Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Proteggiamo i bambini dalla caccia

| 25 gennaio 2008 | 6 Comments

Rigraziamo E.C. per la gentile segnlazione
**************

Tratto da @nmvi Oggi ed. del 21/01/2008 – L’informazione veterinaria onLine
Quotidiano dell’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani

anmvi.jpg

Proteggiamo i bambini dalla violenza della caccia

Qualche tempo fa una nostra lettrice di Belluno, T.P. ci ha scritto una lettera nella quale sollevava un problema finora ignorato. “Mentre passeggiavo vicino a casa” scrive la lettrice “notavo, poco distante, un cacciatore che camminava accompa­gnato da un bambino di 5-6 anni.La legge tutela un minore dal do­vere per forza assistere all’uccisione, o peggio, al ferimento e alla conse­guente agonia di un animale?“. Domanda per nulla peregrina. Per doveri di studio e professionale mi son trovato più volte a contatto con l’agonia e la sofferenza degli animali, vuoi che lo scenario fosse un matta­toio vuoi che fosse un bosco in cui si andava a caccia.
Nei macelli, quando ancora il ter­mine “welfare” (benessere) era igno­to, ho visto scene degne della regia di un Cronenberg in gran forma. Se non altro però i mattatoi non erano di ve­tro, i boschi e i prati sì. Una scena che ricordo ancora in modo vivido è quella di una lepre ferita, e poi uccisa, dopo un lungo inseguimento: chiaz­ze di sangue per terra, la corsa sem­pre più lenta, la caduta a terra, l’inu­tile tentativo di difesa dai cani, le na­rici da cui sbuffano gli ultimi respiri gelati, i tremori, gli spasmi dell’ago­nia. Quali reazioni potrebbe avere un bambino di fronte a episodi simili, che turbano anche un adulto? Le re­centi leggi non tutelano forse i sentimenti dell’uomo, nei confronti degli animali maltrattati? Se così è quelli dei bambini fanno eccezione? Non è per questo che in alcune province è stata vietata l’esposizione dei trofei di caccia?

…. Se si desidera completare la lettura dell’articolo cliccate sul Link sottostante:

http://www.anmvioggi.it/index.php?q=7805/21-01-08/proteggiamo-i-bambini-dalla-violenza-della-caccia

Category: Generale

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. ezio scrive:

    Pare che l’estensore dell’articolo in questione le scriva pure su ….”Libero” queste … riflessioni.
    Chissà se ha figli ed in caso affermativo quando passa davati al bancone frigo del supermercato gli dirà che le paperelle nude sono nate così già impacchettate nel celophan??!!
    E alla domenica li porterà a vedere un tranquillo derby allo stadio??!!
    …Mah….Irlanda aspettami!!!!!
    Cordialità.
    Ezio.

  2. luigilenoci scrive:

    LA CACCIA TI ENTRA NEL SANGUE DA QUANDO NASCI, PER CUI QUELLE SCENE AD UN BIMBO CHE DECIDE DI ANDARE A CACCIA NON GLI FARANNO NE’ CALDO NE’ FREDDO.
    QUESTO E’ QUELLO CHE E’ CAPITATO A ME!!!
    DA PREMETTERE CHE VADO A CACCIA DA QUANDO AVEVO 4 ANNI.

  3. Antonio scrive:

    Ho letto l’articolo e posso dire che già all’età di 6 anni andavo a caccia con mio Padre che mi ha trasmesso la passione per questa attività. Non credo che sia crudele vedere un animale morire sotto i colpi del fucile. e’ dalla notte dei tempi che l’uomo è cacciatore, credo che ognuno di noi crescendo scelga la sua strada. Io ho scelto di essere un cacciatore per passione. I miei fratelli no, anche se loro sono stati abituati come me a cacciare sin da piccoli. piuttosto vorrei fare un appunto ai nostri legislatori noi cacciatori siamo visti come degli assassini da guardie forestali, ambientalisti e quanto altro che da primavera a settembre spariscono e si moltiplicano gli incendi dolosi nei nostri boschi???? dovrebbero intensificare in quel periodo i controlli e non trattare noi come dei galeotti

  4. Randagio scrive:

    Ebbene si; è meglio portarli allo stadio questi figlioli, almeno vedono come si accoltellano le persone, ma se non basta per educarli bene è meglio comprargli un gioco interattivo dove chi vince è quello che ha ammazzato più persone, si si forse è meglio così.Perchè chi parla senza essere mai stato a caccia non sa quello che dice e quindi farebbe meglio ad andareee allo stadio…
    Quando avevo tre anni e vedevo mio nonno andare a caccia io piangevo come se mi ammazzassero perchè volevo andare con lui,e credetemi non ero scioccato quando abbatteva gli animali ma ero contentissimo di stare con mio nonno e il suo Gordon, e che Dio l’abbia in pace per tutto quello che mi ha trsmesso della caccia e della vita, e se Dio un giorno vorrà anche me spero sia una bella giornata di caccia.Salute a tutti

  5. Alessandro Dioguardi scrive:

    Proteggiamo i bambini dalla violenza dei demagoghi!
    Vado a caccia con mio padre da quando avevo 6 anni e ricordo che nelle mattine troppo fredde in cui non era consigliabile portarmi mi lasciava dormire nel letto omettendo di svegliarmi, ed io piangevo disperato -a giorno fatto- per essere stato lasciato a casa, in compagnia del fucile giocattolo accanto al quale dormivo fin dalla sera prima!
    Per replicare alla signora T.P., che con le sue confuse asserzioni derivanti da una davvero scarsa conoscenza del mondo venatorio e delle sue tradizioni, mai come questa volta viene in soccorso un motto che è anche il titolo di uno stupendo libro del grande Eugenio Barisoni: “Cacciatore si nasce”, cara Signora, e davvero, le Sue opinioni, quantunque caldeggiate in forma propagandistica da giornalisti compiacenti, non sortiranno alcun effetto verso i giovani colpiti dal nostro nobile virus…

  6. renzo scrive:

    Ma non conviene nemmeno commentare! Evidentemente La signora in questione sarà vegetariana ,forse questo spiega tutto; gli mancheranno certamente le proteine nobili della carne ,ed a quanto ne sò il cervello ne risente.
    Sicuramente è meglio portare allo stadio ,magari in mezzo agli ultrà, il bambino , così cresce bene:un semideficente che penserà solo che i problemi siano se alla domenica vincerà questa o quella squadra, salvo poi accoltellare il rivale di fede “sportiva ”
    Per quanto riguarda il giornale, che ci volete fare….. è propaganda gratuita, come sempre.
    Viva le persone SANE di corpo e di MENTE ….
    Ciao

Leave a Reply


1 + 3 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.