanto non saper utilizzare meglio il suo tempo e la sua intelligenza, voglio dire se proprio credi di essere spiritoso e tieni voglia di fare qualcosa di serio vieni qui da me in Campania a vedere se riesci a farci sorridere con quello che è stato fatto al territorio. Voglio proprio vedere se provi ancora la voglia di fare battute.
    Punta la tua arguzia verso quelli che hanno combinato i casini e verso chi doveva controllare e non lo ha fatto e questo è anche peggio, visto che tra i controllori ci stanno tanti parenti politici del geologo con la picozza e del pecoraro (.. a proposito di baracconi politici), poi se ti rimane tempo puoi anche pensare di combattere la caccia ed i cacciatori, che comunque li troverai sempre come tuoi alleati quando si tratta di difendere il territorio, non fosse altro che per interesse (ti è piaciuta questa!!?).
    Un saluto a tutti i Cacciatori di buona volontà.
    Francesco Fusco
    (Caserta)

  29. mario guenci scrive:

    Vedi francesco, a volte noi cacciatori rispondiamo per le rime a chi ci attacca solo perchè siamo stanchi, sì siamo veramente stufi di essere tacciati di essere i responsabili di tutti i mali del mondo, di essere distruttori, di essere barbari e..,buon ultimo, di pedofilia.
    Quando guardiamo la tv, il presentatore di turno,Tozzi, Sagramola, Colò…non perde mai l’occasione di attaccare noi cacciatori e noi ..ancora una volta..a masticare amaro e ingoiare il magone. Abbiamo il diritto di essere stanchi e, qualche volta di difenderci, di dire la nostra, ma in quale trasmissione? Su quale canale?
    Vedi Francesco io sono un insegnante elementare e nella mia classe faccio SEMPRE educazione ambientale, con i miei alunni e con i loro genitori, facciamo questionari e ricerche anche sulla caccia e sui problemi ad essa connessi; sull’impatto che questa ha sull’ambiente e sulla legge che la regolamenta;
    alcuni sono a favore ed altri contro, ma tutti e sempre nel pieno rispetto delle opinioni altrui, QUESTA E’ DEMOCRAZIA!
    In questi giorni debbo scegliere i libri di testo per i prossimi anni, non immagini la fatica per trovarne uno,dico uno, che, non che sia a favore dell’attività venatoria (non esiste), ma che non sia faziosamente schierato contro di noi.
    Purtroppo all’interno delle case editrici ci sono vostri infiltrati e,come in tutte la trasmissioni televisive, hanno un grande potere;debbo farvi i complimenti: ci sapete fare, ma una cosa vi manca e vi mancherà sempre:NON PROVERETE MAI LE NOSTRE EMOZIONI!
    Mario

  30. renzo scrive:

    … Francesco,non ho ben capito se ci sei o ci fai. prima offendi, poi ti tiri indietro, perche è evidentissima la tua sporca vigliaccheria.Dimenticavo, voi ambiental/animalisti, presi ad uno ad uno, preferite mangiare il Fagiano alla toscana, o l’Anatra all’arancia… piuttosto che la verduretta con la scatoletta di tonno. Scusa…. povero tonno ! E questo dice tutto, chi vuol intendere intenda .
    Il tuo protetto Tozzi,poi, non riesce a fare altro che trasmissioni ecoterroristiche da strapazzo..dove si vede un mondo in preda a tutto e di più. Ma smettetela ! ! ! Ignoranti ! Ma chi credete di convincere ancora ? Non ci riuscite nemmeno più con le maestrine delle elementari, hanno capito anche loro che siete lì solo per moda. Peccato! Peccato ! peccato ! che potete anche dire la vostra . TROPPA democrazia .
    Ecco il nostro problema !
    Renzo
    p.s. non mi rispondere nemmeno; la tua risposta risveglierebbe in me istinti difficilmente placabili.

  31. francesco scrive:

    allora, speravo di aver chiuso ma non posso andarmene con addosso l’odio delle doppiette. Innanzitutto ribadisco di non essere un Ambientalista, ho soltanto svolto delle considerazioni sul paradosso che i cacciatori si considerino tali – tant’è che una battuta, che peraltro ritengo pure divertente, ha scatenato le ire ed i sentimenti più beceri di molti di voi. C’è chi dice di essere stanco di insulti e vessazioni, e chi si lamenta che certi programmi attacchino l’arte venatoria – e allora? ci sono delle leggi comunitarie, nazionali e regionali che la garantiscono! se di mario tozzi o di chi per lui non avete la minima stima, perché vi arrabbiate tanto?
    Forse perché quando in Italia si attaccano le caste e le corporazioni succede sempre il putiferio (tassisti, avvocati, geologi, ecc…)…
    Comunque, ragionevole Mario Guenci, credo tu ti sia letto tutti o quasi gli interventi di cui sopra. Ecco, se l’hai fatto, vedi di individuare bene quali emozioni trasmettere ai tuoi studenti – perché in molti dei cacciatori intervenuti sin ora non ho riscontrato emozioni degne di essere insegnate.
    Sono capitato su questo sito per motivi di ricerca, in realtà l’attività di legale che svolgo mi ha portato, in questo caso, a dover difendere posizioni assolutamente pro caccia e pro delegificazione in materia venatoria. Assurdo vero? Infatti mi sento un po’ come un cacciatore – ambientalista, ma in questo lavoro (e anche qualcuno di voi lo saprà) bisogna saper vestire, con professionalità, i panni più svariati.
    I termini più aspri sono stati semplici risposte a tono, di certo non volti ad attacchi personali, né ad offendere Giacomo Giusti.
    In ogni caso ho creato dibattito – siete tutti dalla stessa parte! –
    Francesco

  32. fabrizio scrive:

    Chissa’ perche’ la maggior parte dei giornalisti e’ estremamente compiacente con chi lancia insulti contro i cacciatori! e francamente non so se tale compiacenza sia sempre e comunque disinteressata. fatto sta che definire i cacciatori -addirittura- stupratori o pedofili e’ cosa da avvinazzati, e la dice lunga sull’ odio antiumano di qualche sedicente intellettuale. Affermare -addirittura- che i cacciatori sono un pericolo per l’ altrui incolumita’ e’ uno sciacallaggio mediatico su qualche malaugurato incidente, in un paese dove muoiono molte piu’ persone durante le escursioni sui monti o i bagni al mare. Attribuire addirittura alla caccia gli squilibri ambientali e’ un discorso da
    osteria che si commenta da solo. Taluni non perdono occasione per denigrare i cacciatori con imposture di ogni tipo, come ad esempio quella che gli spari delle doppiette “spaventano gli uccelli e disturbano la nidificazione”, come ho letto su una risibile pubblicazione. Ebbene, la
    prima impostura e’ sostenere che si caccia durante la nidificazione, mentre MAI si e’ cacciato tale periodo (da aprile a luglio); la seconda impostura e’ che gli spari dei fucili spaventino gli uccelli che non sono oggetto di caccia, i quali -invece- ricominciano a cantare dopo pochi secondi dallo sparo, come qualsiasi osservatore onesto puo’ confermare.
    Ma per certi praticoni dell’ informazione questi sono dettagli del tutto trascurabili.
    In realta’ la caccia fa bene all’ ambiente e alla fauna. In una rivista come il National Geographic, certamente non c’e’ posto per i ciarlatani, e possiamo leggere che la maggior parte dei biologi valuta positivamente l’
    impatto della caccia nella conservazione dell’ ambiente naturale e nella reintroduzione delle
    specie, con particolare riferimento alla caccia in Africa. Anche qui da noi, in Italia, nessun giornalista ha avuto l’ onesta’ intellettuale di riconoscere che le reintroduzioni di cinghiali, daini,cervi, caprioli, operate dai cacciatori nei decenni scorsi, hanno salvato da estinzione quasi certa
    il lupo appenninico, tanto per fare un esempio. E allora, certi saccenti mbientalisti da salotto, lascino fare il loro mestiere agli esperti faunistici veri, e raccontino meno fandonie. Il pianeta Terra non e’ una casa delle bambole, e gli animali non sono imbecilloni tutti “cuore e pelo” che
    “ci vogliono bene” come nei film della Walt Disney : in realta’ noi siamo prede e/o predatori. La preconcetta e assoluta avversione alla caccia e’ una fissazione dovuta a un deficit culturale da
    urbanizzazione, e colpisce coloro che non hanno mai dovuto ammazzare un pollo per pranzare, o un bel maialone per farne prosciutti e salcicce, che qualche illetterato chiama “salsicce”. Non mi da nessun fastidio chi vive in una patetica e bamboleggiante “Arcadia”, che nel 18° secolo
    era appannaggio di qualche vanesia signorina di nobili natali, sbeffeggiata dal Parini nella sua poesia “Vergine Guccia”, ma mi da fastidio chi denigra cio’ che non capisce ne conosce. In altri termini, la fobia antivenatoria e’ frutto di una sensibilita’ etica distorta, permeata di odio contro il
    genere umano, che trova terreno fertile in situazioni di handicap culturale dovuto a carenza di ruralita’. Gli effetti di questa mancanza di ruralita’ potrebbero essere facilmente prevenuti portando le scolaresche nelle fattorie, a vedere come si macellano conigli, polli e altri animali da
    cortile, dato che la carne e il pesce non crescono sui banconi dei supermercati. Ammazzare gli animali -direttamente o delegando altri- e’ un diritto naturale, strettamente legato alla sopravvivenza della specie e all’ istinto di conservazione, perche’ ogni forma di vita vive a spese
    di altre forme di vita, e l’ essere umano e’ un predatore onnivoro, e non e’ fatto per seguire un regime alimentare buono per le specie erbivore, come affermano i nutrizionisti piu’ seri. A dispetto di un’ inquietante involuzione etica e culturale che parifica gli esseri umani agli animali,
    e vorrebbe perfino fare di questi ultimi dei soggetti giuridici, la caccia e’ una sana tradizione, una scuola di vita e di tolleranza, convivialita’ e buona cucina. Infine, non e’ un caso che i nemici
    della caccia siano anche nemici della ricerca scientifica, dell’ agricoltura, dell’ architettura, dell’ allevamento di animali, e di qualsiasi altra attivita’ umana in genere. La loro inimicizia verso il progresso presuppone e rivela la loro sostanziale inimicizia verso il genere umano. Infatti, e se
    fosse per certa gente, la medicina sarebbe ancora all’ eta’ della pietra, l’ Olanda sarebbe ancora in buona parte sotto l’ oceano, l’ aspettativa di vita umana sarebbe 25-30 anni, e saremmo ancora sugli alberi a nutrirci di frutti e piccoli animali, come i babbuini.
    un saluto al popolo cacciatore

    Avv. Fabrizio Bonuccelli – cacciatore

  33. renzo scrive:

    Magnifico Avv. Dott Fabrizio Bonuccelli, la ringrazio per questo suo post. Sintetizzando in poche piacevolissime righe, ha inquadrato un problema annoso e ha colpito in perfetto centro. “… mi da fastidio chi denigra ciò che non capisce ne conosce”….. e ancora …”…dato che la carne e il pesce non crescono sui banconi dei supermercati”….Sono frasi, forse trite e ritrite per qualcuno che non sa o non vuol sentire, ma sono dolce miele per le nostre orecchie.
    Grazie Dottore, grazie ancora
    Renzo

  34. macc scrive:

    Carissimo Francesco , ho letto la tua post,ti do del tu ,vedi mi a colpito il tuo modo di esprimerti da un argomento all’ altro, pero’ho visto che sei molto colto in materia.Noi tutti come vedi siamo stanchi di essere trattati male in tutti i sensi,che ben vengano le persone intelligenti è ragionevoli cè nè proprio bisogno. Un saluto a tutti i cacciatori, a scusate (Francesco io sono nato a Maddaloni).

  35. ROBERTO SACCOMANNO scrive:

    Complimenti Avvocato Bonuccelli,il suo discorso non fa una grinza,ma ho paura che non venga capito dalla maggioranza di questi pseudo verdi.Oppure viene capito, ma siccome ci stiamo scontrando con degli integralisti non troveremo mai un verde perlomeno disposto a discutere.E’ chiaro che il movimento verde-ambientalista in Italia cerchi un po’ di visibilità attaccando noi cacciatori proprio per creare quello scontro dialettico che poi qualche giornale o media compiacente mette in evidenza con un ritorno politico per questi soggetti.Questo anche perchè i cacciatori in Italia,a differenza della Francia,politicamente non contano niente.Questi movimenti si guardano bene dall’attaccare le grosse lobby industriali che veramente stanno uccidendo il nostro paese con scarichi nei fiumi, nei laghi e nei mari,con disboscamenti e cementificazioni selvagge.L’unico in Italia che parla di questo è Beppe Grillo ma non ho mai sentito un verde condividere pubblicamente le lotte del “comico”.Saluti.

  36. Giusti Giacomo scrive:

    Che meraviglia Mario Guenci e l’avv.Bonuccelli!Mi pare che nell’ultimo post Francesco tu faccia la vittima, e che non hai letto bene il post di Guenci. in quanto a offendermi, stai tranquillo non mi offendo più.COME CACCIATORE ORMAI HO FATTO IL CALLO!!!!Inoltre rileggi i post che parlano di offese,vai sui siti ambiental animalisti e poi giudica te,perchè ci arrabbiamo e/o siamo prevenuti,e dalla stessa parte.E con questo chiudo le risposte.

Leave a Reply


+ 6 = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.